Dimensionamento caldaia, marche.. Ariston o Saunier ??? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Dimensionamento caldaia, marche.. Ariston o Saunier ???

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Alexbari
    ha risposto
    Chiedo scusa se ho errato nel postare la discussione... Non ho bisogno di fare 3 doccie contemporaneamenteE quando succederà ( tra un bel po' di anni) credo che con il solare termico aggiunto all'impianto dovrei riuscire a farle.Credo che il mio quesito verta sia sul modello di caldaia che sul dimensionamento della stessa ... Dalla tua risposta mi sembra di capire che il calcolo dei 18 kw è verosimile...

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    A parte che l'argomento della discussione e' OT , dovevi postarla nella sezione risparmio energetico -> casa dove tra l'altro esiste una discussione accorpata sulle caldaie a condensazione .
    Molto a spanne 10kw mediamente bastano (alla faccia delle 24kw) per mandare 100mq , quindi i 18kw di radiatori (progettati per la minima T raggiungibile e massimo deltaT ) non si capisce perche' poi ti consiglia una 35kw ?! Avete bisogno di fare 3 doccie contemporaneamente ?
    La T minima di progetto la raggiungerai per qlc ora/anno forse , nel resto del tempo hai la casa gia calda/tiepida e quindi la potenza necessaria puo' abbassarsi fino a 3-4kw totali .....

    Lascia un commento:


  • Alexbari
    ha risposto
    grazie della risposta Scresan, e anche dell'accoglienza!
    analizzando i tuoi consigli
    1 - guardare la modulazione e non solo la potenza .. ho trovato nella scheda delle caldaie la potenza nominale min.\max a 40° per il riscaldamento e per l'acqua sanitaria a 60°, credo che ti riferisca a questo dato e penso di dover valutare come lavorano le
    caldaie a 60° che è la temperatura piu vicina al mio utilizzo.
    2- vorrei integrare la sonda esterna per avere un confort costante durante l'anno anche nei giorni della merla! ecco perchè temo
    per il corretto dimensionamento ... il dubbio serio è uso una 24kw o una 30kw ?
    3- il ricircolo acs è funzionale solo a risparmiare acqua , poi è ,diciamo, un accessorio che posso accendere e spegnere a piacimento in
    quanto avrò un interruttore per la pompa dello stesso vicino la caldaia.Comunque il consiglio di ridurre le sezioni dei tubi non è male.. temo solo per la portata.. non vorrei farmi la doccia con poco getto di acqua..un domani con il solare risolverei i miei problemi di accumulo...
    4- diciamo che la caldaia nel tempo funzionerà rimanendo accesa tutto il giorno, il mio obbiettivo e ridurre le temperature per far
    lavorare con l'irradiamento e realizzando la condensazione, visto che la linea dell'impianto termico e vecchia e disperde e quindi credo
    che sia molto facile che la temperatura di ritorno sia bassa.
    5- i radiatori sono un altro problema: analizzando le schede tecniche dei radiatori in ghisa che oggi sono presenti, ci sono 1300 watt in
    ambienti con 60 mc, ambienti per i quali mi si dice che dovrei mettere 2000 watt,se passo a radiatori nuovi a parità di ingombro posso
    arrivare a 1800 watt e sembrerebbe meglio per abbassare la temperature,ma.... ci vogliono 2000 watt???
    se faccio sbagli o errori nell'analisi illuminatemi..
    conoscete le caldaie che sto valutando? opinioni?
    ecco il link della caldaia
    Eura 3 Condensing : Caldaia murale a condensazione con microaccumulo e sistema Aquaspeed FAST® >> Hermann Saunier Duval - Sistemi di riscaldamento, pannelli solari, caldaie e climatizzazione

    grazie

    Lascia un commento:


  • scresan
    ha risposto
    Ti metto giu' delle idee, che mi sono venute leggendo il tuo lungo post:

    1- oltre alla potenza della caldaia a condensazione, guarda quella che ha la possibilità funzionare a potenza minore! Cioè qualla che ha una modulazione piu' spinta.

    2- la caldaia sarà sempre sovradimensionata, per il 95% dell' anno! basta che riesca a riscaldare la casa, pero', in quei 5 gg all' anno detti della merla! Chiaramente piu' è ampia la potenza di modulazione, meglio lavorerà la caldaia nel rimanente periodo dell' anno, nelle medie stagioni.

    3- per esperienza preferisco acs con piccolo accumulo: temperatura sempre ben regolata, zero problemi di calcaree negli scambiatori, se non dopo anni di utilizzo (comunque di solito utilizzano boiler in inox, che si possono sempre bonificare con lavaggio acido). Se la distanza delle utenze è di soli 5 mt, non serve il ricircolo acs! Al limite, se utilizzi una caldaia con boiler, puoi chiedere all' idraulico che usi un tubo per l' acqua di 10-12 mm, sufficiente per la portata, ma dal contenuto minimo. Quando aprirai l' acqua calda, dovrai sprecare pochissima acqua perchéè arrivi in temperatura, e poco tempo..........

    4- la potenza della caldaia dipende anche dall' utilizzo del riscaldamento. Se pretendi di lasciarlo spento tutto il giorno, accenderlo alle 17.00 ed avere la casa bella calda alle 18.00 quando arrivi dal lavoro, serve una caldaia piu' potente, rispetto ad una gestione piu' soft, con mantenimento delle temperature di 2-3 gradi piu' basse durante il giorno e la notte, rispetto alle ore in cui sei in casa!

    5- i radiatori in ghisa vecchio stampo, se ti adatti a sistemarli (bella spazzolata+ un po' di cartavetrata dove sono scrostati, un po' di ferrobloc sulla ruggine, sostituzione delle valvole per adattarli alle termostatiche e bella verniciatura, ti consiglio le bombolette di vernice color crema della Saratoga ) sono stupendi, sia per il tipo di calore che irraggiano, rispetto a quello convettivo di quelli in acciaio (lamieraccia stampata con 2 alette all' interno!), che per le dimensioni (una volta abbondavano, la ghisa non costava, ora vale quasi 2 euro al kg come ferrovecchio!) ed il contenuto d' acqua, secondo me compatibile con la caldaia a condensazione!

    Benvenuto nel forum e buon lavoro!!

    Lascia un commento:


  • Alexbari
    ha iniziato la discussione Dimensionamento caldaia, marche.. Ariston o Saunier ???

    Dimensionamento caldaia, marche.. Ariston o Saunier ???

    Buongiorno,Sono Alex ,spesso consulto questo forum per imparare e approfondire nuovi argomenti,ma oggi ho proprio bisogno di aiuto!Sto effettuando una ristrutturazione ,in zona climatica C , in una casa autonoma del 1988 con tripla esposizione (nord ,sud,est) che si sviluppa su 4 livelli.La casa ha una tavernetta al piano ammezzato ( che non riscalderò ) un piano giorno rialzato di 100 mq,un piano primo di 100 mq che è la zona notte e per chiudere una lavanderia di 6mq sul terrazzo ( che non riscalderò).Sto provvedendo a sostituire gli infissi con nuovi( PVC Finstrall per le finestre e persiane per l'oscuramento) e ho fatto uscire i termosifoni dalle nicchie nei muri . I muri sono da 30 cm a nido d'ape.L'impianto termico è vecchio ,realizzato in rame senza isolamento,( come si faceva 20 anni fa da noi) e lo terrò perché sono con un budget limitato, sostituirò i termosifoni in ghisa con elementi in acciaio ,aggiungerò le valvole termostatiche e i cronotermostati per i due piani che riscalderò ( 200 mq).Per quanto riguarda Acs farò realizzare l'impianto ex novo con ricircolo ( la caldaia disterà dai bagni e dalla cucina non più di 5 metri). I bagni nella casa sono 3 . Farò la predisposizione per l'impianto solare termico per collegarlo entro 3 anni alla caldaia.Bene ,detto questo ora iniziano i problemi ... Devo scegliere la caldaia.... Il mio progettista che ha fatto il dimensionamento termico ( credo con il sistema del coefficiente per mc) ha calcolato un fabbisogno di 18 kw per il riscaldamento e mi ha consigliato una caldai da 35 kw poiché i 2 piani sono collegati con una scala interna aperta ai piani e che arriva sino in lavanderia e che verrà "riscaldata" con 2 radiatori da 2000 watt accesi e messi al minimo ... Tanto riscaldare la scala è impossibile..Il mio idraulico mi ha consigliato una Saunier duval eura 3 condensing da 30 kw con micro accumulo di 3 litri a resistenza elettrica da 35wattE per chiudere chiedendo ad un rivenditore amico mi ha orientato su una Ariston class b ,con accumulo da 40 litri,da 24 kw poiché ritiene che una caldaia moto grande semplicemente consumi di più ..Sono abbastanza confuso.... Poi sono titubate anche per il dimensionamento dei radiatori fatto poiché per una stanza da 60 mc sembrerebbero necessari 2000 watt ,e un radiatore del genere è molto più grande di quelli in ghisa presenti ora che calcoli alla mano sviluppano 1300wat.La casa l'ho acquistata da poco e non ho modo di sapere se i vecchi proprietari si avessero freddo...Please aiutatemi...Che ne pensate delle caldaie E del dimensionamento ?e dei radiatori??I radiatori del piano notte li compro in questi giorni ... Io vorrei prenderli cmq ben dimesionati per poter abbassare la temperatura media..ma senza strafare!!!
Attendi un attimo...
X