annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

riprogettazione impianto riscaldamento LOFT

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • riprogettazione impianto riscaldamento LOFT

    Ciao a tutti e grazie in anticipo per qualsiasi aiuto riusciate a darmi.
    Dovrei rivedere per diversi motivi l'impianto di riscaldamento di casa mia.
    Impianto centralizzato condominiale con contacalorie per la suddivisione delle spese.

    La casa:
    Altezza: 410 cm
    Superficie: 95mq di cui circa 25-30 in attesa di soppalco.

    Il living di circa 60 mq, (che è la zona critica), è alto 410 cm, per due lati è contornato da infissi continui, 10 metri esposti a nord e 10 metri esposti ad ovest.
    Infissi con vecchi vetri camera (niente argon e affini), in ferro (ex infissi industriali) che non posso cambiare per l'impatto sull'estetica dell'edificio, alti circa 3 metri, quindi una enorme superficie disperdente.

    Premetto che: NON voglio controsoffittare, sto togliendo i controsoffitti perchè preferisco avere la stanza a tutta altezza

    Il riscaldamento a pavimento non si sposa bene con il centralizzato, perchè morirei di freddo nei momenti in cui rimane spento.

    Vorrei capire con quale criterio dovrei riprogettare praticamente per intero l'impianto...bella sfida eh?

    Per ora le prime accortezze (semplici rimedi) sono stati l'adozione di doppie tende (pile vicino al vetro + cotone pesante verso l'interno della casa) per ridurre il freddo emanato dall'infisso.

    Devo provvedere poi alla sostituzione delle guarnizioni degli infissi perchè presenti ma molto vecchie (avete consigli in merito???)

    Per il resto....ditemi voi!!!!
    0
    fancoil lungo le pareti vetrate
    0%
    0
    caloriferi lungo le pareti vetrate
    0%
    0
    fan coil dall'alto direzionati verso le vetrate
    0%
    0
    altro...specificare please!!!
    0%
    0

  • #2
    Mi sono riletto anche i tuoi vecchi quesiti...

    Beh sugli infissi non sono d'accordo, basterebbe farkli fare esteticamente uguali... più che altro la spesa sarebbe consistente, ma se non sono a taglio termico io darei la precedenza alla sostituzione, assolutamente. A maggior ragione con la contabilizzazione.

    Mettere i fancoil/caloriferi vicino alle finestre uniformerebbe le temperature in quella zona ma aumenterebbe gli sprechi...comunque se i fancoil attuali sono sufficienti a scaldare aggiungendo altri elementi ridurresti i tempi di accensione...

    Forse valuterei, invece di canalizzare l'aspirazione come avevi ipotizzato, di canalizzare l'espulsione portandola in basso. Ma ti conviene sentire uno esperto di questi impianti
    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
    I miei articoli qui:
    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

    Commenta


    • #3
      Sulla sostituzione ho qualche dubbio riguardo all'estetica, perchè rispetto agli infissi più tradizionali questi hanno una struttura molto più esile e non so se si riproducibile facilmente con i nuovi modelli di infissi, quelli montati sono degli anni 70 circa, credo modificati poi per ospitare i doppi vetri.
      La cosa assurda è che sono predisposti per ospitare le tapparelle, ci sono i cassonetti coibentati (credo) con del poliuretano espanso (che vorrei verificare) e perfino i binari esterni per lo scorrimento della tapparella, ma non sono usate da condominio e perciò non ammesse sempre per ragioni estetiche, fatto che trovo inammissibile perchè la maggior parte dei locali sono ad uso ufficio e restando sigillati almeno di notte con delle tapparelle coibentate credo che ridurrebbero un pochino la dispersione del calore.

      Comunque credo che sostituire le finestre (oltre 60 mq di infissi, sono 22 metri di finestre alte 3 metri) sarebbe una spesa non da poco pur considerando incentivi e detrazioni varie, mentre i fancoil in ogni caso dovrò come minimo spostarli per gli altri lavori che vorrei fare, pertanto sarà una spesa inevitabile e che vorrei rendere fruttuosa.

      I miei vecchi post riguardavano la modifica/integrazione dell'impianto attuale. Ora però sto progettando un soppalco (un po' atipico viste le altezze ridotte) e dovrei comunque spostare/eliminare i vecchi fancoil e i relativi tubi del riscaldamento per spostarli in altre zone. Vorrei perciò approfittare per creare un impianto più efficace ed efficiente.
      L'attuale problema, come avrai letto nei vecchi post, è la stratificazione dell'aria fredda nella parte bassa della stanza perchè ho un impianto a fancoil a soffitto che non ha ripresa dal basso, quindi prende e manda aria solo dall'alto.
      Oltre ai piedi freddi però, essendo a Torino, negli inverni più freddi l'impianto risulta del tutto inadeguato, costringendomi, per aver casa calda di sera (20 gradi, non certo 25...), a tenere l'impianto acceso dalla mattina!!!

      Era uno stabile uso ufficio poi convertito ad abitativo, quindi capisco la progettazione in funzione di altre esigenze, ma vorrei davvero capire, nel caso di una riprogettazione totale, VOI cosa fareste?????

      Commenta


      • #4
        Non si possono fare miracoli con finestre anni 70!
        E per giunta hai i vincoli di un impianto condominiale. Boh, io non sono impiantista ma la vedo male, vuoi tenerti il soffitto alto e le finestre disperdenti, non credo riuscirai a ridurre i consumi nè a ottenere un confort molto maggiore.

        Forse l'unica è fare immissione in alto e emissione in basso o viceversa
        Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
        I miei articoli qui:
        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

        Commenta


        • #5
          Non voglio proprio ridurre i consumi, diciamo che mi basterebbe poter ottimizzare l'impianto affinchè riesca a scaldare quanto serve...Potrei anche staccarmi dal condominio ma in tal caso dovrei per forza andare sull'elettrico perchè il gas non è ammesso (ho già due boiler tradizionali e il piano cottura ad induzione)...è da valutare o spenderei certamente di più???

          Commenta


          • #6
            con l'elettrico spendi di più a meno di usare una PdC...
            Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
            I miei articoli qui:
            https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

            Commenta


            • #7
              Se pensassi ad una pompa di calore per riscaldamento e acqua calda? Esiste qualcosa del genere?Con la pompa di calore potrei alimentare anche un riscaldamento a pavimento (così da usare acqua a una trentina di gradi invece che oltre 50)???

              Commenta


              • #8
                Si assolutamente, la pompa di calore con i sistemi a bassa temperatura ci va a nozze!
                Però devi considerare che tra i due boiler elettrici, il piano cottura ad induzione e il resto, dovrai passare ad una fornitura di almeno 10 kW per poter far funzionare anche una pompa di calore che a Torino (non dimentichiamo che non sei in Salento! ) dovrà fungere da riscaldamento primario.
                Andando a spanne ti serve un riscaldento di almeno una decina di kW, potenza che una PDC da 3-4 kW elettrici riesce a fornire agevolmente anche nelle condizioni rigide della tua zona ma l'incognita è a che prezzo? Il COP cala nettamente a basse temperature!

                In ogni caso sono anche io per la ripresa dall'alto ed emissione da basso e i ventilconvettori sono un'ottima idea, altrimenti, io valuterei l'ausilio del riscaldamento a battiscopa sotto i vetri se l'estetica delle finestre lo consente, per riscaldare più velocemente ed uniformemente in aggiunta ai ventilconvettori già presenti.

                In ogni caso esistono ventilconvettori fatti apposta per funzionare a bassa temperatura (mandata a 40°C o giù di li e ritorno a 35°c) che vanno comunque molto bene per le pompe di calore.

                PS: io farei un pensierino sulla rimozione dei due scaldabagni elettrici classici e mettere apparecchi a pompa di calore! Il costo è più caro ma col consumo vai a pari in pochissimi anni e poi risparmi!

                Quanto agli infissi, se guardi bene ne esistono alcuni virtualmente senza cornice, da qualche parte ho anche il catalogo dove a fronte di una vetrata da 6 metri quadri (2x3 metri) c'era una cornice in metallo di solo 2,2 cm! E con valori di trasmittanza complessiva molto bassi, circa 1,6 W/mK con vetri tutto sommato "normali" che potevano scendere repentinamente utilizzando vetri migliori (ma il costo raddoppiava quasi).

                Commenta


                • #9
                  Allora provo ad informarmi per gli infissi anche se mi scoccia veramente tanto avere la predisposizione per le tapparelle e non poterle usare neanche per fare ombra in estate...Quanto potrebbe costarmi spannometricamente la sostituzione di infissi così grandi???Per la PDC sono comunque perplesso perchè le potenze impiegate sono alte e spenderei comunque più del metano credo ( nello scorso inverno, abbastanza freddo a torino, ho speso circa 1500 per un anno di riscaldamento).Penseró piuttosto a riposizionare/integrare l'impianto esistente...anche perchè avendo solo cartogesso e tubi che corrono nei controsoffitti non è così impensabile riposizionare gli elementi, non devo fare alcuna traccia

                  Quanto alla sostituzione degli scaldabagno con un nuos...mi piacerebbe assai...
                  Ultima modifica di nll; 11-04-2014, 12:54. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                  Commenta


                  • #10
                    per il problema dell'altezza e della stratificazione dell'aria sto valutando dei destratificatori a pale, grande diametro, bassa velocità, poco rumore e bassi consumi....e un'estetica industriale che ben si sposa con casa mia.....che ne pensate???

                    Commenta


                    • #11
                      Perché no, del resto non sono altro che dei grandi ventilatori aiutano anche in estate con la climatizzazione. E se ti piacciono anche come arredamento, tanto meglio!

                      PS: le finestre di cui ti parlavo erano della linea "Apexfine" tuttovetro di Albertini, guardaci nel caso.

                      Commenta


                      • #12
                        Grazie...devo ancora informarmi in effetti...
                        Ho appena scritto alla ditta per sapere come fare per avere un preventivo...poi se vi interessa vi faccio sapere!!
                        Ultima modifica di alovesongfor; 18-04-2014, 14:41.

                        Commenta


                        • #13
                          sto ragionando sul come ridisporre i fancoil (visto che credo rimangano il metodo di riscaldamento più efficace nel caso delle mie condizioni). mi piacerebbe utilizzare delle bocchette di uscita aria a feritoia, quelle lunghe e sottili per intenderci, e mi piacerebbe anche capire se esiste qualche conduttura utilizzabile per la RIPRESA, che è il problema principare che ho oggi (attualmente ho 3 fancoil nel controsoffitto che gestiscono due bocchettoni ciascuno di quelli in alluminio a cerchi concentrici da soffitto; ovviamente però avendo mandata e ripresa dall'alto nella parte bassa della stanza, che oggi è controsoffittata a 2,80m, rimane uno strato di freddo...).
                          Ho provato a cercare ma non ho trovato molto...che ne dite???

                          Commenta


                          • #14
                            salve,
                            dopo un po' di valutazioni e preventivi per la sostituzione degli infissi (per ora fuori dalla mia portata), torno di nuovo a chiedervi:

                            se mettessi dei radiatori bassi e lunghi sotto le finestre potrebbe essere una soluzione decente per scaldare meglio il mio ambiente, considerate le finestre e l'altezza? tipo questo...
                            http://www.runtal.it/products/it/runtal-flow-form

                            meglio i fancoil? e in quale posizione eventualmente?

                            vedendo i vecchi edifici industriali vedo sempre sotto alle vetrate questi caloriferi bassi e lunghi...capisco che non sia una soluzione innovativa e se potessi opterei per il risc. a pavimento (se non fosse per il centralizzato) ma vorrei capire se sia vantaggioso o meno installare sotto alle fonti di dispersione una fonte di calore...
                            Ultima modifica di alovesongfor; 07-07-2014, 17:12.

                            Commenta


                            • #15
                              vantaggioso per il portafogli sicuramente no, come ti ho già scritto tempo fa...
                              Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                              I miei articoli qui:
                              https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                              Commenta


                              • #16
                                Solo che non so come risolvere...il problema principale è che ho in centralizzato e NON posso mettere la caldaia...quindi sarei autonomo o elettricamente o con una stufa/camino ( richiesta in fase di approvazione)

                                Commenta

                                Attendi un attimo...
                                X
                                TOP100-SOLAR