annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

caldaia non a norma perchè installatore non mi rilascia il libretto : che faccio ?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • caldaia non a norma perchè installatore non mi rilascia il libretto : che faccio ?

    Buonasera ! Ho un problemone mica da ridere. Mi date un consiglio per favore ?

    L'anno scorso l'idraulico mi ha cambiato la caldaia. Ha messo quella a condensazione e mi ha detto è nuova. Ci vediamo l'anno prossimo che ti faccio il controllo fumi e la registriamo.

    Ora che è passato un anno l'ho chiamato e mi ha detto che non si ricorda bene, e che comunque il libretto se lo voglio mi costa 300 euro.

    Mi sono accorto del problema quando a casa di un amico ho visto la caldaia con un adesivo della Regione appiccicato sopra ben in vista col numero dell'impianto termico.

    La mia caldaia non ha nessun adesivo !

    E se mi arrivano i Vigili in casa a controllare la caldaia cosa gli dico ?

    Grazie davvero per i consigli
    Appartamentino: 70 mq in stabile anni '40, mattoni pieni, Zona clim. E. Esposizione Nord-Sud. Riscaldamento: Caldaia a cond. Ferroli BlueHelix Tech 25C con radiatori in ghisa, alluminio e termoarredi. Serramenti: Nord: Internorm KF310 Vetro triplo 48mm. Sud : legno taglio freddo vetri 4-9-4 Low E. PDC: Panasonic Pe9rke A+/A, De25tke A+/A+. Pavimento freddo, tappeti (polvere ed acari) ovunque.



  • #2
    Ciao VecchioGhisa....

    Immagino tu abbia della "carta canta" attestante la fornitura e/o la posa in opera della caldaia da parte suddetto installatore con la quale puoi far valere i tuoi diritti!!!
    Ti ricordo che l'installatore DEVE per legge rilasciare la “Dichiarazione di conformità dell’impianto alla regola dell’arte”.
    Prima di passare alle vie legali, cerca di fargli capire bonariamente che è in torto e che era SUO dovere e TUO diritto ricevere tutto quanto stabilito dalla legge.

    Saluti
    Il dono della fantasia è stato per me più importante della mia capacità di assimilare conoscenze (A.Einstein)

    Commenta


    • #3
      La caldaia va corredata di registrazione curit sin dall'installazione.
      Cerca di convincere l'installatore, altrimenti contatta subito un buon avvocato per capire se il tuo idraulico rischia serie sanzioni amministrative ed eventualmente minaccialo con una bella lettera.
      Vedrai che gli tornerà la memoria.
      Quando avrà fatto il tutto, cambia idraulico, perchè se non ha dato la dichiarazione di conformità, è possibile che ci sia una non conformità dell'impianto.
      Ma la domanda è: la vecchia caldaia non era iscritta al curit ?
      ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

      Commenta


      • #4
        All'atto della installazione di una nuova caldaia l'installatore è obbligato a rilasciare la "Dichiarazione di conformità dell'impianto a regola d'arte" e anche la "visura ordinaria dell'impresa", che serve per dimostrare che l'installatore esercita effettivamente l'attività di installazione di impianti di riscaldamento a gas. L'installatore, tuttavia, non fa alcun "collaudo". La prima accensione e il collaudo corrispondente, così come tutte le verifiche successive, sono a carico del costruttore della caldaia, normalmente ci si rivolge a un centro assistenza (es. Riello) vicino casa. E' comunque responsabilità tua scegliere l'assistenza e avviare la messa in funzione dell'impianto. Ora nel tuo caso non ho capito: l'installatore è ANCHE centro di assistenza della caldaia che hai montato? Se così fai presto a chiamare la casa madre e dire che non ti ha dato la documentazione necessaria.... Vedrai come farà presto a rilasciarla. Se invece non è così, è certamente più difficile avere quello che vuoi dopo tanto tempo e una volta che lo hai già pagato. Tra l'altro senza la dichiarazione di conformità la caldaia non sarebbe neppure in regime di garanzia.
        Ad ogni modo se ti dovessero controllare la "colpa" della mancanza è tutta a carico dell'installatore. Per evitare guai io manderei una bella raccomandata all'installatore dove chiedi di avere ciò che ti spetta. Anche l'inserimento dell'impianto al catasto regionale è a cura dell'installatore.
        Ultima modifica di GLB; 19-02-2017, 21:56.
        Impianto FV integrato da 5,0 kWp, 14 pannelli SunPower X22-360 (360W), Azimut (FV) = -43°, Tilt = 20°, Inverter Solaredge SE5000H, Ottimizzatori di potenza Solaredge. Connesso dal 23/07/2018 con SSP.
        Solaredge Monitoring: https://monitoringpublic.solaredge.c...1-591c9a0b855b

        Commenta


        • #5
          Manda una raccomandata all'installatore con copia della fattura di acquisto e intimazione alla consegna del libretto, e per conoscenza alla casa produttrice.

          Altro consiglio: se non risolvi iscriviti (e scrivi) ad altroconsumo e scrivi loro cosa ti è successo, loro sono grandi e conosciuti, risolverai certamente. Costa molto meno che assumere un avvocato per tuo conto e loro, con queste cose, ci vanno a nozze.

          Commenta

          Attendi un attimo...
          X
          TOP100-SOLAR