annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Protezione fulmini

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Protezione fulmini

    Abitiamo in campagna e nella nostra zona i temporali sono frequenti, fulmini compresi. Perciò utilizziamo la caldaia a condensazione Riello, collegata all'impianto elettrico mediante una spina, solo quando siamo presenti.
    Benché disconnessa ha "fatto fuori" tre schede elettroniche: la prima dopo poche settimane dall'istallazione, circa sei anni fa, le altre due di recente. Costo 250€ ciascuna, più l'intervento tecnico.
    Tutte le protezioni di cui abbiamo notizia riguardano l'impianto elettrico, che già ne dispone, e -ripeto- il danno si è ogni volta verificato a caldaia spenta e staccata. La scheda è sensibile all'elevazione del campo elettromagnetico provocato dal fulmine più o meno ravvicinato. Esiste qualche
    rimedio?
    E, volendo cambiare caldaia, quale la meno vulnerabile nella situazione descritta?
    Grazie.
    Ultima modifica di Sara M.; 03-09-2018, 11:32. Motivo: "a capo" modificati rispetto all'anteprima
    "E tirar fuori l'intelligenza qualche volta per sgranchirla, come le gambe?"

  • #2
    Ormai sono tre i tecnici interpellati in proposito: il primo era quello del campo magnetico, per gli altri due è impossibile che salti la scheda a caldaia staccata dall'impianto. Eppure, è andata proprio così...
    Consiglio concorde: stufa a pellet (non ci piacciono) e scaldabagno elettrico per l'estate. Mah!
    Ultima modifica di Sara M.; 05-09-2018, 18:34. Motivo: Nel pubblicare cambiano
    "E tirar fuori l'intelligenza qualche volta per sgranchirla, come le gambe?"

    Commenta


    • #3
      mi sembra un'ipotesi bizzarra, ad essere gentili, quella del campo magnetico.
      piuttosto la caldaia è all'interno o fuori casa (balcone ecc)? potrebbero partire le schede per problemi di umidità elevata che va a condensare sulla scheda e appena dai corrente va in corto?
      in ogni caso con una stufa a pellet non risolvi, ha comunque delle schede e dell'elettronica che controlla ventilatore, magari circolatore, modulazione della potenza, a volte parametri di combustione, temperature ambiente ecc.
      potresti installare dei scaricatori ti sovratensione magari. ( Lo scaricatore di sovratensione : prezzo e collegamento )
      ah, magari controlla che la caldaia sia effettivamente collegata anche alla terra (presa a 3 poli e messa a terra di casa funzionante)

      Commenta


      • #4
        Non è che la scheda si brucia quando metti la spina nel muro. A noi succedeva stessa cosa con il fax. Restava alta tensione nella presa (non so come spiegare tecnicamente) a causa di qualche fulmine e appena attaccavi la spina il fax era già andato. Avevo risolto accendendo prima una lampadina così nella peggiore delle ipotesi si bruciava quella. E ne ho buttate parecchie....

        Inviato dal mio Redmi 4X utilizzando Tapatalk

        Commenta


        • #5
          america la tua spiegazione è fantasiosa e priva di fondamenti tecnici,magari
          ci sono sbalzi di tensione dovuti alle caratteristiche della linea, o la tensione
          è più alta del dovuto

          Commenta


          • #6
            Non lo metto in dubbio. Sta di fatto che succedeva sempre dopo qualche grosso temporale e a forza di mandare a ramengo fax non ricordo chi mi ha detto di fare così e non ne abbiamo più bruciati....

            Ed il problema di cui si parla è molto simile al mio secondo me.

            Inviato dal mio Redmi 4X utilizzando Tapatalk

            Commenta


            • #7
              Grazie a voi! Rispondo a tutti insieme. Sì, la stufa a pellet era il "consiglio", so che ormai tutto ha un'elettronica.
              La caldaia è all'esterno della casa, riparata tuttavia dalla scala che porta in terrazza e da una "scatola" predisposta allo scopo. Ha la presa di terra a norma, l'impianto elettrico è dotato dello scaricatore di sovratensione. Tuttavia, ripeto, la scheda è sempre saltata quando era spenta e la sua spina elettrica scollegata. Sempre dopo temporali... Le ultime due volte eravamo assenti, c'erano stati qualche giorno prima. Neppure l'abbiamo inserita subito, però è dedicata, non ci attacchiamo altro, né ci è venuto in mente di "testarla" con una lampadina. Il consiglio di America merita di essere verificato! Previo acquisto di una quarta sceda o di un'altra caldaia?!
              "E tirar fuori l'intelligenza qualche volta per sgranchirla, come le gambe?"

              Commenta


              • #8
                ci sono dei ups,che alimentano il carico tramite inverter alimentato dalle batterie
                che si ricaricano da rete,oppure mettere vicino all'utilizzatore uno scaricatore di
                livello 3 hai il 2,il 3 è migliore ma più delicato,probabilmente è una scheda
                molto delicata

                Commenta


                • #9
                  Grazie ancora! Per "vicino all'utilizzatore" intendo prima della presa della caldaia. Ok, si può fare. Se ne ricava una spiegazione vicina a quella ipotizzata da America. La sovratensione cioè "permane" nell'impianto e la scheda "salta" quando viene inserita la spina della caldaia... Anche se erano comunque collegati altri apparecchi che non hanno subito danni?
                  "E tirar fuori l'intelligenza qualche volta per sgranchirla, come le gambe?"

                  Commenta


                  • #10
                    la sovratensione non permane, la tensione alternata si chiama così perchè il
                    livello cambia continuamente quando si dice 230 v quello è il valore efficace
                    ma essendo alternata alla frequenza di 50 hz commuta 50 volte in un secondo
                    da tensione positiva a negativa con andamento sinosuidale,può anche essere
                    che le sovratensioni dipendano da cause interne all'appartamento vale sempre
                    il consiglio
                    di mettere una protezione più adeguata come suggerito,visto la delicatezza della
                    scheda

                    Commenta


                    • #11
                      Domani verrà l'elettricista per aggiungere un'ulteriore protezione. Dubito convenga sostituire per la terza volta la scheda di una caldaia di sei anni. Vero che la precedente (con la fiammella) ha superato i venti... Vedo di documentarmi su caldaie un po' meno delicate.
                      "E tirar fuori l'intelligenza qualche volta per sgranchirla, come le gambe?"

                      Commenta

                      Attendi un attimo...
                      X
                      TOP100-SOLAR