consigli parametri caldaia - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

consigli parametri caldaia

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • subitomauro
    ha risposto
    al momento io leggo l'unico sensore collegato cosi:

    import time
    import datetime
    from w1thermsensor import W1ThermSensor
    sensor = W1ThermSensor()

    i = datetime.datetime.now()
    anno = i.year
    mese = i.month
    oggi = i.day
    ora = i.hour
    mit = i.minute
    sec = i.second
    print (anno,mese,oggi,ora,mit,sec)

    while True:
    i = datetime.datetime.now()
    temperature = int (sensor.get_temperature()*10)/10
    print (i, "temp", temperature)
    time.sleep(600)

    Lascia un commento:


  • Valimicio
    ha risposto
    Grazie, resto "in ascolto" per la guida!

    Lascia un commento:


  • mcolo
    ha risposto
    @subitomauro, sarò sincero. Non sono un grande esperto di elettronica, da quel punto di vista mi sono limitato a fare quello che ho trovato in quello schema. Me ne intendo di più lato software, vediamo se qualcun'altro ha la risposta alla tua domanda.

    @Valimicio, in questo momento lo script che ho fatto ne supporta due, ma è solo un problema software. Potenzialmente anche 10 o 20

    Lascia un commento:


  • Valimicio
    ha risposto
    Grazie per il tempo che ci dedichi, Quante temperature si possono monitorare con questo sistema?

    Lascia un commento:


  • subitomauro
    ha risposto
    ciao
    anch'io ho appena comprato raspberry e sensori.
    Primo dubbio in alcuni schemi è riportato il valore della resistenza a 10k e in altri a 4.7k. cosa cambia ?

    Lascia un commento:


  • mcolo
    ha risposto
    Ciao a tutti, grazie per i suggerimenti.
    Comincio a scrivere qui qualche dettaglio sul sistema di monitoraggio.
    Ho utilizzato:

    - Raspberry PI
    - 2 sensori di temperatura ds18b20

    Ho collegato i sensori di temperatura seguendo questo schema che potete trovare su internet:

    https://cdn.shopify.com/s/files/1/00...65009620277439

    I sensori di temperatura sono fascettati sul tubi di mandata dell'impianto di riscaldamento.
    Una volta collegati, ho letto tramite il sistema operativo installato sul raspberry (Rasbian) i valori della temperatura, anche qui ho seguito guide su internet:

    HowTo: Build your own temperature logger with Raspberry Pi (DS18B20) | a guy, named urban jack

    Da li in poi ho fatto un paio di cose fai da me, ho installato grafana (che è il software che vi fa vedere quei grafici) e influxdb

    Installare InfluxDB + Grafana

    Sempre seguendo la guida sopra, ho estrapolato il valore del sensore di temperatura e scritto all'interno di influxdb.
    Ho configurato grafana, in modo che vada a leggere i dati da influxdb e li esponga in un grafico.
    Prossimamente pubblicherò una guida un pò più dettagliata e metterò su un repository pubblico lo script che prende i valori di temperatura dai sensori e li salva nel database.

    Se avete altri dubbi/domande, sono qua..

    Lascia un commento:


  • Valimicio
    ha risposto
    Mi metto in coda per il sistema di monitoraggio

    Lascia un commento:


  • auleia
    ha risposto
    scrivo qui, spostate... a "orecchio", lo so che non dovrei chiederlo, posso stabilire la classe di efficienza del mio appartamento? grazie

    Inviato dal mio HUAWEI NXT-L29 utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • Panoramix89
    ha risposto
    Decisamente meglio mandare a 45°C, perché come vedi hai oscillazioni intorno a 5°C, mentre con accensioni meno frequenti hai oscillazioni anche di 20°C. Per fare un paragone è come se in macchina facessi accelerazioni e staccate, piuttosto che dosare il gas: i consumi diminuiscono quando hai erogazione più lineare, anche se non aspettarti di fare miracoli.
    Se riesci a postare il sistema raspberry sarebbe molto interessante.

    Lascia un commento:


  • mcolo
    ha iniziato la discussione consigli parametri caldaia

    consigli parametri caldaia

    Ciao a tutti,
    con l'arrivo del freddo in lombardia, sto cominciando a fare delle regolazioni all'impianto di riscaldamento.
    Premessa: abito in Lombardia, casa costruita fine anni 90, classe F, riscaldamento con caldaia a condensazione immergas hercules mini 32 con annesso sensore di temperatura esterno.
    Ho un'intercapedine, che però varia di dimensioni lungo il perimetro della casa, dove è stato possibile ho insufflato.
    Casa composta da sgombero, piano terra e primo. Ad oggi ho temperatura interna di 18° per piano terra e primo.
    Ho tre diverse zone, comandate da tre termostati differenti. Ho messo valvole termostatiche dinamiche caleffi su ogni calorifero.
    Temperatura di mandata di 45°, questa mattina con 2 gradi esterni la casa si è scaldata e ha raggiunto la temperatura richiesta.

    Ho messo in piedi un sistema con raspberry e dei sensori di temperatura appoggiati sui tubi in rame che mi permettono di monitorare l'andamento delle temperatura di mandata e capire quando si accendono e spengono i caloriferi.

    Mi sto facendo però alcune domande e vorrei un vostro parere.
    Meglio accensioni più frequenti dei caloriferi e una temperatura di mandata più bassa o accensioni meno frequenti e temperatura di mandata più alta?

    Giusto per darvi un'idea delle differenze..

    Da legenda:
    - riscaldamento {piano primo} -> temperatura rilevata sui tubi del riscaldamento del piano primo
    - riscaldamento {piano terra} -> temperatura rilevata sui tubi del riscaldamento del piano terra
    - accensione piano primo -> se il valore è 0° vuol dire che i caloriferi sono spenti, se è 10° vuol dire che sono accesi
    - accensione piano terra -> se il valore è 0° vuol dire che i caloriferi sono spenti, se è 10° vuol dire che sono accesi

    Temperatura di mandata a 50° (il sensore di temperatura con le dispersioni rileva un pò meno)

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   50.png 
Visite: 1 
Dimensione: 79.1 KB 
ID: 1985692

    Temperatura di mandata a 45° (il sensore di temperatura con le dispersioni rileva un pò meno)

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   45.png 
Visite: 1 
Dimensione: 73.0 KB 
ID: 1985693


    PS: Se vi interessa come ho realizzato quei grafici, posso aprire un post a parte. E' veramente molto semplice, non è precisissimo ma da un'idea dell'utilizzo
Attendi un attimo...
X