annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Caldaia da cambiare per casa 150 mq, consigli?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Caldaia da cambiare per casa 150 mq, consigli?

    Ciao a tutti,
    avrei bisogno di un aiuto nella scelta di una nuova caldaia per una villetta a schiera anni 80 di circa 150 mq su 2 livelli.
    Ci sono tre bagni, uno al piano terra e due bagni con doccia al primo piano.
    I soffitti del primo piano sono stati isolati con polistirolo ma per il resto la casa è poco isolata: vecchi infissi, nessun cappotto termico.

    Attualmente il riscaldamento e l'acqua calda sono prodotti da una caldaia Ferroli DOMIproject C 24 di circa 10 anni che è guasta ed il pezzo da cambiare per ripararla viene circa 400 €.
    Pensavo quindi di cambiare caldaia e rendere più pratico il suo utilizzo rispetto ad adesso, dato che non ho un termostato ma posso solo programmare quando deve accendersi/spegnersi il riscaldamento.

    Mi stavo quindi informando presso i termo idraulici della mia provincia (Viterbo) che però mi hanno proposto in un caso una a condensazione e in un altro una a camera aperta.
    Sto quindi cercando di documentarmi il più possibile tramite il forum per capire come meglio muovermi ma data l'urgenza del cambio caldaia ogni vostro consiglio sarà preziosissimo.

  • #2
    Mi sto facendo le idee più chiare riguardo la scelta e mi sembra di capire che la caldaia a condensazione possa essere la scelta giusta.

    Per quanto riguarda la spesa annuale sono circa 2000 € di Gas per un consumo di circa 1500 smc mentre come efficienza della caldaia attuale , l'ultimo controllo di Luglio 2019, riporta un valore di 92,6.

    Considerando che la casa (zona D) viene riscaldata tramite termosifoni in acciaio sprovvisti di valvole termostatiche (ho anche dei condizionatori Split nelle camere ma vengono usati raramente) e che l'impianto è un mono-tubo voi su cosa vi orientereste ?

    Commenta


    • #3
      Te la butto li, non avendo termostato potresti anche pensare di far andare la caldaia in climatica anzichè spegnerla-accenderla continuamente.

      A quanto tenevi di mandata la caldaia precedente? Col monotubo non hai problemi di termosifoni più freddi e altri più caldi?

      Commenta


      • #4
        io ho una ferroli a condensazione che della stessa fascia di prezzo della tua DOMIproject e ti consiglio di cambiare marca.
        Fatti fare il lavaggio del circuito e fa montare il filtro defangatore perché le caldaie a condensazione sono più delicate rispetto a a quelle tradizionali.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Cia91 Visualizza il messaggio
          Te la butto li, non avendo termostato potresti anche pensare di far andare la caldaia in climatica anzichè spegnerla-accenderla continuamente.

          A quanto tenevi di mandata la caldaia precedente? Col monotubo non hai problemi di termosifoni più freddi e altri più caldi?
          Sinceramente non sono molto ferrato in materia ed inoltre la casa è dei miei genitori quindi abbiate pazienza se non riesco a darvi tutte le informazioni necessarie ma, ci provo

          Per quanto riguarda il discorso "caldaia in climatica" non so di cosa si tratti, potresti spiegarmi meglio?

          La temperatura della caldaia da cambiare attualmente in uso è impostata a 70 gradi mentre per i termosifoni non saprei risponderti ma domani faccio una prova e ti faccio sapere.

          Originariamente inviato da woba Visualizza il messaggio
          io ho una ferroli a condensazione che della stessa fascia di prezzo della tua DOMIproject e ti consiglio di cambiare marca.
          Fatti fare il lavaggio del circuito e fa montare il filtro defangatore perché le caldaie a condensazione sono più delicate rispetto a a quelle tradizionali.


          Quindi consigli di passare ad una caldaia a condensazione che non sia Ferroli? Come mai?

          Invece il lavaggio del circuito e il filtro defangatore dovrei chiederli al tecnico quando acquisterò la nuova caldaia?



          Commenta


          • #6
            Allora, tu adesso programmi a livello orario l'accensione, ovvero dici alla caldaia di accendersi dalle ore XX alle ore YY, e la caldaia in quel periodo continuerà a pompare acqua a 70°.
            Non hai un controllo però sulla temperatura di casa, quindi probabilmente la temperatura quando accendi sale senza fermarsi finchè non la spegni, e da li poi scende pian piano essendo i termosifoni bollenti.


            La sonda climatica è un sensore di temperatura esterna che ti permette di regolare la mandata in base a quanto freddo fa fuori.


            Per esempio metti che con 0° fuori la mandata è 60°, con 10° fuori la mandata è 50° e cosi via. In questa maniera tu fai andare la caldaia 24h su 24 o poco meno, ma puoi usare acqua a temperature molto più basse, e soprattutto regolare la climatica in modo da stare sempre bene in casa al contrario di adesso che devi accendere/spegnere in base a quanto freddo fa.


            Con temperature di mandata più basse riesci a sfruttare meglio la condensazione e a risparmiare gas, ovviamente controbilanciato dal fatto che dovrai tenere acceso molte ore. Spenderai meno? Spenderai di piu? Questo solo dei test possono dirlo.

            Commenta


            • #7
              Ok tutto molto chiaro, ma quindi con una sonda climatica che regola la mandata in base alla temperatura esterna non ha senso l'utilizzo del termostato?
              Ho si possono utilizzare entrambe perché svolgono compiti differenti?

              Scusate per le domande probabilmente banali e che saranno state fatte 1000 volte

              Per quanto riguarda la temperatura dei termosifoni più caldi e più freddi con il monotubo, facendo un test molto rudimentale ( mano sul termosifone ) , sono tutti molto caldi, diciamo che dopo circa 5 secondi devo togliere la mano per non bruciarmi.



              Mi sorge anche il dubbio che l'impianto possa non essere monotubo e quindi allego delle foto sperando si possa capire meglio

              tubi2.jpg tubi.jpg caldaia.jpg

              Commenta


              • #8
                In effetti dalla prima foto non sembrerebbe monotubo, ci sono i vari tubicini di mandata che vanno ai termosifoni e di ritorno (presumo).

                Comunque per scottarti dopo 5 secondi vuol dire che stai usando una temperatura di mandata molto alta, con la nuova caldaia puoi fare prove per abbassarla.

                Termostato e climatica possono essere usati insieme ma non ha molto senso, penso che tu non hai il termostato perchè non hai modo di montarlo non avendo la predisposizione nel muro.

                Se puoi montarlo vedi tu se mettere termostato o climatica (o entrambi se ti costa poco), poi con l'aiuto del forum si possono fare tutte le varie prove.

                Commenta


                • #9
                  Io non sono un esperto quindi lascio ad altri i consigli tecnici, ma 2000 euro per 1500 smc mi sembra un po troppo, magari dovresti cambiare fornitore di gas, io con consumi simili spendo circa 1300 euro.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da ulan Visualizza il messaggio
                    Io non sono un esperto quindi lascio ad altri i consigli tecnici, ma 2000 euro per 1500 smc mi sembra un po troppo, magari dovresti cambiare fornitore di gas, io con consumi simili spendo circa 1300 euro.
                    Si, in effetti sono i consumi e costi relativi all'anno 2018, nel frattempo siamo passati ad Eni e la bolletta adesso è meno salata.

                    Nel frattempo un tecnico/venditore ha fatto un sopralluogo e mi ha proposto una Biasi a condensazione da 30Kw + termostato (ha verificato e possiamo montarlo al posto dell'orologino che usavo ora per accendere e spegnere), sono in attesa del preventivo.

                    Commenta


                    • #11
                      Riprendo la discussione dopo circa un anno perchè la caldaia è arrivata al limite ed il cambio è necessario, sperando che possiate aiutarmi a districarmi tra i preventivi che mi stanno proponendo.

                      Nel frattempo, con il nuovo fornitore, la spesa annua è diminuita a circa 1400 euro considerando stessi consumi.

                      Questi i 2 preventivi :

                      1) Arca caldaie mod. PIXEL 31 FC M da 31 KW a condensazione

                      Asportazione vecchio generatore caldaia a gas
                      Lavaggio dell’impianto termico
                      Fornitura e installazione della nuova caldaia sopra elencato
                      Fornitura e montaggio di un nuovo cronotermostato in classe 5
                      Montaggio di defangatori, neutralizzatori condensa e decalcificatore acqua
                      Prova e collaudo e rilascio del bollino provinciale (non so cosa sia e se sia obbligatorio)

                      Totale offerta euro 2.623,00 compresa iva 22%
                      Con lo sconto in fattura del 65% lei andrà a pagare una quota fissa del totale del lavoro da effettuare di Euro 918,05

                      2) Radiant COMBI-TECH R2K 28 da 28 KW a condensazione


                      Asportazione vecchio generatore caldaia a gas
                      Fornitura e installazione della nuova caldaia sopra elencato
                      Fornitura e montaggio di un nuovo cronotermostato in classe 5
                      Montaggio di defangatori, neutralizzatori condensa e decalcificatore acqua
                      Montaggio 12 Valvole termostatiche

                      Totale offerta euro 2.574,61 compresa iva 22%
                      Sconto in fattura del 50% per un totale di Euro 1.287

                      Chiedo quindi un vostro parere sui modelli e le proposte in generale.

                      1)Nel primo caso il venditore/istallatore, dopo sopralluogo, non prevede l'utilizzo delle valvole termostatiche perchè dice che ho i termosifoni sottodimensionati ed andrebbero tenuti comunque sempre al massimo.
                      Inoltre parla di sconto del 65% in fattura senza bisogno di particolari documenti.

                      2)Nel secondo caso invece mi dicono che le valvole termostatiche sono necessarie per accedere allo sconto in fattura del 50%, che si appoggiano ad una finanziaria (sarebbe stato 65% se avessi fatto la detrazione in 10 anni) e che servono una serie di documenti come la visura catastale e l'apertura della CILA presso il mio comune (costo a mio carico se maggiore di 100 Euro)

                      Attendo un vostro prezioso parere in merito e vi ringrazio anticipatamente.

                      Commenta

                      Sto operando...
                      X
                      TOP100-SOLAR