annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ottimizzazione e corretto funzionamento scaldabagno a gas

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ottimizzazione e corretto funzionamento scaldabagno a gas

    Buongiorno, in seguito al guasto della caldaia e considerando che per il riscaldamento uso solo il termocamino ho deciso di sostituirla con uno scaldabagno a gas. Ho optato per il Sime Mini 12 BF ERP. Avendo anche un sistema solare per la produzione di ACS si è deciso di immettere in ingresso dello scaldabagno l'acqua in uscita dal boiler solare previo passaggio in una valvola miscelatrice termostatica tarata a 47°. Lo scaldabagno in questione è predisposto, a detta della casa, all'ingresso di acqua calda tra 35° e 65° ed è dotato di sonda in ingresso e in uscita. Inoltre, ha una funzione Auto che se la temperatura impostata è inferiore di 5° rispetto all'acqua in ingresso lo scaldabagno non si accende, se, invece, la temperatura impostata è di almeno 5° superiore esso si accende. Quindi, se per esempio io imposto una temperatura di 45° e l'acqua in ingresso è di 42° (sufficienti per una doccia) lo scaldabagno entra in funzione avendo una differenza di soli 3°.

    La domanda che mi pongo è se tale condizione è dannosa per lo scaldabagno e se l'acqua in uscita viene scaldata per un delta T di 3°, quindi fino ai 45° impostati, o superiore?
    E, se secondo voi, si potrebbe ottimizzare meglio riducendo al minimo l'intervento dello scaldabagno. Considerate che vivo in provincia di Trapani.

    Faccio seguito a quanto scritto sopra sperando che qualche esperto voglia darmi una delucidazione. Poco fa ho effettuato una prova per misurare la temperatura dell'acqua in uscita dal rubinetto. Ho utilizzato un termometro digitale con sonda NTC immersa nell'acqua che scorreva in continuo. Inizialmente, con scaldabagno spento e temperatura dell'acqua nel boiler solare di circa 60° ho prelevato acqua dal rubinetto a 48,1°, quindi ho accertato il buon funzionamento della valvola miscelatrice termostatica tarata a 48°. Successivamente, ho accesso lo scaldabagno, ho regolato la temperatura a 47° e aperto il rubinetto. Ebbene, la sonda ha rilevato una temperatura crescente fino a circa 72°. Quindi significa che lo scaldabagno riscalda ulteriormente l'acqua fregandosene della temperatura impostata. La sonda in uscita dello scaldabagno non dovrebbe sentire la temperatura e modulare di conseguenza la fiamma?

    Grazie

  • #2
    ... di solito si utilizza un "robo" del genere:


    KIT PANNELLO SOLARE TERMICO CALDAIA VALVOLA MISCELATRICE 1" ESBE VMC 322 (26443) | eBay

    Difficile che l' elettronica dello scaldino sia sufficientemente veloce da tenere in uscita una T ottimale (per acs è 43 gradi).

    Lo fanno meglio le miscelatrici termostatiche, anche se con il tempo possono risentire di depositi di calcaree....

    Commenta


    • #3
      Il problema è che uno scaldno non credo abbia un valvola di regolazione ad ampia modulazione(che costa quanto lo scaldino stesso) montata in una buona caldaia ,, se mandi in ingresso acqua a 45° e lo scaldino ha una minima potenza di 8-10kw , non può far altro che scadare e iniziare a fare on/off , se metti il miscelatore in uscita anocra più casino perchè riduce il flusso che passa nello scaldino...
      usando la funzione cerca si trovano tante discussioni , prova a cercare anche come "miscelatore rovescio" o valvola deviatrice termostatica
      AUTO BANNATO

      Commenta


      • #4
        Grazie per le risposte. In effetti avevo il dubbio che il problema fosse causato dal fatto che lo scaldino ha una potenza minima, in questo caso di 6.4kW, che riscalda ulteriormente l'acqua. Allora, visto che c'è già una valvola miscelatrice in uscita dal boiler solare dalla quale l'acqua esce a circa 48°, installerò una deviatrice termostatica con regolazione manuale in prossimità dello scaldino, tarata a 42°.

        Commenta

        Attendi un attimo...
        X
        TOP100-SOLAR