annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Aiuto Caldaia a Condensazione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Aiuto Caldaia a Condensazione

    Buongiorno
    Innanzitutto i miei complimenti a tutti gli utenti di questo forum per le risposte e la dedizione che mettete nell'aiutare le persone.


    Per quanto mi riguarda vorrei cambiare caldaia visto che ci sono ancora gli incentivi (50/65%) e che per quella attuale piano piano sto sostituendo diversi pezzi (pompa, vaso espansione, ecc). sono orientato a cambiarla con una a condensazione nella speranza di risparmiare qualcosa anche in termine di consumi di gas.


    Vivo in zona Trento in un appartamento di circa 140mq con 2 bagni, 4 stanze e zona giorno. In famiglia siamo in 5, quindi secondo me il boiler è d'obbligo.
    L'attuale caldaia è una Riello Prontacqua di 18 anni fa con bollitore integrato posta su un balcone all'interno di un vano tecnico chiuso che la isola da agenti atmosferici . Ad essa sono collegati 11 termosifoni in alluminio (non conosco ne marca ne modello) controllati da 3 termostati: uno in zona notte e due in zona giorno (uno di fronte a una stufa che non scatta mai) e uno in cucina (esposta a NORD) che in inverno di mattina è il luogo più freddo della casa.


    Il manutentore di zona più importante manutiene Immergas e Viessman e pertanto mi sono orientato principalmente su quelle due marche.

    Nel frattempo ho fatto diversi preventivi con diversi installatori in zona, e ho identificato tre prodotti che mi ispirano:

    - Viessman Vitodens 222W 26KW
    - Viessman Vitodens 111W 26KW
    - Immergas Victrix Zeus Superior 26KW

    La prima è la più costosa, ma onestamente non ho capito se con il mio impianto la maggiore spesa di acquisto (circa 700€) porterà a un risparmio maggiore sul lungo periodo. Essa ha un rapporto di modulazione 1:13 (1,7KW - 23KW in riscaldamento, qualcosa di meglio in ACS), me la installerebbero con sonda esterna, ha un pannello di 7'' con un cockpit per il follow up dei consumi, ecc ecc.

    La sorella minore ha un rapporto di modulazione inferiore e pari a 1:6 (4,3KW - 24KW), meno gadget, ma la sostanza (bruciatore e scambiatore) mi sembra comunque non troppo diversa dalla sorella maggiore (ma non me ne intendo).
    Per quanto alla Immergas, mi piacerebbe trovare una buona soluzione con questo marchio perchè ho capito che è molto valido e i costi di manutenzione sono inferiori rispetto a Immergas tuttavia il modello che mi hanno proposto non mi ispira (proprio per il basso rapporto di modulazione 1:5); conoscete per caso una valida alternativa che disponga di accumulo acs?

    Primo dubbio: modulazione a parte, c'è davvero tanta differenza tra la 222w e la 111w? in acquisto tramite installatore ballano circa 700€, ma se con il mio impianto non ha senso avere la 222w, risparmio quei soldi volentieri.
    Secondo dubbio, legato al primo: quanto è importante che la modulazione scenda in basso? mi spiego, per evitare i continui on-off, posto che andrei a riscaldare i termosifoni ad almeno 55°C, quanta potenza sarà necessaria? 4,3KW sono già troppi e condurranno a continui on-off? In generale, come è possibile calcolare la potenza necessaria del sistema al variare della temperatura di mandata volendo 20°C in casa?
    Terzo dubbio: ho capito leggendo soprattutto in questo forum che la sonda esterna è importante e ho chiesto all'installatore di includerla nel preventivo. Per avere gli incentivi al 65% ho capito che oltre alla sonda esterna dovrei montare anche un telecomando ambiente (evitando così le valvole termostatiche sui vari termosifoni, decisamente più onerose in termini di spesa). E qui onestamente non ci ho capito nulla. Cos'è un telecomando ambiente?
    Un installatore mi ha detto che con il mio impianto (con i 3 termostati) non si può fare, un altro mi ha detto che si può fare tranquillamente. Chi ha ragione, è possibile farlo indipendentemente dalla caldaia scelta (111w e 222w) ma soprattutto secondo voi ha senso avendo il riscaldamento con termosifoni e non a pavimento?

    A onor del vero recentissimamente mi hanno proposto anche una Beretta Exclusive Boiler Green he BSI 35KW. Qualcuno la conosce? come va rispetto alle altre 3?

    Scusate per la quantità di dubbi e domande e grazie in anticipo per le vostre risposte.

  • #2
    2 bagni e 5 persone, sarebbe opportuno anche considerare quanta potenza ti servirà per l'acs
    Winter is coming
    https://monitoringpublic.solaredge.c...006#/dashboard

    Commenta


    • #3
      La V 222 è una caldaia fantastica.... per me è il top. Se ne cerchi un’altra deve essere a non meno di 1:10 di modulazione.
      PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da subitomauro Visualizza il messaggio
        2 bagni e 5 persone, sarebbe opportuno anche considerare quanta potenza ti servirà per l'acs

        Non capisco la tua risposta. Sarebbe a dire che 26kw non sono sufficienti secondo te?

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
          La V 222 è una caldaia fantastica.... per me è il top. Se ne cerchi un’altra deve essere a non meno di 1:10 di modulazione.
          Ok grazie per il commento, quindi la 111w la scarteresti per il rapporto di modulazione? Ma si riesce a fare due conti con i dati che vi ho dato per capire quanto in basso occorre modulare ad esempio con fuori 0 gradi oppure mancano dati? Perché magari nel mio caso non occorre scendere fino a 1,7kw. Grazie

          Commenta


          • #6
            Anche la caldaia a condensazione trainante 110%, mi sembra strano.


            Dal sito Viessman: Ecobonus 110%: il Superbonus per interventi di efficienza energetica

            Sostituzione di vecchi impianti di riscaldamento in edifici unifamiliari o in abitazioni “indipendenti” (villette a schiera)

            La sostituzione di un vecchio impianto di climatizzazione invernale esistente con un impianto di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria con una caldaia a condensazione almeno in classe A oppure con una pompa di calore (anche in impianto ibrido o geotermico) oppure con impianto di microcogenerazione o collettori solari termici.Nel testo convertito in legge è stata inserita la possibilità, per gli edifici unifamiliari o le villette a schiera, di annoverare tra i trainanti le caldaie a condensazione, a patto che siano in classe A. Il limite di spesa è di 30.000 €. In questa casistica è possibile abbinare anche un impianto fotovoltaico con accumulo.

            Commenta


            • #7
              Quando scaldi con una caldaia il problema non è mai la potenza massima (che si usa solo per fare acs) ma sempre la potenza minima, quindi indipendentemente da tutto più in basso vai e meglio è.
              PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

              Commenta

              Attendi un attimo...
              X
              TOP100-SOLAR