annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Dubbio temperatura mandata/ritorno

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dubbio temperatura mandata/ritorno

    Leggo su diversi post che affinché la caldaia abbia una buona condensazione è necessario avere una T di ritorno <50°C.
    Ma la T di mandata quanto deve essere? Può essere anche lei altrettanto bassa o deve essere superiore?

    Perché con la mia caldaia Immergas Victrix 28kw abbinata al comando remoto modulante riesco a mantenere temperature di mandata/ritorno entrambe entro i 35/45°C utilizando la curva climatica.
    In questo caso però la caldaia rimane praticamente sempre accesa. Tanto la casa disperde, tanto la caldaia scalda.

    Quello che vorrei capire è se in queste condizioni la caldaia lavora bene, con alti rendimenti e buona condensazione.
    Chiedo perché a me non sembra. Se guardo i consumi di metano c'è da prendere un infarto!!!

    Grazie
    Ultima modifica di gun68; 02-01-2021, 19:32.

  • #2
    il consumo della caldaia dipende principalmene da quanto disperde la casa...
    Winter is coming
    https://monitoringpublic.solaredge.c...006#/dashboard

    Commenta


    • #3
      Ok questo mi è chiaro, la mia casa non è coibentata benissimo.
      Ma avere una T di mandata così bassa e simile alla T di ritorno, permette alla caldaia di condensare correttamente? O dovrebbe essere più alta?

      Commenta


      • #4
        Una piccola premessa, la mandata sarà uguale al ritorno solo a caldaia (intesa come bruciatore) spenta!

        A caldaia sempre accesa e a “T ambiente costante” hai la mandata minima possibile e quindi il ritorno più basso possibile (-> maggiore % condensazione). Vero è che per restare accesa hai un consumo di gas, che moltiplicato per le ore di funzionamento danno un totale mai inferiore a 7/8 mc (compreso ACS su bollitore esterno)

        io ho la Victrix 26 plus (no istantanea) + sonda esterna e CAR V2, ne ho provate di combinazioni, ma quando fa freddo quello è il minimo.
        nelle mezze stagioni, complice minimo caldaia troppo grande + radiante mal realizzato (comunque sono solo 3,3 kW) parzializzo con termostato.

        Nel mio caso, 3,3 kWh corrispondono a 0,33 mc di metano x 24 h = circa 8 mc (tu puoi vedere quanto è il tuo minimo di potenza e assorbimento dal manuale).

        Se il calcolino ti torna, sei praticamente al minimo, e come hai detto, tanto disperdi, tanto reintegri.
        In queste condizioni, al controllo fumi, mi hanno misurato un rendimento > del 106%.

        se vuoi consumare meno, la strada maestra (unica...) è ridurre le dispersioni.

        edit: la condensazione dipende solo dal ritorno
        Immergas Victrix 26 Plus & Inox sol 300 (3,7 m2) x 110 m2 - zona E - 2.559 gg
        2,9 kWp SolarWatt Blue 60P (7x260+4x270) su SE 3000 ( Sud -2°, Inclinazione 12°)

        Commenta


        • #5
          Grazie Valimicio, sei stato molto chiaro.
          Il mio consumo giornaliero rilevato sul contatore è di circa 6/7 mc di metano...in effetti speravo meno, ma se mi confermi che in quelle condizioni la caldaia ha quel rendimento, di più non si può fare se non migliorare appunto l'isolamento.

          Non mi è chiaro però come trovare la potenza minima della caldaia.
          Sul manuale ho trovato la "Potenza termica minima (utile)". Se si tratta di quella è di 2,8 kw che corrisponde a 0.3mc/h di metano.
          Per cui in 24h siamo a 7.2 mc e quindi i conti tornerebbero.
          Ultima modifica di gun68; 02-01-2021, 22:53.

          Commenta


          • #6
            Si quella.
            Poi immagino che i fattori che ne influenzano la veridicità dei dati siano tanti (mi sembra che sia scritto che i valori dichiarati valgano con T aria a 15° e con canna fumaria di una certa lunghezza..), ma come hai visto siamo li.

            Tutto questa teoria è valida se la temperatura interna rimane costante.

            Poi noto anche io che ogni tanto sale di qualche decimo di grado o va sotto. In questi momenti arriva troppo calore o troppo poco, ma se tiri la riga a fine giornata il tot non cambia (io attualmente a 0° T esterna con neve viaggio a 8/8,5 mc, compresa ACS)

            Riassumendo, se non ti si alza troppo la Tinterna, i consumi sono quelli. Se paragoni la tabella con i valori di consumo con quelle di altre marche vedrai che non ci si discosta di molto. Se non ci sono errori di impiantistica (o finestre aperte ), la caldaia ti da quello che ti serve.

            Per il discorso dei rendimenti non credo siano uguali, ma sicuramente paragonabili. Guarda questa immagine (indicativa), che collega la temperatura del ritorno con la percentuale di resa della caldaia. Più è basso il ritorno (non importa la mandata, quella serve per stare caldi in casa), più aumenta l'efficienza

            Google Image Result for http://espertocasaclima.com/wp-content/uploads/2018/10/gestione-riscaldamento-caldaia-mandata-ritorno-acs-04-600x461.png
            Immergas Victrix 26 Plus & Inox sol 300 (3,7 m2) x 110 m2 - zona E - 2.559 gg
            2,9 kWp SolarWatt Blue 60P (7x260+4x270) su SE 3000 ( Sud -2°, Inclinazione 12°)

            Commenta


            • #7
              Grazie ancora, finalmente sono riuscito a chiarirmi le idee.

              Oggi voglio verificare i consumi escludendo la modulazione fatta dal CARv2...le condizioni di temperatura esterna sono quelle di ieri, quindi dovrei avere dei risultati abbastanza attendibili.

              Commenta


              • #8
                Come vanno le prove?
                Immergas Victrix 26 Plus & Inox sol 300 (3,7 m2) x 110 m2 - zona E - 2.559 gg
                2,9 kWp SolarWatt Blue 60P (7x260+4x270) su SE 3000 ( Sud -2°, Inclinazione 12°)

                Commenta


                • #9
                  Come dicevo ho provato ad escludere la modulazione del controllo remoto CARv2, quindi usandolo come se fosse un semplice termostato on/off.

                  Chiaramente in questo caso la caldaia durante la giornata ha avuto diverse accensioni/spegnimenti, ma devo dire la verità che dal punto di vista dei consumi giornalieri non ho rilevato differenze rispetto al funzionamento con la modulazione del CAR.
                  Chiaramente le variabili in gioco erano molte, ma in linea di massima il consumo è quello.

                  ​​​​​​​Ora sto pensando a migliorare la coibentazione della casa ma per il momento i test sono terminati....altrimenti ne esco pazzo

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR