caldaia a condensazione o tradizionale ? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

caldaia a condensazione o tradizionale ?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • spider61
    ha risposto
    CITAZIONE (dotting @ 31/1/2008, 10:31)
    Il problema non è nei termosifoni specie quelli in ghisa, che hanno dei condotti belli larghi, ma nel fascio tubiero delle moderne caldaie tradizionali e a condensazione in cui i tubi degli scambiatori hanno diametri molto ridotti.
    Se a fine stagione smonti un termo e lo lavi vedrai cosa ti esce, mi raccomando il liquido che esce macchia terribilmente.

    Avevo inteso male :sick:

    Lascia un commento:


  • dotting
    ha risposto
    Il problema non è nei termosifoni specie quelli in ghisa, che hanno dei condotti belli larghi, ma nel fascio tubiero delle moderne caldaie tradizionali e a condensazione in cui i tubi degli scambiatori hanno diametri molto ridotti.
    Se a fine stagione smonti un termo e lo lavi vedrai cosa ti esce, mi raccomando il liquido che esce macchia terribilmente.

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    CITAZIONE (dotting @ 27/1/2008, 08:38)
    Piccolo appunto le impurità dei termo in ghisa intasano la caldaia a condensazione nello stesso modo in cui intasano una caldaia tradizionale, quindi vanno svuotati e puliti ogni tanto (minimo cinque anni).

    Sicuri di questa cosa <img src=:"> ho in casa impianto a radiatori in ghisa funzionante dal 1969 (quasi 40 anni ) e si scaldano tutti tranquillamente .....

    Lascia un commento:


  • skimans
    ha risposto
    visto che dovrò cambiare caldaia anch'io, quanto costa una nuova caldaia a condensazione ?

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    Nel 2007, non Vi erano "precedenti",
    in quanto era il primo anno che veniva applicata questa cosa.

    Ora, si presume, che le caratteristiche per aver diritto alla detrazione non cambino.

    Poi è vero siamo in Italia e tutto può accadere!!

    Lascia un commento:


  • dotting
    ha risposto
    Lupetto lux70 ha scritto:
    "se non si emanano norme applicative del 55% non so se sarà applicabile quest'anno".
    Dagli retta è così, vale per te e per tutti gli utenti del Forum.
    Se non esce il decreto attuativo non si può detrarre un bel nulla.

    Ricordo che la Finanziaria 2007 e i relativi commi sulla riqualificazione energetica sono diventati operativi solo con il Decreto attuativo uscito il 17 febbraio 2007.

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    è già in finanziaria, la detrazione del 55%,
    pertanto Governo o meno si può detrarre.

    Bye.

    Lascia un commento:


  • lux70
    ha risposto
    ..ed aggiugo: visto la caduta del governo se non si emenano norme applicative del 55% non so se sarà applicabile quest'anno!

    Lascia un commento:


  • dotting
    ha risposto
    Direi che hanno ragione chi ti sconsiglia una caldaia a condensazione.
    C'è un altro motivo non elencato, la caldaia quando condensa produce un liquido di condensazione che deve essere evacuato, quindi occorrono tubazioni speciali ed un allaccio in fogna.

    Piccolo appunto le impurità dei termo in ghisa intasano la caldaia a condensazione nello stesso modo in cui intasano una caldaia tradizionale, quindi vanno svuotati e puliti ogni tanto (minimo cinque anni).

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    L'ospite ha iniziato una discussione caldaia a condensazione o tradizionale ?

    caldaia a condensazione o tradizionale ?

    Debbo sostituire l’attuale caldaia che si irrimediabilmente guastata .

    La mia intenzione era di acquistarne una a condensazione (55 % di detrazione etc. ) , poi alcuni manutentori di caldaie da ma consultati , vista la mia situazione, me lo hanno sconsigliato e a questo punto mi sono venuti dei dubbi che ora esprimo:

    la situazione è questa :
    • è una casa che abito solo nei fine settimana e non tutti
    • è una casa di circa 100 mq degli anni 70
    • l’impianto è stato sostituito nel 2002 , quindi impianto con tubi in rame e termosifoni di ghisa nuovi BIASI

    Le motivazioni di quelli che mi sconsigliano la caldaia a condensazione sono :

    1. la caldaia a condensazione è sconsigliata con i termo in ghisa in quanto le impurità tipiche della ghisa intasano velocemente gli stretti passaggi degli scambiatori
    2. il risparmio che si ottiene con i termosifoni ( altra temperatura) è veramente minimo, considerando che poi è abitata solo saltuariamente…
    3. la caldaia a condensazione è più delicata e quindi stando spenta al freddo e all’umidità per molto tempo può dare più problemi di una caldaia tradizionale.(quella precedente , una SIME, prima di rompersi non si era mai bloccata una volta)
    4. il risparmio del 55% è annullato dal maggior costo della caldaia, dal costo della relazione obbligatoria del termotecnico, e dal costo della obbligatoria sostituzione della attuali valvole con quelle termostatiche.

    È vero comunque che io quando ci vado, ho la necessita di portare la temperatura dell’ambiente da 4 o 5 gradi a 19 20 in poche ore ( con la caldaia precedente ci riuscivo in circa 10 12 ore con comando remoto ) e che quindi debbo tenere la temperatura della caldaia molto alta.

    C’e qualcuno che può darmi un consiglio ?

    Gliene sarei veramente grato.

    Un altro dubbio : ho letto nel forum che le caldaie a condensazione migliori è più costose sono quelle che hanno lo scambiatore dei fumi di alluminio e non di acciaio in quanto più resistenti alla corrosione, io ho trovato delle caldaie a condensazione con lo scambiatore dei fumi di alluminio anche a basso costo tipo la ARCA pixel 31 FC, forse quelle buone debbono essere di un particolate tipo di alluminio ?
Attendi un attimo...
X