annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

PDC+ natural cooling + fotovoltaico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • PDC+ natural cooling + fotovoltaico

    Salve a tutti.
    Abito in provincia di Mantova e da tre anni ho costruito e abito in una casa su tre livelli di circa 350 mq in classe A con pompa di calore geotermica della Veissmann vitocal 242-g con due pozzi da 100 mt aventi doppie sonde distanza tra i pozzi circa 12 mt, natural cooling da 10 kw 5 deumidificatori faral fp451 per il raffrescamento e fotovoltaico da 10,5 kw.
    Chiedo un consiglio se gestire il riscaldamento con termostati per ogni camera o togliere le testine e gestire tutto tramite curve climatiche della PDC, Il mio idraulico mi ha consigliato il secondo ma non ho una temperatura costante in tutte le camere.

    Grazie
    Ultima modifica di matthias; 15-02-2015, 17:22.

  • #2
    parliamo di radiante vero? bilancia bene i circuiti e poi vedrai che la climatica va bene.
    io poi invece che in climatica mi trovo bene a punto fisso ...ma la prima cosa bilanciare impianto con flussostati di circuito e usare t di mandata che non facciano mai intervenire i termostati di zona
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20150216_184110.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 954.3 KB 
ID: 1949311

      Intendi con i flussostati sui collettori (vedi foto)?
      Il mio problema che nella zona giorno vorrei 21 (PT) e zona notte a seconda della richiesta individuale di ogni camera(1P).
      Per fare questo ora mi affido ai termostati che ho in ogni stanza e la pdc fa circa 10 avviamenti al giorno inclusa l' acs.
      Riuscirei a fare lo stesso bilanciando l'impianto coi flussostati? In estate per col raffrescamento dovrei rivedere la taratura giusto?
      Grazie.
      Ultima modifica di matthias; 16-02-2015, 19:31.

      Commenta


      • #4
        Con pazienza potresti bilanciare impinato come vuoi, con T differenziate fra stanze, ovvio che poi puoi solo calarle usando termostato e non alzarle...cio se con tutto aperto una hai previsto che stia a 19....non che lei possa salire a 20 o 21 un certo giorno...invece vero il contrario. Il bilanciamento invernale probabile che vada bene anche in estate, ma in estate si pu tollerare un intervento del termostato pi frequente. I deumidificatore sono Ad espansione diretta con una pdc indipendente? Per cui al radinate vai in free coololing e basta oppure la pdc fa acqua gelida per i deumidificatore e misceli per il radiante?
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          I deumidu che monto sono collegati ai collettori dei pannelli radianti, come puoi vedere anche dalla foto che ho postato il deumido collegato al primo circuito verso sinistra vicino ai termometri http://www.fral.it/schede-tecniche/FP451B.pdf . Per raffrescare, la pompa non funziona, solo natural cooling.
          Bilancindo come dici tu potrei addirittura togliere le testine dai collettori. Dopo per variare la temperatura userei solo la curva climatica.
          Pro e contro invece della gestione con testine e da curva climatica?

          Commenta


          • #6
            se bilanci potresti levarle, per evitare il loro consumo di 3 W..oppure tenerli tutti alti 8aperti) in tal caso se una stanz la vuoi settare sotto, puoi..e poi in estate magari servono.

            Diciamo che s ele testine intervengono troppo spesso e troppe insieme, potresti avere poca acqua in circolo..che in estate non un problema voisto che la pdc ferma e fai solo free..in inverno la pdc potrebbe fare troppi on-off..da vedere. Certo per il comfort, non chiudere mai circuito meglio..hai sempre sensazione di radinate che di scalda corpo..se massetto cala 1 grado, te ne accorgi nelle ossa.

            In pratica via in free sul radnate e la stessa acqua ti raffredda un po l'aria dei deumidifcatori, per evitare che questi ti scaldino ambiente..bello!
            Sono rumorosi?

            In 12 mesi, quanti kwh assorbi con la pdc? e in totale? hai la trifase? 10,5 kw di FV sotto unico contatore? contratto D1?
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              Gli on off della pdc in 24 ore sono 10/12 al max circa secondo te sono troppi?
              In estate testine tutte aperte e l'impianto raffresca 24 su 24, si nei deumido passa l'acqua del radiante e no non sono rumorosi, in questo modo riesco ad avere anche 23/24 al piano terra zona giorno, 26 al 1P zona notte e in mansarda non saprei perch l'ho sempre lasciato spento.

              Tenendo presente che ho 2 contatori, un d2 da 3 kw e un bta3 da 6 kw trifase perch la pompa l'ho voluta trifase, un fotovoltaico da 10,5 kw/h allacciato al contatore bta3 e un piano induzione con 4 piastre,2 frigo e mille apparecchiature mangia corrente (pc sempre acceso, videosorveglianza,nas, ecc.) consumo da bolletta del 2014 5332 kw/h.
              Solo pompa di calore non saprei.
              Unico neo del bta3 sono i costi fissi alti, ho guardato per passare a un unico contatore da 10 kw/h trifase in D1 ma non ne sono ancora convinto e poi bisogna dire che sperimentale quindi tra 2 mesi magari la tolgono e si rimane fregati, almeno questo quello che mi hanno detto.

              Commenta


              • #8
                Ti hano detto male. Se anche la levassero , perch la avuta la lasciano per altri 12 P che anni...no problem. Inoltre dal 2016-17 in pratica va a finire che resta solo la d1 ...comunque per te sarebbe un bel vantaggio...riusciresti ad autoconsumare di pi. Io passerei...i costi fissi sono molto pi bassi del BTA...ti conviene passare anche lasciando il,d2 attivo...io cos ho fatto, ho cambiato btA in d1 e risaprmio 200 euro anno
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  Ah ok. Per gli avviamenti mi sai dire se troppi?

                  Commenta


                  • #10
                    Assolutamente no
                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                    Commenta


                    • #11
                      Quando iniziano a diventare molti ?

                      Commenta


                      • #12
                        quando la pdc si accende per 3 minuti e poi stacca per 3 minuti decisamente troppo....se lavora 30 minuti e stacca 10 minuti ok...se sta nel mezzo, meglio cercare di migliorare, ma si puo tollerare se lo fa per un periodo limitato della stagione.
                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                        Commenta


                        • #13
                          Ho un'altra domanda riguardante l'acqua calda sanitaria, io ho un accumulo di 220 litri a 47 che per noi tre a volte specialmente in inverno non sono sufficienti, per ovviare a questo ho installato uno scaldabagno rinnai a gpl in serie dopo l'accumulo visto anche che a volte quando ho parenti a casa, quindi in totale anche 7 persone, di acqua calda per tutti con solo 220 litri non ne ho. Con la rinnai il problema stato risolto ma volevo valutare altre soluzioni per ovviare al gpl. Pensavo a un boiler elettrico per il preriscaldamento dell'acqua da 1200w per portarla a 30 gradi, ma mi conviene? Di gpl ora spendo circa 70 euro in un anno tra scaldabagno e un piano cottura esterno usato saltuariamente.

                          Commenta


                          • #14
                            Non ti conviene.
                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                            Commenta


                            • #15
                              Ospiti a parte, per soddisfare il bisogno normale di 3 persone cosa potrei fare per avere maggior apporto di acqua calda?

                              Grazie

                              Commenta


                              • #16
                                piuttosto che una caldaia a gpl io avrei comprato un accumulo piu grande o un secondo accumulo da usare in serie al primo.

                                ACS passava prima in uno (A) e poi nel secondo (B). la pdc scaldava entrambi entrando prima in B e poi in A..la sonda la mettevi in B (A saliva ad una T inferiore di B ma faceva da preriscaldo). facevi un bypass manuale per evitare di scaldare A nei periodi in cui non ti serve (no ospiti, estate, etc)
                                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                Commenta


                                • #17
                                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   psn-Vitocal_242-G.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 60.3 KB 
ID: 1949370

                                  Questa la mia pompa di calore geotermica ed essendo un corpo unico col bollitore non avevo scelta per prenderlo pi grosso. Per il secondo accumulo potrei collegarlo in serie, prima dell'altro accumulo come dici tu, ma il problema come scaldarlo, in inverno posso usare il ritorno del radiante ma poi quando spengo il riscaldamento non saprei come fare. Forse inizio a capire perch la 242g ha la predisposizione per il solare.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Non pensavo avessi un monoblocco.. Dovresti mettere mano ai collegamenti che hai nella carteratura....il ritorno dall'accumulo farlo andare ad un accumulo esterno che ti fa da preriscaldo....per fallo se la garanzia gi scaduta.
                                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Per scaldare acs la mia pdc non utilizza una serpentina all'interno dell'accumulo ma tramite una pompa di carico l'acqua viene fatta passare in uno scambiatore e risulterebbe problematica la modifica per un pre accumulo, un po difficile da spiegare ma non fattibile scaldare il pre accumulo con la pompa di carico dell'accumulo principale.

                                      Adesso come impostazioni per acs ho messo 47 l'accumulo con un isteresi di 5 ( a 42 la pdc si accende per la produzione di acqua calda). Sapresti darmi qualche consiglio, del tipo alzare la temperatura e diminuire l'isteresi o viceversa.
                                      Grazie.
                                      Ultima modifica di matthias; 23-02-2015, 18:41.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        isteresi 5 non la abbasserei.per aumentare il quantitativo di acs disponibile, una soluzione montare una miscelatrice in uscita dall'accumulo, che non permetta di andare alla rete co piu di 40 gradi...in tal modo diminuisci le dispersioni nei tubi, che ora che aumenti la T dell'accumulo diventano piu importanti..ed eviti che qualche malandrino usi in modo insensato la calda tutta aperta senza starci sotto (perche sotto 47 non ci si sta) ma senza miscelare...e vedrai che la scorta dura di pi.
                                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                        Commenta


                                        • #21
                                          In merito al D1, ho appena chiamato enel e mi hanno detto che non posso passare il bta3 in D1 avendo anche un D2.
                                          Tu come hai fatto?

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ma che geni... proprio il contrario...se hai un d2 un BTA NON puoi cambiare il d2 in d1 e tenerti il btA....puoi cambiare BTA in d1 oppure unificare in d2 e poi chiedere d1....richiama e parla con un altro operatore e vedrai che sistemi...comunque non stare. A perder tempo con imbranati, se la vuoi fai la domanda vedrai che chi poi deve mettere una firma, le delibere le conosce.
                                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                            Commenta

                                            Attendi un attimo...
                                            X
                                            TOP100-SOLAR