annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Esperienze con PDC KITA-Split S

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Esperienze con PDC KITA-Split S

    Ciao a tutti, c'è qualcuno che ha installato questa macchina e può darmi info su gestione, programmabilità e silenziosità?
    Ciao

  • #2
    Mi associo... Io sto valutando la m splittata... Ma sono indeciso con rotex compact da 11kw

    Commenta


    • #3
      http://www.energeticambiente.it/pomp...asa-nuova.html
      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

      Commenta


      • #4
        Ho letto il topic e ho trovato alcune risposte,positive, alle mie domande; ho un dubbio sulla curva climatica, e modificabile secondo le esigenze o posso solo sceglierne una preimpostata fra una lista disponibile? e se così, questa lista è disponibile alla consultazione prima dell'acquisto?
        Mi spiego, casa mia ha bisogno di poca potenza per scaldare, 2,8 KW, e l'acqua di mandata varia durante la stagione invernale da 23 a 29 gradi

        Commenta


        • #5
          invita manfre e/o massimo a questa discussione...
          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
            invita manfre e/o massimo a questa discussione...
            Manfre l'ho invitato, Massimo non può ricevere più messaggi privati, è pieno, ci sono altri modi?

            Commenta


            • #7
              Eccomi, possessore felice di kita s plus.Per la climatica, si imposta liberamente dal software, si puo scegliere anche la regolazione dinamica ma non ho ancora ben capito il funzionamento, e non e' proprio intuitiva, la climatica invece e' facile :tre temperature esterne e tre relative temperature di mandata, imposti tutto tu.Per la mia minuscola esperienza vista la necessita energetica di casa tua la scelta direi che e' perfetta, io ho la plus ma sarebbe bastata la s, infatti sono spesso al minimo come assorbimento, x la acs invece apprezzo la maggior potenza visti i miei fabbisogni.
              pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

              Commenta


              • #8
                Bene, quindi posso decidere la T di mandata in base a quale T c'è fuori, posso gestire gli orari del riscaldamento e della produzione di ACS e in base a questi orari posso scegliere se andare in modalità normale, magari durante le ore diurne, e in modalità silenziosa durante la notte.
                Per quanto riguarda l'accensione, ha un contatto NO al quale collegare il termostato ambiente o è il display remoto a fare da termostato?
                Scusa le domande banali, ma voglio capire bene....

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da federicocristiano Visualizza il messaggio
                  Per quanto riguarda l'accensione, ha un contatto NO al quale collegare il termostato ambiente o è il display remoto a fare da termostato?
                  Scusa le domande banali, ma voglio capire bene....
                  se vai in climatica è la sonda esterna che dice alla pdc cosa fare, appunto in base alla tempertura rilevata e alla temperatura che tu gli dici di mandare al radiante. Dimentica il termostato e il funzionamento di una caldaia vecchio stile, dovrai fare delle prove per capire come settarla al meglio in base alle tue esigenze. se per esempio gli dici di mandare acqua a 30°C quando fuori ci sono 5 gradi e 35 quando fa -5°C lei si regola di conseguenza indipendentemente da quanto caldo o freddo avrai in casa, a quel punto con un bel termmetro ambiente controlli che temperatura hai e vai a variare in + o in - la climatica. per la gestione delle varie zone io mi regolo con i flussostati manuali, aumentando o diminuendo se voglio una temperatura diversa. ma devo dire che sto tenendo tutto aperto e mi va bene così.
                  pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                  Commenta


                  • #10
                    Peccato, questo vuol dire che quando ho un po' di amici a cena e accendo il forno per l'arrosto e in casa ho 23°, la pdc, con fuori -5°, manderà comunque acqua calda al radiante.
                    Pensavo che ci fosse comunque un sensore interno che fermasse la pdc una volta raggiunte la T richiesta in casa, cioè tenesse conto degli apporti di calore "gratuiti"

                    Commenta


                    • #11
                      Nella Mitshubishi , se porti il pannello operatore in "quella stanza" o se ci porti almeno un teristore..allora la pdc va in climatica MA tiene anche conto della T interna.
                      Penso lo possa fare anche la Kita.
                      Se pensi di avere spesso situazioni simili, in QUELLE stanze metti un termostato e una testina che chiude quel circuito...stara aperto nel 99% del tempo, tranne quelle rare occasioni in cui hai apporti gratuiti non previsti.
                      Se accendi forno e cucini..ho hai ospiti..sarebbe bene però ventilare "di più" ..il che compensa da solo l'eccesso di energia del momento.
                      Ventilare di più con molti ospiti, è insispensabile...

                      Però davvero, tutto si risolve con 2 testine in cucina e sale e stop...roba da poco.
                      Io le ho..e le ho anche in una stanza ospitoi che uso raramente e che quindi tengo a 17 e non a 20...
                      Quindi se hai esigenze "specifiche" di certe stanze, metti li le testine..il resto, sempre aperto ...e lascia la climatica fare la gestione
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                        Nella Mitshubishi , se porti il pannello operatore in "quella stanza" o se ci porti almeno un teristore..allora la pdc va in climatica MA tiene anche conto della T interna.
                        Penso lo possa fare anche la Kita.

                        Però davvero, tutto si risolve con 2 testine in cucina e sale e stop...roba da poco.
                        in effetti servirebbe anche a me chiudere il radiante al pt dove ho la zona giorno, soprattutto quando fuori il sole picchia sulle vetrate che da me sono tutte a sud , ne ho due da 2,4mx2,4m e una da 1,6x2,4m che in effetti danno un apporto notevole in belle giornate come oggi anche se fuori ci sono -2°C. Infatti la temperatura interna che alle 7-8 del mattino è sempre 21°C sale anche a 22,5°C-23°C verso le 11-12 perchè la pdc sente il freddo fuori e continua a mandare al radiante la stessa potenza.
                        pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                        Commenta


                        • #13
                          puoi meterle anche ora..ci sono testine con termostato wifi..se anche chiudi 2 circuito la pdc non si offende...e risparmi un pò di energia...
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • #14
                            Forse ho trovato, tratto dal manuale scaricato sul sito Templari
                            doc1.pdf

                            Commenta


                            • #15
                              beh..se intendevi quello..di certo è sempre possibile..però cosi "tagli" riscaldamento su tutti i locali solo perche in cucina fai la pizza?
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                La pizza è sacra
                                Scherzi a parte, nel mio caso credo proprio che vada bene

                                Commenta


                                • #17
                                  manfre, quando hai tempo potresti dirmi con precisione l'ingombro dell'unità esterna?, magari una foto……

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Sul sito di templari trovi tutto.
                                    pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      letto ora, però, bella grossa....50 cm di profondità, mi sa che al posto di quella che ho ora non ci sta.....

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da federicocristiano Visualizza il messaggio
                                        letto ora, però, bella grossa....50 cm di profondità, mi sa che al posto di quella che ho ora non ci sta.....
                                        Mi accodo alla discussione per chiedere questo a manfre..ho visto che la KITA ha bisogno di parecchio spazio "dietro" (come da foto allegata) Nella tua installazione hai rispettato questo limite?

                                        Per caso sai perché questa distanza (maggiore rispetto a macchine di taglia simile ma di altre marche)?

                                        Magari ci aiuta a capire il perché massimo72..vero?

                                        Grazie mille
                                        File allegati
                                        Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da kurdo Visualizza il messaggio
                                          Mi accodo alla discussione per chiedere questo a manfre..ho visto che la KITA ha bisogno di parecchio spazio "dietro" (come da foto allegata) Nella tua installazione hai rispettato questo limite?

                                          e
                                          a parte la misura C (saranno 60 invece che 80 cm) le altre si, non saprei dirti il perchè dello spazio dietro, ipotizzo per facilitare la manutenzione in caso di lavaggio della batteria?
                                          pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            la batteria deve prendere aria da dietro..se la "chiudi" troppo crea "depressione" e il flusso cala...non solo, ma creando depressione dietro può "aspiarre" aria gelida del davanti, che guarda caso è "in pressione"...creando un cortocircuito del flusso....scambio peggiora..cop cala...

                                            Risponderà Massimo nel dettaglio..penso che se le altre misure sono maggiori..UNA si puo in parte derogare senza grosso danno...
                                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ok..vi ringrazio..aspetto anche il commento di massimo72 ma è evidente da ciò che dice marco che le misure contano!
                                              Io posso metterla solo sul balcone..e dubito di poterla mettere lontano dal muro almeno 80 cm

                                              Che dite? È fattibile?
                                              Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                                              Commenta


                                              • #24
                                                per farla respirare meglio...quando è vicine al muro posteriore..un trucco è magari alzarla 30 cm..cosi puo pescare anche dal basso...
                                                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Bene..grazie..alzarla con delle staffe a parete di una trentina di centimetri non dovrebbe essere un problema!
                                                  Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Chiedo umilmente scusa, sono appena rientrato da impegni esteri e ora devo smaltire una serie di appuntamenti con nuovi distributori veramente importanti.
                                                    Riprendo la risposta che ho dato in un altro forum che riprende l'argomento distanze, potrebbe interessare a tutti anche qui.
                                                    Una rapida risposta, la S non ha bisogno di grandi distanze, chiede meno aria delle altre Kita per cui posso procedere con le modifiche del manuale installazione.
                                                    Riporto la risposta tratta dall'altro forum:
                                                    il posizionamento della unità esterna di una pompa di calore permette lo libero sfogo della fantasia della mente umana, badate bene che non è una caratteristica questa solo italiana, ma in questo tutti i popoli sono uniti.
                                                    Nelle distanze da rispettare chiediamo 100 nella speranza di ottenere 50, e quindi cade a fagiolo il vostro ragionamento e nel fianco che contiene il circuito frigo bisogna prevedere che un giorno, anche se lontano , un povero cristo di manutentore dovrà infilarci la testa senza dover spostare la macchina per eseguire un controllo o una manutenzione.

                                                    Il concetto generale e valido per tutte le pdc aria/acqua è quello che per il buon funzionamento, anzi per ottenere un'ottima resa, le dpc devono avere a disposizione aria... Aria,tanta aria e libera poichè devono prelevare l'energia contenuta nell'aria e trasferirla nell'acqua (dal nome aria/acqua appunto).
                                                    Si usa un ventilatore che costringe il passaggio dell'aria attraverso la batteria di evaporazione, durante questo passaggio l'aria tocca le lamelle fredde e cede la propria energia.
                                                    i ventilatori sono normalmente dei ventilatori assiali, (elevata portata, bassa prevalenza bassi consumi basso rumore)
                                                    bassa prevalenza significa che non "tira" l'aria: Se gli viene fatta una canalizzazione alla macchina, il ventilatore deve vincere la perdita di carico che questa canalizzazione comporta, oppure comunque la canalizzazione sicuramente crea una perdita di portata. La perdita di portata comporta uno minore passaggio d'aria, =minore scambio (tra aria e lamelle della batteria evaporazione) questo costringe una diminuzione di temperatura di evaporazione che comporta una maggiore fatica compressore= maggiore consumo.
                                                    la probabilità quindi di diminuire il COP stagionale con una canalizzazione per sfruttare un vespaio è quindi molto alta.
                                                    (Discorso diverso con i ventilatori centrifughi ma non voglio dilungarmi troppo)
                                                    Altro problema viene dai mc d'aria movimentata, se leggete ogni macchina sposta qualche migliaio di mc d'aria all'ora; quante volte viene cambiata in un'ora l'aria del vs. vespaio? perchè si dovrebbe scaldare quindi questa aria? Perchè c'è una dispersione della casa così forte? Il terreno gratuitamente? magari fosse il terreno, ma purtroppo per togliere qualche KWhdal terreno vedete che bisogna fare delle ampie perforazioni / scavi.
                                                    Il vespaio si raffredda quindi dopo qualche ora, siamo proprio sicuri che convenga avere una temperatura come quella ambiente sotto casa? anche sottozero? sommato alle problematiche di portata del ventilatore direi che questo intervento, non conviene farlo.
                                                    richiestissima anche la cantina e il garage come sito per il posizionamento della unità esterna.
                                                    ricordo che se una macchina da 12 kW con COP 4 per esempio, significa che il compressore consuma 3Kw, ma gli altri 9 per arrivare a 12 la macchina li ciuccia dall'aria... e se l'aria è sempre la stessa il vostro garage o cantina deve cedere questa energia. Di quanto scende la temperatura ogni ora prelevando 9kWh? Potete facilmente calcolarlo in base ai mc del vs garage, e potete immaginare anche che farete ghiaccio, che in breve tempo lavorerete ad una temperatura molto più bassa rispetto alla temperatura esterna.

                                                    Una volta chiarito questo è più facile comprendere perchè non vogliamo avere protezioni e ripari vicino alle macchine.
                                                    La misura in altezza della macchina è elevata per lasciare il vapore acqueo libero di andarsene durante il defrosting.
                                                    delle protezioni come tettoie hanno dato problemi, ma tetti ad 1 metro non ricordo abbiano dato fastidi particolari... Poi ci sono vari modi di interpretare le distanze per il posizionamento unità esterna, ecco per esempio un esempio svizzero:
                                                    www.templari.com/kita-l-split-st-gallen-svizzera/
                                                    da non imitare!!

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Grazie Massimo..ho afferrato il concetto! ????

                                                      Ora ti chiedo questo..ho visto che sei oberato di messaggi privati ma avrei alcune domande da farti riguardo a kita!

                                                      Potresti darmi il tuo indirizzo mail in modo da poterti contattare lì e darti modo di rispondere con più calma quando riesci?

                                                      Sperando che la mia domanda sia lecita e non vada contro le regole del forum.

                                                      Grazie mille

                                                      Marco
                                                      Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Ho liberato la memoria :-)

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Grazie..ho già approfittato!Mi scuso per la tabulazione ma non capisco perché io faccia invio e poi non me lo prenda!
                                                          Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Buongiorno..avrei una domanda per chi possiede o conosce una kita S..esiste una modalità ECO? Che all'occorrenza la renda più silenziosa e più attenta ai consumi?
                                                            Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR