annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pompa di calore - potenza e configurazione impianto

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Pompa di calore - potenza e configurazione impianto

    Buongiorno a tutti,

    vorrei installare una PDC per riscaldamento e acqua calda sanitaria. Purtroppo da ignorante totale in materia, la sola cosa che potevo fare è cercare di informarmi e grazie al Forum ho appreso moltissimo. Spero possiate darmi un aiuto per scegliere la soluzione giusta per le mie esigenze.

    I dati:

    Villetta unifamiliare singola, monopiano rialzato su vespaio aereato, riscaldamento a pannelli radianti a pavimento, completamente elettrica, abitanti:3

    Legge 10:
    Zona climatica E
    Periodo di riscaldamento 183 giorni
    Gradi giorno 2211
    Temperatura minima di progetto: -2°C
    Temperatura interna: 20°C

    Caratteristiche edificio:

    Superficie netta: 155mq (abitazione monopiano)
    Fattore di formaS/V: 0,908
    Altezza media: 2,7m
    Fabbisogno energetico mensile di ACS: [MJ]Qacs = q·p·c·(tacs-ta)·30·f/ng = 1192
    Fabbisogno annuo di energia primaria dell'edificio kWh 9508
    Fabbisogno annuo di energia primaria dell'edificio kWh/mq 61,348

    Al momento c'è un pannello solare che nella relazione per la Legge 10 non era previsto (con un accumulo da 200 litri che andrà tolto) che voglio integrare con la PDC. La relazione del termotecnico ipotizza l'uso di una caldaia a gpl, ma la volontà è quella di avere una casa tutta elettrica, anche se al momento non ho intenzione di installare il fotovoltaico, intendendo sfruttare il pannello solare finché sarà efficiente. Il termotecnico sostiene che una PDC da 8kw è sufficiente.

    Grazie al Forum, come dicevo, sto imparando molto, ma di certo non sono in grado di destreggiarmi fra le possibili soluzioni e configurazioni del mio impianto.
    Quindi confido nel Vostro aiuto, a cominciare dalla potenza della PDC, ossia gli 8kw...saranno davvero sufficienti?
    Non so districarmi fra marche e modelli, al momento ho però chiari alcuni punti: meglio una inverter, anche se in casa l'estate si sta benissimo e mi occorre una PDC per il solo riscaldamento invernale e non anche per condizionamento estivo.
    Inoltre se non ho capito male, mi occorrerà un accumulo da 300 - 500 litri per l'ACS, mentre il pannello radiante non dovrà passare per l'accumulo ma sarà collegato direttamente alla PDC.
    Correggetemi se ho scritto qualche sciocchezza
    Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500


  • #2
    Ciao, non hai scritto sciocchezze ma il tuo termotecnico ne ha sparata una grossa. " La relazione del termotecnico ipotizza l'uso di una caldaia a gpl,"
    Molla tutto, chiudi e salutalo. Scrivi o senti con umbeone (nome del forum) che ha già più di un impianto in sola pompa realizzato.

    Commenta


    • #3
      Grazie infinite, seguirò il tuo consiglio
      Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500

      Commenta


      • #4
        Giottina

        GPL per carità...
        Anche senza FV la pdc è la scelta piu sensata per te.

        Se hai un pannello solare gia piazzato..metti un accumulo PIPE IN TANK da 500 litri di tipo solare, che sarà poi scaldato dalla pdc qualora, a metà pomeriggio, il sole non sia riuscito a portarlo a T di set.
        Metti una pdc che faccia anche freddo...non si sa mai..anzi..se stai ristrutturando, io i tubi per qualche fancoil lo metterei..non si sa mai...

        Metti piano iduzione per cucinare...e predisponi le canaline per un buon FV per gli anni a venire...che quello appena puoi, è il miglior investimento che puoi fare.
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          Grazie infinite per avermi risposto.
          La casa è stata costruita una decina d'anni fa. E' già presente l'impianto di condizionamento ma onestamente finora non c'è mai stato bisogno di raffrescare la casa in estate.
          L'accumulo per ACS in alcuni preventivi è previsto da 300 litri, in altri da 500, non so cosa sia meglio ma da ciò che leggo, è preferibile orientarsi su un accumulo più capiente, o sbaglio?
          Noto che alcune Case non producono accumuli, per esempio Samsung (io veramente fino a qualche giorno fa non sapevo nemmeno producessero PDC). Dovrei quindi avere una PDC della marca x e interfacciarla con un accumulo della marca y a sua volta collegata al pannello solare marca k. Meglio le soluzioni con PDC e unità interna della stessa Casa?
          Altro dubbio atroce: nella mia zona ci sono centri di assistenza vicini per alcune Case, un po' più lontani per altre - nel raggio di 80 km - e lontanissimi per altre ancora...nella scelta della PDC quanto devo tenere in considerazione questo dato? So che se avessi optato per una caldaia a combustibile, avere vicino un centro assistenza valido sarebbe stato fondamentale; è lo stesso per la pdc o posso stare relativamente più tranquilla, vista la manutenzione in genere meno impegnativa?
          Scusatemi se faccio domande insensate: ho letto tutti gli argomenti del Forum inerenti l'argomento e anche preso notizie in rete, ma è un tema a me decisamente nuovo e faccio fatica a districarmi fra le varie informazioni apprese.

          PS: forno elettrico e piastre ad induzione già installati
          Ultima modifica di Giottina; 27-05-2016, 17:36.
          Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500

          Commenta


          • #6
            se non costa troppo in più comunque prendi PDC reversibile, anche se hai gia aria condizionata separata.

            per ACS come detto tipo PIPE IN TANK (cerca cosa sono) e non meno di 500 lt
            non serve che sia della marca della pdc..un accumulo è un pezzo di ferro...

            Avere un centro assistenza entro 100 km è sempre meglio...sgrat sgratt
            Ultima modifica di marcober; 28-05-2016, 08:20.
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              A giorni dovrei avere anche altri preventivi. Comincio ad avere chiaro quali siano le marche virtualmente migliori ma ho capito che conta altrettanto come sarà configurato ed installato l'impianto. Quali sono gli errori da evitare assolutamente? Al momento ho capito che non serve nessun accumulo per l'impianto radiante e che un serbatoio più capiente per ACS è preferibile ad uno sotto i 500 litri. Preferirò le PDC in grado di fare anche raffrescamento, ma mi chiedo se sia possibile collegarle poi al mio impianto, un classico impianto per pdc aria\aria e multisplit all'interno.
              A giorni arriveranno altri preventivi. La prima scrematura la farò in base alla tipologia del prodotto offerto, ad esempio serbatoi troppo piccoli o PDC on\off piuttosto che inverter. Ma mi fermo qui, oltre non so discernere. Avrò bisogno di aiuto....
              Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500

              Commenta


              • #8
                Il pannello solare quanto è grande?
                PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                Commenta


                • #9
                  E' un Sonnenkraft Compact SK 500N (2,079 X 1,279 m.)
                  Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500

                  Commenta


                  • #10
                    Con meno di 2.5 mq il contributo non sarà altissimo, quindi diventa importante contenere al massimo le dispersioni del sistema. Da questo punto di vista mettere un accumulo più grande potrebbe peggiorare le cose.

                    L'accumulo da 200 litri perché lo butti? Se non è una ciofeca potresti usare quello esclusivamente sul solare, mettendo un altro accumulo da 300 litri in serie, a valle. In questo modo faresti sempre 500 totali con buon preriscaldo estivo, e solare a dare sempre quello che può.
                    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                    Commenta


                    • #11
                      Giottina, non potrai collegare la nuova PDC ai vecchi split....tuttavia se il costo di prenderla reversibile non è eccessivo..prendila ...se un domani si guasta impianto a split, puoi decidere di non rimpiazzarlo, ma di usare il radiante per raffrescare, mettendo solo uno split per deumidificare nel corridoio di casa o nell'ambiente più grande...insomma, oggi non ti serve, ma domani magari si.Quando hai individuato marca e modello, fatti fare uno schema di collegamento e postalo.
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        @sergio&teresa:
                        E' una possibilità. In estate la PDC la vorrei però proprio spegnere: è possibile? Al momento - già adesso - c'è acqua calda più che sufficiente per tutta la famiglia con il solo solare termico e si va avanti senza problemi fino a settembre inoltrato. Insomma, per tutto il tempo in cui il riscaldamento non serve, vado avanti benissimo col solo pannello solare.

                        Nota sugli ingombri. Sto confrontando le distanze libere da osservare attorno agli apparecchi esterni e fra Kita S\S Plus e Beretta Hydronic 8 LE ad esempio, la differenza fra le distanze minime è altissima. Non capisco perché, ma sono comunque parametri da tenere in considerazione.

                        @marcober:
                        hai ragione, infatti credo che installerò una reversibile. Devo però controllare se il pannello radiante è a sua volta predisposto per il raffrescamento, non ne sono certa.

                        Certamente inserirò lo schema di collegamento e - in futuro - tutti i dati di funzionamento
                        Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500

                        Commenta


                        • #13
                          Non sono poi tassativi...basta assicurare un buon ricambio aria ..e sopratutto evitare che la stessa PDC possa ripescare la sua aria..e poi va un po' bene tutto.fra le 2 che citi , meglio la Kita.Se col pannello di oggi sei indipendente tuta estate, meglio seguire consiglio di Sergio...metti un secondo accumulo per la PDC , da 300 lt, per l'inverno....e in inverno fai passare acqua dell'accumulo solare preriscaldata , dentro il secondo.
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • #14
                            Ah, meno male: ero già partita con cordella metrica e taccuino!

                            L'accumulo da 500 litri indubbiamente occupa meno spazio di due apparecchi più piccoli affiancati, anche se liberarmi di un accumulo da 200 litri, nuovo come appena tolto dalla scatola, un po' mi rompe. Se sostituisco il boiler attuale con uno da 500 litri, la PDC lavorerà anche in estate o pensate che il pannello sia comunque sufficiente a produrre ACS senza far entrare in funzione la PDC?

                            Il problema della Kita, se così si può dire, è che ho il centro assistenza a 70 km. Ma ammetto di essere tentata. Molto tentata...in quel caso meglio una S o una S Plus (sempre da 8 kw)?
                            Monoblocco o Split?
                            (...quante domande...)
                            Ultima modifica di Giottina; 28-05-2016, 09:55.
                            Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500

                            Commenta


                            • #15
                              accumulo singolo o doppio?
                              Io la vedo cosi.
                              Col singolo da 500 e 1 pannello farai magari piu fatica a raggiungere in tempi rapidi T elevate (che non necessitano di integrazione della pdc), ma una volta a regime..se prelevi meno energia di quella che il pannello iesce a mettere nel puffer..giorno per giorno la T dell'accumulo salirà...e in caso di 1 giorno di pioggia avrai piu scorta.
                              Se ne metti 2..con meno ore di sole avrai una (piu piccola) scorta che arriva gia a T idonea per uso,senza che pdc debba integrare.
                              MA se abche deve integrare, in ogni caso la quantita di energia 8e dirisaprmio) che il pannello slare avra fornito sarà analoga..ANZI, avendo lì'accumulo piu grande una T media piu bassa, il solate termico raccoglierà piu energia di quanto farebbe su un accumulo piu piccolo, che arrivando a T piu elevate, poi si ferma prima di produrre.
                              Quindi con accumulo piu grande il pannello produrrà piu energia...anche se magari dovrai far intervenirepiu speso la pdc, ma per fare un delta minore.
                              Con accumulo piu piccolo, avrai piu spesso il solare che arirva a T piu alte da solo..ma ti capitera spesso di svuotare l'accumulo e la pdc dovra riscaldarselo da solo (oppure se piove, dovra certo subito integarre la pdc con pmaggior energia)

                              Inoltre 2 accumuli piccoli disperdono più di 1 grande.


                              Morale, meglio averne 2, ma il delta efficienza non penso sia poi elevato...MA dal punto di vista investimento ci sarà una bella differenza:
                              a) investire in una ccumulo PITda 500 con serpentino solare
                              b) investire solo in un PIT da 300 non solare.
                              Potrebebro ballere diversi soldi...s esono pochi, io meterei il 500

                              pe r a pdc..io predilligo le splittate..ma ovvio, in inverno avranno un ceto consumo per evitare che, nele ore in cui sono spente, l'acqua dei tubi di adduzione possa ghiacciare. S euno però usa la pdc h24, questo non succde mai.
                              Bisogna vedere anche il delta costo..se rilevante, non ne farei una malattia.

                              Per te mi pare ok la meno potente
                              70 km di distanza non mi pare un problema pe ril CAT...in teoria non serva mai..
                              Invece installatore è su piazza, giusto?
                              Ultima modifica di marcober; 28-05-2016, 12:12.
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR