Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Come funzionano gli sbrinamenti..

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da LordofHome Visualizza il messaggio

    Intendo dire che se il punto di rugiada è a -8 e la mia pdc fa un defrost ogni 25min dovrei trovare ghiaccio sull'unità esterna (in teoria, se non ho capito male la pdc fa un defrost 25min perché rileva che lo scambiatore esterno è a -12 giusto?)...
    Giustissimo... ma considera che l'umidita puo variare di moltissimo spontandosi d poche centinaia di metri.. quindi il dato di un centro meteo potrebbe essere errato.

    Ma tu usi emoncms.org come sistema di monitoraggio ?
    Se usi quello ( locale o remoto, non importa ) posso farti io uno scatolotto che metti fuori in zona unita esterna e questo ti invia il dato di temperatura e umidita al server emoncms via wifi..

    Con emoncms poi puoi anche ricavare il dew point, oltre che queste 2 misure..

    F.
    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
    Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

    Commenta


    • Originariamente inviato da fcattaneo Visualizza il messaggio
      Guarda che poi Emiliano ti smentisce come sempre... Lui stesso piu volte ha dichiarato che non riesce a capire bene cosa succede al calore nel Sanicube, sia con ritorno inferiore a 25 che superiore a 25.
      e io smentisco te..vedi quando dici che lo SCOP non ha una Norma..che dipende dal "buon cuore del costruttore"..che non è un calcolo integrato...e mi vieni a dire che ne capisci? mah...

      io ho visto che sul suo blog Emiliano ha pubblicato il grafico di quello che succede..definitivo dice....



      Sino al minuto 2,45 al radiante non va nulla..poi fira la 4 vie , compressore riprende a fare caldo verso scambiatore e IN CONTEMPORANEA inizia a chiudersi la BPV.
      insomma..durante sbrinamento NON sostiene "na mazza"..e quando ricomincia a "pompare caldo" , inizialmente si "autosotiene" pescando un po dal ritorno, ma lo fa quando allo scambiatore NON arriva piu gas freddo a m 2,45 in poi.

      ma soprattutto, non serve a nulla tutto sto ragionamento che fai..il discorso del cop NETTO riguarda il fatto che NON defalchi energia che us per sbrinare da quella Prodotta..se tale energia la accumuli nel radinate, o nell'accumulo, che la usi durante l defrost, o dopo il defrost...non cambia di una virgola.
      Il discorso è...nei test COP e SCOP sefalcano energai che TUTTE le pdc devono riprendersi indietro epr funzionare?
      La risposta è NO..non la misurano.
      Per cui se una pdc ogni 3 minuti invertisse ciclo per riscaldare un attimo evaporatore..avrebbe COP fantastico ..ma non riuscirebbe a produrre manco 1 kwh di energia utile (discroso estremizzato delo sbrinamwento ogni 25m)
      E ripeto..vale per Misthu, Kita rote x ..vale se hai accumulo o non ce l'hai..dipende solo da come contabilizzi..e purtroppo contabilizzano solo in un senso..e non anche nell'altro ( prelevo per sbrinare).
      Da Certificato (e da tue misure on line) o sbrinamento incide sul COP solo in quanto il compressore consuma in fase in cui non produce en utile..ma nessuno misura quanta energia utile "precedente" t stai rimangiando al fine di aveer un cop migliore dal minuto successivo in poi (salvo Fabioe)

      Questo fa si che un controllino Lord in effetti è meglio che lo faccia .

      Di tutti i discorsi che ho fatto al telefono ho capito che SOLO IN QUESTO ULTIMO PUNTO avevo torto
      Alla buon ora!!

      l'alternativa è sbrinare quando c'e' sicuramente ghaccio ma è una scelta che il piu delle volte è peggiore per il COP e anche per la portata termica garantibile che è un altro dato fondamentale.
      Dici...davanti a tale eventualità un possessore dice

      Tornando seri, a pari temperatura esterna, nelle rare giornate in cui ho sperimentato defrost "ogni ora" la sensazione evidente è che la temperatura in casa salga molto più lentamente del solito..figuriamoci con i defrost a 25 minuti! Praticamente scaldare casa diventa l'obbiettivo secondario della pdc, tra un gelato e l'altro (veri o presunti) e i vari cicli ACS!
      E dopo intervento tecnico un latro possessore dice

      Sottolineo comunque che con quei tempi la batteria, prima di defrostare , risulta impachettata x bene, lo spazio tra le lamlle quasi o toralmente ostruito dal ghiaccio
      Se fosse vero quel che dici tu (defrosatre a secco è una stretegia voluta)..allora glui hanno sbagliato intervento

      Un altro ancora dice

      anche la mia in presenza di umidità "normale" si impacca x bene e fa defrost con tempistiche più normali perchè vedo la Testerna sopra i 2/3°.,,,,, mentre con cicli di 25min alla fine è un continuo on/off che è controproducente in quanto la macchina fa fatica a recuperare una Tmandata
      A me pare che , come finalmente concordi, ci siano problemi tecnici da risolvere su molte macchine installate (e prendere in giro i possessori dicendo che devono montare le finestre ..non è carino)..e risolto il problema la TEORIA delo sbrinamento preventivo svanisce..come GHIACCIO AL SOLE..e quindi mi pare che sia uan tua invenzione..nata per giustificare un malfunzionamento , che ora che i tecnici sono in giro a risolvere, non è piu negabile.
      Se questo vuol dire saperne molto...mi felicito.
      Ultima modifica di marcober; 16-01-2017, 16:15.
      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

      Commenta


      • Evidentemente quel post di Emiliano è vecchio e non contempla i nuovi riscontri che lui stesso sta facendo alla luce della possiblita di registrare i dati in real time... non puoi pretendere che aggiorni il blog in tempo reale..

        Se tu hai capito che il sistema Daikin evita al 100 % la possibilita che si formi ghiaccio sulla batteria significa o che non capisci una beata mazza di quello che dico o che ti mancano le basi x capire.

        Se si forma ghiaccio in meno di 25 minuti la macchina comuque NON sbrina se non dopo 25 minuti.... E' CHIARO!!! o stai provocandomi.

        Chiedo.. esiste uno .. dico un altra persona che ha capito che il sistema Daikin evita TOTALMENTE e SEMPRE la brina sulla macchina ?

        Qualcun altro puo gentilmnte confermare che da quello che ho scritto pare che il sistema Daikin evita al 100% la brina sulla batteria?


        IL sistema Daikin ( lo dico forse x la 20esima volta... ) usando un metodo statistico fa si che la macchina non possa funzionare PER MOLTO tempo con la batteria in parte o quasi totalmente impaccata.

        Essa sbrina dopo 25 minuti leggendo la T sullo scambiatore e NON la pressione del gas che sarebbe un metodo deterministco ( cioè cheinterviene SICURAMENTE quando c'e' brina ).

        Il caso dell'amico con la Zubadan... dopo 10 miuti dall'ultimo sbrinamento ha la batteria coperta di ghiaccio.. ma la macchina va avanti ( legge le pressioni di gas e si accorge solo quando questa crolla che è ora di sbrinare ) cosi sbrina dopo 45 minuti... cioe' lavora per 35 minuti con la batteria ghiacciata.

        Stesso caso ipotetico con Compact... si ghiaccia dopo 10 minuti ma la macchina non lo sa... e sbrina dopo altri 15 minuti ( tot 25 min ).

        HAI CAPITO !!!! Daikin lavora a bassa efficienza x 15 minuti, Zubagranita x 35...

        Lo devo dire ancora????

        Daikin NON HA MODO DI SAPERE SE C'E BRINA O MENO... USA UN DATO STATISTICO.

        Mitsubishi misura le pressioni e quindi interviene SOLO se c'e' brina davvero...

        Quale è meglio ?

        Se c'e' clima arido e freddissimo Mitsubishi, se c'e' clima anche freddo e umido, sicuramente Daikin.

        E' chiaro ?

        L'ho detto solo x la 20esima volta!!!!!!
        Ultima modifica di fcattaneo; 16-01-2017, 16:35.
        Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
        Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

        Commenta


        • Originariamente inviato da fcattaneo Visualizza il messaggio

          IL sistema Daikin ( lo dico forse x la 20esima volta... ) usando un metodo statistico fa si che la macchina non possa funzionare PER MOLTO tempo con la batteria in parte o quasi totalmente impaccata.!
          Rotex HPSU Compact: come funziona lo sbrinamento ? | La mia Casa Elettrica

          ti metto un link di una pagina su internet dove ho trovato una sbrinamento di una Rotex Compact..che fortuna!

          Potrai vedere che al minuto 3.30 RIPARTE dopo sbrinamento ..che dopo 120 SECONDI ( al minuto 5.30) si vedono gia i primi segni di brina..e al minuto 16.30 (13 m dopo) è piu o meno a metà strada fra quando deve sbrinare e tutta pulita..morale..se ci sono condizioni di brina..lavora 23 minuti su 25 formando ghiaccio.
          CHE E' LA COSA GIUSTA, bada bene..che significa che sta tirando fuori energia gratis..e fa quello che fanno tutte le pdc..solo che tu devi dire che RoteX do it better..e ti inventi che sbrinano "statisticamente" (ma che vuol dire?) e che per questo lavorano più pulite.

          Se ci sono le cndizioni arrivano cosi..e i messaggi che ti ho postato parlano di "impaccata per bene".



          Le Rotex sbrinano fra 25 e 2 ore..avendo probabilmente scambiatore piccolo in rapporto alla potenza saranno stati un po dalla parte della ragione..ma non modificano lo spazio-tempo fisico del giardino in cui si trovano e le relative leggi della Fisica..se ci sono condizione per fare ghiaccio, lo fanno a partire da 120 secondi ..anzi..con T sopra 3 gradi Iris dice che sbrina con MOLTO ghiaccio, però tira dritto con intervalli far 1 e 2 ore..piu o meno come vedo sbrinare la mia quando ci sono situazioni di brina.

          Tu hai interpretato un malfunzionamento (sbrino 25 m senza senso) per inventarti un approccio Daikin allo sbrino che non esiste...se imbarcano ghiaccio a t appena sopra zero, tirano le 2 ore..caso mai LI dovrebbero allora sbrinare ogni 25..e poi tirare 2 ore quando è molto freddo (=molto secco). Ma ripeto, NON era una logica cercata..la logica è...se imbarco ghiaccio la T evap scende in basso e allora sbrino, se imbarco velocemente anche ogni 25..ma SE non imbarco (e T evap non scende troppo) NON sbrino ..di certo non sbrino "per precauzione" con frequenza elevata (= malfunzionamento di Lord).
          poi magari ci sono pdc che invece di 2 ore sbrinano ogni 3? magari si..ma non stiamo parlando di quello..ma del problema che ha Lord e che spera di risolvere col tecnico.

          Essa sbrina dopo 25 minuti leggendo la T sullo scambiatore e NON la pressione del gas che sarebbe un metodo deterministco ( cioè cheinterviene SICURAMENTE quando c'e' brina ).
          guarda che se non sbaglio.. una delle due T (o Te o Tb) era una lettura "dedotta" dalla "bassa pressione"..in ogni caso ad ogni T corrisponde UNA ed UNICA P..per cui, che cambia se leggi P o T?

          HAI CAPITO !!!! Daikin lavora a bassa efficienza x 15 minuti, Zubagranita x 35..
          no perche la Zuba ogni tot secondi "alza il piede" dall'evaporatore..che si sbrina legegrmente..e poi torna come prima (intasato ma non ocluso) in altri 3-4 minuti..e rifa tale cosa piu e piu volte..e solo dopo reiterati cicli gas injection arrva a sbrinare.
          Al contrario la COmpact di Iris rimessa a posto dal tecnico ..lavora fra 1 e 2 ore "impaccata per bene"..oh , parole sue eh! ..e dunque in media 80 minuti cn ghiaccio?
          Si..ma se lo fa è perche è bene farlo! significa che NON è abbastanza intasata per avere 3 m di T evap TALMENTE BASSA da far scattare sbrino immediato..significa che è ghiacciata MA ancora scambia..e giustamente continua.

          Altre testimonianza Rotex

          Oggi, con temperature tra -0,5 e -1 °C e temperatura di rugiada tra -0,8 e -1,4 °C, la frequenza di defrost è di circa ogni 45 min ... Ha sempre fatto il defrost con la batteria con brina ben presente (nelle fasce più brinate le lamelle erano chiuse).
          Ora la temperatura è a 0°C, con temperatura di rugiada a -0,8°C, e appena dopo il defrost si sono formate le fasce bianche

          A me sembrano descrizioni che ricalcano la mia...non vedo un sistema STATISTUICO miracoloso.



          Daikin NON HA MODO DI SAPERE SE C'E BRINA O MENO... USA UN DATO STATISTICO
          Ti do una News..NEMMENO LE ALTRE!! Nemmeno se usi l'equivalente e corrispondente parametro della Pressione bassa al posto della T evap.
          Fra 2 pdc potra cambiare il tempo del timer o al T di set evap..ma non è che una usa un metodo STATISTICO e una STOCASTICO...usano stesse misure e stesso metodo, cambiano di qualche grado e minuto i parametri (di certo nella mia Zuba la T è modificabile da Switch..magari solo questo cambia le cose fra un clima secco Nord Europa e uno Umido Nord Italia)
          Ultima modifica di marcober; 16-01-2017, 19:09.
          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

          Commenta


          • Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
            e io smentisco te..vedi quando dici che lo SCOP non ha una Norma..che dipende dal "buon cuore del costruttore"..che non è un calcolo integrato...e mi vieni a dire che ne capisci? mah...

            io ho visto che sul suo blog Emiliano ha pubblicato il grafico di quello che succede..definitivo dice....



            Sino al minuto 2,45 al radiante non va nulla..poi fira la 4 vie , compressore riprende a fare caldo verso scambiatore e IN CONTEMPORANEA inizia a chiudersi la BPV.
            insomma..durante sbrinamento NON sostiene "na mazza"..e quando ricomincia a "pompare caldo" , inizialmente si "autosotiene" pescando un po dal ritorno, ma lo fa quando allo scambiatore NON arriva piu gas freddo a m 2,45 in poi.
            Viste le citazioni a sproposito del sottoscritto per il proprio uso o consumo ho aggiunto questo pezzo all'articolo:

            "Un punto di attenzione importante: quella riportata sopra e' l'insieme di due rilevazioni puntuali di funzionamento e non può essere considerata come il comportamento in generale ed in tutti i casi.
            La logica e' alquanto sofisticata e comandata dal software della HPSU !


            Un punto molto discusso in alcuni forum e' sulla sorgente di calore utilizzata per fare lo sbrinamento: ci potrebbero essere delle condizioni in cui il calore non venga prelevato integralmente dall'accumulo ma anche accedendo al pavimento radiante. Purtroppo non ho evidenze sperimentali a supporto."

            E' evidente nel caso riportato che ci fosse la resistenza in integrazione al riscaldamento già attiva prima dello sbrinamento: direi che il comportamento fine non e' generalizzabile in modo alcuno.

            Lo potremo osservare in modo non confuntabile solo quando sara' pronto il monitoraggio fine della HPSU.

            Commenta


            • Io per quanto riguarda gli sbrinamenti ho visto che se il ritorno sta a 25,5 o anche a temperature superiori, la valvola BPV non apre mai mentre la valvola posmix apre fino ad un 55%.

              Sotto i 25° apre sia BIV che posmix

              Ps le foto dell'unità esterna da me riportate mostrano l'unità come mi aspetto che sia quando fa defrost. In quel caso (la foto rende meno) non era così super inpaccata (lo era in alcune fasce ma non su tutto il pacco allettato). Posso garantire che fino a qualche minuto prima del defrost il COP istantaneo rilevato era il medesimo (circa) di quello rilevato 15-20min prima.

              riguardante sempre quella foto vi è da dire che, come già scritto, è stata fatta pochi istanti prima dell'inizio del ciclo di defrost. Con mandata a 32, PDC a manetta (un'ora prima avevo mandata a 28)...la pdc ha fatto 45min di funzionamento prima di brinare. Con mandata a 28 non usciva dai 25min nonostante il minor carico e la minor brina.

              La mia ha dei problemi punto.
              Ultima modifica di LordofHome; 16-01-2017, 19:51.

              Commenta


              • Originariamente inviato da LordofHome Visualizza il messaggio
                Io per quanto riguarda gli sbrinamenti ho visto che se il ritorno sta a 25,5 o anche a temperature superiori, la valvola BPV non apre mai mentre la valvola posticipo apre fino ad un 55%.

                Sotto i 25° apre sia BIV che posmix
                Quindi hai dimostrato che la HPSU può prelevare calore per lo sbrinamento sia da radiante che da accumulo.

                Probabilmente ragiona su energia necessaria, temperature a disposizione dalle fonti calde e tempo di sbrinamento.

                Ma un documento così accurato non ce lo avremo mai.

                C'è solo da confidare in San Zanac e Poste Italiane.

                Commenta


                • Originariamente inviato da EmilianoM Visualizza il messaggio
                  Quindi hai dimostrato che la HPSU può prelevare calore per lo sbrinamento sia da radiante che da accumulo.

                  Probabilmente ragiona su energia necessaria, temperature a disposizione dalle fonti calde e tempo di sbrinamento.

                  Ma un documento così accurato non ce lo avremo mai.

                  C'è solo da confidare in San Zanac e Poste Italiane.
                  Confermo! Da me sopra i 25° non apre praticamente mai (almeno io non l'ho mai vista aprirsi) la valvola BPV.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da LordofHome Visualizza il messaggio
                    Confermo! Da me sopra i 25° non apre praticamente mai (almeno io non l'ho mai vista aprirsi) la valvola BPV.
                    Hai confermato (è spiegato meglio) il documento Rotex recuperato da fcattaneo.

                    Per gli ultrascettici ad oltranza potresti fare un video di fronte alla HPSU.

                    Commenta


                    • Aspetto già ripetuto più volte. Per il filmato vedo di farne uno quando mi capita di beccare un defrost con ritorno alto. (quando mando a 30-31° e quindi ho ritorno più alti, i defrost si fanno decisamente più remoti e, salvo arrivare giusto, rischio di dover star lì un'ora ad aspettare i comodi della macchina).

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da fcattaneo Visualizza il messaggio
                        Giustissimo... ma considera che l'umidita puo variare di moltissimo spontandosi d poche centinaia di metri.. quindi il dato di un centro meteo potrebbe essere errato.

                        Ma tu usi emoncms.org come sistema di monitoraggio ?
                        Se usi quello ( locale o remoto, non importa ) posso farti io uno scatolotto che metti fuori in zona unita esterna e questo ti invia il dato di temperatura e umidita al server emoncms via wifi..

                        Con emoncms poi puoi anche ricavare il dew point, oltre che queste 2 misure..

                        F.
                        Ho emonPI e 4 emonTH. Quest'ultimi però hanno a mio avviso una scarsa affidabilità nel misurare l'umidità. Molto più preciso il rilevamento della temperatura.
                        Magari acquisterò un sensore digitale con cui poter cercare di tarare la lettura dell'umidità.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da LordofHome Visualizza il messaggio

                          Ho emonPI e 4 emonTH. Quest'ultimi però hanno a mio avviso una scarsa affidabilità nel misurare l'umidità.
                          Dipende dal sensore che usano.
                          Se usano il DHT11 sono poco precise , mentre se usano il DHT22 dovrebbero essere molto precise anche sull'umidita'.

                          Il mio progetto usa DHT22.

                          Se usi emonPI significa che hai Emoncms in locale ?
                          Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                          Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da EmilianoM Visualizza il messaggio

                            Lo potremo osservare in modo non confuntabile solo quando sara' pronto il monitoraggio fine della HPSU.
                            Appunto.. oggi ho avuto la conferma dal tecnico, tuttavia questa cosa l'ho capita porprio guardando i log del tipo che grabba i dati della sua Compact durante gli sbrinamenti.

                            Anche con TR sotto i 25 manda calore dell'accumulo all'impianto radiante, solo che una parte viene ricircolata sul ritorno. ( entrambe le valvole sono in modulazione ).
                            Sopra i 25 invece modula solo la valvola DHW ( quella sotto ) che svolge la funzione di continuos heating.

                            ..altra cosa... il tecnico mi ha detto la questione dei 35 gradi...
                            In pratica la funzione continuos heating funziona SOLO se la mandata all'impianto è inferiore ai 35 gradi ( quindi è una funzioone che riguarda solo gli impianti in BT ).

                            F.
                            Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                            Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da fcattaneo Visualizza il messaggio
                              Dipende dal sensore che usano.
                              Se usano il DHT11 sono poco precise , mentre se usano il DHT22 dovrebbero essere molto precise anche sull'umidita'.

                              Il mio progetto usa DHT22.

                              Se usi emonPI significa che hai Emoncms in locale ?
                              Si uso Emoncms in locale con EmonPi e controllo continuo della tensione per il calcolo corretto della corrente assorbita.

                              3 emonTH usano le, sulla carta meno precise, DHT22. Ne ho messo una per piano. Una base EmonTH invece usa i nuovo, in teoria più preciso, sensore Si7021.
                              Ultima modifica di LordofHome; 16-01-2017, 21:20.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da LordofHome Visualizza il messaggio
                                Condivido questo link che rimanda ad una stazione meteo situata ad circa 3km da casa mia. Riporta i grafici e andamento della temperatura esterna, umidità, vento, precipitazioni e determina anche il valore di punto di rugiada. Valore che posso garantire non essere QUASI mai sceso sotto i -12.
                                Con tutto il rispetto, non credo che tu stia a guardare tutto il tempo quel sito, e non mi pare archivi dati storici del punti di rugiada, e nemmeno dell'umidità. quindi non so come fai a "garantire". Ad esempio già oggi a -12 ci è andata vicino, come vedi dalla jpg scaricata e qui postata, con umidità in quel momento intorno al 50% e T esterna di -2. Facile che con T un po' più basse si vada ben sotto....

                                chart.jpeg

                                Suggerisco perciò di fare le verifiche volta per volta.... se si osserva un comportamento si dice quali sono le condizioni in quel momento.

                                Questo se frega a qualcuno, ovviamente.
                                PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X
                                TOP100-SOLAR