annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Confronto PdC Buderus e Rotex

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Confronto PdC Buderus e Rotex

    Buongiorno sono nuova del forum ma leggo da un po’ di tempo il forum ed ora avrei bisogno di un consiglio.
    Stiamo costruendo casa in zona climatica E. La casa ha una superficie netta di 92 m2 con altezza 2,7m.
    Nel progetto del termotecnico ho trovato i seguenti valori:

    56,5 kWh/(m2anno) ? Indice di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale dell’edificio
    9,06 kWh/(m2anno) ? Indice di prestazione termica utile per la climatizzazione estiva dell’edificio (compreso l’eventuale controllo dell’umidità)


    Assieme ai proggettisti abbiamo scelto di utilizzare una pompa di calore aria acqua per il riscaldamento (a paviemento) e per l’acqua calda sanitaria. In casa siamo in 3 ed abbiamo la doccia (niente vasca).


    Ora siamo indecisi su due modelli che ci sono stati proposti dai diversi installatori contattati:

    Buderus da 7kw mod WPLS 6,2 con 190l di accumolo
    Daikin rotex HPSU compact 8H/C R1 8kw con 300l di accumolo


    I prezzi dei due prodotti differiscono di migliaia di euro ma non riesco a capire in cosa differiscano concretamente.

    Qualcuno ha esperienza con pompe di calore di queste due marche?
    190L di accumolo possono bastare?
    Grazie mille a chiunque sappia darmi qualche informazione.

    Desiree

  • #2
    Ciao Desire,

    da quello che si dice sul forum , la compact della rotex da 6/8 kw ha il problema di continui sbrinamenti e che lavora sul suo accumulo, della buderus non saprei. In 3 senza vasca da bagno dovrebbe essere sufficiente anche 190 litri x acs

    Commenta


    • #3
      ho analizzato i due modelli l'inverno scorso. qui da me la rotex costa 3000 euro in più (il marchio si paga...). come dati tecnici sembra più performante la buderus ma non ho trovato esperienze reali nel suo utilizzo.

      190 litri per 3 persone direi che possono bastare..
      Marco

      Commenta


      • #4
        molto meglio BUDERUS
        Lascia perdere Daikin/Rotex
        Kita S-plus ver. 13.30.001 di Ottobre 2019
        Termocamino + pannelli solari termici a svuotamento
        Centralina domotica MODBUS + openhub grafana influxdb su raspberry ed esp32

        Commenta


        • #5
          Buderus l'hanno proposta anche a me, se non sbaglio è gruppo Bosch, ma poi ho optato per Panasonic.
          Rotex, so di alcuni che si lamentano.
          Zona climatica E 2990 GG - superficie 97m² - T. di progetto ?-9° - PdC Panasonic Aquarea Gen. H 9kW split- Hybridcube 300l - VMC Zehnder ComfoAir 180 - Fotovoltaico 6,24 kWp QCells 260W inverter ABB PVI 6000

          Commenta


          • #6
            La Campact è da escludere, ha un sistema di gestione sbrinamento insulso.
            Su Buderus non ho mai letto nulla..ma non penso possa fare peggio dell'latra..hai il fv? se si, questa è a tua "garanzia"..
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              Da possessore di Hpsu fortemente scontento. Le unità da 6 e da 8kw sono da evitare come la peste! Le unità da 4 e da 11 vanno decisamente meglio ma per quello che costano e per la logica assurda che usa per sbrinare ti conviene decisamente qualsiasi altra Pdc.
              Tornassi indietro andrei di Mitsubishi Ecodan, costa meno e va molto meglio.

              Avessi trovato io qualcuno che un anno fa mi avesse detto quanto scritto sopra. Invece un anno fa, per tutti qui, Rotex era una scelta che in termini di efficenza era pari a Mitsubishi e a Panasonic. Mai cosa fu più sbagliata.

              Commenta


              • #8
                Grazie mille dei consigli!
                Ero orientata verso la rotex ma ho cambiato idea. In effetti la differenza di prezzo è sui 3000€ e volevo capire quali fossero le caratteristiche che giustificavano la spesa...dalle schede tecniche non trovavo grossi vantaggi.



                Si avremo il fotovoltaico (credo Viessmann 250Wp ed inverter Fronius 2.0), per ora monteremo solo 2 KWP con l’intenzione di raddoppiarlo al più presto.


                Grazie ancora dell’aiuto

                Commenta


                • #9
                  Ciao Desire,

                  oltre al marchio che si fa pagare, daikin ha anche un puffer PIT da 300 litri che costa non poco

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Lore_ Visualizza il messaggio
                    ha anche un puffer PIT da 300 litri che costa non poco
                    almeno quello è un prodotto valido
                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao a tutti, alla fine grazie ai vostri consigli ci siamo informati meglio e abbiamo accantonato la rotex HPSU, ora ci è stata proposta una viessman, sempre una pdc ‘compatta’, visto lo spazio limitato a disposizione della macchina:

                      Buderus da 7kw mod WPLS 6,2 con 190l di accumulo
                      Viessman Vitocal 222-S con 170l di accumulo




                      Anche in questo caso la soluzione viessman costa 4000€ in più...secondo voi li vale?
                      Non riesco a capire differenze di prezzo così elevate per soluzioni così simili, quali sono i parametri che fanno lievitare i costi?

                      Commenta


                      • #12
                        difficilmente troverai riscontri...qui "girano" utenti di panasonic e Misthu (contenti)..Daikin (contenti e scontenti) e altri marchi (di solito quando hanno problemi..ma non vuol dire che hanno sempre problemi..anzi,,di solito i problemi sono generati dall'impianto..poi ua macchina eccelsa li supera comunque ..una macchina scarsa "ci resta sotto"..ma chi ha altri marchi e non ha problemi, non scrive per dire che vanno bene...ci sta).
                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                        Commenta


                        • #13
                          Ad oggi mi orienterei su Mitsubishi Ecodan e/o Panasonic Acquarea.

                          Commenta


                          • #14
                            In media, per una doccia si consumano 60 litri: in questo caso, essendoci 3 persone, consumereste 180l al giorno solo per le docce, ipotizzando di dover fare tutti la doccia in sequenza, per esempio dopo una gita in bicicletta. Quindi, considerando il numero di bagni e l'utilizzo dell'acqua calda anche per altri scopi, sarebbe meglio scegliere un serbatoio da 300 litri. La differenza tra i 2 prodotti dovrebbe essere che il daikin produce l'acqua calda in maniera istantanea.Hai considerato anche il fatto che in inverno avrai bisogno, alla mattina e alla sera della massima potenza disponibile? Io non conosco benissimo Buderus e Daikin ma so che Toshiba ha elevate prestazioni e ha la versione Alta Temperatura che garantisce potenza e acqua calda anche ben sotto agli zero gradi.

                            Commenta


                            • #15
                              1 doccia 60lt di ACS ?!?!?
                              AUTO BANNATO

                              Commenta


                              • #16
                                Spider dipende dalla durata
                                per una doccia si consumano 15 litri al minuto( tra calda e fredda)
                                diciamo che 180l sono giusti,ma bisogna adeguare le proprie abitudini....
                                Casa no gas 180mq in zona climatica D 1742 gg, fv 3kw sud-est, 3kw sud-ovest, pdc Kronoterm 8kw on/off, pdc acs Kronoterm 300 l. Piano ad induzione Neff da 90 cm contratto Engie 6kw bioraria. Classificazione energetica B/C

                                Commenta


                                • #17
                                  Menomale siamo sul forum ambiente , a parte ho dei dubbi che un rubinetto abbia la portata di 15lt. minuto che ti spella dalla pressione , penso siamo a meno di 10, poi quanto si fà la doccia andrebbe aperta il giusto e solo alla fine di più ... ma ognuno è libero di consumare quello che vuole , lascierete un mondo migliore ai vs. figli....
                                  AUTO BANNATO

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Io ho fatto la prova tempo fa e una doccia normale e con molta tranquillità 40l. Forse una donna qualcosa di più.
                                    Zona climatica E 2990 GG - superficie 97m² - T. di progetto ?-9° - PdC Panasonic Aquarea Gen. H 9kW split- Hybridcube 300l - VMC Zehnder ComfoAir 180 - Fotovoltaico 6,24 kWp QCells 260W inverter ABB PVI 6000

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Sono d'accordo con te! Se siamo su questo forum abbiamo delle idee simili... ma non è detto che le nostre mogli o i nostri figli o ospiti la pensino come noi....
                                      sicuramente con una pdc per il riscaldamento in pochi minuti si riscaldano nuovamente 180 lt di acqua... quindi va bene ,ma bisogna attendere un po'...
                                      con un accumulo più grande potresti anche riscaldare acqua quando hai più disponibilità del fotovoltaico!
                                      esempio se consumi 100 litri di acs la sera cosa fai? Rischi di avere l indomani mattina l acqua fredda o accendi la pdc?
                                      Casa no gas 180mq in zona climatica D 1742 gg, fv 3kw sud-est, 3kw sud-ovest, pdc Kronoterm 8kw on/off, pdc acs Kronoterm 300 l. Piano ad induzione Neff da 90 cm contratto Engie 6kw bioraria. Classificazione energetica B/C

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Ciao Lord, ma la daikin si è adoperata per risolvere il problema? Proprio ieri sono stato da un vicino di casa al quale stavano installando proprio una Rotex 8 kw. Lui ha fatto costruire una casa in legno chiavi in mano, la Rotex la mettono di default, ed anch’io starei per concludere con la stessa azienda.
                                        La cosa mi ha fatto pensare:
                                        - o il prodotto lo stanno offrendo agli installatori a buon prezzo perché consapevoli dei problemi che ha;
                                        - oppure l’azienda costruttrice fornisce prodotti di buona qualità e costosi;
                                        - oppure la daikin ha risolto il problema nelle ultime produzioni

                                        Ciao
                                        PT 90 mq No Gas
                                        Zona E-T di Prog.-5 EPH,tot 30,256
                                        Aquarea Split 5 Kw J

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Il problema non è stato risolto. Per loro la macchina funziona bene e non ha difetti di sorta. La loro versione è che il problema risiede nell’impianto. Al contempo ci sono persone che hanno impianto “in regola” secondo Daikin ma che continuano a presentare il problema dei defrost ravvicinati. Defrost che a loro detta sono in linea con la logica di gestione della macchina. Pertanto a loro dire non sono un difetto.

                                          Fra qualche mese uscirà la loro pompa di calore aria/acqua R32 quindi non credo siano interessati a dedicare altro tempo ai vecchi modelli, le % delle lamentele sono basse in rapporto alle vendite per cui credo che per loro non sia un problema.

                                          Il cliente medio non misura e guarda solo al fatto che sia caldo...l’utente medio in Italia si scalda con metano per cui è difficile trovare un bacino di utenza rilevante preparato ed appassionato.

                                          Io non sono mai rimasto al freddo e con le ultime impostazioni sono riuscito a limare il problema defrost (ma forse è più merito del clima che sembra essere stato particolarmente clemente questo gennaio)

                                          Personalmente potendo tornare indietro sceglierei Panasonic visto le numerose esperienze positive di cui si legge.

                                          Commenta

                                          Attendi un attimo...
                                          X
                                          TOP100-SOLAR