annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pompa di Calore VS Caldaia a condensazione "nuova abitazione"

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Pompa di Calore VS Caldaia a condensazione "nuova abitazione"

    Salve
    Ho una casa singola in costruzione in due piani da 75 mq per piano (150mq totali)
    Classe B, Zona Nord est, Impianto di riscaldamento a pavimento.
    Ho chiesto al termotecnico di farmi un analisi energetica mettendo a confronto 3 soluzioni per riscaldamento e raffescamento al fine di aver il maggior risparmio economico nei 15 anni futuri.

    1 IMPIANTO CON POMPA DI CALORE da 11KW, STUFA/CAMINO E FOTOVOLTAICO DA 3 kWp
    2 IMPIANTO CON POMPA DI CALORE da 11 KW E FOTOVOLTAICO da 4,5 kWp
    3 IMPIANTO CON CALDAIA A GAS METANO CON BOLLITORE DA 200L E PANNELLO SOLARE TERMICO PER PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA E STUFA/CAMINO A BIOMASSA PER
    INTEGRAZIONE RISCALDAMENTO – IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 3 kWp

    L'analisi finale è stata

    Costo riscaldamento+ACS anno €

    Soluzione 1 : 450 euro/anno
    Soluzione 2 : 190 euro/anno
    Soluzione 3 : 580 euro/anno

    Di fatto la soluzione 2 mi farebbe risparmiare rispetto la soluzione 3circa 5800 euro in 15 anni e circa 1900 euro rispetto la soluzione 1.
    C'è da dire che 190 euro per riscaldare casa da 150mq e per l'acqua calda sanitaria per un anno sembra stupefacente..
    Ma è proprio così?? Siamo sicuri??
    Sono andato da un paio di persone che si sono insediate da almeno 1 anno in abitazioni nuove come la mia con circa 150 mq classe A con Pompa di calore ed impianto fotovoltaico da 4Kwp
    ed entrambi mi hanno detto che in un anno hanno speso di energia elettrica (compreso quindi induzione e raffrescamento,PdC) 1800 e 1900 euro rispettivamente.
    Di fatto mi sembrano tanti 1800 euro tenuto conto l'abitazione è in classe A con un fotovoltaico da 4Kwp voi che ne dite?? qualche conto non torna!! sbaglio??
    Inoltre vorrei capire perchè il fotovoltaico è così importante per chi ha la PdC tenuto conto che Il FV produce di giorno mentre la PdC è sempre in funzione anche di notte quando il FV non produce.
    Come sappiamo il vantaggio del FV è utilizzare istantaneamente l'energia prodotta e non immetterla in rete per eccesso, perchè in questo caso ti verrebbe pagata circa il 40% in meno di quella che tu la paghi all'enel. Di fatto penso che oltre il 50-60% dell'energia prodotta dal FV dverrà immessa in rete perchè di giorno in casa non c'è nessuno (tutti al lavoro e scuola) e che quindi mi verrà pagata da GSE molto poco. Quindi tutti i calcoli del FV per compensare il consumo della PdC non sono coerenti perchè non conformi ai consumi .
    Inoltre è da tener conto che il contatore enel dovrà essere minimo da 6Kw con un costo fisso più alto. è anche verò però che c'è la tariffa D1 che da una mano.
    Non è forse che una Caldaia a condensazione + una stufa a pellet anche per ACS e split per raffrescamento siano una soluzione più conveniente?? o comunque non svantaggiosa?
    Qaul'è la vostra esperienza? se qualcuno di voi ha già installato la PDC da qualche anno potrebbe darmi un feed back sui consumi/costi?
    Nulle nuove abitazioni tutti puntano Sulle PDC ma ad oggi non ho trovato nessuno che facesse veramente le pulci a questa soluzione.
    Attendo un vostro feedback
    Grazie
    3
    PdC +FV con Split Idronici per raffrescamento
    33.33%
    1
    PdC +FV e Split aria acqua per raffrescamento
    66.67%
    2
    Caldaia a condensazione + Pellet per ACS
    0.00%
    0
    Caldaia a condensazione + Solare termico per ACS
    0.00%
    0

    Il sondaggio è scaduto.


  • #2
    Potevi leggere un pò il forum prima di chiedere , ci sono diverse esperienze ed esiste la funzione ricerca....
    AUTO BANNATO

    Commenta


    • #3
      io sono vicino a Milano, 120mq, villetta singola, classe energetica E; La caldaia al minimo eroga 5,5 kw e non riesce a stare accesa!
      infatti l'accendo solo dicembre e gennaio (solo per ragioni di comfort) altrimenti mi scaldo con 2 split!

      Siamo in 2,per ee, gas per tutto spendo circa € 900 (senza ausilio di fv che mi hanno attivato da poco)
      Dove l'ignoranza urla...l'intelligenza tace...è una questione di stile...
      Fv 3,6kw - 14 pannelli benq + Inverter Abb 3.0 out.

      Commenta


      • #4
        ... fai un po' di confusione con l' ee ed il fotovoltaico, in quanto il costo del kWh è diverso a seconda del metodo di utilizzo dello stesso:

        1- ee autoprodotta, cioè quei kWh che il tuo impianto sta producendo e la tua pdc consuma al momento, sul posto (costo zero, ma se ricordo succede mediamente per il 25% del totale dell' energia che consumi in un anno)

        2- ee acquistata, chi non ha il fotovoltaico utilizza solo questo tipo di energia! la compra da enel e la paga un tot a kWh a seconda del tipo di contratto, comunque intorno ai 18-20 cent

        3- ee scambiata, è quell' energia che tu immagini prodotta di giorno, immessa in rete e "ritirata" di notte con la pdc. Questa è diciamo incentivata dal gse con lo Scambio Sul Posto. Il rimborso tiene conto del prezzo dell' energia che hai utilizzato (prelevandola dalla rete) e grossomodo ti restituisce il 70% di quanto hai speso se il kWh utilizzato è di tipo scambiato, ovvero il tuo impianto lo aveva già prodotto ed immesso (il conteggio dello scambio in realtà è sull' anno solare, ma era per spiegare terra tera il meccanismo...)

        4- ee venduta. Se in un anno produci più kWh di quanti ne consumi (impianto fotovoltaico sovradimensionato) la quota in esubero puoi venderla al gse a prezz, pero', molto basso, ed in piu' devi pagarci sopra le tasse......

        Quindi se vuoi riscaldare casa con pdc (e fancoil per il raffrescamento e deumidificazione, o split in caso di pdc aria acqua con possibilità di collegarci anche degli split su linee gas apposite .... in estate raffreschi e dall' altra parte quell' energia va a finirla dentro il boiler acs) devi cercare di farti calcolare bene la potenza del fotovoltaico in modo da non eccedere con l' energia elettrica prodotta, ma neppure produrne troppo poca, ovvero conoscere il fabbisogno energetico preciso della tua abitazione!!!!

        Lo SSP non si sa quanto durerà, ma per ora c'è.

        Chiaramente il discorso è OT in questa sezione del forum, e spero che queste poche info ti spingano ad approfondire nell' altra sezione.

        Se hai casa nuova ben isolata, riscaldamento a pavimento e non abiti dove fuori c'è la neve per 1 mese all' anno!!, io scegliere la soluzione 2, o se la casa è in zona climatica E con inverni "avversi!" la 1.

        Se il tetto è mal esposto, con ombre importanti, ancora la 1.

        Se zona E, inverni terribili, moglie che non ne vuole sentire dei fornelli ad induzione, poco tempo da dedicare ai rifornimenti di legna/pellet ... vai di caldaia a metano e piccolo fotovoltaico se tetto ben esposto dato che i 3000 kWh/anno comunque ti serviranno per la casa.

        In conclusione piu' info metti, piu' consigli ricevi, magari capendo che in fondo i l costo del kWht ormai è simile per diversi "combustibili" e diverse situazioni...

        Commenta


        • #5
          PDC da 11 kW è già sovradimensionata alla grande se le caratteristiche della casa sono quelle.... figuriamoci con pure la stufa.... bah.
          PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

          Commenta


          • #6
            Grazie Scresan
            Sul fotovoltaico , non sono molto sicuro sulla sua convenienza, ritengo che il suo ritorno dell'investimento si allunghi sensibilmente proprio perchè viene a mancare per il 75% la contemporaneità dell'utilizzo dell'energia prodotta dal FV...ad allungare il ritorno dell'investimento del FV poi interviene anche la tariffa D1 (meno costa l'energia della rete più i tempi di ricupero dell'investimento del FV si allungano).
            Voglio dire che non è per nulla automatico la convenienza PdC + FV adeguato al consumo della pompa, come mi sembra molti tendono a farci credere.

            Commenta


            • #7
              ... questo è pacifico, ma se comprare un kWh dalla rete ti costa 18 cent, Scambiarlo Sul Posto ti costa 18 cent - il 70-75% di 18 cent di rimborso.

              Un po' di calcoli spannometrici....

              In pratica i kWh del tuo impianto saranno remunerati con:

              1- 18 cent a kWh in autoconsumo (abbiamo detto per un 25% dei tuoi consumi)
              2- 13 cent a kWh su quelli scambiati (il tuo impianto fotovoltaico prima li immette e poi la tua pdc li riprende)

              Se il tuo impianto fotovoltaico è dimensionato sui tuoi consumi medi annui (anche per lavatrice, asciugatrice che piace molto alle ns signore!!, pdc) i
              1100-1200 kWh /a kWh di picco che avrai installato ti renderanno 160-170 euro anno a kWp installati.

              Un impianto fotovoltaico ora costa sotto i 1800 euro a kWp, meno il 50% di incentivi fiscali, rientri economicamente comunque nei soliti 5-7 anni, e ne godi i benefici per gli altri 13-15 e oltre se l' impianto ben fatto.

              In conclusione come sempre sono gli impianti termici e fotovoltaici su misura quelli che convengono!!

              Commenta


              • #8
                ...infatti
                Soltanto che non mi pare che sulle nuove abitazioni ,come in questo caso, ci sia la detrazione del 50% ...o sbaglio! Quindi il ritorno di investimento va a 11-13 anni...e l'assicurazione ? La manutenzione ordinaria annuale? E la manutenzione straordinaria? Sicuramente nella arco di 20 anni l'inverter va sostituito giusto?? Possiamo dire quindi che in una nuova abitazione realmente il ritorno di investimento di un FV è oltre i 15-16 anni??
                Ne vale realmente la pena?

                Commenta


                • #9
                  .... si hai ragione dipende dai casi. Qui in friuli ad esempio, per chi lo aveva richiesto, c' era l' incentivo a fondo perduto del 50% della spesa per i nuovi impianti, o ampliamento, comunque solo su abitazioni principali!

                  Marcober era l' utente giusto per rispondere alle tue domande, ma .... non vuole rientrare nella ressa del forum, magari se lo contatti in mp ti sa specificare bene il tutto!

                  Commenta


                  • #10
                    ...Si ma come vedi , tolto alcune poche regioni che danno delle agevolazioni, le altre, compresa il VENETO , sulle nuove abitazioni non hai nulla...anzi , nella mia provincia VE ho degli obblighi di Kwp/m² da dover installare
                    Quindi a conti fatti, meglio installare il minimo Fv obbligatorio e basta...il resto sono soldi mal investiti con tempi di ritorno di investimento troppo lunghi...
                    Se hai le detrazioni del 50% invece cambia tutto.

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao MarcoTV,

                      Originariamente inviato da MarcoTV Visualizza il messaggio
                      Voglio dire che non è per nulla automatico la convenienza PdC + FV adeguato al consumo della pompa, come mi sembra molti tendono a farci credere.
                      rispetto a caldaia a condensazione + stufa a pellet + split, credo che come investimento iniziale, se fatto con criterio (stufa a pellet idro non air, con puffer adeguato) siamo + o - lì con soluzione pdc + fv (se consideri anche allaccio metano poi, probabilmente spendi anche di più), ma come costi di gestione pdc + fv adeguato non ha confronti, fintanto c'è SSP, tra l'altro tu hai radiante, quindi l'accoppiata ideale con pdc.
                      In qualsiasi caso non hai detrazione 50 %, ma solo IVA al 4 % questo vale per pdc+fv che per caldaia+stufa+split.

                      Altra cosa, la tariffa D1 non esiste più, dal 2018 avremo tutti una tariffa come la D1 senza scaglioni e un 6 kw costa di fisso all'anno circa 80 euro iva compresa, in più rispetto ad un 3 kw (sempre residenziale), quindi un inerzia, sopratutto se consideri che risparmi costi fissi del metano e ispezioni annuali, sul FV non c'è nulla di obbligatorio.

                      Commenta


                      • #12
                        ...grazie della risposta
                        con una Pdc da 11Kwp ed un uso dell'abitazione mattina fino alle 8 e dalle 18:30 fino alle 23
                        Quale può essere un FV adeguato?
                        ho la falda orientata a sud 20°

                        Commenta


                        • #13
                          Ciao MarcoTV,

                          il FV "adeguato" è riferito al tuo consumo annuale. Mi spiego meglio, devi prendere il consumo annuale stimato della tua casa e vedere quanti kWh ti servono per coprire questo consumo, indipendentemente dalla potenza della pdc, in base a quello si stima il campo FV

                          Commenta


                          • #14
                            ...si certo...ok
                            Per quanto riguarda la D1 quale sarà il fisso per 6Kwp ed il costo dell'energia rispetto la tariffa standard?
                            Sarà effettivamente un vantaggio averla?
                            Grazie

                            Commenta


                            • #15
                              Ciao MarcoTV,

                              la D1 non esiste più (c'è ancora per chi era già in D1, fino al 01/01/2018 poi sparisce anche per loro, avremo tutti una tariffa uguale attuale D1) prova ad andare sul trovaofferte AEEGSI e prova a fare le 2 simulazioni 6 kw e 3 kw con i kWh stimati, li avrai un idea dei costi, considera che è aggiornato ad oggi, quindi con ancora 2 scaglioni, ma dall'anno prossimo ci sarà 1 solo scaglione per tutti.
                              Il costo della materia prima energia non cambierà che tu consumi 100 kWh o che ne consumi 10.000 kWh, il costo unitario è sempre quello

                              Commenta


                              • #16
                                Grazie Lore
                                informazioni utilissime

                                Commenta

                                Attendi un attimo...
                                X
                                TOP100-SOLAR