annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Termistori e sonde: problemi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • illupus
    ha risposto
    Una ipotesi e' che la pompa di rilancio non fosse partita e avevi la pdc che mandava acqua fino al disgiuntore e tornava subito indietro quindi mandata e ritorno avevano la stessa temperatura. Dopo n minuti la pompa si ferma, le T scendono e dopo ancora qualche minuto riparte la pompa. Siccome lo scambiatore interno e' ancora calda dal carico acs, le T salgono un pochino, per scendere di nuovo dopo il timeout della pompa, questo si ripete diverse volte (zig-zag 12-2). Per qualche motivo poi per diverse ore mantiene la pompa attiva, ma gira fino sempre al disgiuntore.
    Con il reset verso le 5, la pompa riparte e tutto torna normale.
    C'era un codice di errore quando l'hai trovata ferma?

    Lascia un commento:


  • Giottina
    ha risposto
    Rieccomi. Il problema per fortuna non si è più presentato se non una sola volta il due gennaio scorso. Fortunatamente - grazie al mitico illupus che "sa leggere" i Log e trasformarli in html consultabili anche dai novellini come me - stavolta ho il grafico e ve lo mostro così magari ci possiamo ragionare su. Ecco cosa accade quando va in blocco la PDC.
    screenshot- 2018.02.08 10-05-38 PDC IN BLOCCO.png
    E' andata in blocco dopo avere fatto ACS. O meglio, ho sempre creduto che il problema fosse l'avere fatto ACS e quindi la lettura delle temperature dell'acqua sanitaria ingannavano i termistori. Ma cercando di interpretare il grafico, mi sembra invece che il problema sia da addebitarsi al fatto che temperatura di mandata e di ritorno del radiante si sovrappongono. Chiaramente con una situazione del genere la PDC si arresta. La mia ipotesi sul perchè sia successo è al momento basata sulla velocità della pompa del radiante che era impostata alla massima velocità (5 nella mia Mitsubishi Ecodan) e quindi l'acqua del radiante circolando a quella velocità non ha avuto modo di raffreddarsi abbastanza da far ripartire la macchina. Ora ho impostato la velocità della pompa a 2 e il delta fra temperatura di mandata e ritorno è passato dai due gradi che avevo in precedenza a tre gradi, forse si ridurrà ancora nei prossimi giorni.
    Per fortuna casa era caldissima anche oltre il normale, come sempre da noi durante le feste, e me ne sono accorta solo dopo qualche ora, per puro caso...non sentendo la PDC funzionare.
    Ho dovuto resettare la centralina (tolto corrente elettrica per tre minuti poi riacceso) e solo a quel punto i termistori hanno ripreso a segnalare le temperature corrette di mandata e ritorno e la macchina è ripartita.
    Tuttavia non può solo essere la velocità della circolazione nel radiante, la fonte del problema. Alla fine dopo ore di circolazione, per forza di cose l'acqua del radiante si era raffreddata, sia la madata che il ritorno. La sonda però continuava a leggere gli stessi valori e complessivamente valori comunque un poco più alti di quelli reali.
    Dopo di allora in ogni caso non si è più manifestato il problema, per cui non so se credere che oltre alla velocità eccessiva possa esserci stato anche un problema alla sonda...che però come dicevo, ora sembra funzionare bene. Idee, sugerimenti?

    Lascia un commento:


  • illupus
    ha risposto
    Le sonde di temperatura sono messe prima della 3 vie, per cui e' normale che mentre fa acs tu veda delle T di mandata e ritorno alte.
    Il tuo problema potrebbe essere compatibile con una 3 vie difettosa: se dopo aver fatto acs non devia (o lo fa solo in parte), la pdc vede alte T di mandata, quindi non si accende, dopo poco la pompa si spegne e la casa si raffredda.

    Lascia un commento:


  • Giottina
    ha risposto
    Eh, la discussione che avevo aperto è diventata sì infinita...e ormai è diventato un coacervo di OT senza fine. Per questo ho aperto una discussione più specifica, con la speranza che anche stavolta non si finisca a parlare di tutt'altro.
    Sul manuale non c'è molto a dire il vero, anzi c'è poco o nulla e la macchina è certamente evoluta, ma io molto di meno...sono comunque impostazioni del menu Servizio Tecnico, capirai che con la mia inesperienza, prima di metterci mano per fare prove, preferisco pensarci mille volte e avere un supporto affidabile a dirigere le operazioni.
    Marcober ha una macchina della stessa marca anche se di modello diverso, ma anche altri utenti hanno la Mitsubishi...evochiamoli!!!
    Nel pomeriggio conto di parlare con il tecnico.

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Non esistono altri utenti che hanno la tua pdc , tempo fà non avevi aperto una discussione infinita? prova a guardare il manuale se c' scritto di pompa , penso che è abbastanza evoluta ci deve essere una funzone pompa sempre accesa o spenta dopo X minuti o spenta appena PDC si ferma ?

    Lascia un commento:


  • Giottina
    ha risposto
    Penso di no, altrimenti non so davvero cos'altro possa essere successo....però è un settaggio che vorrei poter impostare: posso farlo io dalla centralina o serve l'ausilio del tecnico?

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Ah allora è un problema , ma non hai un settaggio che faccia circolare la pompa anche qualche minuto ogni tanto nella centralina , per riportare le T a quelle vere?

    Lascia un commento:


  • Giottina
    ha risposto
    Purtroppo però è successo - due volte lo scorso anno, una volta qualche giorno fa - che la pdc non riprendesse a scaldare il radiante perchè le sonde leggevano la temperatura dell'ACS e quindi restava in standby per tutto il giorno, con la casa che nel frattempo si raffreddava. Ho dovuto fare il reset e tutto è tornato a posto. Ma ci si accorge - se non si tiene d'occhio con una certa frequenza la situazione dei termistori - solo quando si comincia ad avere freddo, magari anche dopo un giorno o due! A quel punto il non-problema diventa un bel problema, specialmente se fuori è sotto zero...e col radiante poi, per tornare a temperature ottimali, di tempo ne passa.

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Giottina , ma non è un problema , si deve capire dove sono le sonde , se per caso fossero prima della V3V come penso , per forza che quando va in ACS vedi 50° , se sono dopo è ininfluente se segnano 50 , tanto appena ritorna il circolo calano alla T reale del riscaldamaneto.... è un non problema .....

    Lascia un commento:


  • Giottina
    ha risposto
    Grazie per le risposte, pensavo che la mia ipotesi fosse una emerita bischerata...
    Appena riesco a parlare con l'assistenza vi faccio sapere cosa hanno detto.
    Al momento non si è ripresentato il problema, mi sembra che accada quando gli orari di funzionamento (produzione ACS e riscaldamento radiante) si sovrappongono. Anche se è un evento raro, è comunque una seccatura e mi obbliga a tenere sempre d'occhio le temperature rilevate dai rispettivi termistori...non vorrei diventasse il mio hobby principale.

    Lascia un commento:


  • manfre73
    ha risposto
    a me non succede quello che capita a giottina, cioè è capitato che restasse a segnare la temperatura su acs anche dopo che aveva finito il carico. dopo però ripartiva...

    Lascia un commento:


  • spider61
    ha risposto
    Se le sonde sono posizionate subito dopo l'uscita della 3V verso il pavimento è ovvio che possono sentire la T ,per conduzione, dell'ACS soprattutto se ci sono circolazioni parassite non ne farei un dramma..... vi creano problemi al funzionamento ?

    Lascia un commento:


  • manfre73
    ha risposto
    Ciao giottina... mi è capitato di vedere in un paio di occasioni sulla mia pdc lo stesso comportamento, secondo me hai ragione, le sonde sono le stesse e forse a volte la 3 vie resta come bloccata in modalita acs per cui legge di valori acs e non del radiante...
    che dice assistenza?

    Lascia un commento:


  • Giottina
    ha iniziato la discussione Termistori e sonde: problemi

    Termistori e sonde: problemi

    Ciao a tutti.
    Stavolta torno a chiedervi lumi sui termistori e le sonde, perchè credo ci sia un problema al mio impianto.
    Lo scorso anno in pieno inverno la casa cominciò a raffreddarsi e anche se aumentavo in continuazione la T di mandata del radiante, non cambiava nulla. La pdc si avviava per alcuni secondi e poi tornava in standby. I termistori indicavano valori palesemente errati, oltre i 40°C per il radiante, cosa impossibile perchè in casa la temperatura era scesa parecchio e nonostante la circolazione del radiante 24\24h, il pavimento era freddissimo. Risolsi con un reset - tolta corrente elettrica per tre minuti - e da allora nessun problema. Imputai il malfunzionamento all'ACS perchè avevo impostato il ricircolo ACS per tutto il giorno e gli interventi della PDC per mantenere l'ACS alla temperatura impostata, erano molto frequenti. Quest'anno le impostazioni dell'ACS sono cambiate: ricircolo solo un'ora al mattino impostato di default, per il resto il ricircolo lo mettiamo in funzione manualmente quando occorre durante la giornata.
    Non ci sono più interventi continui a ripristinare la temperatura del serbatoio dell'ACS, e sembra funzionare tutto bene...anzi, sembrava.
    Qualche giorno fa torniamo alla stessa situazione. Casa fredda e pdc che si avvia per poco tempo solo se alziamo il valore della T di mandata. I termistori di nuovo a segnalare valori improbabili. Resettato, tutto sembrava a posto. Mi sono riproposta di tenere d'occhio i valori indicati per la mandata e il ritorno del radiante e stamani la sorpresa. Mica tanto sorpresa, a dire il vero...che ci fosse un'interazione fra ACS e radiante lo avevo capito, ma non so come accada.
    In breve, la PDC è impostata per fare acqua calda - al mattino - dalle 6 alle 9. La PDC per il radiante, che circola 24\24h, è impostata per funzionare dalle 9 alle 22 alla T di mandata fissa di 27°C. I termistori del radiante, alle 8 di mattina e con la pdc spenta da ieri sera alle 22, mi aspettavo segnassero non più di 20-22°C, e invece sorpresa: erano a 50-51°C!!! Stesso valore, più o meno, che aveva a quell'ora l'ACS per la quale la pdc era in funzione.
    A questo punto è chiaro che le sonde che dovrebbero rilevare le temperature del radiante in andata e in ritorno, leggono invece le temperature dell'ACS, almeno quando il radiante è "spento" e quando la produzione di ACS è attiva.
    Sarei grata a chi potesse darmi una spiegazione del problema, individuare la causa e la possibile soluzione, in modo da contattare l'assistenza con le idee un po' più chiare sul da farsi.

    Edit
    Appena entrata in funzione la pdc per il riscaldamento, come detto impostato dalle 9 alle 22, i termistori sono tornati a mostrare letture più plausibili: 22-24°C di mandata e ritorno.
    Che ci siano solo due sonde che leggono tutto (ora ACS, ora riscaldamento)? Chiaramente è solo un'ipotesi strampalata, non so davvero che spiegazione dare...
Sto operando...
X
TOP100-SOLAR