annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

PDC + pellet

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • PDC + pellet

    Buongiorno a tutti,
    innanzitutto grazie infinite per tutte le informazioni che mi avete regalato in questi 2 mesi di lettura intensa. Sono nuovo del forum è sto cercando di capire la soluzione migliore per casa mia.

    Zona climatica E (2542) nel vercellese non servita dal metano
    Vecchia cascina ristrutturata in classe E (quindi senza cappotto penso - a malapena i doppi vetri) indipendente 4 lati
    Praticamente abitata solo nei fine settimana, quindi senza riferimenti certi di consumi effettivi.
    210 mq da scaldare su 3 piani (h 270+270+230) tutti con radiante a pavimento (e per fortuna... almeno questo!)
    EPH,nd 190 kWh/m² anno (secondo me esageratissimo, comunque l'APE che ho tra le mani dice quello)
    Riscaldamento G.P.L con cisterna in giardino (da eliminare assolutamente!!!)

    Tutto quello che so' della casa appena acquistata. Sono 2 mesi che faccio ogni notte le 4 per leggere(vi) ed informarmi il più possibile, ma sembra come per gli esami che si cominciava la preparazione solo qualche giorno prima. Mi serve quindi il vostro aiuto adesso che sono ancora in tempo.

    L'idea che mi sono fatto è una pdc diretta sul radiante con climatica + 500lt per acs in ptt. Impianto insomma semplificato al max, con 19°-20° in tutti gli ambienti h24 senza differenziarli, coadiuvato da fotovoltaico da 6kw... tutto elettrico insomma, tutto bene e semplice insomma... ho studiato bene la lezioncina e sono preparato...
    ma, la scorsa notte... un incubo!!!! Non sto scherzando, era una vita che non avevo incubi... scappavo, scappavo inseguito dalla TRIFASE!!!
    Avrei bisogno di una pdc "importante" andando quindi a parare sulla trifase... e trifase deve essere quindi l'inverter del FV, adeguamenti vari dell'impianto elettrico, spese fisse in +, cambio contatore, ecc...

    Da quì il titolo della discussione: Se mettessi una pdc più piccola tipo 6kw affiancata da una caldaia a pellet? Avrei un minimo di raffrescamento, sfrutterei il FV (non ho nemmeno quello ancora), potrei passare semplicemente al 6kw monofase come contratto (il 10 monofase non me lo danno).

    Insomma, poca teoria, zero pratica e tanta, tanta confusione. Secondo voi quale sarebbe la soluzione migliore per il mio caso? Qua sul forum si legge praticamente sempre di case in classi elevate con pochissima richiesta di energia (tranne marcober, ma lui ha 18kw di fv e la trifase!!!). Grazie a chiunque voglia darmi un contributo. Ale

  • #2
    Ciao Alex

    ma nella tua ristrutturazione non hai pensato ad un cappotto termico ?
    Se hai possibilità 20cm di eps , finestre tripli vetri basso emissivi almeno in quelle esposte a nord , impianto fotovoltaico da 6KW , VMC , camino/stufa a legna come back up , prima di pensare agli impianti devi ridurre il fabbisogno energetico , e vedrai che dopo non avrai più incubi su trifase e dimensionamento pdc .
    Fare casa elettrica é figo, Green etc. ma poi devi anche pensare ad un qualcosa che ti possa salvare dalle giornate più fredde almeno , quindi camino/stufa a legna come ciambella di salvataggio , qualcosa che almeno ti scalda se hai problemi di mancanza elettrica o alla pdc
    Impianto fotovoltaico 18x230WP Qcells Q.pro G2 - Inverter ABB PVI 4.2 - esposizione 240 gradi Sud-Ovest - 2600 gradi giorno / Temperatura progetto -7

    La miglior fonte di energia alternativa é il risparmio energetico

    Commenta


    • #3
      Alex..perché parli necessariamente di trifase?
      kita M, Hpsu compact da 16 kW e Mitsubishi zubadan ti danno i kW di cui avresti bisogno in monofase..
      Se i 190 kWh/mq sono veritieri dovrebbero bastarti al pelo (mitsu forse un po’ piccolina)..se sono approssimati per eccesso (come credo) stai ancor più tranquillo..
      Io poi per non correre rischi metterei un trial split di buona qualità (uno per piano) che deumidifica in estate e ti può aiutare nelle giornate critiche in inverno..niente Pellet o roba del genere..

      ps: chiaro che se isoli male non fai..ma dipende se economicamente puoi o meno in questo momento
      Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

      Commenta


      • #4
        @DanySM73 Purtroppo la ristrutturazione è già stata eseguita dal vecchio proprietario quindi non metto mano, è tutto praticamente nuovo. Fatta nel 2007 e poi praticamente mai abitata... Magari il cappotto è stato fatto, non so'. L'APE non è attendibile.. per fare un esempio hanno segnato come riscaldamento caldaia a metano con tanto di riferimento di matricola, quando la zona non è nemmeno servita dal metano! Come supporto esiste un camino ventilato quindi non rimarrei al freddo.

        @Kurdo Per ora ho in mano solo un preventivo di una Kita L trifase... ma siamo attorno ai 20K senza iva. La qualità è indiscutibile ma comunque è trifase. Anche in monofase sarei al limite del contatore da 6kw contando anche piano cottura ad induzione. Sono in attesa di altri preventivi.

        Commenta


        • #5
          La kita L é esagerata..con la M, il camino ed eventualmente gli split ce la fai tranquillamente..secondo me anche con mitsu e rotex..vedi poi che taglie fa panasonic perché pure quella é molto valida.
          Fatti fare un progetto da un termotecnico..é sicuramente la cosa migliore..
          Con un po’ di attenzione ti basterà il contatore da 6 secondo me..qui sul forum c’è chi utilizza tranquillamente induzione, pdc ed elettrodomestici col contatore da 3..se non sbaglio..
          Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

          Commenta


          • #6
            hai possibilità di farti rifare l’ APE ? anche per dimensionare la pdc , mettere una pdc da 15/16 KW comincia ad essere impegnativo . Con APE che hai adesso sei in classe G , quindi non credo la casa abbia il cappotto termico , ma per scrupolo prova a bussare nei muri esterni se c’é il cappotto suona vuoto , ripeto se hai possibilità io comincerei dal cappotto esterno , poi vedi tu , tu conosci le tue finanze

            in bocca al lupo
            Impianto fotovoltaico 18x230WP Qcells Q.pro G2 - Inverter ABB PVI 4.2 - esposizione 240 gradi Sud-Ovest - 2600 gradi giorno / Temperatura progetto -7

            La miglior fonte di energia alternativa é il risparmio energetico

            Commenta


            • #7
              Dani la casa é in classe E..lo dice nel primo post..
              Ma farsi (ri)fare conti da un termotecnico credo sia l’unica cosa da fare..
              Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

              Commenta


              • #8
                Ciao Kurdo , ho scritto classe G perché nel dato da lui scritto é in classe G , é lui che pensa che APE sia errata e pensa che sia in classe E , almeno così ho interpretato , da APE attuale ha un fabbisogno di 190kwh/mq anno
                Impianto fotovoltaico 18x230WP Qcells Q.pro G2 - Inverter ABB PVI 4.2 - esposizione 240 gradi Sud-Ovest - 2600 gradi giorno / Temperatura progetto -7

                La miglior fonte di energia alternativa é il risparmio energetico

                Commenta


                • #9
                  Si, grazie ragazzi. Addirittura il fabbisogno globale è di 293 kWh/m²anno, anche se in prima pagina è segnata la E come classe. Nel 2016, anno di redazione del documento, non mi sembra proprio che a quel EPgl,nren si fosse in classe E!!! Ho già firmato il contratto per la casa, ma non ho ancora fatto il rogito; penso proprio di farmelo rifare.

                  Sarei comunque molto contendo anche dovendo mettere una pdc 16KW rimanendo in monofase. Un contratto da 6kw che poi sono 6,6kw + FV + comunque aiutino eventuale del camino ventilato nelle giornate più fredde ed umide... Mi sembra che sul forum ci sia qualche utente con pdc 16kw e 6kw di contratto, devo spulciare qualche post, magari trovo chi è.

                  La prossima settimana devo andare a parlare con un termotecnico che ha già installato daikin in zona. Sembra che per taglie così grosse non soffrano di sbrinamenti precoci. Sono in attesa inoltre di altri 2 preventivi tra cui un altra templari spero un po' meno caro dell'altro. Qualche kw in più incide così tanto sul prezzo della pdc? boh!

                  Commenta


                  • #10
                    Pdc + stufa a pellet nella zona giorno, sono un'ottima soluzione ai tuoi problemi.

                    La potenza massima sul monofase è di 6 kw, fino a 10 su richiesta (qualche volta lo permettono). Comunque c'è di fatto un 27% di potenza in piu' sul pod senza che il contatore scatti (7,6 kw effettivi disponibili).

                    Molte pdc hanno un ingresso per il controllo della potenza, ovvero tramite un relè di priorità potresti forzare la pdc ad un fabbisogno piu' basso, qualora per qualche minuto il carico sul pod superi i 7,6 kw, o altri sistemi/strategie per ovviare ai problemi di distacco......

                    La stufa a pellet ti semplifica moltissimo l' impianto (una caldaia a pellet per il radiante necessita di un sistema per accumulare l' energia in eccesso, puffer, una regolazione climatica formata da centralina e miscelatrici per adattare la T dell' acqua tecnica al radiante, ed un sistema per far interagire pdc e caldaia/climatica........) in quanto ti riscalda la zona piu' esigente della casa in termini di consumi (T della zona giorno piu' alte rispetto alle altre zone, porta di ingresso e grandi finestre che disperdono normalmente di piu' che nelle altre zone.......).

                    Se hai già camino a pellet ... sei a posto. Se a legna la gestione (accensione e regolaziuone della T) è piu' impegnativa !

                    Grossomodo, e per farti dormire sonni tranquilli!!!!

                    Commenta


                    • #11
                      Nessuna nuova notizia in merito all'impianto ?

                      Commenta


                      • #12
                        Buongiorno mi inserisco nella conversazione con una situazione simile; ho acquistato una abitazione di 220 mq dove istallerò una caldaia a pellet (non ho ancora deciso quale...) con puffer ; vorrei togliere il gpl e per acqua sanitaria avevo pensato prima ai pannelli poi ad un boiler pdc , poi un tecnico mi ha detto "ma se compri la caldaia a pellet (magari una austriaca ...froeling..tipo weissmann) fai tutto con quello, anche in estate, al limite la pompa la monti fra uno o due anni quando hai visto i consumi di pellett ecc.". Vi sembra sensato? per me sarebbe un buon risparmio, almeno iniziale.

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Riccardo D. Visualizza il messaggio
                          Buongiorno mi inserisco nella conversazione con una situazione simile; ho acquistato una abitazione di 220 mq dove istallerò una caldaia a pellet (non ho ancora deciso quale...) con puffer ; vorrei togliere il gpl e per acqua sanitaria avevo pensato prima ai pannelli poi ad un boiler pdc , poi un tecnico mi ha detto "ma se compri la caldaia a pellet (magari una austriaca ...froeling..tipo weissmann) fai tutto con quello, anche in estate, al limite la pompa la monti fra uno o due anni quando hai visto i consumi di pellett ecc.". Vi sembra sensato? per me sarebbe un buon risparmio, almeno iniziale.
                          Ciao Riccardo, se ci dai qualche dato in più della casa si può vedere anche se far eil contrario, ovvero non buttare soldi sul pellet ma fare tutto con una PDC seria, magari la zona, se coibentata o meno, quando consumi ora, questi dati insomma.

                          Commenta

                          Attendi un attimo...
                          X
                          TOP100-SOLAR