annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Aiuto! PDC Climaveneta i-KIR 0031 mtd morta!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Aiuto! PDC Climaveneta i-KIR 0031 mtd morta!

    Aiuto!!! La mia PDC Climaveneta i-KIR 0031 MTD (9,55kW) avviata a gennaio 2014, lo scorso dicembre va in blocco: chiamo l’assistenza e, un mese e 220€ dopo, mi mandano un preventivo per la sostituzione di compressore, scheda di controllo e scheda di potenza, ricarica gas e manodopera di 2.200€ (ivati)!!Nello stesso preventivo propongono la sostituzione dell’intera macchina con una uguale per 4.000€ ( sempre iva e manodopera inclusi) ! Possibile che pezzi di ricambio da 4/500€ Ciascuno non sia possibile provare a ripararli? Ho bisogno di una mano per decidere cosa fare: sto cercando di capire se sostituendo la pdc che sto ancora detraendo ( perché morta, quindi di fatto il mio generatore principale è tornato ad essere la vecchia caldaia a gpl), ho diritto a portare in detrazione anche la nuova (50 o 65% non importa) : a qualcuno è già successo? In questo caso il costo di riparazione ( sicuramente non detraibile) è superiore al costo di sostituzione. Vista l’esperienza non positiva con il marchio, anche per quanto riguarda centro assistenza e servizio post vendita della casa, sono fortemente ( oltre che inc......to!) intenzionato a cambiare marca. Cosa mi consigliereste in caso di sostituzione, sia come
    Macchina che come servizio post-vendita? ( per il dimensionamento direi che quella che avevo andava bene, riuscivo a stare al caldo con consumi accettabili con una casa in classe C, 96kWh/ma/anno,anni ‘90 quindi non perfettamente coibentata secondo i recenti canoni, pavimento radiante, mentre per l’ACS continuavo ad usare la caldaia...) Attendo consigli!

  • #2
    io sfrutterei il Conto Termico 2.0, almeno ti porti a casa due soldini, secchi, in 3 mesi se sei fortunato (anche se alcune pratiche le ho viste sbloccate dopo sei mesi, ma cmq tutte riconosciute dal GSE).
    Tua stessa pdc già montata e demolita due volte, due volte già perso la faccia coi clienti.
    Miglior rapporto qualità prezzo per pdc sostitutiva monoblocco: Panasonic, diversa casistica commerciale sulle splittate.
    Post vendita: auguri per tutte le marche, molto dipende dalla zona in cui sei, quindi anche questione di fortuna.
    Causa ancora scarsa conoscenza del settore da parte dei CAT, anche se situazione in grande miglioramento rispetto a 10 anni fa.
    Dipende anche da quanto vuoi spendere e da come è configurato il tuo impianto:
    con acs o senza? se con acs come è fatto l'accumulo?
    con inerziale o senza? se con puffer, allora come è fatto il puffer?
    distrubuzione ai corpi scaldanti: bassa, media o alta temperatura?
    generatore ausiliario: per soccorso o per comportamento impianto bivalente?

    ciao Roncoduro!

    Massimo
    se vuoi vivere e star bene, prendi la vita come viene

    Commenta


    • #3
      La PDC fa ( faceva!) solo riscaldamento a bassa temperatura su pavimento radiante, niente ACS, caldaia a gpl solo come emergenza

      Commenta


      • #4
        senza puffer? in diretta? senza neanche un compensatore idraulico?
        se vuoi vivere e star bene, prendi la vita come viene

        Commenta


        • #5
          C’e Una capacità da 50 litri con funzione di compensatore tra caldaia e pdc. Tornando all’affidabilita Del marchio, le tue che problemi hanno dato e, se ti ricordi, qual’era l’anno di produzione?

          Commenta


          • #6
            erano del 2010, distribuzione gas disomogenea su batteria alettata, quindi blocco di ghiaccio, quindi una ventola disintegrata.
            Poi venne assistenza autorizzata in altro caso, trova batteria forata, in un'unità montata in aperta campagna, casa praticamente disabitata. Fino al giorno prima, provata io a 30 bar senza perdite. Ma guarda il caso. Presente solo assistenza casa madre.
            Su unità acqua-acqua: rotture circuito gas interno mantelli.
            Sempre su unità acqua-acqua: software impazzito, faceva inversione di ciclo a suo sentimento.
            Conoscenza del prodotto dei centri autorizzati: zero, preparati solo in maldicenze.
            Ciao
            se vuoi vivere e star bene, prendi la vita come viene

            Commenta


            • #7
              Anche la mia targata 2010. Assieme a me ne ha installata una mio cognato, ma per sua fortuna si è sfasciata subito e glil’hanno Cambiata in garanzia, anche quella prodotta nel 2010. Ho fatto presente a Climaveneta che qualche dubbio sulla produzione 2010 sarebbe lecito, mi hanno risposto che il fatto che la mia macchina abbia funzionato per tre inverni significa che si tratta di un prodotto affidabile!

              Commenta


              • #8
                Chiedo ancora il vostro prezioso aiuto sempre riguardo la questione detrazioni fiscali. Come ho spiegato, devo sostituire la PDC rotta con una nuova, e mi sembra di capire che posso avere la detrazione al 65% o il conto termico: se installassi anche un boiler con scambiatore per la produzione di ACS tramite la PDC, posso accedere alla detrazione del 65%?il sito dell’ Enea parla di scalda acqua A pompa di calore: secondo voi considera solo i boiler con PDC integrata o, come nel mio caso, anche un boiler alimentato dalla PDC?

                Commenta


                • #9
                  Buongiorno a tutti, stessa esperienza, PdC del 2017 nel 2021 si guasta la scheda, mi sconsigliano di sostituirla, CLIMAVENETA ora non c'è più (è Mitsubishi) quindi se si trovano i ricambi saranno sicuramente carissimi. Dovremmo prenderne 3 guaste e farne una! oppure cambiare marca e prendere un produttore più serio.

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR