annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Consiglio dimensionamento pompa di calore riscaldamento+acs

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Consiglio dimensionamento pompa di calore riscaldamento+acs

    Buongiorno, ho deciso di sostituire la mia vecchia caldaia a condensazione a metano con una pompa di calore per riscaldamento e acs.
    Vorrei avere un consiglio sul dimensionamento della pompa di calore.
    Caratteristiche della mia casa: 90mq ,cappotto, riscaldamento a pavimento , 1000m3 di gas all’anno,zona d, gradi giorno della mia zona 1321, temperatura casa 19, temperatura minima registrata 5 gradi in inverno. Difficilmente scende sotto lo zero. Sono a Bari.
    L’impiantista mi ha consigliato una carrier Aquasnap da 8kw,anziché la 6kw ,perché la differenza di prezzo è di soli 300€, ma a me sembra sovradimensionata. Vorrei il vostro parere.
    Grazie

  • #2
    Con quei consumi di metano solo riscaldamento fa 9000kWh/90mq=100 kWh/anno cioè una classe energetica E, strano perché tu hai il cappotto. A isolamento di infissi e tetto come sei messo? Altrimenti potrebbe essere che con il metano fai anche ACS. In tal caso devi dirci in quanti vivete a casa e quanto metano consumi il mese di Aprile e Maggio.
    Facendo i calcoli qui Calcolo on-line dei dati climatici per abitazione risulta che per riscaldarti basterebbero 6kW, ma il sito considera una temperatura minima di 0°C. In teoria 6kW sono sufficienti, ma non fa tanta differenza rispetto a 8. (300€ dopo le detrazioni fa 100€)
    Considerati fortunato ad avere un impiantista che fa i conti abbastanza giusti: qualche giorno fa un utente di Lecce con casa simile alla tua ha detto che gli avevano proposto 16kW, un altro ancora sempre del sud una caldaia da 32kW...

    Commenta


    • #3
      Grazie per la risposta.
      Effettivamente i consumi di metano sono comprensivi di acs e piano cottura. Siamo in 2.
      I consumi di aprile e maggio non li ho, però ho quelli che vanno dal 22 Feb al 22 ott. In 8 mesi ho consumato 250 m3 di gas per acs e piano cottura. Considera che ad agosto 15 gg ero fuori, quindi sono 7,5 mesi x 250 m3.
      Per quanto riguarda gli infissi sono a taglio termico, tetto invece c'è la guaina e sopra ghiaia. Sotto la guaina credo il cappotto ma non ne sono sicuro.
      Tornando al discorso della scelta tra una 6kw e una 8kw, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di scegliere una pompa di calore che sia sovradimensionata, credo nel mio caso di poco. Lavora male la pompa o i consumi sono superiori rispetto ad una da 6kw?L'impiantista mi ha detto che la pompa avendo l'inverter non avrei consumi maggiori con una 8 kW.
      Ringrazio in anticipo per la risposta
      Ultima modifica di DanySM73; 30-10-2018, 09:08. Motivo: Violazione Art.3/d del regolamento del forum

      Commenta


      • #4
        Sì, è corretto, con l'inverter modula la potenza in base alla richiesta. E poi una PDC da 8kW (termici) alla massima potenza assorbirà circa 3kW di elettricità. In realtà facendo lavorare l'inverter e lasciandola accesa molte ore, il consumo medio magari sarà di solo 1kW.

        A febbraio un po' di gas l'hai usato per riscaldare casa, quindi diminuendo un po' il valore di 250mc, fa un consumo annuo di più o meno 400mc, un po' meno della metà. Se i mc per riscaldare sono 600, allora la 6kW ti basterebbero, anche 5 o meno. Dai conti che ti ha fatto sembra un tecnico serio, quindi 8kW prendili per buoni, se la differenza di prezzo non è enorme. La differenza di prezzo non è enorme, quindi io mi fiderei. Aspetta magari che risponda qualcuno esperto di PDC e di marchi-modelli.

        Siete in due, quindi non avete bisogno di un grande accumulo, il cui volume è da valutare con il tecnico.

        Commenta


        • #5
          modulano entrambe davvero bene e hanno lo stesso scambiatore esterno. essendoci poca differenza di prezzo prendi tranquillamente la 8kw se hai il dubbio che la 6kw possa essere tirata.

          Commenta


          • #6
            MISURATORE CONSUMO ELETTRICO PER ELETTRODOMESTICI O DISPOSITIVI ELETTRICI - SPINA ITALIANA 16A / PRESA BIPASSO 10-16A: Amazon.it: Cancelleria e prodotti per ufficio

            E sicuro collegare la pdc a una presa del genere per controllare i kw prelevati?

            Commenta


            • #7
              Regge fino a 16A, qual è l'assorbimento massimo della PDC?

              Ma poi la PDC probabilmente è collegata direttamente al suo quadro elettrico, non credo abbia una semplice spina da collegare a questo contatore

              Commenta


              • #8
                ciao io ho installato questo che tiene fino a 40A e ti dice anche la tensione di rete e molti altri valori che a me non interessano, ma ho una pdc "importante" come potenza, quelli che hai linkato te sembrano più dei giocattolini
                Kita M con boiler 300l in mandata, pit 300l x acs, radiante da 150 m2 al piano 0, predisposizione fc al piano -1 di 120 m2 riscaldato saltuariamente + stufa pellet da 9kw in taverna da 90 m2. 5 split Panasonic eterea. Casa anni 2000 con tetto non coibentato, poroton da 25 cm + eps da 3 cm + bimattone da 12cm. Fornelli induzione. Fotovoltaico da 24 pannelli poli da 270W + inverter SolarEdge.

                Commenta

                Attendi un attimo...
                X
                TOP100-SOLAR