annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ristrutturazione e scelta PDC

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ristrutturazione e scelta PDC

    devo ristrutturare un appartamento che ho acquistato e pensavo di renderlo gas free sostituendo la caldaia attuale con la PDC e i radiatori con un bel sistema radiante.
    Ma qui sorgono i dubbi: la casa è stata costruita nel '76 e, da profano, direi che i muri sono costituiti da intonaco e mattoni e basta, senza alcun isolamento.
    La certificazione energetica fornita per l'acquisto parla, ovviamente di classe G, da 409,55 kWh/m2 anno in zona climatica E.
    Il volume riscaldato è di 373m3 e la superficie disperdente di 259.
    La caldaia che andrei a sostituire è una Vaillant dell'89 da 28kW con un consumo stimato di 3500m3 circa l'anno.
    So solo che l'ultima bolletta della vecchina che mi ha venduto l'appartamento è di 531€ da gennaio a aprile 2018 nonostante l'uso di un camino (che io andrò a leliminare)

    Detto ciò e aggiungendo che sicuramente andrò a sostituire i vecchi serramenti a singolo vetro e migliorerò l'isolamento del sottotetto, mentre per il cappotto c'è ancora l'incognita di restare nel budget, l'idraulico mi ha presentato un preventivo con una pompa di calore aria-acqua Emmeti Mirai Smi EH 1315 da 9,7 Kw termici.
    Siccome è la prima volta che la sento nominare mentre sul forum ho letto di Panasonic, Mitshubishi, Ariston, Templari e chi più ne ha più ne metta, mi chiedevo se fosse affidabile come marchio e se fosse adatto come modello, oppure dovrei pensare di rivolgermi a altro (l'idraulico, ovviamente, è disponibile a cambiare su mia richiesta).
    Tenendo conto anche che in casa siamo e saremo solo in 2 e che siamo più suscettibili al caldo estivo che al fresco invernale (la temperatura del nostro appartamento attuale oscilla tra i 19 e i 20 gradi massimo in periodo invernale quando siamo in casa).
    Ovviamente mi sto già interessando al fotovoltaico per integrare il fabbisogno di corrente.

  • #2
    Se è una casa degli anni '70 è probabile che abbia l'intercapedine vuota: potresti farla riempire con insufflaggio spendendo molto meno di un cappotto (1/10) e quindi staresti sicuramente in budget, chiaro che il risultato non sarebbe lo stesso, ma come rapporto costi/benefici sarebbe di gran lunga la soluzione migliore. Poi potresti fare un cappottino interno nelle zone dove non puoi insufflare come sotto le finestre.
    La tua è una classe G ma molto bassa, sicuramente isola più che puoi e quindi buone le idee che ti sono venute.
    Dal volume immagino si parli di 100mq circa? 3500mc considerando la classe energetica e la produzione di ACS sono una cifra un po' risicata. Comunque penso che tu abbia trovato l'unico termotecnico che invece di esagerare ti mette una PDC di piccola dimensione.

    Commenta

    Attendi un attimo...
    X
    TOP100-SOLAR