Ciao a tutti complimenti a tutti voi che fate info in questo bel forum veramente ben fatto.

In questi giorni stanno ultimando (a livello strutturale) la mia nuova casa in legno. Devo decidere che tipologia di riscaldamento , raffrescamento/cdz, e produz. acs adottare.
Per questo vi chiedo una mano, perfavore perché sto impazzendo!!
Trattasi di casa in legno classe a /a+ circa 240 mq . Divisa in :.
PT: 3 stanze beb + piccola sala colazioni
1P : abitazione privata
2p: soffitta abitabile collegata a a 1p.
Infissi con triplo vetro.
Fotovoltaico sul tetto ancora da dimensionare .
No gas no metano quindi tutta elettrica e fv.
5 bagni
3 punti fuochi(induzione) cucine.
Sita in provincia di Ancona.

La mia idea era questa:

ACS:
1 boiler (da dimensionare)con PDC integrata per ACS 1 piano+ soffitta.
1 boiler (da dimensionare) per pt , per le 3 stanze beb

Riscaldamento e Raffrescamento:

PT :3 split (1 per camera) con motore trialsplit

1P : 2 split
Soffitta 1 split
Motore trialsplit.

In più ci sarà 1 camino a pellet al primo piano.

Secondo voi potrebbe essere una soluzione valida?? Il costruttore garantisce che nelle altre case da lui costruite l uso del cdz sia estate che inverno è sempre al minimo grazie alle ottime coibentazioni delle sue case.