annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Miglior impostazione riscadamento: Curva climatica? (Mitubishi Ecodan)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Miglior impostazione riscadamento: Curva climatica? (Mitubishi Ecodan)

    Ciao a tutti,
    sono a richiedere un consiglio sulla possibile miglior impostazione del riscaldamento mediante PDC (io nello specifico ho una MItubishi Ecodan).

    Ho provato a settarla con la sonda di temperatura ambiente ma però non ha dato risultati; la sonda essendo nel locale tecnico non dava veritiere informazioni e quindi la pompa quasi mai partiva e riscaldava a dovere la casa. L'uncio vantaggio è che potevo programmare gli orari e le temperature così da struttare il fotovolatico e inserire una tempeatura inferiore la notte.

    Utilizzando la curva climatica la situazione è nettamente migliorata (impostata che da 10° esterni in giù l'acqua di mandata parte a 35°) però di controproducente è che non sfrutto il fotovoltaico nelle ore di produzione (dalle 10.00 alle 14.00) e la sera, ovviamente la PDC parte anche se non servirebbe portare la casa alle temperature dei termostati.

    Ultima opzione che devo ancora provare è l'utilizzo della temperatura dell'acqua di mandata del pavimento radiante; immagino che anche con questa possibilità potrei impostare il timer di programmazione per pompare una temperatura maggiore nelle ore di sfruttamento del fotovolatico e la notte impostare delle temperature inferiore.

    Qualcuno ha esperienze in merito? anche se non si tratta della stessa marca di PDC.
    Grazie.
    Ultima modifica di Tarta82; 30-11-2020, 12:51.

  • #2
    la sonda ambiente è la miglior regolazione in ambito residenziale perchè è quella che ha il miglior feedback su cosa succede in casa...ma appunto va messa in casa e in un locale opportuno

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da triuso Visualizza il messaggio
      la sonda ambiente è la miglior regolazione in ambito residenziale perchè è quella che ha il miglior feedback su cosa succede in casa...ma appunto va messa in casa e in un locale opportuno
      "Il locale opportuno" sarebbe la stanza più fredda o dove il locale più utilizzato?

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da Tarta82 Visualizza il messaggio
        "Il locale opportuno" sarebbe la stanza più fredda o dove il locale più utilizzato?
        è quello che permette la miglior regolazione..se la metti nel locale più caldo o soggetto a riscaldamento da altre fonti sia essa la cucina o il forno ecco che ancdrà a influezare la regolazione della macchina e magari altri ambienti che non hanno gli stessi apporti saranno tendenzialmente meno caldi
        Va bene o no? dipende dalle tue preferenze alla fine
        Tipicamente meglio un locale centrale non soggetto a forti irraggiamnti da finestre etc e da apporti di calore di altra natura ovviamente quel locale deve essere riscaldato dalla pompa di calore e non devono esserci di mezzo altre regolazioni quali potrebbero essere le termostatiche o valvole di zona
        Queste possono esserci in altri locali che magari tendono a essere più caldi perchè hanno dinamiche diverse hanno magari apporti da irraggiamento e allora e allora si in questi locali si possono tagliare queste punte con sistemi di regolazione vari
        Sempre assicurandosi che resti comunque in aperto verso la pompa di calore una parte di impianto con suff contenuto di acqua e adeguata inerzia altrimenti ci vuole in accumulo o volano

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da triuso Visualizza il messaggio
          la sonda ambiente è la miglior regolazione in ambito residenziale perchè è quella che ha il miglior feedback su cosa succede in casa...ma appunto va messa in casa e in un locale opportuno
          La miglior regolazione è la climatica (da sonda esterna, "curva" che si trova facendo un po' di prove) con la sonda ambiente a limitare.

          Ma chi è il furbo che ha messo il "termostato" della ecodan in un locale tecnico ? Così ti giochi la limitazione.
          La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da nanotek Visualizza il messaggio
            La miglior regolazione è la climatica (da sonda esterna, "curva" che si trova facendo un po' di prove) con la sonda ambiente a limitare.

            Ma chi è il furbo che ha messo il "termostato" della ecodan in un locale tecnico ? Così ti giochi la limitazione.
            Nella ecodan di default c'è l sonda ambiente nell'unità interna che se si vuole può essere remotata in altra stanza; ovviamente nel pannello della ecodan, andando nelle impostazioni tecniche si vede che la Sonda ha una temperatura più alta (causa vicinanza serbatoio ACS).

            Riguardo la climatica come miglior regolazione, mi viene il dubbio perché di notte, in questo periodo parte sempre e durante il giorno poco e non sfrutto quel poco di produzione del fv

            Commenta


            • #7
              Riguardo la climatica come miglior regolazione, mi viene il dubbio perché di notte, in questo periodo parte sempre e durante il giorno poco e non sfrutto quel poco di produzione del fv
              La miglior regolazione di temperatura. Se ben regolata tiene la temperatura costante con oscillazioni di meno di mezzo grado.. ma dipende anche da come è la casa. In genere è anche il controllo più economico.

              Se la macchina va sempre, sfrutti anche il fotovoltaico. Di solito per sfruttare maggiormente il fotovoltaico (che in inverno produce poco..) forse ci sono i contatti SG Ready che si possono programmare per alzare il setpoint della temperatura. Dovrebbe essere possibile sulle mitsubishi.
              La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da nanotek Visualizza il messaggio
                La miglior regolazione di temperatura. Se ben regolata tiene la temperatura costante con oscillazioni di meno di mezzo grado.. ma dipende anche da come è la casa.

                Se la macchina va sempre, sfrutti anche il fotovoltaico. Di solito per sfruttare maggiormente il fotovoltaico (che in inverno produce poco..) forse ci sono i contatti SG Ready che si possono programmare per alzare il setpoint della temperatura. Dovrebbe essere possibile sulle mitsubishi.
                La casa è nuova, ha un anno e mezzo ed è costruita con blocchi Ytong da 42 quindi ben isolata su due piani per complessivi 165 mq.
                Noto che con temperatura di mandata dai 35 ai 40 difficilmente sin riscalda per bene il primo piano.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da Tarta82 Visualizza il messaggio
                  La casa è nuova, ha un anno e mezzo ed è costruita con blocchi Ytong da 42 quindi ben isolata su due piani per complessivi 165 mq.
                  Noto che con temperatura di mandata dai 35 ai 40 difficilmente sin riscalda per bene il primo piano.
                  Termosifoni ?

                  Edit.
                  Ah no.. leggo che hai il radiante. Visto che la casa è nuova escluderei problemi di progettazione, magari ha problemi di circolazione. Magari non sono bilanciate le portate nei collettori.
                  35-40 è alta per un radiante in una casa nuova e ben isolata. A 40°C La uso io che sto in una casa del 1980 in classe E. Quando nevica cosa fai ? mandi a 50°C ?
                  Ultima modifica di nanotek; 01-12-2020, 14:23.
                  La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da nanotek Visualizza il messaggio
                    Termosifoni ?
                    no no, pavimento radiante.
                    Lo davo per scontato visto che è una nuova costruzione

                    Commenta


                    • #11
                      Edit.
                      Ah no.. leggo che hai il radiante. Visto che la casa è nuova escluderei problemi di progettazione, magari ha problemi di circolazione. Magari non sono bilanciate le portate nei collettori.
                      35-40 è alta per un radiante in una casa nuova e ben isolata. A 40°C La uso io che sto in una casa del 1980 in classe E. Quando nevica cosa fai ? mandi a 50°C ?
                      La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da nanotek Visualizza il messaggio
                        Edit.
                        Ah no.. leggo che hai il radiante. Visto che la casa è nuova escluderei problemi di progettazione, magari ha problemi di circolazione. Magari non sono bilanciate le portate nei collettori.
                        35-40 è alta per un radiante in una casa nuova e ben isolata. A 40°C La uso io che sto in una casa del 1980 in classe E. Quando nevica cosa fai ? mandi a 50°C ?
                        E' quello che mi chiedo anch'io!
                        I collettori sono tutti ben bilanciati a tra 1.5 e 2...
                        Bah...

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Tarta82 Visualizza il messaggio
                          E' quello che mi chiedo anch'io!
                          I collettori sono tutti ben bilanciati a tra 1.5 e 2...
                          Bah...
                          Secondo i flussi di progetto ?
                          Io per esempio, non avendo i flussimetri sono andato a prove.. chiudendo un poco di più il primo piano per favorire lo svantaggiato secondo piano che ha tubature più lunghe dal collettore di distribuzione nel locale tecnico.
                          La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da nanotek Visualizza il messaggio
                            Secondo i flussi di progetto ?
                            Io per esempio, non avendo i flussimetri sono andato a prove.. chiudendo un poco di più il primo piano per favorire lo svantaggiato secondo piano che ha tubature più lunghe dal collettore di distribuzione nel locale tecnico.
                            Penso che l'idraulico abbia regolato il tutto secondo i flussi di progetto; sennò siamo alla frutta!!

                            Commenta


                            • #15
                              Se hai i progetti, controlla. Spesso gli idraulici non regolano il flusso, controllano solo che circoli acqua nei vari circuiti.
                              La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

                              Commenta

                              Attendi un attimo...
                              X
                              TOP100-SOLAR