PDC Panasonic Aquarea - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

PDC Panasonic Aquarea

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da mitro Visualizza il messaggio
    Io ho collegato tutto ad HA
    Non male, ma questi dati sono disponibili con l'integrazione panasonic o serve l'altra (adesso non ricordo il nome)?

    Commenta


    • Solo con la schedina Panasonic ed un software per homeassistant. Diciamo pero' anche che, per sua natura (e' un wrapper di servizi web), al minimo cambiamento degli stessi (sito service cloud e smart cloud di panasonic), smettono di funzionare, per ora vanno, poi ho gia' preso una schedina diciamo alternativa all'originale Panasonic. Dato che e' tutto di nuova istallazione aspetto un pochino prima di montarla.

      Commenta


      • A giorni mi dovrebbe arrivare il modulo modbus ufficiale panasonic.
        Vi farò sapere come va! Anche se poi tutto dipenderà dalla implementazione.

        Commenta


        • Originariamente inviato da mitro Visualizza il messaggio
          Solo con la schedina Panasonic ed un software per homeassistant. Diciamo pero' anche che, per sua natura (e' un wrapper di servizi web), al minimo cambiamento degli stessi (sito service cloud e smart cloud di panasonic), smettono di funzionare, per ora vanno, poi ho gia' preso una schedina diciamo alternativa all'originale Panasonic. Dato che e' tutto di nuova istallazione aspetto un pochino prima di montarla.
          Quale scheda Panasonic? Invece tutti gli altri componenti come li hai collegati? (Batteria, fotovoltaico etc.)
          grazie

          Commenta


          • Originariamente inviato da marcorosignoli Visualizza il messaggio

            Quale scheda Panasonic? Invece tutti gli altri componenti come li hai collegati? (Batteria, fotovoltaico etc.)
            grazie
            Il cuore di tutto e' una installazione di HomeAssistant + HACS (moduli opensource non ufficialmente supportati da HA) come segue:

            1) PDC Aquarea e' collegata ad HA tramite la sua scheda CZ-TAW1 ----->Servizi Cloud Panasonic<-----aquearea2mqtt (preso da github) ---->installazione mqtt (broker che gestisce gli eventi dei dispositivi collegati ad HA) di homeassistant.
            2) Impanto solare Solaredge + batteria LG RESU13 e' collegato direttamente all'inverter SE8K tramite modbus over tcpip (funzionalita prevista da Solaredge da abilitare poiche di default e' disabilitata), la batteria LG e' gestita da SolarEdge quindi l'inverter espone tutti i sensori relativi. I dati dei sensori collegati al contatore sono esposti sempre dall'inverter.
            3) Impianto solare con inverter PowerOne e logger Meteocontrol, in questo caso mi scarico i dati dal datalogger e sempre tramite uno script li do' in pasto ad influxdb (addon di homeassistant) e mi creo le dashboard con graphana (sempre un addon di home assistant)

            Tramite glli addon HACS e' possibile collegare ad HA qualsiasi cosa abbia un IP per il quale esiste un modulo di interfaccia verso mqtt (TV, frigo, luci, allarmi, irrigazione etc etc etc)

            Le possibilita' sono infinite..

            Il monitoraggio mi ha aiutato ad azzerare i consumi di energia nei riguardi dell'ENEL (sole permettendo) e questo e' un grosso valore aggiunto.

            Cosa che e' molto difficile da ottenere se non hai una visione d'insieme di tutto il sistema.

            Ad oggi, sempre sole permettendo, sono riuscito, con confort di 21 gradi di media in casa ed ACS a 48 gradi, ad avere alle 21, allo stop della PDC, un residuo di batteria del 30% che viene consumata di notte, alle 10 riparte la PDC con circa 19,5 gradi in casa.

            Questo e' stato possibile analizzando lo storico dei sensori, la curva di dispersione di casa ed i tempi necessari alla PDC per ristabilire un ambiente confortevole.
            Ultima modifica di mitro; 18-12-2021, 12:19.

            Commenta


            • Originariamente inviato da mitro Visualizza il messaggio
              Questo e' stato possibile analizzando lo storico dei sensori, la curva di dispersione di casa ed i tempi necessari alla PDC per ristabilire un ambiente confortevole.
              Bellissimo sistema... Sicuramente proverò. Devo però capire come collegare il mio inverter che è Senec. Studierò...
              geazie

              Commenta


              • Salve a tutti,

                Dopo anni di pdc Carrier, sono felicemente passato a Panasonic e da circa un anno possiedo una Aquarea che controllo sia da smartphone sia da pc tramite il network adapter CZ-TAW1 (oltre al pannello locale nella mia abitazione) e la pagina web Smart Cloud. Alcuni giorni fa prima di accedere sono stato obbligato ad aggiornare le condizioni sulla privacy e dal quel momento è diventato impossibile accedere allo Smart Cloud. Ho provato di tutto, spegnere e riaccendere, aggiornare sul sito i miei dati… ma niente… non è possibile neanche inviare il modulo da me compilato nella pagina del centro assistenza Panasonic. Il blocco è sullo Smart Cloud perché nel sito web posso entrare tranquillamente con le stesse credenziali. Ogni volta che tento il collegamento, compare la scritta: "An error occurred because the agreements have been updated. Please try again. (1000-0013)” che conferma il blocco dopo l’aggiornamento delle condizioni sulla privacy. Qualcuno ha avuto lo stesso problema?

                Commenta


                • Nel weekend ho controllato la pdc spesso, nello sbrinamento (condizioni pessime questo weekend, temperature intorno allo 0 e nebbia...) ha un consumo che non avevo previsto, arriva a circa 4kW (misurato con sensore esterno) per 3/4 minuti.
                  Lo avete notato anche voi (serie J)?

                  In pratica succede che la pdc inverte il "ciclo", da una mandata a 31/32 con un ritorno a 28/29 si abbassa sempre più la mandata fino ad arrivare ad un valore inferiore al ritorno che pian piano arriva intorno ai 26, a quel punto (o ad un certo punto, ancora non mi è chiaro con precisione) accende la resistenza di backup o room heater o backup heater (sul manuale ci sono diverse diciture..) e il consumo arriva al picco di 4kwh. Qui le condizioni che ho visto sul manuale.

                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Deice.jpg 
Visite: 621 
Dimensione: 108.9 KB 
ID: 2176748


                  Ho visto che nel menù utente c'è la possibilità di togliere il "room heater" ma ho paura di danneggiare qualcosa.

                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   RoomHeater.jpg 
Visite: 588 
Dimensione: 10.0 KB 
ID: 2176749

                  Poi ho trovato anche questa cosa sotto il menù nascosto:
                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   BackuPHe.png 
Visite: 617 
Dimensione: 35.0 KB 
ID: 2176750

                  Quindi non riesco a capire cosa disabiliti l'impostazione dal menù utente e cosa dal menù nascosto. Qualcuno ha provato a disabilitare il room heater da menù utente? cosa cambia rispetto al BackUpHeater dal menù nascosto?

                  Stando al manuale, per entrambi, se disabilitati potrebbero generare l'errore H75

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da daniel86 Visualizza il messaggio
                    Nel weekend ho controllato la pdc spesso, nello sbrinamento (condizioni pessime questo weekend, temperature intorno allo 0 e nebbia...) ha un consumo che non avevo previsto, arriva a circa 4kW (misurato con sensore esterno) per 3/4 minuti.
                    Lo avete notato anche voi (serie J)?
                    La mia (9kw monoblocco serie J) non fa cosi', e in particolare non attiva le resistenze (la situazione è simile alla tua, almeno di notte: temperature attorno allo 0 o poco sotto, nebbia/umidità, un sacco di sbrinamenti - circa 1 all'ora, a volte anche di più).

                    Nel momento in cui va in sbrinamento si spegne un attimo (frequenza, portata, kw consumati a 0), quindi si riaccende con dei valori di frequenza/portata un pochino superiori a quelli precedenti (frequenza sui 58Hz, portata sui 30L/min) e consumo in kW che va da 0 a 1.8Kw come picco massimo. Poi si spegne di nuovo e riparte con il normale riscaldamento. Il tutto dura pochissimo (un paio di minuti).

                    Diciamo che considerata la poca durata, a livello di consumi lo sbrinamento in se non si nota granchè. Il problema è il fatto che ogni volta la PDC deve ripartire da zero con il riscaldamento, e quindi parte sostenuta per poi abbassarsi piano piano... e quando finalmente sarebbe a regime di bassi consumi, TAC e parte un nuovo sbrinamento!

                    Comunque la resistenza non parte (non lo noto nei grafici, ne nelle icone in pannello e anche i consumi non mi sembrano compatibili). Come impostazioni ricordo che ho lasciato tutto come da installazione, quindi il backup_heater mi pare che può accendersi da 0° in poi (era mia intenzione disabilitarlo o abbassare quei gradi, ma prima volevo vederlo in funzione per capire come va prima di metterci mano).
                    Non ho idea di come sia impostata la voce di room_heater che dici tu, non ho la macchina sotto, se vuoi posso guardarci. Ma è sicuramente come da impostazioni standard (dagli screenshot che hai fatto il default è OFF).


                    Casa con cappotto in stiferite, PDC Panasonic Aquarea 9kW monoblocco su radiatori in alluminio, FV 6kW + batteria 10kWh. I consumi del primo anno di utilizzo.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da gotheric Visualizza il messaggio

                      La mia (9kw monoblocco serie J) non fa cosi', e in particolare non attiva le resistenze (la situazione è simile alla tua, almeno di notte: temperature attorno allo 0 o poco sotto, nebbia/umidità, un sacco di sbrinamenti - circa 1 all'ora, a volte anche di più).

                      Nel momento in cui va in sbrinamento si spegne un attimo (frequenza, portata, kw consumati a 0), quindi si riaccende con dei valori di frequenza/portata un pochino superiori a quelli precedenti (frequenza sui 58Hz, portata sui 30L/min) e consumo in kW che va da 0 a 1.8Kw come picco massimo. Poi si spegne di nuovo e riparte con il normale riscaldamento. Il tutto dura pochissimo (un paio di minuti).

                      Diciamo che considerata la poca durata, a livello di consumi lo sbrinamento in se non si nota granchè. Il problema è il fatto che ogni volta la PDC deve ripartire da zero con il riscaldamento, e quindi parte sostenuta per poi abbassarsi piano piano... e quando finalmente sarebbe a regime di bassi consumi, TAC e parte un nuovo sbrinamento!

                      Comunque la resistenza non parte (non lo noto nei grafici, ne nelle icone in pannello e anche i consumi non mi sembrano compatibili). Come impostazioni ricordo che ho lasciato tutto come da installazione, quindi il backup_heater mi pare che può accendersi da 0° in poi (era mia intenzione disabilitarlo o abbassare quei gradi, ma prima volevo vederlo in funzione per capire come va prima di metterci mano).
                      Non ho idea di come sia impostata la voce di room_heater che dici tu, non ho la macchina sotto, se vuoi posso guardarci. Ma è sicuramente come da impostazioni standard (dagli screenshot che hai fatto il default è OFF).

                      Grazie per il feedback!
                      La differenza principale è che la tua è una monoblocco, ma non penso faccia tutta questa differenza per le logiche di sbrinamento. Quando sbrina a che temperatura hai circa il ritorno? non vorrei che l'attivazione della resistenza sia proprio dovuta ad una temperatura in ingresso < 27°C (come indicato sul manuale).

                      Sinceramente non ricordo se quel valore di Room Heater è On o Off. Il "tecnico" "Panasonic" era proprio scarso e ha messo delle robe a caso.. Se stasera riesci a confermarmi che hai quel valore ad Off mi fai un piacere!

                      Un'altra cosa, tu lavori in diretta? io ho il separatore inerziale, per fortuna ho la possibilità di toglierlo, o per lo meno fargli fare da accumulo sul ritorno e quindi togliere anche la pompa di rilancio.

                      Il mio principale problema non sono i consumi, anche se un po più alti pazienza, ma è il picco massimo che mi preoccupa, 4KW con piano cottura induzione potrebbero portare a dei picchi molto alti..

                      Commenta


                      • Quindi sotto "Heater" la voce "Total ON Time" è a 0? o per lo meno non si incrementa giorno per giorno con gli sbrinamenti..

                        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   HeaterTime.jpg 
Visite: 585 
Dimensione: 14.6 KB 
ID: 2176759

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da daniel86 Visualizza il messaggio

                          Grazie per il feedback!
                          La differenza principale è che la tua è una monoblocco, ma non penso faccia tutta questa differenza per le logiche di sbrinamento. Quando sbrina a che temperatura hai circa il ritorno? non vorrei che l'attivazione della resistenza sia proprio dovuta ad una temperatura in ingresso < 27°C (come indicato sul manuale).

                          Sinceramente non ricordo se quel valore di Room Heater è On o Off. Il "tecnico" "Panasonic" era proprio scarso e ha messo delle robe a caso.. Se stasera riesci a confermarmi che hai quel valore ad Off mi fai un piacere!

                          Un'altra cosa, tu lavori in diretta? io ho il separatore inerziale, per fortuna ho la possibilità di toglierlo, o per lo meno fargli fare da accumulo sul ritorno e quindi togliere anche la pompa di rilancio.

                          Il mio principale problema non sono i consumi, anche se un po più alti pazienza, ma è il picco massimo che mi preoccupa, 4KW con piano cottura induzione potrebbero portare a dei picchi molto alti..
                          Ti confermo che Room Heater (in italiano "Resistenza amb.") è OFF, e che il numero di ore di resistenza è a 0.
                          Lavoro in diretta, nel senso che la PDC è direttamente collegata (dopo la valvola a 3 vie) ai collettori dei termosifoni. Ho un volano sul ritorno.
                          Ah, come scritto sopra, sono a termosifoni e non a radiante.
                          Quando sbrina la mandata scende a 26°C (dai circa 34/35° che c'è durante il riscaldamento), per poi tornare su, mentre il ritorno rimane pressochè stabile sui 32° durante lo sbrinamento, scende di 2/3° subito dopo.
                          Casa con cappotto in stiferite, PDC Panasonic Aquarea 9kW monoblocco su radiatori in alluminio, FV 6kW + batteria 10kWh. I consumi del primo anno di utilizzo.

                          Commenta


                          • L'algoritmo di sbrinamento è diverso da macchina a macchina (serie e potenza). Ti posso dire che sulla serie H 12KW biventola, ho un consumo prossimo a 5KW durante lo sbrinamento quando il ritorno durante lo sbrinamento scende sotto i 28 gradi (la dinamica è coerente con quella che hai raccontato). Da quello che ho capito questo succede su tutte le biventola Serie H e probabilmente anche sulle J (ma non ho conferme). Il punto fondamentale è la T del ritorno: se il tuo impianto garantisce per tutto lo sbrinamento T del ritorno maggiori di 28 gradi allora sbrina solo con l'acqua. Se no utilizza un inversione del ciclo spinta è ciuccia fino a 5KW (la mia). Io ho il radiante e ho ritorno sempre inferiore a 28 quindi fa così. Ma per scrupolo ho provato ad alzare la curva per avere ritorni sopra a 28 e effettivamente gli assorbimenti istantanei durante lo sbrinamento sono diminuiti. Nota: non usa le resistenze. Infatti nei miei test le avevo anche escluse fisicamente (per poi riattivarle) senza avere cambiamenti negli assorbimenti. E infatti il contatore in h dell'utilizzo resistenze è fermo da due anni (nessun utilizzo). L'algoritmo credo sia scritto in qualche manuale e comunque mi è stato confermato dall'assitenza tecnica panasonic
                            Panasonic Aquarea 12KW + FV Panasonic 6KW + Pavimento radiante 240m2

                            Commenta


                            • E ti ha confermato bene,esattamente come avevo scritto anche alcuni post indietro.Esatto, dipende da quello. Se hai mandate basse ed il ritorno e' sotto i 28°, almeno nella mia , fa ricorso alle resistenze, in questa condizione le resistenze NON e' possibile disabilitarle.
                              Ultima modifica di fedonis; 20-12-2021, 14:52.
                              [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da gotheric Visualizza il messaggio

                                Lavoro in diretta, nel senso che la PDC è direttamente collegata (dopo la valvola a 3 vie) ai collettori dei termosifoni. Ho un volano sul ritorno.
                                Ah, come scritto sopra, sono a termosifoni e non a radiante.
                                Scusate l'ignoranza, c'è differenza tra avere il volano sul ritorno piuttosto che sulla mandata? Dovrò installare anch'io una PDC su termosifoni e volevo capire la differenza. Quando è meglio sulla mandata e quando sul ritorno?

                                Commenta


                                • Se non sbaglio è 27° non 28°, almeno così è indicato nel manuale. Dovrei aver visto bene allora, la resistenza è entrata in funzione quando la mandata si è abbassata intorno ai 27°C. Un motivo in più per togliere la pompa di rilancio, vi spiego quanto ho visto.

                                  In fase di sbrinamento la pompa interna è arrivata a 40L/min, la pompa di rilancio è rimasta attiva però con una portata molto più bassa; avendo il separatore inerziale, buona parte dei 40L/min non sono andati in circolo sul radiante, ma diretti nel serbatoio inerziale e poi subito dentro la pompa di calore. In effetti toccando a mano la parte bassa era fredda. A quel punto è partita la resistenza.

                                  Probabilmente senza separatore e pompa di rilancio tutti i 40L/min sarebbero passati dal radiante e la temperatura in rientro alla pdc non si sarebbe abbassata così tanto.. cosa ne pensate?

                                  Commenta


                                  • Che e' plausibile, tuttavia potresti valutare il costo beneficio. Un minuto o poco piu' a 5 kw/h non e' un problema in termini di consumo, lo potrebbe esssere per eventuale distacco. Ma prima che stacchi un 6 kw per superamento potenza, ce ne vuole.
                                    [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                    Commenta


                                    • Originariamente inviato da alexpe Visualizza il messaggio

                                      Scusate l'ignoranza, c'è differenza tra avere il volano sul ritorno piuttosto che sulla mandata? Dovrò installare anch'io una PDC su termosifoni e volevo capire la differenza. Quando è meglio sulla mandata e quando sul ritorno?
                                      Queto e' il topic di Aquarea, dedicato appositamente a questa macchina, tuttavia, se una risposta veloce potesse darti una mano, immagino che Admin chiuda occhio. In linea generale non e' necessario un inerziale, ne' in mandata ne' in ritorno. Puo' essere opportuno averlo allo scopo di avere una maggiore quantita di acqua in circolo, in particolare negli impianti a pavimento che dovessero essere serviti da testine. L'utente medio userebbe le testine per regolare la temperatura dei vari ambienti, con il risultato che i circuiti di quegli ambienti verrebbero esclusi dalla circolazione una volta raggiunta la temperatura impostata. Nel caso limite, piu' di qualche circuito chiuso, limiterebbe il lavoro della macchina che si troverebbe a lavorare con pochissima acqua. In fase di sbrinamento andrebbe in errore(certo esistono by pass tra mandata e ritorno etc etc ma soprassediamo). A tale scopo o si spiega bene all'utente di lasciare sempre i circuiti aperti e si regola il tutto tramite la temperatura di mandata della macchina, oppure si inserisce un inerziale, in genere una 50ina di litri, allo scopo di prevenire quanto appena descritto. La soluzione meno invasiva e piu' coerente, in questo particolare caso (a mio parere) e' averlo sul ritorno. Si impiega esclusivamente il circolatore della pdc ed hai una macchina in diretta su impianto senza complicazioni e ulteriori consumi. Se invece vi possono essere ulteriori fabbisogni, ad esempio impianti misti, necessita' di due temperature di mandata differente ed altro, allora e' spesso necessario ricorrere ad un accumulo su mandata, miscelatore, pompa di rilancio etc etc. In sintesi, tutto dipende da che tipo di impianto hai bisogno di realizzare. Spero di averti dato una mano a comprendere, tuttavia, per approfondire, ti onsiglio di leggere i vari topic dedicati all'impiantistica. Ce ne sono davvero moltissimi. Oltre che off topic, sarebbe una ennesima ed inutile ripetizione. Buona serata
                                      [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                      Commenta


                                      • Originariamente inviato da daniel86 Visualizza il messaggio
                                        Se non sbaglio è 27° non 28°, almeno così è indicato nel manuale. Dovrei aver visto bene allora, la resistenza è entrata in funzione quando la mandata si è abbassata intorno ai 27°C.
                                        Può essere, andavo a memoria.

                                        Panasonic Aquarea 12KW + FV Panasonic 6KW + Pavimento radiante 240m2

                                        Commenta


                                        • Anche io vado a memoria ormai, ci sta che qualche dato possa essere non perfettamente riportato. La dinamica e' comunque quella.
                                          [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                          Commenta


                                          • Buongiorno a tutti,
                                            il termotecnico che mi sta stilando la legge10 mi consiglia una pompa di calore da 12.0Kw anche se il documento indicherebbe più una 10.0 Kw. Dice che va leggermente sovradimensionata (+20%) per via dell'ACS.
                                            Sono quindi andato a vedere le Panarea sul sito aircon.panasonic.eu ed ho scoperto che la più recente serie J (R32) arriva fino a 9Kw.
                                            Di conseguenza dovrei optare per una serie H (R410) che appartiene alla generazione precedente.
                                            Domanda: quanto peggiore è (o sarebbe) la serie H rispetto alla J ?
                                            Possibile che abbiano rinnovato la gamma fermandosi a 9 Kw?
                                            Claudio
                                            Claudio

                                            Commenta


                                            • Tra poco troverai anche le altre. Ma non direi peggiore, (in cosa poi?), le due serie si equivalgono in termini di prestazioni e affidabilita'. Basta guardare le schede anche delle 9. Certo, visto che sta arrivando la R32, meglio quella. Io non sovradimensionerei. Proprio per nulla...
                                              [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                              Commenta


                                              • Guarda anche io non sovradimensionerei ma glielo dirà (spero) il rivenditore/installatore Panasonic perché quando gliel’ho detto io non è che mi abbia ascoltato più di tanto (eufemismo).
                                                Claudio

                                                Commenta


                                                • Comunque, tra la 9KW e la 12KW c'è una bella differenza almeno sulla serie H. La 12 KW (che ho io) è una doppia ventola. E' effettivamente una 16KW limitata. Va benissimo ma in basso modula al massimo fino a 3.5/4 KW. Inoltre ha l'algoritmo di sbrinamento che ciuccia 5KW istantanei (per pochi minuti).
                                                  Panasonic Aquarea 12KW + FV Panasonic 6KW + Pavimento radiante 240m2

                                                  Commenta


                                                  • Grazie del prezioso feedback.
                                                    Claudio

                                                    Commenta


                                                    • Ciao a tutti, torno dopo un po.. Allora penso di aver trovato abbastanza la quadra, senza toccare flussimetri. In climatica pura, h24, ma per non spegnere di sera la faccio lavorare a -2 gradi rispetto a standard dalle 23 alle 8. La casa non perde molto, anche se i consumi rimangono vivaci, c'è da dire però che la sera qui andiamo sotto zero. Infatti sono aumentati gli onoff per i defrost abbastanza frequenti, nella mattina. Ma sto sui 25/30 kW giornalieri e sui 21 in casa. Stavo però vedendo il discorso della resistenza, e nel mio menu vedo che ha lavorato 77h (non lo avevo verificato prima) ma penso che appunto vada a segnare l'utilizzo della resistenza per i defrost, visto che ho i ritorni mediamente sotto i 27 gradi e quindi non riesce a sciogliere ghiaccio con acqua (come diceva fedonis). Le impostazioni sono ovviamente quelle originali.. Non vedo i picchi di consumi nella notte, ma la mattina quando vado a vedere é sempre abbastanza vivace (compressore tra 60-70 MHz) . É corretto che intervenga la resistenza, e anche quelle ore di funzionamento? (Vi riporto le t storiche di dicembre che vedo su Internet per la mia città. Minima -5, Max 13, media 3) Umidità vedo valori tra 75-85%

                                                      Commenta


                                                      • Ultima cosa che forse vi avevo già chiesto.. Ho una pompa di circolazione (o rilancio) sul circuito del riscaldamento e adesso che i termostato sono sempre in chiamata, rimane sempre accesa anche lei. Prima invece si spegneva quando i termostati non chiamavano più. In sostanza a cosa serve? Visto che ho locale impianto in interrato, serve per pompare acqua ai radianti dei vari piani? Giusto che sia settanta su max, e come consumo mi indica 40w e toccando rotella mi da 6 mt, che penso sia la forza della portata. Potrei aver problemi con funzionamento sempre off?
                                                        File allegati

                                                        Commenta


                                                        • Esatto, serve per quello. Hai un disgiuntore dove il circolatore immette l'acqua, da li il rilancio la spara in giro per casa. Quindi non puoi disabilitarlo. Puoi pero' provare a ridurre laportata fino a trovare il giusto equilibrio tra circolatore macchina, disgiuntore e circolatore esterno (il wilo in foto). Se tu riuscissi a tenere la temperaura di mandata macchina, leggermente piu alta di quella de disgiuntore, agendo ovviamente sul wilo, la macchina dovrebbe modulare ai minimi termini e per lungo tempo. Ovviamente se si spegnesse la macchina durante la notte, sarebbe ferma anche lei. La mia abitazione e' molto isolata ed in questo periodo, con punte di -7/8 notturne, con forte formazione di brina mattutina il consumo si attesta attorno gli 8/10kw/h giorno. Anche gli sbrinamenti nella mia si contano sulle dita di una mano (per dire davvero rarissimi) per via del fatto che sbrina in produzione acs, quindi ad alta frequenza. Per il resto si attesta il mattino alla ripartenza attorno i 40hz per un oretta, per poi sistemarsi tra i 23 ed i 19 hz fino alle 20.30, orario dello spegnimento senza mai brinare perche il carico di lavoro e' bassissimo. Il problema e' l'isolamento, se non avete involucri all'altezza di questo trend, dovete tenerle accese h24. Ho letto di qualcuno che ha una A4 senza cappotto. Diciamocelo, ci arriva con le rinnovabili, altrimenti la classe A sarebbe un miraggio. Prova ne e' che se spegne la casa ovviamente si raffredda. Il problema fondamentale e' sempre quello, l'isolamento. L'isolamento e' da curare bene bene e bene. Tutto il resto viene da se.
                                                          Ultima modifica di fedonis; 21-12-2021, 19:02.
                                                          [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                                          Commenta


                                                          • Ciao arrivato ora il modulino heishamon, so che deve essere collegato al posto del cavo originale cz-taw1, ma a quale connettore? non trovo niente sui manuali ufficiali. mi sapete dare una mano?
                                                            Grazie
                                                            Casa indipendente - Taverna 150mq, p. terra 130mq. Zona climatica: D, GG 1861, T progetto 0, EPH,nd 26,06
                                                            PDC Aquarea 12kW gen H + Cordivari 300 litri
                                                            Riscaldamento a pavimentoSolare termico 2 pannelli
                                                            VMC Zehnder Q350 - Domotica

                                                            Commenta


                                                            • Originariamente inviato da zorro73 Visualizza il messaggio
                                                              Ciao arrivato ora il modulino heishamon, so che deve essere collegato al posto del cavo originale cz-taw1, ma a quale connettore? non trovo niente sui manuali ufficiali. mi sapete dare una mano?
                                                              Grazie
                                                              Dovrebbe esserci sulla scheda della PdC un connettore chiamato "CN-CNT", lo devi attaccare li (la posizione è un po' diversa a seconda se è serie H/J e se hai o meno la scheda di espansione PCB, cmq devi sempre cercare quel codice).
                                                              Casa con cappotto in stiferite, PDC Panasonic Aquarea 9kW monoblocco su radiatori in alluminio, FV 6kW + batteria 10kWh. I consumi del primo anno di utilizzo.

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X