Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pompe di Calore Ariston Nimbus 2017

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Pompe di Calore Ariston Nimbus 2017

    Apro questa discussione per parlare delle nuove PDC della Ariston (ne stavamo parlando in altra) .
    Per adesso la scheda tecnica (gentilmente linkata da Lore) Pompa di calore NIMBUS POCKET 70 M NET 12 kw Ariston
    AUTO BANNATO

  • #2
    Ciao spider61,

    qua trovi proprio la pagina dedicata sul sito del produttore, dove una volta scelta la versione desiderata (è il link di quelle "murali" non ha basamento con accumulo integrato) hai scheda tecnica, manuale di installazione, certificazioni ecc.

    Pompe di Calore per Riscaldamento Murali | Sito Ufficiale Ariston

    Commenta


    • #3
      Grazie ,

      a prima vista vedo una cosa particolare : la potenza minima alta per la 40 si và da 1,4 a 5,7 ( 7/35) nella 50 da 1,4 a 7,1kw , sembrerebbero lo stesso hardware fatto lavorare dal soft con potenza + alta (stessa qtà di R410 1880gr in entrambre) , la Carrier arriva alla minima di 0,77 - 1,08kw , naturalmente questa ha maggior efficienza ,
      AUTO BANNATO

      Commenta


      • #4
        pot.jpg
        cop.jpg

        Commenta


        • #5
          Spero si riescano a leggere decentemente.
          Senza aggiungere troppe parole, credo che queste tabelle descrivano alla perfezione le macchine (e dovrebbe essere sempre così).
          A -7 gradi esterni, e 55 di mandata, ha una potenza di 7,43 kw.
          Neanche la 015 della carrier mi pare li raggiunga.
          E tra l'altro con un cop di 1,99.
          La mia (vaillant) al momento non ha questo cop con una t esterna di 0 e una mandata di 37 :-(((((
          E la potenza lascia a desiderare, poichè stanotte per soli 120 mq sul totale, andava a una potenza di 3500watt elettrici, quindi quasi al 100%.

          Se sono realistici i dati di queste tabelle, come già detto, parliamo di mondi completamente diversi.

          Commenta


          • #6
            Ciao fnucera,

            credo che queste nuove ariston siano di derivazione Elco, (sempre gruppo ariston), infatti loro già da tempo hanno pdc aria-acqua da 5 kW nominale che vanno da un minimo di 1,9 kW a un massimo di 9,0 Kw e da 7,1 kW nominali con un minimo di 2,3 kW e massimo di 13,1 kW, che però sono da interno e costano, essendo svizzeri, un pacco in più.

            Commenta


            • #7
              no, le elco, che a me hanno proposto in tempi non sospettabili, erano delle carrier a tutti gli effetti, come immergas, etc...

              Ora, visto ce la elco è gruppo ariston thermo, queste ariston andranno anche a coprire gli altri marchi del gruppo, tra cui elco da quello che ho capito.

              Invece mi sono accorto solo adesso guardando meglio il listino, che fanno totale confusione su un'altra cosa non di poca importanza.

              In pratica esistono le nimbus S e le nimbus M.

              Quelle che descrivevo fino a l'altro giorno, erano le 4 versioni M, alle quali si affiancano le 3 versioni S.
              Ma le versioni "split", di tipo M, da quello che capisco, non sono vere split.
              Nel senso che hanno una unità interna, ma è solo un kit preassemblato per il collegamento all'impianto esistente, non uno scambiatore, che è e resta parte integrante dell'unità esterna.

              Quindi chi vuole il gas tra esterna e interna, deve rivolgersi alle versioni S.

              Un casino assurdo, almeno per quanto riguarda le denominazioni.
              Bastava vendere semplicemente la PDC base, o monoblocco, o splittata, e poi considerare tutto il resto un accessorio, e non per ogni accessorio realizzare una denominazione apposita.
              Scelte commerciali alquanto discutibili insomma.

              Tra l'altro, avendola capita prima questa cosa, io avrei comprato la "finta split", perchè con qualche centinaio di euro in più, avevo un bel kit tutto pronto, senza esaurirmi a montare e assemblare valvolame di ogni genere. Toglievo la caldaia, mettevo il kit, ed eccomi servito. Ma ormai è troppo tardi...!

              Commenta


              • #8
                Grazie della tabella , si può paragonare a quella dell'acquasnap , dopo guardo un pò , hanno solamente sbagliato scrivendo frequenza , invece in una è la potenza e in una è il COP...
                Una domanda , ma quale hai preso adesso e quanto l'hai pagata ?

                quindi S=SPLIT M=MONOBLOCCO
                Comunque mi piace , è che mi frega il prezzo , già a 2400€ ero fuori budget , qui la 40 che mi basterebbe , perchè è come la 6 della C , sono 2600 online....
                E poi ci sono ancora in vendita le Nimbus cloni della aquasnap Ariston pompa di calore NIMBUS 4kW (230V + tmax 60degC fino a -10degC) - PDC MONOBLOCCO - POMPA DI CALORE
                AUTO BANNATO

                Commenta


                • #9
                  Prendete come riferimento questi prezzi, sotto i quali è tecnicamente impossibile trovarle.
                  2600, 2700, e 3100, per le 3 versioni 40 50 e 70.
                  In teoria ci sarebbe da aggiungere il trasporto, ma in qualche modo quello lo si gestisce, quindi considerateli prezzi incluso tutto.
                  Ovviamente a differenza di tanti altri modelli in vendita, parliamo del prezzo incluse tutte le centraline, che spesso costano un bel pò.
                  E con questi prezzi, vi assicuro che non si guadagna praticamente nulla, quindi se le trovate troppo di meno, qualche dubbio fatevelo venire, come è successo per le immergas qualche giorno addietro.
                  Se poi ci saranno aumenti a breve, questo non so dirvelo. Ovviamente questi prendeteli come prezzi di riferimento, non come preventivi.

                  Io l'ho pagata anche tanto la mia, o meglio, ancora non ho pagato niente :-) che il conto totale me lo deve fare, ma siccome sto prendendo altri migliaia di euro di materiale di altro genere, sinceramente mi preoccupo poco se viene lei 3050, 3000, o 3100, perchè non è quello che farà la differenza.

                  Alla fine con la mia installazione vaillant, sono passato da poco meno di 4000 della pdc, a quasi 15000 euro per tutto il lavoro finito.
                  Considerate che solo il valvolame minimo da montare (raccordi, flex, valv. di sicurezza, valvola di scarico, vado si espansione, gruppo di riempimento, filtro, termomanometri per chi li vuole, sfiati, valvole di ritegno, valvola a 3 vie x acs se serve, saracinesche, etc...) per una pdc tipo queste è di almeno 500 euro se fate un lavoro come si deve.
                  Poi ci sono tutti i tubi, il boiler, i quadri elettrici, etc..., i lavori di manodopera, edili se servono, predisposizione condensa, etc...
                  Insomma, dipende tutto dalle condizioni di partenza...e le mie erano disastrose :-)

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao fnucera,

                    Originariamente inviato da fnucera Visualizza il messaggio
                    no, le elco, che a me hanno proposto in tempi non sospettabili, erano delle carrier a tutti gli effetti, come immergas, etc...
                    io dico queste elco, che nulla hanno a che vedere con le carrier, e che sono da interno e ci sono da un pò in svizzera, e mi sembra che il "cuore" abbia prestazioni simili a queste nuove ariston

                    https://www.elco.ch/it/resources/dow...ROTOP-S-IT.pdf

                    Commenta


                    • #11
                      ah, ok, queste non le conoscevo, e mi sa che in italia non sono commercializzate.
                      Io non le ricordo quando me le proposero.
                      Comunque è giusto e naturale che le varie società del gruppo si scambino tecnologie tra loro, quindi credo sia potuto accadere tranquillamente ciò che dici.

                      Commenta


                      • #12
                        Perchè sostituisci la Vaillant , troppo piccola o troppo grande ?
                        Ma non era la Chaffoteaux (o come si scrive) la sottomarca Ariston , nello store che aveva linkato Lore Ariston: Caldo e freddo - CHILLER E POMPE DI CALORE - CLIMATIZZAZIONE si trovano tutte, il modello nuovo e vecchio sia Ariston sia Chaffoteaux...
                        AUTO BANNATO

                        Commenta


                        • #13
                          no, non sostituisco nulla.
                          Sono due case differenti.

                          Comunque con questo consolidamento di mercato che sta avvenendo nel settore thermo, ormai siamo al ridicolo. Stessi gruppi che hanno 10 marchi diversi, e tutti i prodotti poi uguali.
                          Almeno nel settore auto la carrozzeria la cambiano...qui neanche quella ormai!

                          Commenta


                          • #14
                            Và a finire che si scopre che è il nuovo modello della Carrier , la quale era stato scritto che non commercializzava più col suo nome , ma vendeva agli altri come ha fatto con aquasnap... o forse l'Ariston ha un know how importante sviluppato con gli scaldaacqua a PDC ?! o anche quelli erano cinesi rimarchiati ?
                            AUTO BANNATO

                            Commenta


                            • #15
                              bel presentimento :-)
                              sicuramente sono stati tra i primi a proporre con forza gli scaldaacqua a pompa di calore in italia, è grazie a loro che sono stati conosciuti ai più.
                              Poi il know tecnico è altra roba, e difficilmente avremo accesso a tali informazioni come pubblico di massa ;-)

                              Io comunque visto il settore, in una scelta del genere, valuterei sempre in base al servizio prevendita, ma soprattutto postvendita.

                              Diamo per scontato che tutti i cloni carrier siano uguali...ma se becchi un marchio con un sistema pessimo di assistenza, poi lì si che ti mangi le mani ;-)

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR