annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tecnico per scelta PDC geotermica in provincia di Livorno

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tecnico per scelta PDC geotermica in provincia di Livorno

    Visto il successo della mia precedente domanda, ci riprovo in questa sezione deserta, così son sicuro che non rovinerò la mia attuale media di 0 risposte ;-)
    Sto cercando un tecnico che conosca la materia e che mi sappia dare un'indicazione per una soluzione di villetta bifamiliare, 160 mq circa, pavimento radiante e piano terra con termosifoni e per 2,5 lati interrato. Lo so che economicamente la soluzione geotermica non è vantaggiosa, ma vorrei provarci col 110% visto che, dal punto di vista ambientale, se non ho capito male, è la migliore soluzione.
    Qualunque consiglio è bene accetto, ovviamente ;-)

  • #2
    a livello ambientale cosa intendi?
    entrambe usano fonte rinnovabile per produrre energia termica. a livello produttivo e di posa penso che una pdc Aria/acqua vinca a mani basse per la maggior semplicità/ velocità di installazione e di componenti necessari
    Dove l'ignoranza urla...l'intelligenza tace...è una questione di stile...
    Fv 3,6kw - 14 pannelli benq + Inverter Abb 3.0 out.

    Commenta


    • #3
      Scusa, mi sono espresso come una capra. Ritento: la geotermica sfrutta il differenziale termico del sottosuolo. Permette di lasciare libera l'energia del FV per altri scopi (tipo EV) o per immetterlo in rete. Tutto qua. Ovviamente non sono un granché preparato, questa, nel mio immaginario, è l'idea di risparmio energetico che me ne sono fatto... Chiaro, se dobbiamo valutare nel computo totale il costo di trivellare 100+100 m di scavo con le varie complicazioni, probabile si ottenga cmq un bonus energetico, ma a lungo/lunghissimo termine.

      Commenta


      • #4
        credo che tu confonda le cose..una pompa di calore geotermica impegnerà la produzione del FV come una ad aria acqua..poi se quella geotermica ha un cop migliore (cosa da vedere) consumerà semmai meno energia elettrica sia di quella che produci direttamente sia di quella che comperi dalla rete

        Non credo che tu a casa tua abbia una sorgente termale da cui esce acqua già calda o vapore o geyser

        Per cui la classica pompa di calore geotermica altro non è che una pompa di calore acqua acqua e le possibilità sono ti fai una sonda da trivellare e dimensionare in cui c'è un lungo tubo di polietilene che scende e sale e quì ci circola acqua che assorbe il calore dal terreno
        è un vero pozzo nel sens o che in inverno prendi calore e lui si raffredda e in estate se climatizzi con la pompa di calore gli cedi calore e lo aiuti a ricaricarsi

        Altra possibilità è di prelevare acqua da una falda e prendere il suo calore e poi reimmetterla in altra falda ti servono quindi due pozzi autorizzazioni etc ma sopratutto in entrambi i casi ci sono delle pompe che devono muovere questa acqua
        Queste pompe consumano ovviamente di più di un ventilatore di una pompa di calore aria acqua e poi queste soluzioni hanno si un vantaggio rispetto all'aria perchè il terreno non va sotto zero etc ma non benefici delle mezze stagioni delle giornate tiepide autunnali o primaverili che invece la pompa di calore ad aria può sfruttare

        Ergo fra complicazioni impiantistiche permessi per trivellazioni prevlievi etc costo delle trivellazioni scarsa offerta di questi sistemi alla fine si è capito che non c'è tutto sto vantaggio a livello stagionale anche perchè le pompe di calore aria acqua hanno nel tempo fatto progressi e non c'è più il gap di un tempo

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da triuso Visualizza il messaggio
          credo che tu confonda le cose..
          Beh, in effetti non è che abbia le idee molto chiare in merito. E le tue osservazioni sono quelle che leggo un po' in giro. A logica mi verrebbe da pensare che, soprattutto nei 2/3 mesi invernali, una geotermica riesca a fornire un vantaggio, se pur minimo. Ma non ho dati, né esperienze in merito, quindi, le mie, sono solo supposizioni. Alla fine, le complicazioni sarebbero le pompe per muovere l'acqua all'interno dei tubi, per il resto dovrebbe essere più o meno lo stesso di una PdC classica. Resta da vedere quanta energia possano consumare queste pompe. Certo è che scovare qualche tecnico preparato in merito è un bel casino...

          Commenta


          • #6
            è in vantaggio nelle ore notturne e quando gela per dire stamattina da me c'erano -2 ma ora siamo già a +6 e una pompa di calore che sfrutta l'aria funziona in continuo con ottime prestazioni e nessun sbrinamento

            Per il geotermico c'è anche la possibilità delle sonde orizzontali ad esempio in una nuova costruzione si mette nel terreno attorno a casa una sorta di serpentina
            La cosa è agevole se poi ci si mette del terreno di riporto etc per cui c'è quasi solo il costo del tubo
            Dalle sonde trivellate non si ricavano grandi potenze mentre usando acqua di falda dipende dalla profondità dell'acqua più è in basso e maggiore è il lavoro per emungere l'acqua
            Considera poi che l'emungimento continuo dell'acqua può portare a in intasamento del pozzo e alla necessità di trivellarne un altro
            Quindi alla fine c'è da vedere a casa tua quale strada prendere valutarne la convenienza diciamo che è un percorso poco praticato e quindi con più incertezze

            Alla fine per una abitazione conviene efficientarla e isolarla e a quel punto hai necessità di poco calore che puoi raccogliere senza problemi con una pompa di calore aria acqua

            Commenta

            Attendi un attimo...
            X
            TOP100-SOLAR