annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Influenza dell'attività umana sui cambiamenti climatici.

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Influenza dell'attività umana sui cambiamenti climatici.

    Dopo il tramonto delle speranze negazioniste legate alla "pausa" del riscaldamento ormai non c'è più alcun dubbio che il riscaldamento globale sia in atto.
    Resta però negabile l'idea che sia l'aumento della Co2 sia l'aumento della temperatura siano da addebitare totalmente alle attività umane, ma che siano in gran parte se non tutte causate da banali fenomeni naturali su cui l'uomo non ha possibilità di intervento.

    Ora è apparsa una ponderosa ricerca che dimostra una fortissima correlazione fra la presenza umana e la velocità di aumento della temperatura, anche al di fuori delle variabili naturali.

    Cambiamento climatico: l'uomo lo influenza piu della natura | Sky TG24
    SAGE Journals: Your gateway to world-class journal research

    L'equazione sviluppata tiene conto di una miriade di variabili e dà come risultato sintetico un dato impressionante:

    "Negli ultimi 7.000 anni, osservano, il tasso di variazione della temperatura è stato di circa 0,01 gradi centigradi per secolo. Negli ultimi cento anni è invece stato di 0,7 gradi, cioè 70 volte superiore. Guardando poi agli ultimi 45 anni, e cioè dal 1970, quando "l'influenza dell'uomo sul cima si è fatta più evidente", il ritmo dell'aumento della temperatura è di 1,7 gradi per secolo, 170 volte superiore."

    Credo sia un dato su cui riflettere.
    Ultima modifica di BrightingEyes; 14-02-2017, 09:40.
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  • #2
    Si... più che riflettere fa Paura!
    O troviamo velocemente un modo per limitare i danni e la CO2 immessa dalle nostre combustioni o faremo fare una brutta fine alla gran parte della vita su questo pianeta.

    Roy
    Essere realisti e fare l'impossibile

    Commenta


    • #3
      Non esageriamo Roy, potrebbe diventare un pianeta ideale per tantissime forme di vita che ora devono competere con noi ed altri organismi evoluti... insetti, vermi, piante, virus...

      Scherzi a parte alla fine ci tocca sperare che il clima non si affretti a tacitare i negazionisti e ci dia il tempo di agire, ammesso che mai si cominci a farlo SERIAMENTE
      Ambientalista, esperto di risparmio energetico, veicoli elettrici e energie rinnovabili.
      Possessore di una rara FIAT Seicento Elettra: Eli!

      Commenta


      • #4
        Si, è pur vero che la vita sa adattarsi quasi sempre ma vi sono dei limiti... stiamo immettendo in atmosfera la Co2 conservata nel periodo di milioni di anni, a partire da quando l'atmosfera non era adatta (almeno sulla terra ferma) a una forma di vita abbastanza evoluta.
        Dobbiamo seriamente, come dici tu, affrontare questa realtà e trovare una soluzione abbastanza rapida e condivisa dalla maggiorparte del mondo umano.
        Essere realisti e fare l'impossibile

        Commenta


        • #5
          Secondo queste previsioni https://www.iea.org/publications/fre...an_version.pdf io "pre- vedo"che non sarà cosi roseo.Temo assai però ...Cassandra docet.
          diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

          Commenta


          • #6
            E' assolutamente necessario rilanciare le fonti rinnovabili concentrandosi su sistemi di distribuzione "smart" e validi sistemi di accumulo. E' altrettanto necessario focalizzare l'attenzione sull'efficienza energetica degli edifici, delle industrie e sulla mobilità elettrica.
            Sarebbe meglio chiudere le stalle prima che i buoi scappano, ma si sa che molti stanno già andando via...

            Buon Natale a tutti.

            Il diavolo si annida nei dettagli.

            Commenta


            • #7
              Più che solo furbi io direi mini sistemi di distribuzione interattivi,non micro ma mini.Allora si saremo "furbi".Cattura.PNG e concordo sul RISPARMIO,tanto ,tanto.
              diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

              Commenta


              • #8
                Purtroppo fa più notizia la scoperta di nuovi giacimenti di petrolio e gas rispetto alle capacità reali e future delle rinnovabili , se molti decenni fa la scusa era la mancanza di tecnologie adeguate allo sviluppo di queste fonti adesso che sono alla portata di tutti si preferisce puntare a determinate quote di consumo di rinnovabile per sentirsi apposto con l'ambiente e la coscienza di molti paesi industrializzati .

                Commenta


                • #9
                  Oil e gas sono già pronti e purtroppo si sceglie sempre la strada apparentemente meno costosa!
                  Il diavolo si annida nei dettagli.

                  Commenta


                  • #10
                    Riprendo solo per segnalare che l’ondata di gelo sugli USA non è affatto prova che il GW è una bufala come ritengono alcuni, fra cui il carotone presidente suo malgrado!
                    Infatti la cosa è stata ampiamente spiegata e prevista Winter cold extremes linked to high-altitude polar vortex weakening — PIK Research Portal e dipende dall’indebolimento del circolo polare causato proprio dal riscaldamento dei poli.
                    Qui in italiano Come il riscaldamento globale porta il gelo sugli Stati Uniti - Focus.it

                    Purtroppo uno degli effetti peggiori del GW sembra essere sempre più concreto e reale. Sto parlando dell’aumento ormai innegabile dei fenomeni estremi.
                    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                    Commenta


                    • #11
                      MA solo un grosso imbecille come come Trump puo’ dire che ci vuole un po’ di global warming... almeno da noi ha nevicato in montagna...un po’ di scorta per la prossima siccita’...
                      pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                      Commenta


                      • #12
                        Vero. Quest'anno non ci dovrebbero essere problemi di siccità degli invasi. E non abbiamo nemmeno avuto grandi fenomeni alluvionali finora. Ma è solo una casualità statistica, visti i disastri prodotti in altre aree anche europee.
                        Purtroppo l'aumento regolare di energia potenziale negli oceani non può che produrre catastrofi in futuro.
                        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                        Commenta


                        • #13
                          E questa notizia?

                          Nasa, il buco nell'ozono si e ridotto del 20%

                          Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
                          pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                          Commenta


                          • #14
                            Diciamo che ci dobbiamo abituare a un clima differente rispetto al passato , fenomeni estremi e non abituali , è come essere davanti a un malato con tanti medici e tutti con diagnosi diversa ma tutti concordi che il paziente è malato però aspettano cosa non si sa ...........

                            Commenta


                            • #15
                              Non è proprio cosi....qualche medico abbastanza influente dice che non ce’ motivo di preoccuparsi e riapre al carbone...ma non lo porta la befana
                              pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                              Commenta


                              • #16
                                Se non si mettono d'accordo le grandi potenze mondiali... credo che non abbiamo scampo. Purtroppo, è difficile operare una sorta di "castrazione" tecnologica ed energetica, il ciclo energetico globale è del tipo chiuso, le uniche aperture che abbiamo nel bilancio energetico, sonio costituite dal sole e qualcosina dal nostro satellite, per il resto, dobbiamo cavarcela da soli. Quindi, insistere col fotovoltaico, perfezionare l'eolico, sfruttare l'energia "mostruosa" delle maree e ridurre i consumi energetici pro capite... ( ed ho fatto tredici :-) ). Tra le soluzioni accennate, l'unica che vedo veramente difficile da attuare, è la riduzione dei consumi energetici pro capite, ci si siede a tavola per nutrire il nostro corpo... ma poi, si devia verso le prelibatezze... e salgono i costi energetici per produrle... per cosa poi?... Per soddisfare un bisogno che tale non è o non dovrebbe essere, così, si è innescato un giro vizioso e così stiamo procedendo da quasi due secoli. Il necessario l'indispensabile non è più individuabile tra le cose che abbiamo a disposizione, sia come generi alimentari che come generi/articoli tecnologici. I nostri "capoccia" dovrebbero avere il coraggio di fare scelte impopolari ma che abbiano lo scopo di mettere in equilibrio il prodotto col consumo ed in ogni caso, preso un riferimento certo che "fotografi" la situazione attuale, da questo scostarsi verso il basso di una significativa percentuale. Ora però, mi rendo conto di aver proposto una via da percorrere che difficilmente potrà essere presa in considerazione... l'animo umano è egoista ad oltranza anche contro i propri interessi specie se proiettati a lungo termine...sappiamo che ci sarà sempre un "cane" più famelico di altro "cane" e che cercherà di affamarlo per poi nutrirsi della sua carcassa!!...Secondo come ci stiamo muovendo, appare chiaro che ormai i giochi sono stati fatti da tempo ed ora ci viene presentato il conto ( molto salato )
                                f.sco

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da Optmum Visualizza il messaggio
                                  ... l'animo umano è egoista ad oltranza anche contro i propri interessi specie se proiettati a lungo termine...sappiamo che ci sarà sempre un "cane" più famelico di altro "cane" ....
                                  ...Già hai centrato il punto centrale,...ma siamo proprio sicuri sicuri di essere fatti cosi o ce lo hanno fatto credere.Però non mettere in mezzo gli animali per piacere.
                                  diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Sarò un illuso...ma i cambiamenti (veri) vengono sempre dal basso....
                                    pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Riporto da diezedi che rispondendomi scrive:

                                      "....ma siamo proprio sicuri sicuri di essere fatti cosi o ce lo hanno fatto credere.Però non mettere in mezzo gli animali per piacere."

                                      Non pretendo affatto che mi si prenda sul serio o si consideri oro colato ciò che io scrivo, sta di fatto che a guardare a ritroso nel tempo, il genere umano nel suo insieme si è mostrato asservito alla propria pancia e cupidigia. Gli animali in quanto istintivi, soggiacciono alle leggi della natura, l'uomo invece, pur essendo esso un essere istintivo, ha a sua disposizione altri mezzi di "espressione" che gli animali non hanno. Avendoli chiamati in ballo nel mio discorso, non li ho affatto strumentalizzati, e poi, del regno animale, ho citato proprio i cani perché molto più agevolmente di altri si adattano a condizioni estreme ivi compreso il loro stile alimentare... ho soltanto riferito di fatti notori non per denigrare la specie canina ma come detto, solo per rendere una idea consolidata appunto, quando un cane è affamato, specie se è allo stato selvatico, non disdegna la carcassa di altro suo simile... giusto come ho voluto ci vedessimo noi che siamo o dovremmo essere, esseri "evoluti" e pieni di risorse alternative.... ma se continuiamo di questo passo, i cani sulla terra ci saranno ugualmente anche se dovesse scomparire la specie umana...quindi, occhio ai bassi istinti e più ponderazione sui passi da compiere.
                                      Giorni addietro, discutendo con uno dei miei fratelli (letteralmente figlio di mio papà), gli ricordavo la rapidità e la ineluttabilità di come si manifestano certi fenomeni, più semplicemente, gli ho ricordato il "fenomeno" budino... si, il comune budino; il pentolino sul fornello con dentro il latte zuccherato e l'amido di mais vanigliato... giri giri e giri ancora ma non succede nulla!... Ad un tratto, ecco la "magia", la massa liquida si trasforma in budino... il gioco è fatto!!... A quel punto la trasformazione è irreversibile, non è più possibile tornare indietro.
                                      f.sco

                                      Commenta


                                      • #20
                                        l'uomo è per natura avido. ci sono uomini che vogliono vivere in armonia con l'ambiente
                                        circostante,altri che se ne fregano e vogliono massimizzare il profitto a scapito dell'ambiente
                                        altri che predicano bene poi scopri che razzolano male,i ricchi che vogliono diventare
                                        straricchi,in passato ci sono stati cambiamenti climatici con conseguenze gravi sulla
                                        razza umana,se cambia il clima potrebbe essere impossibile sostenere l'attuale popolazione
                                        con aggravamento dello sfruttamento delle risorse,i ricchi sanno che troveranno sempre un
                                        porto sicuro disposto ad accoglierli,poi se ci sono ancora molti italiani che non sanno o non
                                        riescono a fare la raccolta differenziata dei rifiuti non c'è molto da sperare per l'umanità,se
                                        non strozzarci con la nostra immondizia.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          riguardo le nevicate sulle Alpi, non se ne vedevano così da tanto ma... ieri a Ponte di Legno (1250m) nevischiava ma era nettamente sopra lo zero anche sulle piste più basse... e a gennaio un tempo non era affatto così.

                                          Gli eventi locali non dicono molto, il ritiro dei ghiacciai un po' ovunque nel mondo magari si
                                          Ambientalista, esperto di risparmio energetico, veicoli elettrici e energie rinnovabili.
                                          Possessore di una rara FIAT Seicento Elettra: Eli!

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Io dico che è ora di evolversi.E penso che la maggior parte degli esseri umani siano in empatia con la natura,molti però non lo sanno perchè ormai questa dopo millenni di stupri alla coscenza l hanno nascosta sotto altre cose,comunque l avidita e la peggiore .E NON è l avidità del cane che si ingozza a più non posso quando può perchè teme la fame è moolto peggio.Come disse quella brava persona nata in India (+/-,non ricordo le esatte parole )....La terra è in grado soddisfare i bisogni di tutti ma non l avidita di pochi ...
                                            diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

                                            Commenta


                                            • #23
                                              La troppo rapida evoluzione tecnologica non lascia tempo per adeguarsi alle nuove condizioni che si creano.
                                              Se andiamo a scavare, il nocciolo del problema è proprio questo, evoluzione tecnologica ed evoluzione biologica viaggiano con due marce differenti.
                                              Paragonando l'evoluzione umana alla vita di una persona, in questo momento ci troviamo nella critica e delicata fase adolescenziale: potere di agire e irresponsabilità nel farlo.
                                              Il diavolo si annida nei dettagli.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Concordo abbastanza con Atomax. A mio parere il vero fattore destabilizzante è stata l’esplosività dello sviluppo umano degli ultimi 100 anni. I paesi occidentali, se fossero l’unico problema di inquinamento, hanno avuto tempo per analizzare e far digerire il problema alla gente e non sarebbe un problema enorme superare gradualmente un modello di sviluppo predatorio facendo accettare qualche minima rinuncia.
                                                Ma vedo con molta preoccupazione una crescita tumultuosa di OGNI campo umano nei paesi ex “in via di sviluppo”. Noi occidentali manteniamo una specie di illusione paternalistica con L’idea di poter ancora guidare. Ma in realtà paesi come Cina, India, Corea del Sud e paesi del sud America sono ormai entità totalmente indipendenti e con potenzialità enormi. In ogni campo. Anche militare.
                                                Come si possa pensare di “imporre” qualcosa mi riesce difficile capirlo!
                                                “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  L'influenza dell'attività umana sul clima è marginale , come dire che la formica con i suoi formicai possa modificare la prateria .
                                                  Viene stimato che l'attività umana possa influire di 1-5% rispetto ad altri fattori molto più importanti , come l'attività solare o le radiazioni cosmiche o la posizione dell'asse terrestre .

                                                  Poi d'altra parte basta leggere un po e vedere l'evoluzione della terra e studiare un po di geologia o di ere geologiche passate o analizzare i ghiacciai del polo sud .

                                                  La Terra ha avuto nei miliardi di anni passati ere di glaciazioni ed era di riscaldamento globale e questo quando l'uomo non era nemmeno nato .
                                                  La CO2 è aumentata più di quanto sia ora , e questo senza che vi fosse l'uomo a bruciare combustibili fossili .

                                                  Non dimentichiamo cosa siamo e dove siamo e cosa facciamo , non noi piccoli esseri più piccoli di un virus sulla terra e nel cosmo , ma la nostra Terra il nostro Sole ed il nostro sistema planetario .

                                                  Siamo fortunatamente per il momento ai margini di una galassia , in una zona esterna dove la vicinanza con altri soli o altre stelle è remota per il momento consentendo un clima mite .

                                                  Ma non è stato sempre cosi e non sarà sempre cosi . Siamo una polvere cosmica , che si muove con la galassia di cui facciamo parte e questa polvere si mescola si rimescola casualmente con la rotazione della galassia stessa .

                                                  Quindi cosa vogliamo sapere e cosa vogliamo prevedere le previsioni meteo di 2-3 giorni o di una settimana ?
                                                  Per il resto è difficile prevedere il futuro .
                                                  Probabilmente anche se da domani cessassimo di bruciare petrolio o carbone la CO2 aumenterebbe ugualmente ed il clima si riscalderebbe ugualmente senza l'intervento umano .
                                                  D'altra parte l'orologio del petrolio e del carbone è segnato a 50-100 anni forse e poi finirà .

                                                  Cosa sono 100 anni per la Terra o per cosmo o per la galassia o per l'universo ? NULLA .

                                                  Quindi state sereni è tutto già scritto e segnato quello che dovrà succedere e poco o nulla l'uomo potrà fare almeno per il momento .
                                                  La vita sulla Terra è stata prossima alla estinzione a causa del raffreddamento globale ed anche del riscaldamento , senza che vi fosse l'uomo a influire sul clima .
                                                  Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Poi vi stupite dei redneck dell’Ohio che hanno votato Trump...
                                                    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Experimentator....il giorno che le formiche saranno in grado di cancellare la vita sulla terra con un pulsante nucleare o giocheranno con l'antimateria nei loro anelli sotterranei ne riparliamo

                                                      Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
                                                      pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                        L'influenza dell'attività umana sul clima è marginale...
                                                        Poi d'altra parte basta leggere un po e vedere l'evoluzione della terra e studiare un po di geologia o di ere geologiche passate o analizzare i ghiacciai del polo sud .
                                                        ...La CO2 è aumentata più di quanto sia ora, e questo senza che vi fosse l'uomo a bruciare combustibili fossili .
                                                        Spesso il clima è cambiato per via delle variazioni dell'attività solare, per via di grandi eruzioni vulcaniche e in modo meno globale per le piccole alterazioni dell'orbita terrestre.
                                                        Questi fenomeni c'erano, ci sono e ci saranno! Un esempio possono essere le grandi ultime due eruzioni vulcaniche di El Chichon (1982) e del Pinatubo (1991) che hanno liberato grandi quantità di diossido di zolfo in atmosfera, oltre a particolato che, protraendosi in atmosfera per più di un anno, ha causato una diminuzione della temperatura dell'intero globo per quasi 3 anni.
                                                        Anche se i vulcani continuano ad emettere CO2 come nel passato, l'ammontare di questo gas resta estremamente piccolo rispetto alle emissioni umane. In media (dati NASA) i vulcani emettono dai 130 ai 230 milioni di ton di CO2 all'anno. Le attività umane emettono circa 26 miliardi di ton di CO2 all'anno (dati del 2005).
                                                        I cambiamenti solari, invece, influenzano il clima con un ciclicità più o meno costante con periodo di circa 11 anni. Dette variazioni vengono costantemente registrate dal 1978. Durante un picco massimo di attività solare, l'energia che investe il nostro pianta è lo 0,1% più alta rispetto al periodo di picco minimo. Nello scorso decennio è stato addirittura inferiore.
                                                        attività solare.jpg
                                                        Sebbene la temperatura della Terra fluttua naturalmente, l'influenza umana sul clima ha eclissato l'entità delle variazioni naturali della temperatura negli ultimi 120 anni.
                                                        Le influenze naturali sulla temperatura (El Niño, variabilità solare e aerosol vulcanici) sono variate approssimativamente di +/- 0,2 °C (in media a circa zero), mentre le influenze umane hanno contribuito, dal 1889, a circa + 0,8 ° C. [Fonte NASA].
                                                        fluttuazioni.jpg
                                                        In ultimo, per quanto riguarda la concentrazione di CO2, riporto un significativo grafico.
                                                        CO2.jpg
                                                        Non bisogna essere scienziati per vedere l'anomalo aumento di CO2 dell'ultimo mezzo secolo, non giustificato da nessuna causa naturale.

                                                        Poi, per carità, ognuno è libero di convincersi che Cristo è morto di freddo.

                                                        Saluti.
                                                        Il diavolo si annida nei dettagli.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                                                          L'influenza dell'attività umana sul clima è marginale , come dire che la formica con i suoi formicai possa modificare la prateria.
                                                          Come al solito ci propini tue fantasie mascherandole da “”fatti acquisiti””.
                                                          Questa sciocchezza poteva essere sostenuta qualche anno fa, quando ancora non c’erano le prove di cui abbiamo ampia disponibilità ora.
                                                          Quali? Basta che leggi qualche discussione passata, dove tu o l’ormai assente Mac giver ci avete divertito per mesi con le previsioni sulla imminente era glaciale che sarebbe stata determinata dal minimo solare...
                                                          bene il minimo solare c’è stato. L’era glaciale? Restiamo in attesa di notizie...
                                                          Le previsioni sull’incremento delle temperature si stanno puntualmente realizzando. Sai spiegarle?
                                                          Le crisi del passato hanno TUTTE una spiegazione. Perlopiù il sole. Ma la spiegazione dell’attuale riscaldamento?? Dove sarebbe se il Sole è in fase di minimo o comunque Normoattività?
                                                          Molto facile blaterare sentenze infantili fingendo un’autorevolezza smentita dai fatti. Ma qualche dato a sostegno delle tue facezie ce lo presenti o dobbiamo rimanere agganciati alle storielle sulle “viti sul Tamigi” e le terre a palla di neve?
                                                          “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                          O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                                            Molto facile blaterare sentenze infantili fingendo un’autorevolezza smentita dai fatti. Ma qualche dato a sostegno delle tue facezie ce lo presenti ....?
                                                            Ma quale dato vorresti vedere ?

                                                            Ma hai letto bene quello che ho scritto ?
                                                            Nessuno ha questi dati e nessuno potrà averli , almeno per ora .
                                                            Come chiedere ad un metereologo che clima farà fra un anno o fra 10 anni o 100 anni . Tutte fantasie di padre indovino che si leggevano nel calendario una volta .
                                                            Ditemi come sarà il sole tra 1 o 10 o 100 anni e vedremmo se si potranno fare delle previsioni . Ditemi quali saranno le radiazioni cosmiche tra 1-10-100 anni .
                                                            Ditemi quale zona dell'universo o della galassia verrà attraversata dal nostro pianeta e chissà quanti altri fattori noti o sconosciuti entrano nella mischia , es il vulcanesimo .Ditemi quanti vulcani erutteranno .
                                                            Chiediamo agli astronomi ed ai geologi .

                                                            Se poi vogliamo fare solo il calcolo con la CO2 solo per un periodo cosi breve allora siamo dei maghi Merlino .

                                                            E' dimostrato oramai che nelle epoche passate la CO2 è aumentata nell'atmosfera per cause non ben note o a causa del vulcanesimo o a causa di riduzione dei vegetali terrestri e marini ancor di più .

                                                            Sono tanti i fattori da considerare come il clima che si può prevedere solo a breve termine .

                                                            Comunque basta aspettare solo i prossimi 50 anni quando dovremmo avere la fine di combustibili fossili , e dobbiamo utilizzare per forza energie rinnovabili e lo sapremo .
                                                            Non credo che nei prossimi 50 anni la Terra sarà riscaldata cosi tanto da finire arrostiti o finirà la vita per un po di CO2 .
                                                            Il sistema per fortuna sulla terra si autosostiene o si auto controlla . Maggiore CO2, maggiore vita vegetale , maggiore produzione di O2 .

                                                            Non bisogna considerare solo la CO2 , ma tutte le fonti che generano calore , per esempio le centrali termonucleari e gli esperimenti di bombe atomiche , o il calore rilasciato dagli esplosivi , per cause di lavoro o di guerre .
                                                            Facciamo un conticino quanto calore sprigiona una bomba H , tale da poter alimentare per anni una centrale ed illuminare una città .

                                                            Vogliamo parlare allora del progetto ITER che dovrebbe realizzare la fusione nucleare controllata ? Forse.

                                                            Se nel futuro saremo alimentati dalla fusione , da centrali a fusione , quanto calore extra non naturale verrà immesso nella atmosfera ?

                                                            La colpa sarà sempre della CO2 ?
                                                            Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                                                            Commenta

                                                            Sto operando...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR