autocostruzione piastre radianti - ha senso? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

autocostruzione piastre radianti - ha senso?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • autocostruzione piastre radianti - ha senso?

    Ciao a tutti,

    ho cercato un po nel forum ma non mi sembra si sia molto parlato di questa possibilità.

    Antefatto, ho installato in casa la Ibrida della Rotex... inizio ora la seconda stagione.

    Della prima stagione non sono molto soddisfatto ho speso poco meno dell'anno precedente, ma a causa di un problema al comando esterno (schermo morto) non ho mastruzzato abbastanza sulle regolazioni. Vediamo quest'anno...

    Ho avuto questo problema soprattutto all'inizio di stagione (adesso meno): .. Avendo dei termo (delonghi plattella compatta) se mando a T basse non ho un delta T sufficiente a mantenere la PDC in tiro.... cioe continua in cicli continui di on-off. Alzando la T mandata la PDC "pendola" decisamente meno ma rischio di avere 22 gradi in casa.

    Prima cosa che ho fatto è stata ridurre al minimo la portata della pompa (adesso gira a 10lit/min) e questo un po' aiuta.

    La seconda cosa che ho pensato è quella di aumentare la dispersione come:
    - incrementando la superficie dei termo. (forse la soluzione meno costosa)
    - sostituendoli con piastre radianti (es Wa...e K...en ma costano un botto )
    - installare un soffitto radiante (non ho la più pallida idea dei costi)

    poi ho pensato che si potrebbe autocostruire delle piastre radianti (come delle piastre captanti con funzione opposta) cioe lamiera rame + serpentino rame (incollato/fissato/saldato).

    Consigli? Qualcuno ci ha mai pensato/provato?

    Grazie
    __________________________________________________ ___________________________________________
    Zona Climatica E - 2591 gradi giorno;Casa prefabbricata Rubner Residenz (2007) 114mq su cantinato CLS; Rotex Hybrid 5KW e Radiatori Delonghi Plattella in acciaio; Impianto Fotovoltaico 3,12kw 0° Sud; tilt 23°; Fiat Grande Punto Metano.

  • #2
    hai i termi..casa non grandissima..capisco ben isolata...domanda: ma hai un accumulo di acqua tecnica da 100 lt?
    Secondo me il pendolamento lo risolvi con quello.
    dopo di che una pdc rotex inverter da 5 kw dovrebbe riuscire ad inseguire il carico, anche se molto basso..che potenza esprime al minimo? 1 kw?..se hai 5-6 elementi dovrebbero scambiare 200 W ciscuno, non mi sembra impossibile.
    quando dici "bassa" e "alzandola"..a che T ti riferisci?

    Ho visto la foto dei termi che hai..ma non puoi metere dele ventoline sotto e far soffiare "attraverso" le due piastre? secondo me un poco la resa dovrebbe aumentare...

    Di sicuro se aumenti la sup radinate, migliori..ma farti tu delle piastre in rame..mi sa che costa meno comprare un altro termo fatto..ala fine è pur sempre una piastra..

    ma secondo me con un piccolo accumulo non dovresti aver problemi.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Ciao Marcober

      Intanto grazie per la risposta.

      Alle ventole ci ho pensato, ma al momento con due pazzi di 6 e 2 anni che lucidano ogni angolo del pavimento con il sedere e che hanno eletto come tana personale l'angolo dietro il divano il cui accesso principale è proprio lo spazio tra divano e termo ho accantonato l'idea.

      una prima idea era quella di prendere delle piastre piu ampie (tipo il modello 21 sempre plattella da 180) metterla in una stanza da letto (quella dei bimbi) e collegare in serie il termo da 100 (ex stanza) e quello da 120 (sala). Altra modifica che farei è quella di collegare i terminali (ingresso ed uscita) dei termi ai lati opposti (al momento sono sullo stesso lato). costo del termo 21 da 180 è di circa 200 euro + iva.

      Un altra idea era quella di infilare tra le le piastre del termo delle piattine di alu o rame per "infittire"le lamelle del convettore.

      In merito alle temperature in questo preciso istante:
      temp esterna (sonda della pdc) - 1,5
      acqua in uscita verso i termi 37°
      acqua in entrata dai termi 33,6°
      portata pompa 10 l/min
      dati forniti dalla PDC:


      consumo 0.644 Kw/h
      dato fornito dal contaKW messo a monte dell'alimentazione della Ibrida (caldaia e pdc)

      temperatura sala
      20.5 (la sala di circa 35MQ è dotata di un termo da 120 e di uno da 60)

      se scendo sotto i 35 di mandata (controllata dalla climatica) crolla lo scambio termico dei termi e con un delta T minore di 3° la PDC pendola (da quanto letto sul manuale è stata progettata per rendere al meglio con un delta T di 5°).

      Nessun accumulo tecnico;

      Grazie

      G
      __________________________________________________ ___________________________________________
      Zona Climatica E - 2591 gradi giorno;Casa prefabbricata Rubner Residenz (2007) 114mq su cantinato CLS; Rotex Hybrid 5KW e Radiatori Delonghi Plattella in acciaio; Impianto Fotovoltaico 3,12kw 0° Sud; tilt 23°; Fiat Grande Punto Metano.

      Commenta


      • #4
        autocostruzione piastre radianti - ha senso?

        La programmazione è su una sola curva 24h/24 o hai un offset per alcune ore della giornata?

        Di default lo spegnimento della PDC dovrebbe avvenire con un DT sotto 2 gradi (e l'accensione da 2), non con 3, sai se ti hanno cambiato quei parametri?
        Ultima modifica di sergio&teresa; 28-11-2015, 06:52.
        PDC Ibrida Daikin HPU 8/35 kW . FV: 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°. Solare Termico 9.6 mq Tilt 54°. Auto Volvo XC40 T5 Recharge Plug-In Hybrid

        Commenta


        • #5
          Grazz....da come descrivi, io non spenderei soldi in nulla....starei con una climatica un pò più alta , che consenta un Delta T di 3-4 gradi, lasciando ad un termostato interno il compito di regolare la T, spegnendo la PDC al bisogno. Lo so che non è il massimo, ma se comunque stiamo parlando di mandate sotto i 40 su termi, penso che hai già ottenuto il massimo cui potevi puntare. Probabilmente i consumi eccessivi erano dovuti ad altro, che capisco che hai risolto.

          In alternativa, se hai un disimpegno , potresti pensare ad un fancoil messo in serie sul ritorno verso la PDC, che serva giusto per abbattere ancora uno o due gradi la T del ritorno, in modo che la PDC non si spenga anche con mandate modeste, canalizzando la mandata nelle stanze adiacenti il disimpegno. Tra l'altro, se la tua PDC è anche reversibile, lo potresti usare per raffrescare, se ci fai scarico condensa.
          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

          Commenta


          • #6
            Ciao,
            Per S&T l'affermazione è provata sul campo, nel senso che ho passato delle belle mezzore accanto al monitor per vedere il comportamento della pdc...
            adesso che mi metti la mosca al naso, vado a vedere sulle istruzioni se è un parametro personalizzabile.

            Per Marco,
            avevo pensato ad una VMC con batteria post riscaldamento ad acqua... visto che ho l'inverno passato ho avuto qualche problema di umidità... PS autocostruzione scambiatore aria-acqua in controcorrente? idee?

            Ma prima dovrei fare il fotovoltaico... (date un occhio a casarinnovabile.it) poi ditemi. 3KW a 5,7K€

            Grazie ancora.

            G
            __________________________________________________ ___________________________________________
            Zona Climatica E - 2591 gradi giorno;Casa prefabbricata Rubner Residenz (2007) 114mq su cantinato CLS; Rotex Hybrid 5KW e Radiatori Delonghi Plattella in acciaio; Impianto Fotovoltaico 3,12kw 0° Sud; tilt 23°; Fiat Grande Punto Metano.

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Grazz Visualizza il messaggio
              vado a vedere sulle istruzioni se è un parametro personalizzabile.
              È personalizzabile sia il DT di spegnimento che quello di accensione (della sola PDC).
              PDC Ibrida Daikin HPU 8/35 kW . FV: 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°. Solare Termico 9.6 mq Tilt 54°. Auto Volvo XC40 T5 Recharge Plug-In Hybrid

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                È personalizzabile sia il DT di spegnimento che quello di accensione (della sola PDC).
                Mannaggia, non riesco a trovare il punto del menu....
                __________________________________________________ ___________________________________________
                Zona Climatica E - 2591 gradi giorno;Casa prefabbricata Rubner Residenz (2007) 114mq su cantinato CLS; Rotex Hybrid 5KW e Radiatori Delonghi Plattella in acciaio; Impianto Fotovoltaico 3,12kw 0° Sud; tilt 23°; Fiat Grande Punto Metano.

                Commenta


                • #9
                  Non ho verificato, ma credo sia solo nella Panoramica Installatore. Ci devo guardare meglio, interessa anche a me.
                  PDC Ibrida Daikin HPU 8/35 kW . FV: 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°. Solare Termico 9.6 mq Tilt 54°. Auto Volvo XC40 T5 Recharge Plug-In Hybrid

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao S&T
                    sei riuscito a trovare qualcosa?

                    il modulo esterno della pdc sta proprio di fronte alla finestra del locale dove è posizionata il resto della hybrida... La caldaia ha la bocca d'aria che punta nelle aperture sopra la finestra (quindi ho già i buchi)

                    nello stesso locale ho la lavabiancheria e si stende...

                    ho pensato che potrebbe essere interessante soffiare aria da questo locale verso la pdc... (l'aria passando arriverebbe da tutto lo scantinato box compreso).

                    Posso recuperare facilmente qualche ventola da cappe usate ne vale la pena secondo voi?
                    dubbi: quanto mi dura quella ventola? sarebbe meglio una ventola nuova?
                    come la comando? vorrei che partisse Quando (T est scende sotto X gradi E la PDC è attiva); quindi un termostato con in serie un qualche aggeggio che da il consenso quando rileva pdc accesa (cioe? qualcosa che legga la corrente assorbita dalla linea di alimentazione della PDC e se supera una certa soglia da il consenso esiste?).

                    Grazie

                    G
                    __________________________________________________ ___________________________________________
                    Zona Climatica E - 2591 gradi giorno;Casa prefabbricata Rubner Residenz (2007) 114mq su cantinato CLS; Rotex Hybrid 5KW e Radiatori Delonghi Plattella in acciaio; Impianto Fotovoltaico 3,12kw 0° Sud; tilt 23°; Fiat Grande Punto Metano.

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao grazz, non ci ho ancora guardato, ma come ti ho detto interessa anche me, quindi abbi fiducia....
                      PDC Ibrida Daikin HPU 8/35 kW . FV: 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°. Solare Termico 9.6 mq Tilt 54°. Auto Volvo XC40 T5 Recharge Plug-In Hybrid

                      Commenta


                      • #12
                        Allora, ho finalmente guardato. Intanto chiarisco che i due parametri legati all'accensione e allo spegnimento NON si riferiscono alla differenza mandata-ritorno ma alla differenza tra la T di uscita pdc e la T di setup data dalla climatica (ovvero regolano l'isteresi). La mia non spegne quando c'è un DT tra mandata e ritorno sotto 3°... grazz sei sicuro?

                        I due parametri di isteresi li ho trovati, si trovano alla pagina 06 della Panoramica Installatore, sono i primi due parametri in alto a sinistra della pagina (purtroppo non li ho trovati nei menu). Ho alzato il DT di accensione a 3° e quello di spegnimento a 4°, con i 2° di default mi faceva qualche on-off di troppo, specialmente quando alzava la potenza per sbrinare: sto verificando come va adesso.
                        PDC Ibrida Daikin HPU 8/35 kW . FV: 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°. Solare Termico 9.6 mq Tilt 54°. Auto Volvo XC40 T5 Recharge Plug-In Hybrid

                        Commenta

                        Attendi un attimo...
                        X