Pompa di calore sì o no? E se sì,quale? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pompa di calore sì o no? E se sì,quale?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Pompa di calore sì o no? E se sì,quale?

    Sono una profana,perciò scusatemi in anticipo... Il mio compagno ed io vogliamo ristrutturare casa, abitiamo in provincia di Ferrara; ci siamo informati un pò in rete e da quello che abbiamo capito,la cosa migliore sarebbe: - impianto di riscaldamento/raffrescamento radiante a pavimento- VMC- FV - PDC per ACS e riscaldamento/raffrescamemto.Ora,vorremmo capirci qualcosa sulla PDC,quale scegliere? Che tipo scegliere? È adeguata anche per ACS? Che accorgimenti dobbiamo avere? I consumi ed i costi sono elevati?Insomma,se potete dateci delle dritte,vorremmo capirci il più possibile per fare la scelta migliore.Grazie in anticipo

  • #2
    Ferrara sorge su una enorme riserva di acqua calda a 100 gradi..che alimenta la rete di teleriscaldamento..non potete allacciarvi ad essa?

    Se invece non è possibile..la strategia che avete in mente è correttaa..preceduta da :isolare quanto è possibile.

    Se ben isolata..i costi di gestione sono ridicoli (ma sul serio..trascurabili)..e un buon isolamento fa calare investimento necessario nella pdc (basta una piccola) e nel fv che la deve supportare (meno kw da installare).

    Per fare acs..la pdc basta e avanza..basta abbinarla ad un buon accumulo (meglio se Pipe in Tank)

    sul modello..non c'è che imbarazzo scelta..Templari, Rotex, Mitshubishi, Panasonic, etc etc...

    se poi la casa fosse di classe A o superiore..non servirebe nemmeno radinate..meglio climatizzarla ad aria.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Un consiglio spassionato, polpina: se col radiante vuoi fare anche il raffrescamento estivo, evita di farlo a pavimento.
      La resa in freddo del radiante a pavimento è davvero bassa e non basta quasi mai a raffrescare da solo l'abitazione; occorre per la maggior parte delle volte integrare il radiante con qualcos'altro. Inoltre, se d'inverno il radiante a pavimento rappresenta il top del comfort, d'estate avere un pavimento a 21-22°C può creare un discreto discomfort: so di persone che in ufficio (situazione limite eh, non succede mica sempre) mettono lastre di poliuretano sotto la scrivania per appoggiarci i piedi...
      Altra storia invece se il radiante è a parete o a soffitto. Per il periodo estivo avere il soffitto fresco è davvero confortevole (l'aria fresca scende) e la resa è molto più alta.
      Ecco che allora è sufficiente prevedere solo dei deumidificatori senza dover pensare a fonti integrative di fresco.
      A proposito di deumidificazione: state molto attenti a questo aspetto..!

      Commenta


      • #4
        Grazie mille per i vostri consigli!Dal momento che vorremmo evitare l'aria climatizzata, mi consigliate di fare un impianto radiante a soffitto per riscaldare e raffrescare,magari dotando la VMC di deumidificatore?

        Commenta


        • #5
          Se volete evitare ventilconvettori, split o altro, dal mio punto di vista la scelta del radiante a parete o a soffitto è quasi obbligata.
          la scelta del deumidificatore a monte della VMC è ottima, poichè si immette aria già deumidificata negli ambienti. occorre però, soprattutto vista la vostra zona particolarmente umida, fare un'attenta valutazione sulla taglia: spesso le macchine montate a bordo VMC sono piccoline e non ce la fanno non appena le condizioni interne presentano momenti critici (penso ad esempio ad una cena con amici fatta d'estate in soggiorno)..
          un consiglio: scegliete una macchina che abbia la sonda di umidità sul canali di immissione..
          per qualsiasi dubbio chiedi pure, ultimamente ci sto sbattendo la testa parecchio per lavoro, su queste tematiche.

          Commenta


          • #6
            Segui il consiglio di marcober: cappotto e isolamento tetto/sottotetto e pavimento se non c'e' gia' (non ci dici quanto a fondo volete fare la ristrutturazione e se ci vivete, per fare un esempio, io ho ristrutturato 2 anni fa, ma non ho isolato il pavimento perche' ci viviamo ed e' un problema farsi sventrare la casa sotto i piedi per un mese:-)).
            Nel caso tu isoli il pavimento, gia' che ci sei fai anche l'impianto radiante a pavimento, ti costa molto meno, pazienza se per il raffrescamento non e' ottimale, funziona comunque lo stesso. Cerca di fartelo fare a basso spessore/bassa inerzia, avrai vantaggi nei consumi e nella regolazione. Se non tocchi il pavimento va benissimo a soffitto (io ho fatto misto a soffitto e parete a piano terra, solo parete al primo).

            Per l'impianto radiante a soffitto/parete, io mi sono trovato molto bene (installato da pochi mesi, quindi provato solo in riscaldamento) con un sistema di pannelli eps can scanalature e diffusori in alluminio, nelle scanalature ci passa un tubo da 16 multistrato, il tutto poi ricoperto da cartongesso. Molti propongono dei moduli preassemblati di cartongesso, tubo sottile e isolante: come tecnologia non mi piace, tubi troppo sottili (8-10 mm) e non e' detto che si adattino bene alla conformazione del soffitto/parete. Preparati che chiederanno prezzi assurdi...
            Prendi una pdc senza dubbio, anche per ACS (poi usi induzione in cucina ed elimini contratto metano o non fai neppure allaccio). La potenza va decisa in base a quanto isoli e quanto e' grande la casa. Metti un accumulo per ACS pipe in tank di almeno 300 litri. Probabilmente spenderai 7-8 mila euro, iva e installazione compresa. Ricordati che hai detrazione al 65%.
            Rifiuta qualsiasi proposta di impianto che preveda separatore idraulico e pompe di rilancio;-).

            Avere la vmc o perlomeno la predisposizione mentre ristrutturi, e' una ottima idea.

            Per la deumidificazione: io ho preso un deumidificatore portatile, tra qualche mese potro' dire come va d'estate, ma non prevedo problemi: con il radiante a soffitto mandi acqua a 19-20 gradi in una casa isolata, quindi basta mantenere l'ambiente sotto 60% di umidita' per non avere condensa. Nelle mezze stagioni e' anche utile e poi in pieno inverno ci faccio asciugare il bucato visto che fa troppo freddo per mettere ad asciugare fuori, risparmiando l'asciugatrice.

            Un impianto fotovoltaico sara' la cigliegina sulla torta: facendo le cose per bene potrebbero bastarvi 3 kW.
            Padova (zona E, 2383 gg), casa di 100mq, due piani accostata, classe C, 2 persone, pdc ecodan 4 kW + hybridcube 300l, radiante a secco a soffitto/parete, 4.5 kWp FV su falda ESE, induzione, VMC VL-100, prelievo annuale 1500 kWh

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da illupus Visualizza il messaggio
              Metti un accumulo per ACS pipe in tank di almeno 300 litri. Probabilmente spenderai 7-8 mila euro, iva e installazione compresa. Ricordati che hai detrazione al 65%.
              Rifiuta qualsiasi proposta di impianto che preveda separatore idraulico e pompe di rilancio;-).
              Perchè rifiutare proposte di impianto con separatore e pompe di rilancio? nel mio caso dicono che è indispensabile perchè ho sullo stesso impianto fancoil e pav. radiante (tra l'altro su piani diversi).

              7/8 mila euro iva e installazione compresa è un'ottima cifra; a meno hanno chiesto il doppio pari pari (con pdc costosetta da 17Kw e Boiler da 500lt con serpentina maggiorata). Difficilmente ho visto pdc sotto i 3500/4000€ iva esclusa, se aggiungi un po di materiale, un boiler da almeno 1000€ (iva esclusa), iva e montaggio è difficile stare in quelle cifre; no? se poi aggiungi separatori etc la faccenda si aggrava :/
              PDC Templari Kita M, Boiler TML Wp1V da 500lt, puffer separatore idraulico in mandata da 300lt, impianto doppia temperatura (radiante RDZ 165 mq + 11 fancoil idronici Innova usati sporadicamente) con 2 circolatori Magna3 2560 - VMC Paul Novus 450 con ricircolo e batteria di Post. Sistema di termoregolazione fatto da me, interfacce IO e sonde su bus rs485. Zona Climatica D gradi giorno 1.694

              Commenta


              • #8
                Se hai esigenze di impinato con portate molto diverse fra sezioni diverse, ovvio il separatore serve.Piuttosto 17 kw di PDC non sono poche....servono davvero?17 sono nominali o di massima? Che PDC ti hanno proposto?8 mila è per una buona PDC e accumulo...installato,..poi il resto è da aggiungere..ma a raddoppiare , hai voglia ....meglio farsi fare preventivi dettagliati per capire bene...
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  Anche a casa mia l'idraulico diceva che serviva il separatore+pompa di rilancio. Ovviamente non l'ho fatto mettere e l'impianto va alla grande con la pompa interna alla pdc alla velocita' minima.
                  Nel tuo caso particolare puo' essere diverso, dovrebbero farti il progetto e con i dati sottomano puoi vedere se la portata della pompa interna e' sufficiente o no (nel 99% delle case probabilmente e' sufficiente). Gli idraulici lo propongono sempre, perche' ci guadagnano ad installare roba in piu' che non serve, con due pompe raddoppi anche la possibilita' di rottura, quindi piu' soldi in manutenzione etc. Nel frattempo il cliente spende anche di piu' per energia elettrica per la seconda inutile pompa (per fare un esempio, nel mio caso la pdc consuma 500 watt la maggior parte del tempo, una pompa aggiuntiva da 50 watt aumenta il consumo del 10%!).

                  Io parlo di 7-8 mila euro per una pdc adatta ad una casa classe A-B se grande o anche classe C se < 150 mq (nel mio caso mitsubishi ecodan 4 kW). Una pdc da 17 kW e' adatta ad un piccolo albergo, non mi sono mai informato di quanto possa costare.
                  Il materiale e' sui 6 mila euro, iva al 22 inclusa (4300 di pdc, 1600 di hyibridcube, 100 tra valvola 3 vie e i tubi). Due persone in una giornata si prendono ciascuna 500 euro netti, mi sembra sufficiente;-).
                  Padova (zona E, 2383 gg), casa di 100mq, due piani accostata, classe C, 2 persone, pdc ecodan 4 kW + hybridcube 300l, radiante a secco a soffitto/parete, 4.5 kWp FV su falda ESE, induzione, VMC VL-100, prelievo annuale 1500 kWh

                  Commenta


                  • #10
                    Marco alla fine ho optato per la Templari Kita M+ di cui abbiamo tanto discusso in un'altra discussione. E' costosetta come sai. Non so quanto la paga l'idraulico, ma tra accessori, trasporto, fornitura etc mi sa che sta sopra i 5/6000€ solo quella (+ iva). Il boiler da 500lt costava 1600, scontato 1200+iva (con anodo elettronico e serpentina da 5.5 mq). Aggiungici i vari circolatori, tubi, installazione etc e secondo me con un ricarico di 20/25% ci arrivi; a me hanno chiesto poco piu di 12000+iva. In quel costo c'è anche un altro minipuffer da 500lt da mettere sulla mandata, oltre che i vari gruppi collettori dell'impianto (non del radiante), defangatore (costa poco) e altri aggeggini.

                    Per la potenza pure be abbiamo discusso, con la Kita M+ ci sto dentro abbondante, con la M risicato. 17kw è la potenza massima alla temperatura di progetto di 0°. Ho il grafico dei consumi di gennaio del mio vicino con la casa gemella alla mia (ma senza mansarda) e ha picchi di consumo di 70/80Kw elettrici al giorno; a cop 2.5/3 sono 180/200Kw termici al giorno. Chiederli alla Kita M che arriva a 12.40 forse è un po troppo (anche considerando che deve fare acs e ogni tanto si scende sotto la T di progetto ed è meglio non stare al fresco)
                    PDC Templari Kita M, Boiler TML Wp1V da 500lt, puffer separatore idraulico in mandata da 300lt, impianto doppia temperatura (radiante RDZ 165 mq + 11 fancoil idronici Innova usati sporadicamente) con 2 circolatori Magna3 2560 - VMC Paul Novus 450 con ricircolo e batteria di Post. Sistema di termoregolazione fatto da me, interfacce IO e sonde su bus rs485. Zona Climatica D gradi giorno 1.694

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao Illupus, nel mio caso mi dicono che il problema non è tanto di portata massima, ma di circuiti a diverse prevalenze. Visto inoltre che uso la pdc anche per il freddo, dove magari non servono tanti kw, è richiesto cmq di lavorare su un piccolo puffer, a quel punto la pompa in più ti serve per forza e non ti salvi; a meno che non vuoi far fare tanti on/off alla macchina che magari a minimo di produce 3Kw termici e te ne consumi 1.5.

                      La mia casa è composta da un piano di 160mq netti, un altro piano con mansarda di circa 100mq netti con FC e poi ho una taverna con altri 60mq circa; la classe è C/D.
                      PDC Templari Kita M, Boiler TML Wp1V da 500lt, puffer separatore idraulico in mandata da 300lt, impianto doppia temperatura (radiante RDZ 165 mq + 11 fancoil idronici Innova usati sporadicamente) con 2 circolatori Magna3 2560 - VMC Paul Novus 450 con ricircolo e batteria di Post. Sistema di termoregolazione fatto da me, interfacce IO e sonde su bus rs485. Zona Climatica D gradi giorno 1.694

                      Commenta


                      • #12
                        [QUOTE=Aurelio_B;119683072]Un consiglio spassionato, polpina: se col radiante vuoi fare anche il raffrescamento estivo, evita di farlo a pavimento.
                        La resa in freddo del radiante a pavimento è davvero bassa e non basta quasi mai a raffrescare da solo l'abitazione; occorre per la maggior parte delle volte integrare il radiante con qualcos'altro. Inoltre, se d'inverno il radiante a pavimento rappresenta il top del comfort, d'estate avere un pavimento a 21-22°C può creare un discreto discomfort: so di persone che in ufficio (situazione limite eh, non succede mica sempre) mettono lastre di poliuretano sotto la scrivania per appoggiarci i piedi...


                        ciao, posso chiederti nell'ipotesi di un radiante a pavimento, utilizzato anche per il raffrescamento, con cosa integreresti il raffrescamneto? Fancoil? Split? aria canalizzata ?
                        grazie
                        Gianluca
                        Casa NO GAS. PDC MITSUBISHI puhz-sw75vha - ACS : 500 l hibridcube hyc 544/32/0 - WMC Ideal Clima - Cucina con Piano Induzione - Classe Energetica A1

                        Impianto fotovoltaico da 5,72 kWp - 22 pannelli SolarWorld Sunmodule PLUS SW 260W poly - SMA Sunny Boy 6000 TL-21 - Ovest - connesso dal 07/12/2016

                        Commenta


                        • #13
                          dipende dalle tue tasche!

                          la cosa che mi capita spesso di prevedere nei miei progetti sono dei deumidificatori attivi.
                          sono deumidificatori dotati anche di un condensatore, alimentati dall'acqua del radiante, che hanno la capacità non solo di deumidificare ma di fare anche un po' di freddo:
                          RSV_2013
                          con la stessa filosofia, lo stesso tipo di macchina si può anche prevedere per la VMC: si tratta di deumidificatori con recuperatore di calore:
                          RER_2013

                          altrimenti, semplificando, si può anche prendere uno split.

                          La cosa che non mi piace molto è un impianto che integri il freddo del radiante con i ventilconvettori: la PDC deve per forza fare acqua a 7°C anche se per il radiante ne bastano 16.

                          Commenta


                          • #14
                            ok, indicativamente che costi hanno?
                            e ancora con : "che hanno la capacità non solo di deumidificare ma di fare anche un po' di freddo" x un pò di freddo cosa intendi?
                            sono sufficienti a deumidificare e raffrescare una abitazione?
                            nel mio caso zona
                            climatica E , 2516 GG , Temperatura minima -5, Temperatura massima 31, Provincia di Bergamo, casa in fase di ristrutturazione composta da 2 piani e mezzo (soppalco su camera da letto matrimoniale) tutti e 2 i piani con sistema radiante solo a pavimento (nessun radiante a parete o soffitto) nessun sistema radiante sul soppalco della camera da letto.
                            75 m2 per piano con altezze al piano terra di 270 cm, mentre al primo piano altezze variabili : 240 cm (parte del bagno chiuso su 4 lati) , da 165 cm a 260 cm (soppalco) e altezze di 520 nelle camerette e metà della camera matrimoniale.
                            casa con 53 cm fra muri e isolamento , 24 cm di isolamento tetto, tripli vetri.
                            cosa consigli per raffrescare tutta la casa, sopratutto la zona notte?

                            grazie
                            gianluca
                            Casa NO GAS. PDC MITSUBISHI puhz-sw75vha - ACS : 500 l hibridcube hyc 544/32/0 - WMC Ideal Clima - Cucina con Piano Induzione - Classe Energetica A1

                            Impianto fotovoltaico da 5,72 kWp - 22 pannelli SolarWorld Sunmodule PLUS SW 260W poly - SMA Sunny Boy 6000 TL-21 - Ovest - connesso dal 07/12/2016

                            Commenta


                            • #15
                              il costo di un modello 020 è circa 2200 euro di listino, tra sconto installatore e installazione dovrebbe essere anche il prezzo finale montato.
                              la potenza in freddo è di circa 1.3 kW, se non ricordo male.
                              indicativamente per quelle metrature serve un deumidificatore per piano, forse ne bastano due escludendo il soppalco.
                              che fabbisogno di potenza ha la tua casa?
                              prevedi anche una VMC?

                              Commenta


                              • #16
                                Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale o il riscaldamento (EPH)
                                Valore di progetto 27,39 kWh/m²
                                Fabbisogno di Metano 348 Nm³
                                Fabbisogno di Energia elettrica 158 kWhe

                                Indice di prestazione energetica per la climatizzazione estiva o il raffrescamento (ETc)
                                Valore di progetto 79,14 kWh/m²



                                La WMC la stiamo prendendo in seria considerazione, ma la teniamo come optional...dipende tutto dai costi
                                Per ora stiamo cercando di capire costi x asc,riscaldamento e raffrescaenti in pompa di calore, eliminando il gas metano. (dobbiamo solo scegliere la marca di PDC)
                                Pochi dubbi sul riscaldamento e asc ,molti dubbi invece circa il raffrescamentro e la climatizzazione estiva

                                se ti servono altre informazioni, chiedi pure
                                grazie per la disponibilità
                                Ultima modifica di palbe74; 16-03-2016, 08:54.
                                Casa NO GAS. PDC MITSUBISHI puhz-sw75vha - ACS : 500 l hibridcube hyc 544/32/0 - WMC Ideal Clima - Cucina con Piano Induzione - Classe Energetica A1

                                Impianto fotovoltaico da 5,72 kWp - 22 pannelli SolarWorld Sunmodule PLUS SW 260W poly - SMA Sunny Boy 6000 TL-21 - Ovest - connesso dal 07/12/2016

                                Commenta


                                • #17
                                  puoi mettere un po' in ordine indici e numeri? faccio un po' fatica così...

                                  Commenta


                                  • #18
                                    ciao, ho modificato un po la risposta sopra, ieri sera scrivevo da ipad e la formattazione non era il massimo.
                                    ho se occorre la legge 10 (fatta però prima di ristrutturare per obblighi comunali, adesso l'isolamento del tetto è cambiato ora è di 24 cm mentre l'isolamento dei muri è di 59 cm : 12 mattoni, 15 isolante, 12 mattoni 4/5 malta 15 sasso esterno (obbligatorio per centro storico)

                                    ringrazio anticipatamente per i consigli e la disponibilità
                                    Casa NO GAS. PDC MITSUBISHI puhz-sw75vha - ACS : 500 l hibridcube hyc 544/32/0 - WMC Ideal Clima - Cucina con Piano Induzione - Classe Energetica A1

                                    Impianto fotovoltaico da 5,72 kWp - 22 pannelli SolarWorld Sunmodule PLUS SW 260W poly - SMA Sunny Boy 6000 TL-21 - Ovest - connesso dal 07/12/2016

                                    Commenta


                                    • #19
                                      più che dati energetici serve la potenza e quindi la legge 10.
                                      dai numeri postati vedo però che in riscaldamento le prestazioni, se reali, sono davvero molto buone. in raffrescamento il fabbisogno è molto più alto.. probabilmente la causa è da imputarsi alla mancanza di schermature solari o alle aperture finestrate..
                                      ma fammi capire.. la ristrutturazione "edile" l'hai già fatta con conseguente attestato di prestazione energetica? e manca l'impianto?

                                      Commenta


                                      • #20
                                        la casa è in fase di ristrutturazione, stanno montando il tetto, seguiranno i muri interni e esterni e di li a pochissimo gli impianti.
                                        la legge 10 è stata fatta prima dei lavori (imposizione del comune per dare ok a procedere)
                                        le finestre non hanno schermature di nessun genere (tapparelle o veneziane) verranno aggiunti degli oscuranti esterni (tenda verticale) solo dopo (non conteggiati nella legge 10.
                                        le finestrature sono cosi composte:
                                        al piano terra : lato est 1 finestra 1050x900 + porta di ingresso, lato ovest 2 portefinestre 2450x1400 e 2450x2700
                                        al primo piano : lato est 3 finestre da 3050x3150 lato ovest 2 finestre 950x800 + 1 finestra 2450x1400
                                        posso se il regolamento del forum non lo vieta pubblicare la legge 10 (il link a drowbox / onedrive, ecc.ecc.) oppure inviartela in pm.

                                        tutti i miei dubbi riguardano il raffrescamento della abitazione (in una delle ipotesi e preventivi, prevedevano la caldaia a gas x riscaldare e acs mentre il raffrescamento era fatto da un "Mostro", che dopo essermi informato, mi dicono essere usato nei negozi e negli spazi commerciali e mai o quasi mai adoperati in ambito residenziale (VRV IV - Daikin modello a parete Emura 2 modello 20LW-W 2 modello 25LW-W 1 modello 35LW-W )
                                        Casa NO GAS. PDC MITSUBISHI puhz-sw75vha - ACS : 500 l hibridcube hyc 544/32/0 - WMC Ideal Clima - Cucina con Piano Induzione - Classe Energetica A1

                                        Impianto fotovoltaico da 5,72 kWp - 22 pannelli SolarWorld Sunmodule PLUS SW 260W poly - SMA Sunny Boy 6000 TL-21 - Ovest - connesso dal 07/12/2016

                                        Commenta


                                        • #21
                                          con quel fabbisogno (158 kwh elettrici...25 euro anno di energia) , io userei un phon..spendi 30 euro e sei a posto.
                                          Scherzi a parte..sono numeri d classe A..ma una classe A senza VMC non si dovrebbe riuscire a certificare..nel senso che se devi conteggiare i ricambi di legge aprendo finestre, non riesci a stare in A con la certificazione...pr cui qualche dubbio me lo farei venire.
                                          Se il consumo è quello..metti un VMC attiva e scalda con quella...idem raffrescamento...risparmi un sacco di soldi in impianti..no?
                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                          Commenta


                                          • #22
                                            infatti, per quello sarei curioso di vedere la legge 10... marcober, che tu sappia si possono postare in questo forum?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Attenzione, il fabbisogno elettrico sara' per la luce, ha 27.39/mq/anno, con 150 mq fanno oltre 4000 kWh per riscaldare.
                                              Padova (zona E, 2383 gg), casa di 100mq, due piani accostata, classe C, 2 persone, pdc ecodan 4 kW + hybridcube 300l, radiante a secco a soffitto/parete, 4.5 kWp FV su falda ESE, induzione, VMC VL-100, prelievo annuale 1500 kWh

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Aurelio ti posso chiedere un consiglio?
                                                Sto per costruire casa fabbisogno energetico complessivo 39kwh /mq anno la mia idea è quella di avere pdc, radiante solo per riscaldamento e 2 split idronici zona giorno + canalizzazione zona notte. Gli split idronici e la canalizzazione (se i costi salgono un altro split in zona notte) verranno inseriti in parallelo con valvola deviatrice per andare solo con radiante o solo con split idronici.
                                                Ho pensato a questa configurazione perché così potrò avere la seguente flessibilità
                                                1 inverno radiante
                                                2 mezze stagioni split o FC idronici
                                                3 raffrescamento e deumidificazione FC o split
                                                Da inserire come da consiglio sul ritorno del circuito in parallelo del FC o split un accumulo da 100 litri.
                                                Chiaramente farò anche acs con boiler da 300 litri e mi è stato proposto un po di domotica per acs da gestire con Fv durante la sua massima produzione e stessa cosa per la pdc in modo da poter gestire la temperatura interna della casa anche a distanza.
                                                CHE NE PENSI? PUÒ ANDAR BENE. .......
                                                Per la vmc..?... non posso fare entrambi quindi siccome con quest ultima mi hanno detto che per il riscaldamento nelle mezze stagioni è meno performante vorrei optare per la soluzione che ti ho descritto.
                                                Grazie

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  per una casa con un fabbisogno così basso il radiante va rigorosamente a bassa inerzia secondo me. quindi lo puoi usare anche nelle mezze stagioni, con un rendimento dell'impianto maggiore che utilizzare split idronici.
                                                  non me ne intendo moltissimo di regolazione, ma per quello che vuoi fare tu non serve la domotica, basta che la pdc abbia software adeguato e che si possa connettere al wifi...
                                                  la vmc tradizionale NON fa riscaldamento, ma te la consiglio, con una casa così.
                                                  ... e se investissi ancora un po' in isolamento, portassi la casa sotto i 30 kWh/mqanno, e facessi un impianto a tutta aria? come ti pare come idea? risparmi radiante, risparmi split... hai PDC, VMC e produzione ACS con una sola macchina... (ovviamente si dovrebbe verificare che la potenza sia sufficiente per il fabbisogno della tua abitazione....)

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Il radiante lo vorrei avere per il confort che offre ma solo in riscaldamento. Per le mezze stagioni con il radiante non potrei avere una risposta immediata e far fronte alle situazioni di un clima un po pazzerello da caldo quindi radiante spento una giornata fredda andare con i split inoltre anche se la necessità per il raffrescamento è bassa ma necessaria potrei con quest ultimi far fronte a tale esigenza.
                                                    Per domotica pdc avevo pensato anche io a quella soluzione se devo spendere soldi in più C penso di tralasciare.
                                                    Grazie

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da Aurelio_B Visualizza il messaggio
                                                      .. marcober, che tu sappia si possono postare in questo forum?
                                                      certo..basta levare riferimenti di chi l'ha richiesta e di chi l'ha stesa...
                                                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                      Commenta

                                                      Attendi un attimo...
                                                      X