ristrutturazione impianti - please help :) - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ristrutturazione impianti - please help :)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ristrutturazione impianti - please help :)

    ciao a tutti,

    una domanda "filosofica". Ho un appartamento su due piani, uno di 135mq e l'altro di 115 circa (mansardato).

    Status
    • Al primo piano ho riscaldamento centralizzato
    • devo considerare una soluzione per raffrescare il primo piano, e riscaldare/raffrescare la mansarda
    • voglio installare una VMC su entrambi i piani (una centralizzata, o meglio due separate, in modo da lasciarmi l'opzione in futuro di dividere l'immobile in due appartamenti indipendenti)
    Cosa suggerireste? Stavo guardando le specifiche di Argo iSeries, magari con eMix per produrre acqua calda sanitaria ... diciamo che idee in ordine sparso sono:
    • scaldabagno Nuos EVO 250 monoblocco (siamo in 4, dovrebbe essere sufficiente)
    • eMix collegato a split interni dell'Argo (da valutare se servire i due piani con un SDHV per piano)
    • VMC passivo con scambiatore di calore
    ESTATE
    • L'acqua in ingresso del Nuos viene scaldata dall'eMix, che recupera il calore generato dal sistema iSeries. La pompa di calore del Nuos contribuisce prelevando l'aria calda dalla cucina in uscita verso scambiatore.
    • La VMC interagisce con il sistema canalizzato iSeries (come?) e lo scambiatore riduce il calore dell'aria in ingresso con l'aria fresca in uscita dal Nuos (raffreddata ulteriormente dal sistema a pompa di calore del Nuos stesso). In questo modo il sistema Argo lavora di meno
    INVERNO
    • L'acqua in ingresso del NUos mi aspetto che venga scaldata dall'eMix come d'estate (non so se ho capito bene come funziona d'inverno). Qui arrivano i dubbi su come progettare il flusso in uscita:
      • La pompa di calore del Nuos contribuisce prelevando l'aria calda dalla cucina in uscita verso scambiatore. In questo modo l'energia nell'aria che esce dovrebbe essere ridotto all'osso. Però come riscaldo l'aria che entra da fuori con lo scambiatore se in effetti l'aria che esce potrebbe anche essere più fredda?
      • Trovo un modo per recuperare ulteriore calore per la Nuos, calcolando che d'inverno al primo piano ho anche il supporto del riscaldamento centralizzato con termosifoni e contabilizzatori.

    Sto dicendo cazzate pazzesche? cosa c'è che non va nell'idea di massima? come ottimizzarla? Ci sono altre alternative ad Argo?

    Appena ho dati più certi sull'involucro potremo dimensionare il tutto, ma mi aspetto un consumo mediamente basso (mi hanno di fatto previsto di servire entrambi i piani con due macchine Mydatec 250 ... ma a me piace di più l'idea di VMC passiva).

    Grazie per i suggerimenti

    Andrea

  • #2
    la Mydatec mi pare che di fatto possa inglobare il Nuos ..e quindi di fatto otterresti (forse) il risultato che cerchi..che poi di fatto il solo risultato incrementale è recuperare calore del raffrescamento per fare acs.

    Che poi..il consumo estivo di acs non che sia granchè...per cui molta energia che in teoria potresti recuperare, di fatto poi non ti serve..perchè se accumulo acs è pieno (dopo 2 ore di uso in AC potrebbe esserlo), poi la macchina deve smaltire i esterno..come qualsiasi condizionatore.

    Morale..bisogna vedere se il recupero che fai (io uso AC magari 30 gg all'anno) vale il sovracosto di macchine speciali e di montaggi complicati.
    Perche se hai una pdc che fa acs e hai anche del FV..il costo dell'acs estiva in autocosnumo tende allo zero...per cui se anche la fai "in recupero", meno di zero non è che puo costare,,,

    In inverno..e hai dentro 20 e fuori 0..e la vmc statica recupera 90%..significa che butti fuori a 2 e dentro a 18...se su una pdc tipo Nuos arriva aria a 0 o a 2 , cambia assai poco la sua efficienza..ovvio meglio 2..ma non per questo metterei una Nuos se non mi serve.

    Morale se Argo ti permete di fare risc/raffr/acs con una macchina (aldila che in estate puo anche fare recupero), metti quella.
    Esiste anche Mr Slim Mitshuibishi (ma max 2 split per cui devi canalizzare) e mi pare Hitachi (o altra giapponese)

    Ma da vedere se non costa meno una macchina standard risc(raffr + Nuos..in tal caso, ok per far prelevare aria per il Nuos da uscita VMC , e la reimmissione dentro la VMC (sopo scambio statico), con deviatore verso esterno per inverno
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Non ho capito bene una cosa di iSeries. Ma il sistema di recupero del calore in raffrescamento vale anche d'inverno in riscaldamento?

      Cioè mi spiego: d'inverno io scaldo la mansarda aria-aria con iSeries, e il calore che genera la macchina viene recuperato da eMix?

      Il problema infatti, da come scrivi e da come avevo capito io, è l'inverno, non l'estate. D'estate probabilmente la sola PDC del Nuos dovrebbe essere sufficiente. Ti torna?

      Ma d'inverno ... Calcola che primo piano ho dei termosifoni, in mansarda 0. Pensavo convenisse portarci un riscaldamento aria-aria con gli split in pompa di calore (per riscaldare e raffrescare), ci sono ovviamente anche altre opzioni (mettere termosifoni anche in mansarda? andare su mydatec?)

      Dimenticavo una cosa importantissima: NON ho FV, e non so se lo potrò avere in futuro
      Ultima modifica di nesys; 07-03-2016, 14:14.

      Commenta


      • #4
        E no..in inverno, quando scaldi, la macchina produce su lato evportatore del freddo..che non ti serve..e devi smaltire.

        In estate invec ti serve freddo...su evaporatore fai del caldo..che (sin quandoi ti serve..cioè che hai accumulo sanitario pieno) recuperi...

        Però...ne vale la pena?

        Però se metti emix (che è il modulo per fare acs giusto?) non mettere la Nuos..se metti la Nuos, non mettere eMix..io li vedo come un doppione.

        COn la nuova tariffa elettrica in trasformazione, e a regime da 2018, scaldarsi con pdc costa meno del metano.
        Per cui...non so quanto ti costa l kwh termico condominiale...informati..ma a naso magari ti conviene staccarti al primo piano dal condominiale, piuttosto che allacciare il secondo...ma vedi i numeri e decidi.

        Dipende anche da dove abiti.. ma una pdc aria aria straccia una caldaia a metano alla grande...

        Ho dei dubbi invece sul recupero per fare acs estiva..dipende da quanto costa il modulo...rispetto ad un Nuos.

        Ma oggi come fai acs al piano basso?
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          per quanto riguarda VMC passiva e Nuos, io avevo pensato ad una soluzione del tipo:

          ESTATE
          • aria in uscita passa prima dal Nuos, poi in uscita dallo scambiatore, e quindi fuori ... in questo modo riduco al massimo la temperatura che entra in casa dallo scambiatore, e riduco quindi il lavoro che dovrà fare il sistema di raffrescamento
          • in questo modo, non credo ci sia troppo bisogno di un eMix, anche per 250/300 litri ... non riesco a quantificare in quante ore dovrei avere acqua calda in modalità solo PDC, ma penso che il mantenimento nel boiler dovrebbe essere garantito dall'efficienza della coibentazione del Nuos. SI può stimare grossomodo in quanto tempo, per capire se avrei bisogno del "rinforzino" dell'eMix, visto che non ho FV?
          INVERNO
          • qui iniziano i problemi, ma il meccanismo è simile: l'aria prelevata da cucina entra nel Nuos, poi nello scambiatore, che quindi quando il Nuos dovrà scaldare l'acqua avrà meno calore da cedere all'aria in ingresso.
          • Oppure dovrei fare in modo che d'inverno il Nuos prelevi calore a valle dello scambiatore, aiuto il riscaldamento ma peggio le performance per ACS. Quale metodo migliore?


          Per rispondere alle tue domande di cui sopra: appena comprato, ACS prima era a metano, ma non so quanto spendesse il proprietario precedennte. Sono in totale ristrutturazione, ho sposato appieno la filosofia VMC e vorrei trovare un metodo buono e non troppo costoso per raffrescare al primo piano (non mi conviene staccarmi dal riscaldamento condominiale, dovrei comunque pagare costi di manutenzione ... però ho i contabilizzatori per cui posso spendere molto poco) e riscaldare/raffrescare in mansarda

          Commenta


          • #6
            Abito a Milano, di fronte ai laghetti di Baggio. 2404 GG, irradiano 277,8 W/m2. esposizioni Est/sud/ovest

            Commenta


            • #7
              se l'aria fredda del Nuos la mandi nello scambiatore vmc in inverno, sbagli.
              devi mettere 2 serrande deviatrice....in inverno il Nuos deve stare in serie in uscita verso ambiente dopo scambiatore statico..in estate in serie in entrata verso casa, dopo scambiatore statico.

              Però bisogna capire bene con le portate dei vari sistemi...forse meglio non metterlo in serie ma fare in modo che il Nuso "peschi" con il suo ventilatore dai tubi della VMC e poi scarichi negli stessi..ma sensa essere "in serie"..in modo che la VMC (che ha portta penso superiore) non sia frenata dal Nuos..e che il Nuos si "prelevi" la quantita di aria che gli serve da sola . Ovvio , poi la VMC deve funzionare ogni vlta che va il Nuos..altrimenti gli "manca l'aria".

              Il "tempo" di carioco dipende dalla potenza..il nuos è poco potente e ci mette alcune ore..l'Emix non saprei, penso non molto

              A Milano comuqnue potrai fare un COP medio stagionale di 4 in riscaldamento...per cui il kwh termico da pdc ti costera circa 4 cts di euro cad..contro circa 8 del metano (ma vedi il tuo costo condominiale..magari è pure piu alto)

              ACS oggi come la fai? condominiale? se si, magari conviene allacciarsi a quella anche di sopra?
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                se l'aria fredda del Nuos la mandi nello scambiatore vmc in inverno, sbagli.
                devi mettere 2 serrande deviatrice....in inverno il Nuos deve stare in serie in uscita verso ambiente dopo scambiatore statico..in estate in serie in entrata verso casa, dopo scambiatore statico.
                Mi torna. A quel punto, prendendo esempio di prima, Nuos in inverno lavorerebbe a 18 gradi e comunque solo quando ne ha bisogno

                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                forse meglio non metterlo in serie ma fare in modo che il Nuos "peschi" con il suo ventilatore dai tubi della VMC e poi scarichi negli stessi..ma sensa essere "in serie"
                Avevo pensato proprio ad una soluzione a "T", con utilizzo "al bisogno" del flusso della VMC

                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                Ovvio , poi la VMC deve funzionare ogni vlta che va il Nuos..altrimenti gli "manca l'aria".
                In realtà penso che la VMC debba lavorare sempre. A parte il tempo tecnico per il ricambio dei filtri

                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                Il "tempo" di carioco dipende dalla potenza..il nuos è poco potente e ci mette alcune ore..l'Emix non saprei, penso non molto
                hai un'idea per la macchina da 250 litri monoblocco? Odio le unità esterne

                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                ACS oggi come la fai? condominiale? se si, magari conviene allacciarsi a quella anche di sopra?
                ACS era fatta con un piccolo boiler a gas scollegato dal sistema condominiale. L'abbiamo tolto, perché non vogliamo gas in casa.



                Btw parlavi di tariffa elettrica in trasformazione, dove posso raccogliere più info? devo mettere un nuovo contattore? Devo sentire A2A (gestore)?

                grazie ancora

                Andrea

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da nesys Visualizza il messaggio
                  Mi torna. A quel punto, prendendo esempio di prima, Nuos in inverno lavorerebbe a 18 gradi
                  No..dicevo DOPO lo scambiatore..quidi a T bassa.
                  Se devi estarre energia GRATUITA dall'aria...dovresti usare aria esterna (o a T simile a quella esterna). Se fai acs usando aria calda di casa, in pratica fai acs a spese del riscaldamento...che non mi pare un colo di genio. La devi fare a spese dell'aria fredda esterna 8e quindi usa quella gia scambiata in uscita, che è prosisma a quela esterna..cosi usi anche gli ultimi kw che lo scambiatore statico non riesce a prendersi)

                  Io odio le monoblocco...ma se tu vuoi fare i vari "passaggi" devi usare una monoblocco. In generale i Nuos caricano in 4-6 ore...

                  Ok..se hai levato gas..passa a fare acs con una pdc..che poi sia Nuos o un sistema Emix, vedi tu ..anche in base a costo...quanto costa Emix?
                  Se costa come un Nuos, meglio Emix.

                  Tariffa..ci sono latre discussioni su argomento specifico, leggile.
                  Nn devi chiedere nulla..arrivano in automatico a tutti, man mano, a gennaio 2017 e 18...calano costi variabili e aumentano i fissi.
                  se puoi metti FV.
                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                    Ok..se hai levato gas..passa a fare acs con una pdc..che poi sia Nuos o un sistema Emix, vedi tu ..anche in base a costo...quanto costa Emix?
                    Se costa come un Nuos, meglio Emix.
                    Non sono convintissimo. Vediamo pro e contro, ipotizzando parità di costo d'acquisto:

                    ESTATE

                    - Nuos aiuta a raffrescare l'aria in entrata (la T dell'aria in uscita da Nuos è minore, ergo quella scambiata con aria in ingresso), eMix no
                    - prob eMix più veloce di Nuos nel fornire ACS ... ma il fatto che NUos ci metta ore aiuta ancora più il punto precedente
                    - non so quantificare e quindi confrontare i costi della PDC del Nuos e l'eMix, in termini di energia elettrica ... ma penso (spero) sia poca cosa

                    INVERNO

                    - eMix totalmente inutile
                    - Nuos recupera quel poco che sfugge allo scambiatore
                    - nessuna delle due soluzioni aiuta. Ma del resto se capisco bene anche Mydatec non fa miracoli, semplicemente trasforma l'energia elettrica in calore. Ottimo per chi ha FV. Ma per me è la stessa identica cosa.
                    - da capire se costerebbe meno utilizzare il calore del riscaldamento interno (senza senso) in PDC o totalmente in elettrico. Dipende anche dalle performance della Nuos con una temperatura media invernale aumentata di quei 2 gradi che mi dovrebbe dare lo scambiatore. Forse non siamo lontanissimi

                    Andrea

                    Commenta


                    • #11
                      anche Emix partecipa a raffrescarti..nel senso che siccome recupera il calore che devi smaltire, per cui..a parita di esigenza di ACS e raffrescamento...si equivalgono (anche se penso che Emix, progettato per fare tale recupero, ala fine sia piu efficiente di un sistema AC separato + Nuos messo in qualche modo sula VMC)

                      Il fatto che uno sia veloce e l'latro no..puo aiutare? boh...ala fine che conta è l'energia che metti in casa e quela che metti nel boiler..a fine giornata,,la velocità penso sia indifferente..direi meglio puntare sulla resa che sulla lentezza.

                      Sul recupero Nuos in inverno, concordo..ma come dettoi..metti che hai 20 in casa e 0°C fuori...se VMC rende 90% , su VMC mandi 2 gradi...ok, meglio che zero..ma quando vale a fine anno? 5 euro?

                      Non ti stare a spaccare la testa:
                      - VMC statica serve, anche per questioni di salubrità e confort
                      - risca e raffr a pdc...nessun dubbio
                      - acs..NUOS o Emix? se EMix costa non molt piu di muos..quello..altrimenti Nuos...sempre che la pdc Argo ti convinca...altrimenti non sentirti legato, meglio avere il top della pdc e un Nuos che accontentarsi sula PDC per aver Emix.
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        Qualche esempio di PDC super performanti? e prezzi indicativi (se non li sai non è un problema, mi informerò in base ai prodotti suggeriti).

                        Io preferirei restare su una soluzione con minor numero di unità esterne possibili per maggior numero di split interni (devo servire due piani, e non so proprio dove mettere le unità esterne)

                        Su Mydatec mi pare ti sia già spiegato bene più volte, non la consideri una valida alternativa ... giusto?

                        Domandona da inesperto: la PDC deve essere per forza canalizzata, giusto? altrimenti mi ritrovo con 200 canali (VMC, PDC ...) e non ho la massima efficienza in termini di distribuzione del caldo e freddo con VMC. Espresso male ma corretto?

                        grazie ancora

                        Commenta


                        • #13
                          per pdc aria aria io starei su Mitshubishi o daikin...come riferimenti.

                          la pdc produce un gas freddo(caldo..o distribuisci gas nella casa e in ofni stanza metti unita interna...o metti una unita interna centrale e poi canalizzia aria...non so se ho risposto, perchè non ho capiro la domanda.
                          Ovvio che se canalizzi..gli stessi canali fanno da VMC..e allora si chiama UTA
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • #14
                            ciao,

                            per mitsubishi intendi mr slim? come UTA Daikin c'è un sito specifico?

                            grazie infinite

                            ps: se il Nuos disperde 0,63 kWh nelle 24 ore, e verrà installato in un ambiente a T 20 gradi, pensi si possa ipotizzare quanto mi consumerà come energia elettrica, calcolando che di notte potrei anche mantenere la modalità a PDC (green) se la dispersione è minima, e di giorno probabilmente 250 litri a 60 gradi (o alla temperatura migliore per avere un buon compromesso tra minima dispersione e massima quantità d'acqua miscelata a 38-40 gradi ... in questo caso i datasheet parlano di 435 litri effettivi a 40 gradi, ma non saprei ...) dovrebbero bastare per 4 persone con il supporto della sola PDC. ??? idea della formula da utilizzare?

                            Commenta


                            • #15
                              Si Mr slim.

                              Per UTA non penso che Daikin sia un buon riferimento...piu che un costruttore di PDC serve un costruttore di UTA...non saprei chi..ma chi fa VMC di solito le propone.

                              Per Nuos..la dispersione penso sia irrilevante sui costi di gestione..che dipendono da quanta acqua usi.
                              di notte lo spegnerei.
                              lo terrei ben piu baso di 60 gradi...penso fra 45 e 50 , se fosse a casa mia..poi dipende dai consumi e dal tipo di prelievo...
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                Ma Argo iSeries e Mitsu mr Slim sono UTA? Argo è canalizzabile, penso anche Mr Slim ma sto investigando.

                                Ho appena scaricato i datasheet, ora controllo.

                                Tornando a eMix/Nuos ... a me sembra che Nuos abbia decisamente più vantaggi di eMix, per cui temo di non aver capito bene o di essermi perso dei pezzi In effetti mi pare che eMix risulti utile solo d'estate, mentre Nuos ha maggiori vantaggi d'estate (forse conviene addirittura prelevare l'aria in ingresso prima dello scambiatore, che sarà decisamente calda, e poi espellerla in uscita prima dello scambiatore per ridurre la temperatura di quella in ingresso in casa? o l'aria esterna può risultare troppo calda e quindi conviene prelevare l'aria in uscita prima dello scambiatore?) e qualche vantaggio anche d'inverno. Cosa non ho capito?

                                Commenta


                                • #17
                                  per UTA intendo un "sistema" che preleva aria interna..ne "rinnova" una parte (recuperandone energia termica)..e "tratta " l'immesso per adeguarne la T e la UR.

                                  Ovvio si avvale di una pdc per farlo..e di uno scambiatore statico..ma piu che la pdc è importante la progettazione, il dimensionamento dei componenti, la logica di funzionamento....e quindi lo deve fare uno che progetta UTA, avvalendosi di prodotti specifici che sono svilupati 8o assemblati) che aziende che fanno UTA di mestiere.

                                  canalizzare uno stupido split ..non realizza una UTA...
                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Costi di una UTA secondo te?

                                    altra cosa ... fatico un po' a pensare una struttura con VMC (che è di per sé canalizzata) con un sistema di raffrescamento e riscaldamento a split. Può funzionare? come viene prelevata l'aria dall'esterno e come viene espulsa?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      nesuna idea, ma non bassi.

                                      per l'altra domanda ..nessun problema..la VMC rinnova aria e basta..prelevando e immettendo attraverso canali.
                                      Ma questo non ha alcuna attinenza sul sistema con cui tu generi e distribuisci energia in casa...
                                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Ma Argo o Mr Slim da dove prelevano l'aria da rinfrescare/riscaldare? dall'ambiente corretto? e questo non incide sui flussi della VMC?

                                        Vediamo se capisco bene.

                                        Lo split (o l'unità centrale se canalizzo) preleva l'aria dall'interno e la tratta (caldo/freddo) rimettendola in circolo. Se fa caldo, espelle freddo dall'unità esterna. Se fa freddo, il contrario. Poi nel caso di eMix in questo caso il calore generato dal meccanismo di refrigerazione viene recuperato per scaldare l'acqua. Altrimenti lo perdo, stop. E chiaramente recuperare freddo d'inverno non è proprio furbo (per questo eMix meno efficiente di boiler a PDC d'inverno). Il sistema aiuta a tenere sotto controllo l'UR

                                        In parallelo, la VMC genera un flusso che "lava" l'interno, e uniforma in qualche modo la temperatura interna, eliminando via via la CO2, VOC, bla bla ... Lo scambiatore di calore alla fine del circuito permette di ridurre l'energia necessaria per il meccanismo di raffrescamento/riscaldamento fatto con split o altro.

                                        Ci sto capendo qualcosa?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          tutto esatto.

                                          VMC non è che "lava" l'aria..prende aria interna e la butta fuori..prende aria esterna e la butta dentro..solo che incrociando i 2 flussi in uno scambiatore aria aria, recupera energia da aria che esce e la cede a quella che entra

                                          Emix non è meno efficiente di una boiler podc in inverno..ma efficiente COME...anzi, secondo me una pdc vera come Argo/MrSlim fa acs con maggior efficienza di un Ariston Nuos

                                          Ovviamente se hai un ambienti dove scaldi in eccesso e uno dove caldi meno (o raffreddi meno in estate)..la vmc, siccome preleva in certi punti e rimanda in altri..e usa energia termica recupoerata OVUNQUE sulla immissione che va OVUNQUE..di omogeneizza le T dei vari ambienti.

                                          Ovvio..se la VMC è passiva..in inverno entra aria sotto 20 gradi..che non è il massimo..ma avrai il riscaldamento che lo "contrasta".
                                          s ela VMC è "attiva", lei comensera da sola tale "delta" e immette a 20 o piu...
                                          Se poi non hai riscaldamento ma vuoi usare SOLO ARIA CANALIZZATA..nn basta una VMC (che di solito cambia aria 0,2-0,3 volte ogni ora) ma serve una UTA, cioè una macchina che MUOVE aria interna in gran quantità (3-4 volte ogni ora) e intanto ne ricambia un 10% (per fare sempre 0,3 ricambi ora. Si usa in seconde case oppure case in classe energetica molto bassa, dove il fabbisogno energetico è basso e quindi con pochi ricambi-ora la scaldi..perche se devi fare tanti ricambi, poi ti sembra di vivere nella galleria del vento...
                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                          Commenta


                                          • #22
                                            VMC attiva come la mydatec giusto? Però hai spiegato in altro thread che la VMC attiva non è efficiente, ma ha un utilizzo dell'energia elettrica importante, che senza FV può rendere il tutto poco interessante.

                                            ho letto anche in un altro post che invece di VMC attiva tu consigliavi VMC passiva (che recupera veramente) con un plenum per utilizzare gli split ... ma non mi è molto chiaro lo schema puoi spiegarmelo per favore?

                                            grazie ancora
                                            Ultima modifica di nesys; 10-03-2016, 14:12.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Non è efficiente ma p efficace..nel senso che la Mydatec , pur con COP 1, ti scalda la'ria in immissione..per cui non entra a 18 ma superiore a 20.
                                              poi esiste la Nolan..che abbina uno scambio statico ad uno attivo..per cui il cop torna ad essere alto.
                                              In ogni caso ..non è detto che serva averla attiva...anzi..la magior parte delle VMC sono passive...tanto poi quel che manca lo mette il riscaldamento..cosi come succede se cambia aria aprendo la finestra.

                                              Il secondo discorso era un odo di fare UNA SPECIE di UTA spendendo poco...da usare secondo me per case dove non si mette il riscaldamento distribuito ma appunto di fa tutto ad aria canalizzata.
                                              sarebbe una UTA autocostruita.
                                              In pratica se hai una canalizzazione per casa al servizio si una VMC...sulla mandata aria fresca..metti un plenum..dentro cui canalizzi uno split di una monoplsit..che pesca in un punto centrale della casa.
                                              in pratica dentro un plenum (un casone) butta sia la VMC (aria pulita) che lo split canalizzato (aria di ripresa interna) e i 2 flussi si sommano.
                                              Cosi hai:
                                              - tanta aria che gira e che porta in giro energia dello split per scaldare e raffrescare la casa
                                              - un % di aria che è nuova e che assolve alle funzioni della VMC
                                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                              Commenta


                                              • #24
                                                E se io potenzialmente installassi gli split vicino alle bocchette di immissione dell'aria fresca della VMC non assolverei più o meno allo stesso principio?

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  @ marcober ... oggi mi hanno stoppato con Argo, l'installatore di fiducia del mio DL sostiene che che le pompe di calore per il riscaldamento invernale consumano troppo. Aspetto news

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    appppostostai!!!!
                                                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      spiegami per favore L'offerta di Mydatec parlava di 1890 kWh di consumo elettrico complessivo, e mi pare una fucilata. A rigor di logica se voglio investire su involucro poi esigo di non spendere lo stesso per gli impianti? sto sognando?

                                                      Io sapevo che gli split per riscaldare d'inverno consumano DECISAMENTE meno del metano necessario per riscaldare con termosifoni. Possibile che non si trovi qualcuno che mi possa aiutare? .... queste sono le cose che mi fanno incazzare non sai quanto ...

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        vorrei anche capire se 6kW e 12.65kW sono valori di fabbisogno per riscaldamento e raffrescaamento bassi, bassissimi, altissimi ...? non ho un metro misura per capire se sto andando nella direzione giusta, e se questi valori mi potrebbero permettere di ridurre notevolmente l'investimento in impianti.

                                                        grazie ancora per il supporto

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          1900 kWh e cosa promettevano? Se ti scaldavano e raffreddavano tutta la casa, ci sarebbe da firmare subito no?Una casa da 6 kw ...ora non ricordo quanto sia grande....comunque fosse 150 metri...è un consumo basso.
                                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                                            1900 kWh e cosa promettevano? Se ti scaldavano e raffreddavano tutta la casa, ci sarebbe da firmare subito no?Una casa da 6 kw ...ora non ricordo quanto sia grande....comunque fosse 150 metri...è un consumo basso.
                                                            diciamo che promettono di riscaldare il primo piano con un box a supporto dei termosifoni (bella forza) ... e di scaldare e raffrescare la mansarda con altro box (fabbisogno energetico complessivo circa 8kW).

                                                            135Mq primo piano, 110Mq mansarda.

                                                            Il punto debole è: non menzionano il raffrescamento del primo piano ... e secondo me il problema sarà proprio il raffrescamento/deumidificazione estiva. Secondo me non è sufficiente. E non è la soluzione diciamo energeticamente migliore.

                                                            Andrea

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X