Scaldabagno quanto potrei risparmiare - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Scaldabagno quanto potrei risparmiare

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Scaldabagno quanto potrei risparmiare

    Ciao ragazzi bellissimo forum si trovano un sacco di informazioni utili.
    Vorrei sottoporvi la mia situazione per quantificare grosso modo quanto potrei risparmiare, mi spiego:
    Io ho uno scaldabagno da 80 lt modello Ariston SHAPE ECO EVO 80 V comprato pochi mesi fa quindi senza calcare o comunque con poco, ed ho una tariffa energetica base da 3 KW D2 bioraria, vorrei sapere mi conviene tenere lo scaldabagno acceso 24h sapendo che mediamente l'acqua calda viene usata in maggior volume dalle ore 16 alle ore 19 per fare la doccia? o mi conviene comprare un timer digitale e impostarlo per accendersi prima delle ore fatiche che ho citato prima?
    Se mi convenisse il timer quanto potrei risparmiare ? quale sarebbe la miglior soluzione per accensione e spegnimento per soddisfare il bisogno di acqua calda e il risparmio sulla bolletta?
    Se puo essere utile questa è la scheda dello scaldabagno
    ah dimenticavo di dire che lo scaldabagno è impostato su 70° C

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Scheda tecnica scaldabagno.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 33.8 KB 
ID: 1984322

  • #2
    Devi per forza mettere il timer, assolutamente. Specie a 70 gradi. Spero che hai una miscelante di sicurezza che porta l'acqua a 45 gradi perché a 70 gradi ti ustioni.
    Il fatto è che la temperatura è sempre mantenuta e quindi le dispersione del boiler (80 litri a 70 gradi sono dispersioni considerevoli) devono essere pareggiate dalla corrente che gli fornisci.

    Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
    Nuovo sito che incoraggia la produzione e la vendita del biodiesel in italia
    Eccolo qua!
    Perche biodiesel?
    La titolazione

    Commenta


    • #3
      Ok quindi costa di piu' mantenere l'acqua a una temperatura costante per 24h anziche riscaldare l'acqua poche ore prima dell'utilizzo?
      perche il mio pensiero era mantengo l'acqua costante per 24h con X accensioni al giorno per pochi minuti per compensare la dispersione di calore anziche, scaldare in una volta sola 80 litri d'acqua per molti minuti o addirittura un ora, però mi puoi assicurare che mettendo il timer ho un risparmio apprezzabile in bolletta? Grazie

      Commenta


      • #4
        Il risparmio apprezzabile in bolletta lo avresti cambiandolo con uno scaldabagno a PDC.
        Con una differenza di temperatura di 50°C (che poi è simile a quello nominale se non mi sbaglio) hai una perdita di circa un kWh al giorno, pari a circa 24 centesimi. Accendendolo in modo discontinuo risparmieresti circa la metà.
        Valuta te se ne vale la pena di sbattersi ad accenderlo spegnerlo o investire in un timer!

        Commenta


        • #5
          Come dice tony995, tenere a 70° potrebbe essere pericoloso, soprattutto in presenza di bambini e/o anziani che hanno la percezione del calore ed un tempo di azione/risposta più lento o limitato.
          Per tale motivo si suggerisce di montare una miscelatrice termostatica in uscita tipicamente settata a 45° per prevenire ustioni anche gravi per disattenzione.

          Mantenere 70° in accumulo comporta alte dispersioni termiche, nella scheda è riportato 0,94 kWh nelle 24 ore mantenendo una T di 65°, quindi a 70° disperdi ovviamente di più.
          alfagammatronico individua correttamente l'ipotetico risparmio conseguibile e condivido in pieno che una PDC sarebbe oggi per tutti la soluzione migliore.

          Mantenere alte temperature tipicamente serve per compensare la scarsa capacità dell'accumulo in base all'utilizzo fatto.
          P.E.:
          80 litri a 70° sarebbero 5600 KCal in accumulo che miscelata ed erogata a 45° rappresenta circa 125 litri utilizzabili.
          80 litri a 50° sarebbero 4000 KCal ovvero circa 89 litri utilizzabili a 45°.
          Ma nel primo caso hai alte dispersioni nelle 24 ore, oltre 1 kWh, nel secondo caso molte di meno, stimo meno di 0,4 kWh, come immaginabile le dispersioni tendono a zero fino a quando l'accumulo è alla stessa temperatura ambiente, cioè a 20° circa.
          N.B. le dispersioni seguono una curva tendenzialmente logaritmica e non lineare.

          Quindi per avere meno dispersioni devi ridurre la T dell'accumulo, ma otterrai meno acqua utile disponibile; Al contrario più aumenti la T dell'accumulo maggiori saranno le dispersioni e maggiore l'acqua utile disponibile.

          Da ricordare che più si alza la temperatura dell'accumulo maggiore sarà la formazione di calcare nell'impianto a causa delle reazioni chimiche delle parti disciolte presenti in acqua che precipitano più agevolmente.

          In conclusione, regola la temperatura dell'accumulo alla T minima possibile affinchè l'acqua erogata sia sufficiente per i tuoi consumi abituali, eventualmente incrementando di pochi gradi durante il periodo invernale se risultasse insufficiente la T impostata e riducendola nel periodo estivo trovando il punto di equilibrio più consono alle tue esigenze.
          Regolamento: https://www.energeticambiente.it/misc.php?do=vsarules

          Commenta


          • #6
            Vi ringrazio per le vostre risposte, il miscelatore di sicurezza non credo di averlo regolo la temperatura dell'acqua direttamente dal rubinetto con non poche difficoltà in effetti, per adesso ho impostato lo scaldabagno a 60° C (posso impostarlo con intervalli di 10°) e lo accendo la sera per sfruttare la tariffa bioraria, a fine mesi vi saprò dire quanti KWh sono riuscito a risparmiare grosso modo naturalmente. Grazie ancora

            Commenta


            • #7
              E ci credo che hai problemi nella miscelazione, per stare a norma devi avere la miscelante

              Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
              Nuovo sito che incoraggia la produzione e la vendita del biodiesel in italia
              Eccolo qua!
              Perche biodiesel?
              La titolazione

              Commenta

              Attendi un attimo...
              X