Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ecobonus, sismabonus, risparmio energetico e FV con accumulo esame Decreto Rilancio

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ecobonus, sismabonus, risparmio energetico e FV con accumulo esame Decreto Rilancio

    Creo la discussione affinché possiamo dibattere qui dell’argomento di maggior attualità
    ben conscio che il testo provvisorio del Decreto Legge in oggetto sarà certamente affinato e calato nella realtà operativa.
    Vorrei invitare chi posta a non ripetere inutilmente cose già scritte e ripetute da altri così questo trhead potrà diventare una vera guida per chi vuole fare i lavori oggetto del decreto di rilancio dell’economia, che reputo un ottima iniziativa se verrà esteso il più possibile a qualsiasi immobile e magari anche oltre il 2021.
    Si stima che i 3,5M€ previsti di costi per lo Stato possano stimolare oltre i 10 M€ di attività anche non strettamente connesse ai lavori edili.
    Buona discussione a tutti
    Ultima modifica di dolam; 18-05-2020, 12:20.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Aderite al Team di monitoraggio denominato EnergeticAmbiente su Pvoutput.org , così sapremo ogni giorno quanta energia pulita hanno prodotto gli amici del forum. Questo il link del Team ?https://pvoutput.org/listteam.jsp?tid=1115

  • #2
    Originariamente inviato da axoduss Visualizza il messaggio
    Ma per un fotovoltaico da più di 6kWp serve passaggio alla trifase?
    Dipende
    io ho 8,2kWp di pannelli ma inverter da 6 e sono in monofase.
    La monofase può arrivare fino a 10, ma da 6 a 10 è e-Distribuzione che più concederla o meno. Se dicono di no, per andare oltre ci vuole la trifase
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 8,2Kwp, SE6000, accumulo LG Resu10H, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 con NodeMCU, PdC Aermec, accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Skantherm mod. Elements
    Guidavo ibrido (prius) dal 2007 sostituita con VW e-Up

    Commenta


    • #3
      ok ma cosa servono 8kW in DC se in AC escono massimo 6kW? maggior produzione in condizioni di scarsa luminosità ?

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da axoduss Visualizza il messaggio
        Una sua logica c’è e penso vada nella stessa direzione delle comunità energetiche: aumentare quanto più possibile l’autoconsumo locale.


        ricordiamoci che la signora Maria fa andare la lavatrice di notte perché anni fa fu introdotta la bioraria con l’esatto obiettivo di spostare il consumo di notte (costo basso dell’energia per importazione del nucleare).


        quello che non mi va è regalare l’immissione sopratutto perché non ci sarà un parallelo abbassamento del costo al kW.

        PS: tu non stiri mai?
        Se non vuoi regalare l'immissione, dato che il fotovoltaico te lo sei fatto coi soldi dei contribuenti, puoi farlo con i tuoi e detrarlo in 10 anni al 50%, mica tolgono le vecchie detrazioni, si vanno ad aggiungere alle precedenti. Io il ferro da stiro ho imposto a mia madre di non usarlo ed in casa mia non ce l'ho nemmeno e manco lo voglio.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da axoduss Visualizza il messaggio
          ok ma cosa servono 8kW in DC se in AC escono massimo 6kW? maggior produzione in condizioni di scarsa luminosità ?
          Esatto, minor irraggiamento, ma sopratutto d'inverno.
          D'estate ne perderò un po', perché l'inverter taglierà ma ne guadagnerò nei mesi invernali.
          Casa passiva 170mq, Zona E, FV 8,2Kwp, SE6000, accumulo LG Resu10H, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 con NodeMCU, PdC Aermec, accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Skantherm mod. Elements
          Guidavo ibrido (prius) dal 2007 sostituita con VW e-Up

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da mArCo1928 Visualizza il messaggio
            ...Io il ferro da stiro ho imposto a mia madre di non usarlo ed in casa mia non ce l'ho nemmeno e manco lo voglio.
            mi incuriosisce: lavanderia o altro?

            Commenta


            • #7
              perchè mettete il piano ad induzione come elemento per contribuire al passaggio di classe energetica? scusate l'ignoranza...

              comunque da tutto questo potrebbe anche esserci un buon effetto collaterale per chi non può accedere al 110%, probabilmente i prezzi delle batterie finalmente scenderanno
              FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

              Commenta


              • #8
                Ecobonus, sismabonus, risparmio energetico e FV con accumulo esame Decreto Rilancio

                Originariamente inviato da bravo666 Visualizza il messaggio
                Loro parlano di due classi energetiche, o la massima possibile raggiungibile con gli interventi

                Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                Anche la massima classe raggiungibile con gli interventi è interpretata in modo diversa.

                Qualcuno prende per buono il primo esempio, qualcuno il secondo, quale sarà la verità? Perché per come è scritta la legge, potrebbero essere valide entrambe.

                Esempio 1

                Bassaggio da B a A1 (A di più basso livelllo) incentivato perché A è la massima classe raggiungibile anche se al suo interno ci sono sotto classi .
                Questa ipotesi eliminerebbe dal beneficio tutti i gia presenti in classe A di qualunque livello perché non potrebbero migliorare neanche di una classe.

                Esempio 2

                Da classe B a classe A1 non incentivato, ma incentivato da classe B a A2 e anche da A1 a A3 e da A2 a A3

                tutto chiaro vero?

                Commenta


                • #9
                  Che voi sappiate, è possibile ampliare un impianto in SSP esistente con uno senza SSP (bonus 110%) rimanendo sotto i 6kwp totali, mettendo due contatori di produzione e lasciando il vecchio contatore di scambio? O ci sarebbero problemi con i rimborsi GSE per l'impianto con SSP? Grazie

                  Commenta


                  • #10
                    No, nel DL è previsto che tu ceda il surplus senza convenzione SSP.
                    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 8,2Kwp, SE6000, accumulo LG Resu10H, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 con NodeMCU, PdC Aermec, accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Skantherm mod. Elements
                    Guidavo ibrido (prius) dal 2007 sostituita con VW e-Up

                    Commenta


                    • #11
                      salve a tutti,

                      Per usufruire del Bonus 110% dovrò sostituire la caldaia tradizionale con quella PDC da abbinare all’installazione dell' impianto FV + andrò a sostituire gli infissi di 20 anni fa, sono moderatamente ottimista di recuperare 2 classi.

                      la mia situazione in breve :
                      - 150 mq su 3 piani, costruzione di 20 anni fa
                      - 3500 kWh di consumo all'anno
                      - nelle stanze uso condizionatori per caldo/freddo, ora sono 2 a regime diventeranno 4
                      - cucina per ora rimane a gas ma un domani vorrei dotarla di un piano cottura ad induzione per dire addio al gas
                      - oggi uso caldaia tradizionale metano x acqua calda che dovrò sostituire con caldaia a pompa di calore. Andrei a sfruttare PDC solo per ACS, non la userei per raffrescare e riscaldare casa.
                      Qui mi sorge una domanda, ma conviene mettere su una PDC solo per ACS quando il mio consumo gas annuale sono circa 370 Smc -> meno di 400 euro l'annuo
                      - non ho auto ibrida e non penso di averla in futuro in quanto il box si trova distante da casa e cmq è una linea condominiale

                      Andando a sostituire gli infissi vecchi con nuovi tripli vetri mi aspetto un bel risparmio sulla bolletta, ho ben 11 infissi da cambiare !
                      Cmq con il Bonus 110% conviene fare impianti sovradimensionati per sfruttare al massimo l’accumulo anche in inverno e la sera.

                      Qualche consiglio su come dimensionare questo impianto FV ? (non ho problemi di spazio per l'installazione)

                      ma sopratutto conviene mettere su tutto questo impianto se i miei consumi annuali sono 3500 kWh e 370 Smc ?
                      Ultima modifica di tigermanIT; 19-05-2020, 09:04.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Paskyu Visualizza il messaggio
                        No, nel DL è previsto che tu ceda il surplus senza convenzione SSP.
                        Se faccio un secondo impianto con un altro inverter e un altro contatore di produzione non può funzionare?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Another Visualizza il messaggio
                          perchè mettete il piano ad induzione come elemento per contribuire al passaggio di classe energetica? scusate l'ignoranza...

                          comunque da tutto questo potrebbe anche esserci un buon effetto collaterale per chi non può accedere al 110%, probabilmente i prezzi delle batterie finalmente scenderanno
                          Ma guarda, personalmente parlando...se potrò accedere al 110 con cessione del credito io l'impianto lo faccio comunque, nonostante la sovraproduzione non remunerata.
                          In estate comunque nella mia zona é molto umido, causa vicinanza del fiume, e se giá un fotovoltaico mi facesse risparmiare il 70% se non l'80 di quello che spendo ora per quasi 6 mesi l'anno sarebbe tutto guadagno, per me s'intende, e se aggiungessi accumulo sarebbe ancora meglio chiaramente.
                          E potrei quindi permettermi di togliere la caldaia a biomassa e installare tranquillamente le pdc per riscaldare casa, basandomi sul grande risparmio estivo ottenuto dal fv e potendo quindi riversare quel risparmio nel riscaldamento invernale, eliminando però la rottura di scatole della caldaia a pellet, dello stoccaggio, della pulizia, dei controlli biennali su generatore e canna fumaria e via discorrendo.
                          A fine anno comunque qualcosa risparmierei, e ne guadagnerei personalmente di vita vissuta.
                          E sinceramente, pretendessi pure di essere remunerato su di un impianto regalatomi di fatto, pretenderei francamente troppo.
                          Se la cosa va in porto non spendo nulla, pago comunque vada meno di corrente rispetto ad ora e miglioro la qualitá della mia vita e direttamente quella della mia famiglia


                          Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                          Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da ale_roma Visualizza il messaggio
                            Se faccio un secondo impianto con un altro inverter e un altro contatore di produzione non può funzionare?
                            E che senso avrebbe visto che ssp viene remunerato in base ai consumi, e se consumi dal secondo impianto non prendi dal primo e comunque assorbi dalla rete la stessa identica quantitá di corrente di prima, perché se non produce il primo di sicuro non produce nemmeno il secondo?
                            Di ssp sempre la stessa cifra andresti a prendere, sempre ammesso sia possibile un discorso come questo, cosa per me non fattibile in quanto ogni impianto é legato ad un pod

                            Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                            Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

                            Commenta


                            • #15
                              @bravo666
                              Sì, certo. Intendevo, infatti, che essendo le produzioni separate e contabilizzate dai rispettivi contatori di produzione, se SSP mi produce 2000kwh e l'altro 1000, consumando 1900 mi viene pagato in SSP, dato che i conti si fanno solo per quell'impianto.
                              Ovviamente tutto in via ipotetica, sia chiaro, non sono esperto ma mi pare di aver letto di due impianti (con due inverter) che insistevano sullo stesso contatore di scambio.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR