Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Riscaldamento a Pavimento (pavimento radiante): QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • anche io concordo ! 5cm sono davvero tanti ! aumenti notevolmente il tempo di messa a regime dell'impainto ! Per il pannello dipende molto da che tipo di locale hai sotto : se è riscaldato può andar bene anche un pannellino da 2 cm piano o con funghi. se non è riscaldato o non esiste proprio, allora un bel 5 non fa male... OK per la densità di 30/35. Attenzione al materiale : se è un polistirene estruso OK ; se è è polistirene espanso o poliuretano , dovresti sceglierne uno che abbia anche la barriera al vapore(per non far assorbire l'umidita dell'acqua contenuta nel massetto)
    ciao

    Commenta


    • Per Pachi, io mi sono trovato bene con la sovrapposizione di un telo di (credo nylon) sopra alla lastra di polistirene espanso con sopra disegnata una griglia di piccole croci ogni 10 cm che mi hanno permesso di posizionare il tubo senza grandi difficolta',oltre ad avere la funzione di non bagnare lo strato isolante nella fase di getto.ciao

      Commenta


      • Grazie mille delle risposte. Certo che 2 cm sopra al tubo mi sembrano un pò poco.
        Se non sbaglio i vari fornitori di impianti a pavimento suggeriscono almeno 4 cm sopra il tubo mentre invece la Leca per i suoi massetti fibrorinforzati ed ad alta conducibilità termica,appositamente studiati per pavimenti radianti (vedi Leca Paris), chiede almeno 3 cm. Il fatto è che le case produttrici a catalogo hanno solo isolanti da 1-2-3-4 cm.
        Io non avendo la minima conoscenza da "strutturale" proponevo 1 cm in più in quanto vorrei utilizzare un isolante da 6 cm e non vorrei avere problemi di cedimento oppure un pavimento troppo elastico al calpestio (magari non c'è assolutamente questo problema, chiedo a voi).
        La strutture da realizzare appoggiata su pavimento dovrebbe essere all'incirca cosi:
        - Igloo con cls
        - Zona passaggio impianti con cls alleggerito (8-10 cm)
        - Isolante polistirene estruso 35 kg/mc 6 cm piano
        - Massetto fibrorinforzato 6-7 cm
        - Piastrella.

        - Secondo voi utilizzando un polistirene estruso è meglio inserire una barriere umidità sotto l'isolante oppure no e sopra l'isolante?
        - Utilizzando sopra un massetto fibrorinforzato è lo stesso consigliabile posare la rete elettrosaldata?
        - Sulle porte consigliate di posare il giunto intermedio oppure di fare i tagli.

        Ciao

        Commenta


        • Hai detto che e usi il pannello senza funghi e' ancora piu' consistente il massetto ,non devi vedere i 2cm sopra ma il totale (4 cm).Usa autolivellante se puoi,avvolge completamente il tubo,il massetto asciutto impossibile ,si creano dei vuoti.Sotto il pannello deve essere abbastanza planare,livella con sabbia eventualmente,la rete mettila o in fibra vetro o metallica,i giunti dalle porte falli sia nel massetto che mattonella o parquet(sotto la chiusura della porta che si vede poco)
          Originariamente inviato da birillo1981 Visualizza il messaggio
          Grazie mille delle risposte. Certo che 2 cm sopra al tubo mi sembrano un pò poco.
          Se non sbaglio i vari fornitori di impianti a pavimento suggeriscono almeno 4 cm sopra il tubo mentre invece la Leca per i suoi massetti fibrorinforzati ed ad alta conducibilità termica,appositamente studiati per pavimenti radianti (vedi Leca Paris), chiede almeno 3 cm. Il fatto è che le case produttrici a catalogo hanno solo isolanti da 1-2-3-4 cm.
          Io non avendo la minima conoscenza da "strutturale" proponevo 1 cm in più in quanto vorrei utilizzare un isolante da 6 cm e non vorrei avere problemi di cedimento oppure un pavimento troppo elastico al calpestio (magari non c'è assolutamente questo problema, chiedo a voi).
          La strutture da realizzare appoggiata su pavimento dovrebbe essere all'incirca cosi:
          - Igloo con cls
          - Zona passaggio impianti con cls alleggerito (8-10 cm)
          - Isolante polistirene estruso 35 kg/mc 6 cm piano
          - Massetto fibrorinforzato 6-7 cm
          - Piastrella.

          - Secondo voi utilizzando un polistirene estruso è meglio inserire una barriere umidità sotto l'isolante oppure no e sopra l'isolante?
          - Utilizzando sopra un massetto fibrorinforzato è lo stesso consigliabile posare la rete elettrosaldata?
          - Sulle porte consigliate di posare il giunto intermedio oppure di fare i tagli.

          Ciao

          Commenta


          • Ciao birillo,il massetto cosi' alto ti portera' ad avere una latenza dell'impianto un po' lunga(cioe' da quando accendi i riscaldamenti occorrerà un po' di tempo in più rispetto ad uno meno spesso, ma si raffreddera' anche più lentamente).Per quanto riguarda i cedimenti, quasi sicuramente non ci saranno, ma dipende anche da cosa metti sopra il massetto, un conto è montare un pavimento 40x40 cm e un conto è mettere il mosaico.Per quanto riguarda la barriera al vapore è assolutamente necessario per evitare che l'isolante assorba acqua e non isoli più.Ciao

            Commenta


            • Quindi è necessaria la barriera umidità anche con il polistirene estruso?
              Sotto o sopra l'isolante?

              Commenta


              • solo sopra, ciao e buon lavoro.nn esitare a chiedere seposso aiutarti lo faccio volentieri.

                Commenta


                • Riscaldamento a Pavimento - temperature da mantenere

                  Buongiorno a tutti, sono nuova del forum e ho letto alcune discussioni molto interessanti. Spero possiate darmi una mano, visto che idraulici ed ingegneri sanno solo parlare, ma non sanno agire...
                  Ho un appartamento a Milano di nuova costruzione con riscaldamento a pavimento (pannelli radianti) sia al piano appartamento (4°) che al piano 5° dove ho l'accesso dall'appartamento in una veranda a taglio termico
                  Il riscaldamento a pavimento dell'appartamento a volte arriva in temperature e quando vado via il week che lascio la minima a 18.5° gradi torno e per salire a 20/21 gradi ci mette 3 giorni. è normale? la temperatura esterna dell'acqua è 45°. Di solito imposto la minima 18.5° e la massima 21.5° ma fa fatica ad arrivare a 20.5° e vi assicuro che è molto freddo lo stesso perchè la casa è grande ed ha molti vetri, poi scende freddo da sopra perchè anche se la veranda e a taglio termico non si riscalda perchè di sopra il riscaldamento proprio non funziona (siamo in causa per questo) probabilmente hanno fatto un passo troppo largo (forse 20cm) e l'acqua la tira dal piano sotto, perciò il pavimento nemmeno diventa tiepido.
                  Ma a parte la questione del piano veranda che sarà da smontare pavimento ecc... oppure cambiare e farlo a parete, vorrei capire a quanto secondo voi dovrei tenere il riscaldamento come minima e massima anche quando vado via da Milano.Ma questo è risparmio enegetico se il riscaldamento è praticamente sempre in funzione??? scusate ma proprio non capisco, e sto soffrendo il freddo (aiutata da stufette che mi faranno arrivare una bolletta elettrica da capogiro)Grazie. Michela

                  Commenta


                  • Ciao Michela e benvenuta: allora parto dalla fine per farti capire dove hai toppato!
                    Ma questo è risparmio enegetico se il riscaldamento è praticamente sempre in funzione???
                    Chi ti ha detto che un riscaldamento BT è a risparmio energetico?
                    La risposta è sì, se confrontato con uno a termosifoni classico, ed il risparmio sta tutto nel rendimento maggiore della caldaia(presupponendo che sia a gas o gasolio a condensazione)ma se parlassi di caldaia a biomassa dove la temperatura deve per forza di funzionamento essere più alta dei 50° un riscaldamento BT ti consuma quanto uno a AT(almeno che non parliamo di una villa con tetto alto 5 metri...ma mi sembra tu parli di appartamento no?).
                    Ma è logico se la tua casa per esser calda ha bisogno di 10 Kw di energia termica: o glieli dai con il termosifone o con un impianto BT sempre 10 kw devi dargli.

                    Tutte queste nozioni per dirti che un riscaldamento a pavimento viene scelto in primis per il comfort, poi per il risparmio energetico che si ottiene a determinate condizioni.
                    Quali queste condizioni?

                    Bè, che si usi una caldaia a condensazione, che vi sia possibilità di integrare questo calore con quello prodotto da pannelli solari termici o ciliegina sulla torta che si abbini ad un impianto fotovoltaico con PDC (pompa di calore) casa calda/fresca... gratis per sempre!

                    Il primo dei riscaldamenti in termini di risparmio energetico è l'isolamento della casa!
                    QUESTO IL MAGGIORE DEI RISPARMI ENERGETICI; DA QUESTO DIPENDE IL TUO RISCALDAMENTO..SPECIALMENTE QUELLO RADIANTE.

                    Sì, dalle tue info un po' incasinate deduco senza dubbio che hai un pessimo isolamento della casa, con molte superfici verticali a vetro che non fanno altro che buttare fuori calore!
                    Se vuoi un consiglio per vincere la causa fatti fare una bella termografia alla casa in questi tempi che sono ancora freddi; spenderai 1000 euro ma saranno ben spesi: potrai chiamare in causa il costruttore per non aver rispettato le leggi attuali ( e mi sembra che la Lombardia in queste leggi sull'isolamento della casa sia all'avanguardia.

                    Ritornando ai tuoi problemi credo dalle tue info che il tuo impianto non riesce a tirar fuori il calore che perdi..ergo senti freddo.
                    Un impianto BT radiante, se abbasato solamente di 3 gradi può impiegare un giorno per tornare a regime ma siamo già larghi, il mio impiega 3 ore!!!

                    Poi regolazioni da vedere e magari operare sono poche: T di mandata dell'acqua, T di ritorno, detentori dei singoli circuiti, sonda esterna(quial'ora la caldaia sia autonoma e disponga della temperatura scorrevole) altro non puoi fare se non coibentare la casa.

                    Da ciò che ti dico spero tu possa farti una idea di ciò che non va a casa tua, comunque posta altri dati così ti daremo risposte mirate.
                    Tdi mandata, T di ritorno, consumo, Mq casa ecc ecc

                    Commenta


                    • risposta 1

                      Controllerò tutto quello che mi dici...
                      sicuramente il costruttore ha toppato con l'isolamento(o comunque ha voluto risparmiare)
                      ora devono mettere all'impianto un flussometro per capire quanta acqua entra nell'impianto a pavimento.... le vetrate già controllate, non rispettano quelle da capitolato...ma secondo te per ora tengo costantemente 20gradi di minima?almeno per non subire il freddo assassino.spenderò un capitale?
                      grazie ancora a presto

                      Commenta


                      • O scaldi o ti tieni il freddo non ci sono vie di mezzo!
                        per il consumo presumo lo tieni già sotto controllo!

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da omaccio Visualizza il messaggio

                          Un impianto BT radiante, se abbasato solamente di 3 gradi può impiegare un giorno per tornare a regime ma siamo già larghi, il mio impiega 3 ore!!!
                          Scusa omaccio, non ho capito cosa intendevi con questa frase ...

                          Michela,
                          io non sono un esperto ma sono in una situazione simile alla tua : anch'io ho un impianto BT e fatico a tenere una temperatura decente in casa.

                          Ho fatto alcune foto con una termocamera di un amico ed il problema è l'isolamento. Come ho già detto in un altro post, purtroppo sono ancora molto pochi i "tecnici" che ti dicono l'importanza dell'isolamento per il risparmio energetico. E' vero che le normative lombarde sono molto avanzate, ma si applicano soprattutto al nuovo o a ristrutturazioni significative; la maggior parte degli edifici è ben lontana da questi standard.

                          Io ho anche i pannelli solari che integrano l'impianto ma in questi giorni di pioggia e nuvole fanno poco: so che è un paragone un po' forzato ma se avessi speso i soldi dei pannelli in un buon cappotto risparmierei ora probabilmente il 50% del metano

                          Non so cosa puoi fare in tema di isolamento ma ti consiglio anch'io di seguire i consigli di Omaccio



                          Rodolfo

                          Commenta


                          • Grazie

                            Grazie a tutti...
                            anch' io ho fatto fare dei rilievi con la termocamera e risulta buon isolamento ma passo decisamente troppo largo tra i tubicini circa 20cm l'uno dall'altro...forse doveva essere la metà
                            comunque vi saprò dire se la causa va a buon fine.....
                            Michela

                            Commenta


                            • Ciao Manic1!
                              Scusa prima di intentare una causa non potresti dirci che temperatura hai all'interno della casa nelle arie ore del giorno?
                              Se la temperatura di casa tua si aggira dai 17,5°C ai 21°C quando fuori fa veramente freddo (-5°C) guarda che la causa la perdi di sicuro!

                              Tutti i materiali hanno una inerzia termica, e per assurdo, più una casa è coibentata maggiore sarà la sua inerzia, cioè la capacità di riscaldarsi e rilasciare calore nel tempo...stai attenta a ciò che fai!

                              Il costruttore potrà dimostrare con facilità che ha costruito la tua casa nel rispetto delle normative lombarde (che a mio avviso sono assurde!).

                              Commenta


                              • La causa con il costruttore è prevalentemente x la veranda che doveva essere a taglio termico (e non lo è) e perchè su di sopra il pavimento nemmeno si intiepidisce...nemmeno se lo tengo acceso h24 a 22 gradi...
                                su di sopra ho circa 6/7 gradi e quando mi va bene di giorno ne ho 11/12 a riscaldamento acceso ovviamente
                                sotto invece è un problema diverso per cui non sono in causa per il momento...ho circa 20gradi quando lo tengo acceso dalla mattina alla sera fisso a 22°....se per caso decido di andar via e mettere la minima a 18.5°/19° per arrivare a 20 gradi ci mette circa 4/5giorni (sempre acceso) non mi sembra molto normale.... comunque questo ora lo stanno verificando i vari ingegneri.....Grazie comunque del consiglio

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X
                                TOP100-SOLAR