Cappotto (rivestimento) - ESTERNO - QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cappotto (rivestimento) - ESTERNO - QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dovrei inglobare il pezzo che scende in diagonale dentro una "scatola" apribile per ispezioni, e quindi in quella porzione la facciata non verrebbe coibentata ?
    Esatto ma potresti coibentare anche quella parte, a lavoro finito avresti, esteticamente, una finto pilastro
    dovrei anche rompere i lati della facciata
    O rompere il davanzale
    altrimenti rimango senza finestra
    L'importante è avere già il davanzale nuovo quando verranno a sostituire l'infisso
    Per il gradino dipende sempre dai gusti, sicuramente avresti il pregio di una maggiore protezione dalla pioggia
    Ho provato a modificare (parte bassa) la foto del tuo scalino .... verrebbe una cosa simile, non mi sembra malaccio

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   image_74062.jpg 
Visite: 774 
Dimensione: 258.1 KB 
ID: 2156901
    Domotica: schemi e collegamenti
    e-book Domotica come fare per... guida rapida

    Commenta


    • Per caso, qualcuno mi sa dare nomi di aziende in Toscana ( meglio se zona Prato-Firenze ) che possono coibentare la soletta del sottotetto ( fiocco di cellulosa sparato tipo insufflaggio ) ? Grazie !
      PDC Daikin Hybrid Multi - FV 8 kWp Viessmann 400W - SE 6000H - LG Prime 32kW - Zappi 7kW - Kona 64kWh

      Commenta


      • Ciao a tutti, chiedo qui anche se avrei preferito aprire una discussione a parte perchè la mia domanda fa cmq riferimento all'oggetto della discussione.

        Premessa

        Ho appena installato l'aria condizionata in casa (3 motori, 3 split nelle due camere + soggiorno).
        Non utilizziamo l'aria condizionata per mantenere costantemente la casa a 25 gradi, fino a circa 28 gradi si può farne benissimo a meno, l'aria condizionata la utilizziamo per quei pochi giorni l'anno in cui il caldo diventa particolarmente fastidioso ed in casa si raggiungono i 29-30 gradi, temperature che comunque nell'arco di una stagione estiva si raggiungono in casa mia per credo 12-15 giorni, forse 20 se si tratta di una estate particolarmente calda ma considerate che questi 15-20 giorni sono da ripartire in più periodi intervallati da rinfrescate dove poi si scende nuovamente a 27 gradi (quindi se ipotizzassimo che quei 15-20 giorni a 30 gradi in casa fanno capo a 3 ondate di calore forte, in realtà per ogni periodo non sarebbero più di 4-7 giorni).

        Passiamo alla questione

        Ora mio papà sarebbe intenzionato a isolare la casa facendo mettere il cappotto, isolando il sottotetto e cambiando i serramenti, per approfittare del SuperBonus al 110%, ammesso che i lavori siano eseguibili (la mia è una villetta di testa di un complesso dove ci sono altri appartamenti).
        Ordunque, io so che il cappotto è utile soprattutto per isolare l'ambiente interno dal freddo esterno e per risparmiare sui riscaldamenti, ma presumo che la coibentazione aiuti anche ad impedire all'ambiente a surriscaldarsi eccessivamente in estate e comunque in tempi più lunghi.
        Considerato il discorso fatto in premessa circa l'aria condizionata utilizzata per pochi giorni all'anno, l'aggiunta del cappotto potrebbe rendere la recente installazione dei climatizzatori inutile ?
        In altre parole: l'installazione del cappotto potrebbe farmi perdere mediamente quei 1-2 gradi in casa nel periodo estivo rendendo non necessaria l'accensione dell'aria condizionata, considerando che fino a 27-28 gradi non l'abbiamo mai considerata indispensabile ?

        Commenta


        • Qualche grado lo guadagni sicuramente anche sul caldo estivo poi bisogna vedere se ti può bastare

          Commenta


          • La risposta breve è dipende.
            Esistono dei materiali che consentono di ottenere un ottimo sfasamento dell’onda di calore che quindi ti permetterebbero di non utilizzare il climatizzatore, ad esempio il legno ed il sughero. Il tuo tecnico dovrà quindi calcolare la stratigrafia opportuna per avere uno sfasamento di 16/18 ore tenendo in considerazione tutto il contesto.
            Normalmente i tecnici però non usano questi materiali ma usano il EPS che non ha queste caratteristiche e non considerano nemmeno troppo il surriscaldamento estivo perché non ci sono vincoli normativi stringenti.
            Chiaramente la soluzione con EPS costa meno
            FTV: 16x JA SOLAR JAM60S20-385/MR (1,54kW EST + 4,62kW SUD = 6,16kW) + Solaredge SE6000H + 1x LG Chem RESU 16H PRIME

            Commenta


            • X Buros, non ti rispondo da tecnico ma da utente finale. In pratica non hai menzionato ne la regione ne la zona climatica. Ti posso dire la mia esperienza, vivo in Sicilia in zona climatica C, abitazione coibentata con lana di roccia. La mansarda è coibentata con 10cm di lana di roccia e 3 cm di polistirene estruso con tetto a doppia ventilazione. Le strutture verticali invece con 6 cm di lana di roccia e parete ventilata, superfluo evidenziare gli infissi che sono in legno certificati. Bene, per un decennio non abbiamo avuto la necessità della climatizzazione estiva se non in cucina per i diversi carichi termici del piano cottura, forno, frigorifero. In cucina è già sufficiente il 7000btu. Naturalmente evitiamo di usare il forno in piena estate. Nelle piano superiore ovvero la zona notte non abbiamo avuto necessità di climatizzare, mentre negli ultimi 3 anni si. Quest'anno che abbiamo avuto picchi di oltre 40 gradi e di notte la temperatura non scendeva sotto i 38 gradi, la climatizzazione nelle camere è stata necessaria. Nonostante lo sfasamento termico ottimizzato con l'uso della lana di roccia, prima o poi il caldo entra in casa. È solo questione di tempo. Mentre nei precedenti anni si superava il caldo perché di notte si abbassavano le temperature e quindi con i serramenti aperti raffrescavamo gli ambienti, con le temperature estive di oggi, la climatizzazione è indispensabile.

              Commenta


              • Per esperienza….
                Villetta a schiera su piano in zona E con poroton più eps grafite da 10 cm finitura silossanico.
                in inverno ok tutta la vita…
                D’estate non ho trovato differenza forse appena appena…. quando e’ caldo è caldo…mi salvo un po’ se tengo tutto il giorno le imposte chiuse ma niente di che, poi apro alla sera per far circolare aria che tanto è calda, quindi vai pur di clima
                FV 2,925 kw - 13 pannelli schott solar poly 225w- power one 3.0 outd dal 15-10-11 orientamento sud-est

                Commenta


                • Beh, se fai il 110 oltre al isolamento puoi inserire anche del FV per cui in estate il fresco "vien via gratis"
                  Domotica: schemi e collegamenti
                  e-book Domotica come fare per... guida rapida

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da jero66 Visualizza il messaggio
                    X Buros, non ti rispondo da tecnico ma da utente finale. In pratica non hai menzionato ne la regione ne la zona climatica.
                    Regione Lombardia, alta pianura tra Milano e Como, guardando una cartina trovata in rete dovrei essere in zona climatica E.

                    A me non dispiacerebbe il cappotto (ripeto, sempre che il condominio non faccia storie, perchè non è in progetto di cappottare tutto il complesso, ma solo la mia villetta), però mi roderebbe un pò l'aver appena speso 4000 euro dopo che erano anni che ci dicevamo "climatizzatori si, climatizzatori no, facciamo, non facciamo ecc...", quest'anno ci siamo decisi ad installare l'AC e mò mio papà vuole fare il cappotto che, stante il nostro utilizzo della climatizzazione, annullerebbe l'installazione dei climatizzatori perchè, come detto precedentemente, tutto sommato noi si sta bene anche fino ai 27.5/28 gradi interni, i giorni che raggiungiamo/superiamo i 29 e che richiederebbero il raffrescamento non sono moltissimi, nel momento che l'eventuale cappotto mi farebbe perdere anche solo un grado medio o ritardare il raggiungimento dei 29° interni di qualche giorno, significherebbe non superare quasi mai i 28 gradi, che per le nostre abitudini vorrebbe dire "tanti saluti climatizzatori"

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Lupino Visualizza il messaggio
                      Beh, se fai il 110 oltre al isolamento puoi inserire anche del FV per cui in estate il fresco "vien via gratis"
                      Il fotovoltaico è una cosa che mi ha sempre affascinato come concezione, ma a dire il vero non mi sono mai veramente interessato di informarmi...

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Buros Visualizza il messaggio

                        Regione Lombardia, alta pianura tra Milano e Como, guardando una cartina trovata in rete dovrei essere in zona climatica E.

                        A me non dispiacerebbe il cappotto (ripeto, sempre che il condominio non faccia storie, perchè non è in progetto di cappottare tutto il complesso, ma solo la mia villetta), però mi roderebbe un pò l'aver appena speso 4000 euro dopo che erano anni che ci dicevamo "climatizzatori si, climatizzatori no, facciamo, non facciamo ecc...", quest'anno ci siamo decisi ad installare l'AC e mò mio papà vuole fare il cappotto che, stante il nostro utilizzo della climatizzazione, annullerebbe l'installazione dei climatizzatori perchè, come detto precedentemente, tutto sommato noi si sta bene anche fino ai 27.5/28 gradi interni, i giorni che raggiungiamo/superiamo i 29 e che richiederebbero il raffrescamento non sono moltissimi, nel momento che l'eventuale cappotto mi farebbe perdere anche solo un grado medio o ritardare il raggiungimento dei 29° interni di qualche giorno, significherebbe non superare quasi mai i 28 gradi, che per le nostre abitudini vorrebbe dire "tanti saluti climatizzatori"

                        "più involucro e meno impianti"... avreste dovuto fare prima il cappotto e poi vedere se serviva anche il climatizzatore
                        Vai tranquillo che il cappotto è un ottimo investimento. Non so con cosa usi per scaldarti ma se hai una caldaia avendo il cappotto è facile che nelle mezze stagioni sia sufficiente usare i climatizzatori in modalità riscaldamento così da risparmiare. Con il riscaldamento globale e la tropicalizzazione del nostro clima, saraà difficile in futuro vedere inverni molto rigidi ma le estati saranno sempre più torride
                        FTV: 16x JA SOLAR JAM60S20-385/MR (1,54kW EST + 4,62kW SUD = 6,16kW) + Solaredge SE6000H + 1x LG Chem RESU 16H PRIME

                        Commenta


                        • Vorrei condividere con voi una mia particolare riflessione. Da circa un anno, sto cercando la quadra per accedere al 110%, in modo da avere un aiuto per effettuare una profonda ristrutturazione di un’abitazione fine anni ‘70. Gli interventi principali sarebbero sostituzione serramenti ed installazione cappotto esterno da 14 cm.
                          Negli ultimi mesi, tra corsa al 110% e scarsità dei materiali, i preventivi dei cappotti che mi sono stati fatti sono aumentati, mediamente, di 1,5 volte. Di conseguenza, il cappotto termico è diventato, secondo i miei calcoli, assolutamente antieconomico per me, nonostante il 110% dia una buona mano. Infatti, come scritto nell’altro post, sto l ripiegando sull’insufflaggio, anche a costo di rinunciare al 110%, perché credo che sia più conveniente.
                          chiaramente, le mie conclusioni sono frutto anche della mia situazione peculiare (metratura di cappotto termico, disponibilità di insufflatori nella zona eccetera), ma mi chiedevo se a qualcuno di voi fosse balenata in testa una conclusione simile alla mia. Tutti mi consigliano di insistere e cercare di realizzare il cappotto, ma io lo vedo come una spesa assolutamente irrazionale, perché sarebbe recuperabile solo in tantissimi anni. Mi conviene, secondo me, spendere qualcosa in più in riscaldamento, ma non arriverò mai a spendere quanto occorrerebbe per un cappotto termico con le quotazioni attuali.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da axoduss Visualizza il messaggio
                            Il doppio, quindi 2cm di aerogel equivalgono a 4cm di EPS.
                            A me dovrebbero metterlo nel loggiato perché 14cm di EPS non ci stanno quindi con aerogel bastano 7cm
                            Ciao, hai poi realizzato il lavoro?
                            Come ti sembrano questi materiali?

                            Commenta


                            • Aerogel e' il meglio per isolare, poco spessore tanta resa. Ma devi avere massa, lui non ne ha. Se non hai massa non avrai abbastanza sfasamento. Quindi lato estivo hai poco da rallegrarti.
                              [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da fizz Visualizza il messaggio
                                Vorrei condividere con voi una mia particolare riflessione. Da circa un anno, sto cercando la quadra per accedere al 110%, in modo da avere un aiuto per effettuare una profonda ristrutturazione di un’abitazione fine anni ‘70. Gli interventi principali sarebbero sostituzione serramenti ed installazione cappotto esterno da 14 cm.
                                Negli ultimi mesi, tra corsa al 110% e scarsità dei materiali, i preventivi dei cappotti che mi sono stati fatti sono aumentati, mediamente, di 1,5 volte. Di conseguenza, il cappotto termico è diventato, secondo i miei calcoli, assolutamente antieconomico per me, nonostante il 110% dia una buona mano. Infatti, come scritto nell’altro post, sto l ripiegando sull’insufflaggio, anche a costo di rinunciare al 110%, perché credo che sia più conveniente.
                                chiaramente, le mie conclusioni sono frutto anche della mia situazione peculiare (metratura di cappotto termico, disponibilità di insufflatori nella zona eccetera), ma mi chiedevo se a qualcuno di voi fosse balenata in testa una conclusione simile alla mia. Tutti mi consigliano di insistere e cercare di realizzare il cappotto, ma io lo vedo come una spesa assolutamente irrazionale, perché sarebbe recuperabile solo in tantissimi anni. Mi conviene, secondo me, spendere qualcosa in più in riscaldamento, ma non arriverò mai a spendere quanto occorrerebbe per un cappotto termico con le quotazioni attuali.
                                Lavorando nell'edilizia ti confermo che i prezzi sono alle stelle. Aspetta la fine dell'anno prossimo, se non hai urgenza, torneranno i prezzi di fine 2020. Il cappotto si ripaga sempre.

                                Commenta


                                • Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
                                  Aerogel e' il meglio per isolare, poco spessore tanta resa. Ma devi avere massa, lui non ne ha. Se non hai massa non avrai abbastanza sfasamento. Quindi lato estivo hai poco da rallegrarti.
                                  Ok, quindi se usi Aerogel come funziona per il caldo estivo?
                                  Cioè, ne devi mettere una quantità esagerata per avere qualche risultato?

                                  Commenta


                                  • Originariamente inviato da JacksonT Visualizza il messaggio

                                    Ok, quindi se usi Aerogel come funziona per il caldo estivo?
                                    Cioè, ne devi mettere una quantità esagerata per avere qualche risultato?
                                    Non hai massa, se hai una struttura leggera, (a titolo di esempio legno o forati etc etc) devi aumentare la massa per il caldo. In caso di materiali leggeri, la soluzione piu' idonea, a mio avviso e' la fibra di legno. D'altro canto la fibra di legno non ha, a parita' di spessore le eccezionali caretteristiche isolanti di aerogel. In sintesi, ogni materiale va bene, dal polistirene ad aerogel e passando per le varie fibre. Si deve scegliere quello che si adatta alla nostra situazione. Se io ho una stuttura in muratura pesante, posso serenamente usare coibentanti leggeri, polistirene ad esempio. In alternativa aerogel (o materiali simili) se dovessi mantenere spessori piu' bassi. Se al contrario non ho massa nella struttura, per avere un buono sfasamento dovro' optare per materiali di "peso", che aggiungano massa insomma.
                                    [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                    Commenta


                                    • Funziona che se non hai massa il caldo ti entra in casa e devi accendere il climatizzatore. Non è che l’EPS sia diverso da questo punto di vista
                                      FTV: 16x JA SOLAR JAM60S20-385/MR (1,54kW EST + 4,62kW SUD = 6,16kW) + Solaredge SE6000H + 1x LG Chem RESU 16H PRIME

                                      Commenta


                                      • qualcuno mi sa dire quali sono i prezzi dell'aerogel da prezziario DEI ?
                                        ...

                                        Commenta


                                        • Mi confermate che per avere il 50% di detrazione fiscale per la coibentazione del sottotetto occorre comunque l'asseverazione di un tecnico?
                                          FTV: 16x JA SOLAR JAM60S20-385/MR (1,54kW EST + 4,62kW SUD = 6,16kW) + Solaredge SE6000H + 1x LG Chem RESU 16H PRIME

                                          Commenta


                                          • Si, serve asseverazione per questi lavori, anche con le detrazioni 50/65.
                                            [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                            Commenta


                                            • Ciao a tutti
                                              sono in fase di ristrutturazione per cui è da un po' che leggo il forum.

                                              la casa è del 90 ed abbiamo fatto una ristrutturazione interna ed ora vorremmo usufruire del 110 (non semplice): capotto + infissi nuovi

                                              Durante i lavori su alcune pareti esterne ci siamo accorti che l'intercapedine è stata riempita con del polistirolo (direi lastre con circa 3 cm di spessore). Che impatto può avere questa scoperta sulla realizzazione del cappotto? Posso creare problemi isolando esternamente una parete che ha già un isolamento (seppur piccolo) interno?

                                              Grazie

                                              Villetta bifamiliare
                                              Libera su tre lati (nord ovest sud)
                                              Pianura padana

                                              Commenta


                                              • Nessuna, lascialo li e non ci pensare, fai conto non ci sia. D'altronde, sempre di isolamento si parla. Piu' isoli meglio e'.
                                                Ultima modifica di fedonis; 08-01-2022, 11:48.
                                                [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                                Commenta


                                                • Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
                                                  Nessuna, lascialo li e non ci pensare, fai conto non ci sia. D'altronde, sempre di isolamento si parla. Piu' isoli meglio e'.
                                                  Grazie mille La paura era quella di creare una "camera" malsana per il muro perimetrale

                                                  Commenta


                                                  • Ma tranquillo...
                                                    [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                                    Commenta


                                                    • Cavo ENEL aereo ed in facciata: di solito come si fa ad applicare il cappotto quando c'è questo impedimento?
                                                      Io ho chiamato e-distribuzione per lo spostamento impianto e settimana prossima verranno a fare un sopralluogo, ma mi hanno anticipato per telefono che se voglio far interrare la linea aerea devo pagare io il lavoro (cosa che non mi risulta corretta viste le innumerevoli sentenze basate sul articolo 122 del Regio Decreto 1775 del 1933)
                                                      FTV: 16x JA SOLAR JAM60S20-385/MR (1,54kW EST + 4,62kW SUD = 6,16kW) + Solaredge SE6000H + 1x LG Chem RESU 16H PRIME

                                                      Commenta


                                                      • Buona sera, sto comprando una casa con mattone faccia a vista su parte della stessa.
                                                        Mi chiedo come si possa fare alla stessa il capotto e se è possibile farlo.

                                                        Commenta


                                                        • Se casa indipendente non c'è nessun problema a fare il cappotto su un faccia vista.

                                                          Polie
                                                          Tetto Camera da letto e bagno 0,1 W/m²K, Tetto Salone 0,2 W/m²K, Pareti perimetrali 0,17 W/m²K, Infissi 1 W/m²K. Pareti e soffitto interno rivestiti con 2 cm d argilla. GG 1582. Riscaldamento e raffrescamento Daikin Stylish 9000 Btu.

                                                          Commenta


                                                          • Originariamente inviato da polie Visualizza il messaggio
                                                            Se casa indipendente non c'è nessun problema a fare il cappotto su un faccia vista.

                                                            Polie
                                                            Grazie, si la casa è indipendente (singola), immagino che si debba rasare il faccia a vista per pareggiare le fughe dei mattoni per portare tutto a pari (magari coprendo anche i mattoni) e poi procedere con la posa dei pannelli.

                                                            Commenta


                                                            • Originariamente inviato da axoduss Visualizza il messaggio
                                                              ... mi hanno anticipato per telefono che se voglio far interrare la linea aerea devo pagare io il lavoro...
                                                              Giusto come esempio un po' datato (25 anni fa), ho ristrutturato le facciate di casa mia, predisponendo il passaggio delle linee elettrica e telefonica, mie e dei miei vicini, all'interno dei cordoli dei cornicioni del tetto, rimuovendole dal passaggio a vista sulle stesse facciate.

                                                              Ho pagato io entrambe i lavori di predisposizione, ma lo stacco delle linee, il passaggio attraverso le canaline predisposte e il riallaccio di tutte le utenze è stato fatto a carico degli operatori dell'ENEL e della Telecom di allora.

                                                              Solo con Telecom ho dovuto tribolare parecchio, ma solo per il fatto che il cavo serviva utenze private, pur avendo la dimensione di utenze industriali/commerciali (per via della distanza dalla centralina e del numero delle utenze allacciate). Si rimbalzavano la competenza tra la squadra che si occupava delle utenze private e quella delle utenze industriali (non escludo che possa essere stato anche un problema di attrezzatura e/o di abilitazioni). Ho risolto solo dopo avere contattato il direttore di area nord-ovest nazionale, dopo mesi di scaricabarile: il giorno dopo la mia telefonata al dirigente, mi hanno richiamato e in meno di una settimana avevano provveduto.

                                                              Riassumendo: è vero che non ho pagato per il lavoro di stacco e riallaccio, ma tutto il resto l'ho dovuto pagare io.

                                                              Qualcosa di simile lo ha fatto anche il mio vicino circa 10 anni fa, ma con meno successo: ha voluto interrare anche il cavo telefonico che arriva a casa mia dalla centralina, passando al confine tra le nostre due proprietà. Ha predisposto il tutto a sue spese, ma a tutt'oggi non hanno provveduto allo stacco e al riallaccio. Dubito che lo faranno mai, perché nel frattempo molti di noi abbiamo optato per linea e connessione WiMax, o Satellitare.

                                                              La cosa non è in tema con il risparmio energetico, ma ho voluto risponderti per incoraggiarti a provvedere all'isolamento termico della tua casa, pur dovendo predisporre l'occultamento della linea elettrica, non necessariamente in terra, perché non si tratta di un costo esagerato e merita farlo, almeno dal punto di vista estetico. Ti consiglio solo di seguire la cosa e non demordere se non provvedono allo stacco e al riallaccio nei tempi concordati. Fatti sentire, a costo di smuovere i loro dirigenti, come avevo fatto io.

                                                              ••••••••••••

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X