Cappotto termico, idea e consigli + VMC - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cappotto termico, idea e consigli + VMC

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Cappotto termico, idea e consigli + VMC

    Ciao ragazzi,
    è la prima volta che scrivo qui anche se tecnicamente ignorante cerco di seguirvi, interessato al risparmio energetico.
    Volevo chiedervi un consiglio, considerato che sarei intenzionato a ristrutturare casa mia, una villetta singola di 2 piani degli anni 90.
    Vorrei fare un cappotto esterno in fibra di legno di 16 cm ma considerato il costo ho avuto un'idea e chiedo a voi.
    Considerato che abitiamo praticamente solo al secondo piano e il piano terra è usato come magazzino, stavo pensando di coibentare i primi 3 metri con dell'EPS con grafite e i successivi 3 metri con dei pannelli in fibra di legno. Questa è la mia idea da non addetto ai lavori, ditemi voi se è possibile o è una sciocchezza .
    Coibenterei anche il solaio non abitabile con della fibra di legno.
    Accostare 2 materiali così diversi mi sembra una pazzia ma magari è possibile . Io abitando al nord sono in zona E.

    Oltre a questo vorrei carotare i muri di ogni stanza e inserire recuperatori di calore singoli. Ho visto che un'azienda produce recuperatori di calore singoli che però hanno un'uscita per un'altra stanza e quindi diventerebbero doppi. Non pubblicizzo la casa per non fare pubblicità.

    fatemi sapere e vi ringrazio già da adesso per le risposte e l'aiuto .

  • #2
    bah...se hai porblemi di budget, io non avrei patemi a fare tutto con eps..vedrai che anche il risultato estivo sarà eccellente.
    Per quanta massa aggiuntiva puo darti un cappotto in legno, rispertto alla massa che hai gia con la muratura, cosa vuoi mai che ti dia in più?

    Piuttosto, se piano terra è usato come magazzino NON riscaldato, e non sarà mai abitato o scaldato, potresti limitarti a fare cappotto per circa 1 metro sotto livello pavimento primo piano..e poi coibenti il soffitto del magazzino..avendo un locale non riscaldato ma chiuso, ti serve una coibentazione minore rispetto a fare cappotto...e parallelamente risparmi metri quadri di facciata ...e la resa nel pinao scaldato è migliore (altrimenti comuqnue scalderai un po il magazzeno a causa della dispersione del piano scaldato verso quello non scaldato)
    Se però un domani trasformi magazzino in abitazione, meglio fare gia tutto subito.

    Anche perche se magazzino non è scaldato, in teoria non potresti detrarre le spese del cappotto al 65% ma solo al 50%.

    Se solaio non è abitato, coibenta extradosso del solaio primo piano e non la falda..da come scrivi non mi è chiara la tua intenzione.
    Anche in questo caso se non è riscaldato, se coibenti la falda, avresti diritto solo al 50 e non al 65%
    Ultima modifica di marcober; 29-12-2016, 17:22.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Salve. Vi chiedo un consiglio. Abito a Livorno. Casa libera 4 lati piano terra. 30% con tetto piano coibentazione senza intercapedine muri costruzione piana in poroton, 30 cm. Altri muri 30 cm, nessuna coibentazione, mattoni normali. Tetto a falde sottotetto non abitabile non coibentato. Scarso isolamento dal terreno. Ottimi infissi. Tetto vecchio magari da sostituire con tetto leggero in legno..la costruzione non è il max e tetto ne risente strutturalmente. Casa misura 150 mq. Spebdo 2400€ all'anno di metano. Cosa mi consigliate? Fatto preventivo cappotto 12500€ 6 cm. Considerando detrazione 65%....che efficienza posso ottenere? Quanto gas posso risparmiare? Altre idee? Cappotto facile da mettere in mia proprietà....piano terra....grazie.

      Commenta


      • #4
        6 cm ad occhio mi sembra poco per ottenre detrazione 65% , ma chi lo ha proposta avra fatto i conti...
        Oltre a cappotto pareti, di certo devi coibentare tetto...sia la parte piana (potresti isolare sopra impermeabilizzazione)..che la parte con solaio (li basta mettere rotoli di lana roccia incrociati sul pavimento soffitta)

        Se coibenti tetto e fai adeguato cappotto, non è impossibile dimezzare la spesa metano.
        Se 12500 è la spesa lorda..metti di spendere 2000 per coibentare anche tetto (alla buona, senza rifarlo)..rischi di rientrare spesa in 4 anni..che per un cappotto è davvero poco.
        Se lo fai, io fare piu di 6 cm..magari 10..non è che spendi molto di piu..ma gia che lo fai, fai una cosa che sia performante.
        La spesa ceh hai come preventivo è davvero bassa..si vede che è davvero un lavoretto facile facile...

        S elo fai avrai anche elevato miglioramento dea confort abitativo (i muri saranno notevolmente piu caldi..potrai tenere i termi molto piu freddi)..e anche in estate patirai meno il caldo, specie nella stanza dove hai tetto piano.

        Dopo un inverno, in base a come funziona impinato riscaldamento, potrai anche pensare ad ulteriori passi che portano quasi ad azzerare la spesa riscaldamento, e cioè fv+pompa calore (il clima di Livorno ti avvantaggia in questo..mai sottozero..mai nebbia)
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          Grazie della celere risposta. Si 10 cm meglio. Un'altra domanda: per ottenere il 65% della detrazione cosa devo fare? Avevo letto che l'intervento deve avere una resatale da far rientrare la mia casa nella classe energetica prescritta per le nuove costruzioni nella mia zona, qualciuno mi disse che non ci sarei rientrato...che ne dite? Non so quale sia la classe energetica prescritta per la mia zona....questo lato della questione mi è oscuro, non vorrei spendere e poi non avere la detrazione.Vi posto di seguito il preventivo, che è del 2011 Grazie.
          OGGETTO : preventivoper realizzazione di isolamento a cappotto spessore
          Cm6 marca weber


          Specifica materialie manodopera




          1-Incollaggioe successiva rasatura di pannelli isolanti per sistemi “a cappotto”dotati di certificazione ETA mediante prodotto premiscelato inpolvere monocomponente di colore grigio, da impastare con sola acqua,weber.thermAP50 system diWeber,costituito da cemento, resine sintetiche, inerti selezionati eadditivi specifici, da applicare manualmente, con un consumo medio di2÷3 kg/mq per l’incollaggio e di 3÷4 kg/mq per la realizzazionedello strato di armatura.


          2-Ancoraggio meccanico dipannelli isolanti in EPS in sistemi di isolamento “a cappotto”mediante tasselli adespansione in PVC con chiodo in PVC weber.thermTA1 idonei a supporti compattie resistenti come mattoni pieni, pietre naturali e calcestruzzo.


          3-Protezionee decorazione di superfici murarie interne ed esterne di nuove evecchie costruzioni con pittura
          coloratasilossanica weber.cote action Ldi Weber,da diluire con sola acqua pulita, in grado di resistere
          all’azionedi microorganismi e costituita da resine siliconiche ed acriliche,cariche micronizzate, pigmenti stabili agli U.V. e additivispecifici. Tale pittura, avente Sd?0,1m e ??300,è compatibile con intonaci deumidificanti e viene applicata apennello o rullo di lana in due passate, con consumo medio di 0,270lt/mq , su superfici preventivamente trattate con primer silossanicoweber.prim RC14 diWeber


          il tutto sopra indicato si intendecomprensivo di tutto l’occorrente per dare l’opera finita
          ponti di servizio e attrezzaturenecessarie .


          il tutto stimato in mq 180 al mq =€. 45.00 tot.€. 8100.00










          isolamento termicodi struttura piana con sistema index thermobase


          1- forniturae posa in opera di sistema index termobase spess 10 termosaldato suigiunti
          Comprensivodi tutti i materiali necessari per dare l’opera finita
          Per mq70 al mq/ €. 35.00 = €. 2450.00


          2-forniturae posa in opera di canala di gronda in rame sviluppo cm 40
          sui trelati del fabbricato a tetto piano Per ml 30 compreso di n°3discendenti
          a corpo = €. 1600.00




          totale complessivoescluso iva = €. 12150.00 +iva


          n.b: le misure saranno verificate afine lavori

          Commenta


          • #6
            Non devi rientrare in una classe obiettivo relativa alla CASA nel suo insieme, MA la parete che tratti deve arrivare alla coibentazione di tabella...per,quello che dicevo di farlo magari più spesso...però siccome devi farti una pratica Enea un professionista, ascolta me...intanto trovalo, digli di fare sopralluogo dello stato eistente...dagli capitolato e schede tecniche ..e digli di confermarti per iscritto che facendo Quel lavoro specifico lui ti conferma che rientri...è solo,dopo firma e dai il via. Anche il professionista si detrae...spendi i migliori 250 euro che puoi spendere....perché se sbagli questa fase, sei fritto.
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              Buongiorno Marcober e grazie per la risposta.
              L'intenzione è coibentare estradosso del solaio e non la falda.
              Lo chiamo magazzino ma sono stanze abitabili e anche riscaldate. Il problema non è il budget ma volevo risparmiare qualcosa e volevo usare per le zone della casa non abitate eps con grafite, perché meno traspiranti e naturali della fibra di legno che vorrei usare per il primo piano. Certo che leggendo meglio qualche listino prezzi ho notato che risparmierei solo qualche migliaia di euro e quindi non so se conviene, calcolando poi che il tutto sarebbe detratto al 65%.
              Per migliorare poi l'areazione volevo usare le vmc singole come desritto ma volevo un parere da voi se era meglio predisporre tutta casa con un'impianto e se costa anche di più. Oltre a questo, pensavo anche di ventilare il solaio che nel post precedente non avevo detto. Volevo ventilarlo per non creare muffe o umidità ma non so se conviene.

              Commenta


              • #8
                Alcuni flash

                1) materiale "che traspira". Ti sei mai chiesto quanto vapor acqua di u locale interno passa attraveros una parete e poi esce all'esterno in quel modo, e quanto invece esce attraverso nornale ventilazione o VMC? se lo facessi, scopriresti che tutte ste menate su materiali traspiranti sono inutili...il vapor acqua che riesce ad attraversare una parete è minimo e non crea alcun problema sia che tu usi EPS o legno..per cui se vuoi risaprmiare u po, vai tranquillo con eps...il "plus" dela grafite, in termini di performance, mi pare abbastanza trascurabile, di certo costa meno aggiungere magari 1 cm su eps standard che farlo 1 cm meno ed usare grafite.
                Qualche migliaia di euro, non è che siano po pochi, eh..

                2) Areazione..le VMC puntuali, stanza per stanza, monoitubo, secondo me è una spesa inutile..perche sia quando aspirano che qiando immettono, non avendo un corrispondente foro dove pescare e buttare, di fatto riescon a scambiare ben poco..e s elo fanno, lo fanno s scapito di fessure su serramenti e scatolette elettriche, e quindi di fatto SENZA recuperare energia.
                per cui se lo fai, devi farlo con DUE macchine abbinate...sono gia predisposte in quel modo, e cioè lavorano in coppia..quando una soffia, l'altra aspira e poi dopo 2-3 minuti si alternano. In tal modo si crea davvero un flusso che entra e uno che esce, ed entrambi gli scambiatori dele due macchine recuperano energia termica.
                Puoi mettere 2 macchine per ogni stanza, oppure lasciando porte aperte oppure creando griglie di comunicazione, abbinare due o piu stanze.

                Ad esempio..in cucina meglio avere 2 macchine, cosi odori di cucina non vanno in giro...idem nel bagno grande (oppure in bagno puoi mettere un semplice estrattore senza recupero da accendere al bisogno). Nele altre stanze, ne metti uno e lo colleghi "in coppia" con seconda macchina in camera comunicante.
                In alternativa, se hai corridoio centrale controsoffittabile, puoi fare un impinatino centralizzato semplificato...in cui ad esempio aspiri in bagni , cucina e disimpegno... e immetti fresca nelle altre camere. questo è di certo piu efficinete...anche se potrebe costare qualche cosa in piu, ma io risparmierei su cappotto e spenderei su VMC ben fatta.
                Dal controsoffitto poi vai in solaio , dove piazzi la macchina, e da li vai all'esterno per pescare e buttare.

                Per il solaio..se non è vissuto, in inverno non puo fare muffe..mentre in estate, se diventa trppo caldo per cui poi tende a far scaldare intera casa, potresti prevedere un semplice sistema di ventilazione..da un lato del tetto metti 2 estrattori con serranda e dall'altro lato due analoghi ma in immissione..li colleghi ad un termostato differenziale..e metti 2 sonde, una esterna e una interna..e fai partire sistema ogni volta che la T esterna è inferiore a quella interna di 3 gradi (metti poi interruttore in casa in modo che lo fai funzionare solo in estate). se dovessi notare formazione di muffa, allora lo metti sotto orologia oe lo fai andare 2 ore nelle ore centrali della giornata, salvo i 3 mesi piu freddi (io l'ho fatto in un cantinotto senza finestre che aveva umidita di risalita e ho risolto)
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  Marcober, sei una fonte di informazioni formidabile. Hai distrutto i miei progetti con le tue parole e..... a fin di bene. Grazie.

                  Ti chiedo quindi, anche in privato se conosci aziende che forniscano codesti materiali, magari da riuscire a risparmiare qualcosa. Specialemnte per un impianto VMC, il corridoio ce l'ho....

                  Oltre a questo, ho un problemino di umidità di risalita, riesci a consigliarmi qualcosa in merito, tipo barriere chimiche.

                  Un'ultimo sforzo amico nel sopportarmi...heheheh....grazie ancora.

                  Commenta


                  • #10
                    Per umidità risalita, hai la cantina? Lo hai solo nei muri periferici o anche nei muri portanti non periferici?

                    produttori di materiali per vmc ne trovi quanti ne vuoi..però meglio che inizi nel trovare un installatore di zona che li conosce bene e che ti porta a vedere un impianto già fatto da lui...
                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                    Commenta


                    • #11
                      Marcober, non ho cantina. Il piano terra è a livello giardino.

                      Commenta


                      • #12
                        in tal caso...per risolvere umidita ruisalita..o si tagliano i muri a livello del pavimento e si inserisce guaina..tanto a Venezia non penso sia sismisca...oppure bisogna affidarsi a ditte che fano trattamenti con iniezione di resine..magari a venezia visto che è su una laguna, ci sono professionisti validi...
                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                        Commenta


                        • #13
                          Si, stavo pensando anche io alle resine.... dovrò controllare.
                          Grazie dei consigli caro e Buon Anno.

                          Commenta

                          Attendi un attimo...
                          X