annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Allegriaaa

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio
    Perche il "salto di qualita" in Italia non lo hanno fatto i 40/50enni, perche quando stavi nascendo io mi facevo un mazzo COSI, ma quelli prima che hanno rigirato sottosopra il Paese
    E mi sa che l'hanno rigirato male sto paese.
    o mi stai dicendo che il paese lo hanno rovinato i 40-50 enni di adesso???
    giusto per capire ...

    Commenta


    • Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio



      Molto presto imparerai anche a coltivare cio che ti serve......................... come in Grecia, quasi tutti hanno il "poderino" da coltivare
      Anche perche non sono molti quelli che lavorano 8 ore, il lavoro non ci sta
      Certo, ho idea della situazione. I cetrioli pero' han bisogno di acqua.
      [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

      Commenta


      • Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio

        Ora divago: Non sono un economista, dico solo che recriminare su cio' che e' stato, probabilmente non porta lontano.
        Il problema non è recriminare.
        giusto che quando c'e' un problema è poco utile trovare il colpevole o la cosa che non ha funzionato. Quindi giusto rabboccarsi le maniche e gestire la problematica.

        Ma io trovo che in italia non si provi mai a capire quello che non ha funzionato.
        Se uno non prova a capire cosa ci ha portato in questa situazione, si troverà sempre nella situazione di "50 volte il primo bacio"

        Commenta


        • Originariamente inviato da matador0975 Visualizza il messaggio

          Il problema non è recriminare.
          giusto che quando c'e' un problema è poco utile trovare il colpevole o la cosa che non ha funzionato. Quindi giusto rabboccarsi le maniche e gestire la problematica.

          Ma io trovo che in italia non si provi mai a capire quello che non ha funzionato.
          Se uno non prova a capire cosa ci ha portato in questa situazione, si troverà sempre nella situazione di "50 volte il primo bacio"
          Vero, hai ragione. Da noi ne troverai mille di primi baci. E poi sempre pronti a ricominciare. Altri primi mille baci. Se mi chiedi il motivo per il quale siamo cosi, non saprei. Forse e' vero che i paesi mediterranei sono i piu' portati al compromesso e alla corruzione rispetto al nord europa. I fatti li abbiamo sotto gli occhi. I rimedi no.
          [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

          Commenta


          • Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio

            I cetrioli pero' han bisogno di acqua.
            Io aspetto che piove......................................
            Nel frattempo consumo sottaceti

            E cosi faranno i miei figli e nipoti.......................
            Facile
            Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
            Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
            Utente EA dal 2009

            Commenta


            • Originariamente inviato da matador0975 Visualizza il messaggio
              che il paese lo hanno rovinato i 40-50 enni di adesso???
              giusto per capire ...
              Chi ha 40/50 anni sono gia 20/30 anni che è "capace di intendere e volere" non puo dare tutte le colpe agli altri, si comporta cosi da "classico Italiano"
              A quel punto puo anche tacere, se in 20/30 anni non ha capito dove sta l'errore oppure se ne frega come fa la grande maggioranza
              Se ha la soluzione, che dubito, vada in parlamento e la propone, ancora crediamo di essere in Democrazia e si potrebbe fare


              Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
              Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
              Utente EA dal 2009

              Commenta


              • Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio

                Chi ha 40/50 anni sono gia 20/30 anni che è "capace di intendere e volere" non puo dare tutte le colpe agli altri, si comporta cosi da "classico Italiano"
                A quel punto puo anche tacere, se in 20/30 anni non ha capito dove sta l'errore oppure se ne frega come fa la grande maggioranza
                Se ha la soluzione, che dubito, vada in parlamento e la propone, ancora crediamo di essere in Democrazia e si potrebbe fare
                Ma infatti chi da colpe agli altri????
                io ho solo detto che sarebbe bello una equita' generazionale ma dal tuo messaggio mi e' sembrato di capire che i bambini di adesso devono ringraziare chi li ha messi nella *****.
                ma è normale ... non mi sarei aspettato altro tipo di risposte.

                Poi hai scritto "Perche il "salto di qualita" in Italia non lo hanno fatto i 40/50enni, perche quando stavi nascendo io mi facevo un mazzo COSI, ma quelli prima che hanno rigirato sottosopra il Paese"

                E ho pensato che il problema dell'Italia fossero i 40-50enni.
                Ma dalla tua risposta forse volevi solo dire che non sono riusciti a raddrizzare le idiozie fatte dalla generazione precedente.
                e sono d'accordo con te.

                Commenta


                • Originariamente inviato da matador0975 Visualizza il messaggio


                  Ma dalla tua risposta forse volevi solo dire che non sono riusciti a raddrizzare le idiozie fatte dalla generazione precedente.
                  Si delle idiozie che funzionano da 50 anni e nessuno le cambia................
                  Azz. davvero forti e fatte bene come idiozie ................. gli idioti forse stanno da altre parte e sono pure molti secondo le previsioni meteo
                  Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                  Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                  Utente EA dal 2009

                  Commenta


                  • nll
                    nll ha scritto
                    Modifica di un commento
                    Nota di moderazione:

                    Capisco che un insulto è più rapido da usare, piuttosto che trovare delle motivazioni reali, ma un sano discorso esige il rispetto degli altri, anche di quelli che si vorrebbe criticare. Ci sono altri modi per esprimere liberamente le proprie idee, senza scadere nell'insulto. Moderiamo i termini. (Violazione art.1 del regolamento del forum)

                • Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio

                  Si delle idiozie che funzionano da 50 anni e nessuno le cambia................
                  Azz. davvero forti e fatte bene come idiozie .................
                  Pora nonna diceva :"tu la sai lunga ma non la sai raccontare"

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da matador0975 Visualizza il messaggio

                    Ma infatti chi da colpe agli altri????
                    io ho solo detto che sarebbe bello una equita' generazionale ma dal tuo messaggio mi e' sembrato di capire che i bambini di adesso devono ringraziare chi li ha messi nella *****.
                    ma è normale ... non mi sarei aspettato altro tipo di risposte.

                    Poi hai scritto "Perche il "salto di qualita" in Italia non lo hanno fatto i 40/50enni, perche quando stavi nascendo io mi facevo un mazzo COSI, ma quelli prima che hanno rigirato sottosopra il Paese"

                    E ho pensato che il problema dell'Italia fossero i 40-50enni.
                    Ma dalla tua risposta forse volevi solo dire che non sono riusciti a raddrizzare le idiozie fatte dalla generazione precedente.
                    e sono d'accordo con te.
                    Quando sono nato io,e poi cresciuto, c'era una situazione. Una sera, credo di avere avuto una decina di anni, eravamo con gente a casa. Parlavano forse di questioni simili. Dicevano che appena un italiano nasceva aveva di sua una ventina di milioni di lire di debito. Capisci che non e' cambiato assolutamente nulla? Quelli di domani ne avranno di piu. Per il semplice fatto che le generazioni precedenti avranno fatto debito. Che poi,di che debito parliamo? Di banche? Cosa producono? La produzione bancaria, a sostentamento umano, quale e'? nessuno...non puoi mangiare i soldi.
                    [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                    Commenta


                    • Signori qua la guerra in Ucraina sta degenerando in attacchi terroristici . Voglio vedere io ora i leader occidentali cosa diranno . Hanno ucciso una donna russa solo perché difendeva le idee russofile del padre . Siamo arrivati al capolinea ...attentati in stile mafioso o in stile ISIS o mediorientale ...

                      https://notizie.tiscali.it/esteri/ar...comandato/?chn

                      L'intelligence russa accusa, a uccidere Darya Dugina è stata una donna ucraina

                      E' stato inoltre accertato che la bomba sull'auto di Dugina è stata innescata a distanza. Era posizionata sotto la jeep era di 400 grammi di tritolo

                      Risolto il caso dell’omicidio di Darya Dugina, la figlia del filosofo e politologo russo Aleksandr Dugin morta in un attentato a Mosca. Lo annuncia in un comunicato l'Fsb - i servizi russi di intelligence. "Il crimine - si legge nella nota - è stato preparato e commesso dai servizi segreti ucraini. L'esecutrice è la cittadina ucraina Natalia Vovk, nata nel 1979, arrivata in Russia il 23 luglio insieme alla figlia Sofia Shaban e uscita dal Paese dalla regione Pskov, da dove ha raggiunto l'Estonia".
                      Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
                        Nulla si regge all'infinito. La mia sensazione e' che si sia agli sgoccioli. Cosa altro vuoi coltivare? Si inventano i lavori piu' assurdi per distribuire gli stipendi, non solo in Italia. Manca solo il progettista delle striscie pedonali..
                        In realtà in Grecia il periodo "lacrime e sangue" p stato superato da tempo. Il paese è in crescita e l'enorme debito è stato in parte consolidato al 50% e non è più un problema. Tanto che la UE ha sospeso anche la sorveglianza fiscale sul paese.
                        C'è semmai da segnalare che la botta di aumenti energetici e l'inflazione prodotta dagli amici di Putin sta creando gravissime ripercussion sui bilanci delle famiglie povere. Ripercussioni molto peggiori delle misure di austerità degli ultimi anni. Cosa che NON cancella le demenziali botte di taglio imposte dai falchi europei negli anni della paura del default. Prima che Draghi intervenisse a salvare non solo noi, ma tutti i paesi lasciati in grave pericolo dalla crisi del 2011.
                        Infatti, dopo il 2015 e le fibrillazioni tentate dalla sinistra massimalista e dalla destra greche e sfociate nel grottesco referendum poi di fatto sconfessato da Tsipras, la Grecia è stata di fatto stabilizzata. Verissimo che lo si è fatto con un crollo del 30% sulla spesa pubblica (grottescamente elevata dai furboni populisti che hanno falsificato i conti e sono i VERI reponsabili della crisi dei titoli greci) e con un generale abbassamento di stipendi e pensioni. Ma ricordiamo che in realtà lo stipendio netto medio non ha lo stesso peso in ogni paese e che gli stipendi greci non sono poi molto distanti dagli stipendi polacchi o rumeni!
                        In realtà nessuno può negare i forti sacrifici imposti alla Grecia. E senz'altro il primo intervento della Trojka e dei falchi era solo una miope e scellerata furbata che mirava solo a salvare gli interessi europei, specie tedeschi e a "punire" tutti i greci per le follie truffaldine di pochi.
                        Ma dopo il cambio di rotta imposto da Draghi io non sarei poi così certo che una rotta diversa avrebbe fornito risultati migliori!
                        Già lo sciagurato referendum di Tsipras se avesse portato a una vera uscita della Grecia da euro e UE non poteva che sfociare in un totale default, un blocco di tutto il mercato dei titoli e di fatto una botta economica da fame nelle strade per i greci.
                        Cosa che non fa che confermarmi che certe etichette date a Draghi dagli anti euro (di allora...) fossero molto sbagliate!

                        Trovo invece molto interessante la riflessione sui "lavori più assurdi". Perchè E' VERISSIMO! Stiamo assistendo a una moltiplicazione delle soluzioni più o meno "lavorative". Ma il problema resta che se il lavoro NON produce... NON esiste in realtà! E' solo un modo per dividere un'elemosina!
                        Possiamo concedere un RdC o sussidio a 100.000 persone. O assumerne a spese dello stato 10.000 e limitarci a dare 90.000 sussidi... ma alla fine altro non avremo che 100.000 posizioni parassitarie (detto solo con occhio al bilancio energetico/economico, non con intenti di denigrazione e tantomeno di insulto! Sia chiaro!) che bruciano ricchezza invece di produrla.
                        La produzione di ricchezza è data dalle aziende che o producono energia (sotto forma di energia elettrica, ma anche cibo, carburanti, beni di prima necessità) o la trasformano. Aziende che producono contenuti virtuali sono produttive se permettono o facilitano l'azione dei produttori (caso semplice... la sanità o l'istruzione!). Aziende che vengono create o tenute in vita a forza per garantire occupazione sono solo buchi energetici.
                        Oggi nel mondo occidentale e non solo in Italia (ma noi siamo come al solito più "avanzati" in ogni fesseria) c'è la corsa a inventare il lavoro! E la speranza che i soldi, gli investimenti, le regole più o meno rigide e furbe possano garantire che questo lavoro sia creato, mantenuto, difeso, ecc.
                        Anche stasera c'è l'immnacabile appello della sinisrta massimalista a eliminare il "lavoro precario".
                        Posso segnalare che trattasi di immane sciocchezza??
                        NESSUNO è in grado di dare la garanzia del "lavoro non precario"! La forma di lavoro che tutti ricercano e che si oppone al contratto temporaneo (universalmente definito come "precario") NON è il contratto a tempo indeterminato! E' un contratto che, semplicemente, NON ESISTE!!
                        Il contratto a tempo indeterminato ha la sua spiegazione nel NOME! Non è un "contratto a vita"! Ma si estende senza un tempo determinato e quindi, paradossalmente, da MENO garanzie del conrtatto a tempo determinato (che obbliga l'azienda a rispettare quel termine!). PUO' essere interrotto in qualsiasi momento!
                        Certo, in Italia una deformazione sindacale-giudiziaria-ideologica ha cercato in ogni modo di trasformarlo in una specie di "trappola per datori ingenui" inventando ogni genere di ostacolo alla temutissima fase del "licenziamento" ed illudendosi così di garantire al dipendente una stabilità che ci si augurava a vita.
                        Però questa stabilità NON c'è più. Da tempo. Se l'azienda ha problemi... licenzia. Chiude. Delocalizza. E nessun giudice "amico" cambierà questa situazione!

                        Occorre quindi capire che per avere lavoro e crescita SERVE PRODURRE!
                        Le FER hanno un enorme vantaggio, che solo ora comincia a essere capito! Permettono una partecipazione DIFFUSA alla produzione!
                        Una centrale elettrica a gas produce ricchezza impegnando 30 persone e garantendo lauti guadagni a pochi o anche un solo investitore!
                        Un campo fotovoltaico potrebbe essere gestito a livello locale da decine di nuclei famigliari, garantendo la stessa produzione ( i costi sono ormai molto simili, o sbaglio?) ma con utili distribuiti in modo molto più capillare.
                        L'agrienergia è un campo che potrebbe da un lato garantire a molti un reddito collaterale a una tradizionale attività di tipo agricolo. Ora molto a rischio e costretta in scelte non ecologiche, innaturali, industrializzate per avere un minimo di competitività!
                        Le crisi non producono solo danni. L'enorme spinta allo smartworking non ci sarebbe stata senza la pandemia. Ed è stato senz'altro un bene.
                        Magari anche questo autunno da tragedia greca potrà rivelarsi alla fine foriero di buone notizie... chissà!




                        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio

                          Quando sono nato io,e poi cresciuto, c'era una situazione. Una sera, credo di avere avuto una decina di anni, eravamo con gente a casa. Parlavano forse di questioni simili. Dicevano che appena un italiano nasceva aveva di sua una ventina di milioni di lire di debito. Capisci che non e' cambiato assolutamente nulla? Quelli di domani ne avranno di piu. Per il semplice fatto che le generazioni precedenti avranno fatto debito. Che poi,di che debito parliamo? Di banche? Cosa producono? La produzione bancaria, a sostentamento umano, quale e'? nessuno...non puoi mangiare i soldi.
                          Sai quanto non stimo i nostri politicanti ma 22 bilanci pubblici su 23 tra il 1995 e il 2017 sono stati chiusi in positivo. (Rif https://www.ilsole24ore.com/art/debi...talia-AEMRbSRG)
                          e si parla di 2017 perche l'articolo citato è del 2018.

                          Avere questi avanzi primari sono costati moltato. Tagli su sanita (tranne che in toscana), tagli su scuole, poco turnover nel pubblico, pensioni contributive, tagli sulle strade, riduzioni di investimenti, etc etc.
                          quindi con tanti tagli ai servizi si è riusciti ad avere avanzo primario.
                          peccato che se paghi 70 miliardi di debito il tuo debito continuera a crescere.

                          Ma nell'articolo che ho messo, anche se è del 2018, spiega bene chi ha creato il problema in italia ... la stessa gente che ora non molla l'osso e si tiene i suoi vantaggi ...

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio

                            Occorre quindi capire che per avere lavoro e crescita SERVE PRODURRE!
                            Le FER hanno un enorme vantaggio, che solo ora comincia a essere capito! Permettono una partecipazione DIFFUSA alla produzione!
                            Una centrale elettrica a gas produce ricchezza impegnando 30 persone e garantendo lauti guadagni a pochi o anche un solo investitore!




                            Tralascio la grecia, la conosco.Quindi serve produrre. Ci sono troppi se e troppi ma, sopratutto troppi condizionali nel tuo discorso. Che a me piace come sempre. Hai una dialettica invidiabile,ma non condivido il contenuto.Spiace..Al contrario, mi piace il fatto che comprendi (ovviamente segui) la questione dei lavori piu' assurdi e inutili che ci stiamo inventando. Credo che il prossimo sara' la questione inerente il colore delle scarpe.Sicuramente formeremo degli specialisti ,dei consulenti in merito le calzature. Ovviamene saranno strapagati.
                            Ultima modifica di fedonis; 22-08-2022, 20:56.
                            [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                            Commenta


                            • certo che Putin ha scombinato parecchie cose
                              prima se uno rientrava e trovava la moglie a letto con il vicino di casa era colpa del buco dell'ozono, successivamente del biossido di carbonio
                              alla fine si è arrivati al saggio accordo, pur transitorio, era colpa del co***id
                              ora finalmente in una situazione del genere siamo tutti d'accordo, è colpa di Putin
                              ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                              " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                C'è semmai da segnalare che la botta di aumenti energetici e l'inflazione prodotta dagli amici di Putin sta creando gravissime ripercussion sui bilanci delle famiglie povere.
                                Perche' credi che la norvegese Equinor (che vende il 70% del suo gas sul mercato TTF che oggi compriamo a quasi 3 euro al mc) o l'anglo-olandese Shell, siano amiche di Putin?

                                Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                Una centrale elettrica a gas produce ricchezza impegnando 30 persone e garantendo lauti guadagni a pochi o anche un solo investitore!
                                Un campo fotovoltaico potrebbe essere gestito a livello locale da decine di nuclei famigliari, garantendo la stessa produzione...( i costi sono ormai molto simili, o sbaglio?)
                                La domanda è: chi produce l'energia la notte e nelle corte e uggiose giornate invernali?
                                Al FV ci affiancherei un bel gruppetto bifuel (metano - GPL) sempre condiviso dalle stesse famiglie.
                                Non è green? Nemmeno black!


                                "Il tempo è ciò che accade quando non accade nient'altro" [ R. Feynman ]

                                Commenta


                                • Originariamente inviato da atomax Visualizza il messaggio
                                  La domanda è: chi produce l'energia la notte e nelle corte e uggiose giornate invernali?
                                  Non lo so!
                                  Ma chi l’avrebbe dovuta produrre quell’energia nel 2030 o quando si era deciso per la decarbonizzazione totale?
                                  O avevo capito male io?
                                  La solfa dell’accumulo prima o poi andrà affrontata, no?
                                  O avevo capito male pure qui e il motto del forum energeticambiente in realtà è sempre stato “incentiviamo i gruppi elettrogeni bifuel”??
                                  No, chiedo per um amico eh…
                                  “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell

                                  Commenta


                                  • Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                    Non lo so!
                                    Ma chi l’avrebbe dovuta produrre quell’energia nel 2030 o quando si era deciso per la decarbonizzazione totale?
                                    E perché lo chiedi a me? Dovresti chiederlo a chi ha venduto la decarbonizzazione totale per il 2030! Per quanto mi riguarda è dal 2008 che scrivo su questo forum che senza validi sistemi di accumulo non è possibile fare a meno delle fonti fossili.

                                    Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                    O avevo capito male pure qui e il motto del forum energeticambiente in realtà è sempre stato “incentiviamo i gruppi elettrogeni bifuel”??
                                    No, chiedo per um amico eh…
                                    No, effettivamente non hai capito. Provo a spiegarmi diversamente, in modo più pratico.
                                    Se vuoi dipendere il meno possibile dalle fonti fossili dovrai necessariamente ricorrere a quelle rinnovabili ( do per scontato che, ne tu né io, vogliamo tornare all'età della pietra, poiché una terza via potrebbe essere anche questa).
                                    Non abbiamo a disposizione molto tempo per farlo e quindi non possiamo sperare che la tecnologia ci arrivi in soccorso nel brevissimo termine. Cosa possiamo fare, dunque, nel breve/medio termine?

                                    Ipotesi1.
                                    Ci teniamo le grosse centrali a ciclo combinato o a carbone/olio che non possiamo spegnere a piacimento e quindi inquino e pago combustibile anche quando ho FER a sufficienza.
                                    ipotesi2.
                                    Sostituiamo in modo graduale una quota parte di queste grosse centrali con gruppi di generazione distribuiti a partenza rapida che affiancano gli impianti FER.
                                    Se ho energia da FER a sufficienza, spengo in pochi minuti la piccola centrale risparmiando un quantitativo maggiore di carburante ed emissioni rispetto all'ipotesi1.
                                    Poi se il 1 settembre la tecnologia dovesse offrirci accumulatori dalle caratteristiche strabilianti....Beh, daremo un bel calcio a ipotesi1 e ipotesi2!



                                    "Il tempo è ciò che accade quando non accade nient'altro" [ R. Feynman ]

                                    Commenta


                                    • Mi concentrerei sulla parola transizione: non esiste solo il bianco ed il nero ma nel mezzo ci sono tante sfumature di grigio per passare da un colore all’altro.
                                      Non ho installato il FV pensando di staccarmi improvvisamente dalla rete ma mi sono resa meno dipendente.
                                      Oggi senza batteria (e con FV risicato) copro il 40% dei miei consumi.
                                      Con una batteria arriverei al 70-75%.
                                      Ho poco spazio e la tecnologia questo mi offre(offriva).
                                      Se tra qualche anno ci saranno pannelli più potenti e batterie più efficienti e a prezzi più convenienti l’autonomia dalle fonti fossili di tutti noi aumenterà.
                                      Abbattere del 70% i consumi dalle fonti fossili di tutti noi mi sembra già un bel risultato.
                                      Insomma: se nella direzione giusta, un passo alla volta mi basta!
                                      FV: 4.68 kwp - 13 PANNELLI SunPower X22 - 360wp - inverter ABB UNO-DM 4 - azimuth = 10 - tilt = 15° - dal 15/02/2019 - Penta-split Daikin Stylish con gas R32 (25+25+25+25+42) dal 31/10/2018 http://pvoutput.org/list.jsp?id=73607

                                      Commenta


                                      • Originariamente inviato da JO GREEN Visualizza il messaggio
                                        Mi concentrerei sulla parola transizione: non esiste solo il bianco ed il nero ma nel mezzo ci sono tante sfumature di grigio per passare da un colore all’altro.
                                        Esattamente. La chiave del successo, come sempre, sta nel saper scegliere il compromesso migliore.
                                        Spesso le ideologie radicate deviano molte scelte giuste.

                                        Originariamente inviato da JO GREEN Visualizza il messaggio
                                        Non ho installato il FV pensando di staccarmi improvvisamente dalla rete ma mi sono resa meno dipendente.
                                        Se non hai l'impianto FV corredato da un sistema EPS, ti sei resa meno dipendente dai costi energetici, ma non dalla rete, senza la quale avresti un impianto inservibile.
                                        Nel tuo piccolo non hai problemi, perché c'è chi ti garantisce la presenza della rete (per rete non intendo solo il cavo fisico di connessione al tuo contatore, ma anche e soprattutto la gestione di tutti i parametri elettrici che ne permettono il corretto funzionamento).
                                        Se riducessimo il sistema Italia al tuo isolato, inizieresti a vedere fondamentale la presenza di un gruppo elettrogeno affiancato alla cabina elettrica di quartiere, costretto a partire quando passa una nuvola e avete tutti le pdc accese o durante la notte.
                                        In alternativa dovreste tutti installare un sistema di accumulo e EPS ai vostri impianti, ma comunque in inverno, dopo qualche giorno di nebbia o di pioggia, quel gruppo dovrà partire per forza.
                                        Potrete realizzare reti intelligenti tra i vostri condomini, montare lampadine a LED anche nel forno, aprire il frigorifero per massimo 6 secondi al giorno, ma quel gruppo dovrà esistere e partire.
                                        Senza impianti FV, quel gruppo consumerebbe 6000 mc di metano al giorno restando acceso h24. Con i FV, consumerebbe mediamente 1000 mc al giorno!
                                        Un bel risultato, no?
                                        "Il tempo è ciò che accade quando non accade nient'altro" [ R. Feynman ]

                                        Commenta


                                        • Originariamente inviato da atomax Visualizza il messaggio
                                          E perché lo chiedi a me? Dovresti chiederlo a chi ha venduto la decarbonizzazione totale per il 2030! Per quanto mi riguarda è dal 2008 che scrivo su questo forum che senza validi sistemi di accumulo non è possibile fare a meno delle fonti fossili.
                                          E perché tu chiedi a me, che dal 2006 che scrivo che serve una tecnologia di accumulo… costi quel che costi, come “produrre di notte”?
                                          Cosa intendi? Parliamo di come incentivare le FER o stai cercando di dirci che non c’è speranza di arrivare a un accumulo efficace e rassegnarci al generatore bifuel o alla turbogas con annessa genuflessione a Putin?
                                          E se invece, come scommetto, ci dirai che “no! Non è che le FER siano una causa persa, ma serve prima risolvere il grave problema dell’accumulo!” … la mia domanda che sorge lubranamente spontanea è… perché mai la proposta di trasformare la produzione energetica da centralizzata a diffusa dovrebbe essere negata dalla stra-conosciuta e, garantisco, del tutto condivisa ASSOLUTA CERTEZZA che senza un efficiente accumulo non ci sarà mai un sufficiente sviluppo delle FER???
                                          A volte sembra che certe discussioni siano condannate a un loop infinito stile “Giorno della Marmotta Energetico”!
                                          INIT
                                          “Dobbiamo smettere di bruciare fossili!”
                                          ”Ottimo! Facciamone a meno!”
                                          ”Si, bello. Ma senza energia non abbiamo cibo, beni, lavoro..”
                                          ”Ah! Vabbè allora “risparmiamo”!”
                                          ”Ottimo! Cominciamo da te…”
                                          ”Mmm no, vabbè.. Troviamo delle alternative!”
                                          ”Bene.. Usiamo le FER!”
                                          ”Ottima idea!
                                          “Ma serve l’accumulo!… e costa!”
                                          ”Ah… vabbè accontentiamoci del gas. E speriamo dai…”
                                          - GOTO INIT…

                                          Non si risolvono i problemi con le discussioni in loop! Spesso certe scelte, anche politiche, appaiono poco sensate o anche folli in alcuni periodi e si rivelano azzeccate solo col tempo. Senza pretendere che sia così certamente… la mia riflessione ovviamente va adattata ad un periodo di tempo congruo! Non certo settembre!
                                          Ma cosa potremmo fare ora se si fosse investito (seriamente! Non col progettino pluriennale al CNR per farci la tesi di laurea!) su sistemi di accumulo diversi? Magari nulla. Magari non saremmo ancora all’anno zero e magari, la perdita del 20% della nostra fornitura di gas non ci farebbe tanta paura!

                                          Per inciso… sono anni che in Europa di discute di decarbonizzazione ed abbandono delle fossili!
                                          E mi pare lo si faccia parlando di accumulo. Ri-sbaglio??
                                          O sono tutti deficienti e nessuno s’era accorto che il generatore bifuel tocca cuccarselo comunque?
                                          Nessuno pensa di risolvere la crisi del gas col FV. Chi se lo crede è un ingenuo. O peggio.
                                          Quello che mi premeva era informare che ci sono visioni e possibilità diverse e forse meno velleitarie di produrre lavoro e ricchezza della valutazione professionale del colore delle scarpe!
                                          Ma se riusciremo ad avere petrolio e gas ancora per 50 anni a costi irrisori… possiamo certo creare facoltà di “colorologia scarpale”! Innegabile!
                                          “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell

                                          Commenta


                                          • Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                            Cosa intendi? Parliamo di come incentivare le FER o stai cercando di dirci che non c’è speranza di arrivare a un accumulo efficace e rassegnarci al generatore bifuel o alla turbogas con annessa genuflessione a Putin?
                                            Il gas non ce l'ha solo Putin... Putin lo aveva a basso prezzo, ma se si è disposti a pagare di più e a organizzarsi, lo vendono anche gli altri...
                                            Comunque non ho mai detto che non c'è speranza di arrivare ad un accumulo efficace. Ho detto semplicemente che oggi non c'è! La cosa è ben diversa!

                                            Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                            E se invece, come scommetto, ci dirai che “no! Non è che le FER siano una causa persa, ma serve prima risolvere il grave problema dell’accumulo!” … la mia domanda che sorge lubranamente spontanea è… perché mai la proposta di trasformare la produzione energetica da centralizzata a diffusa dovrebbe essere negata dalla stra-conosciuta e, garantisco, del tutto condivisa ASSOLUTA CERTEZZA che senza un efficiente accumulo non ci sarà mai un sufficiente sviluppo delle FER???
                                            Ma perché mai pensi che anche senza un sistema di accumulo non ci sarà mai un sufficiente sviluppo delle FER?
                                            Senza un sistema di accumulo le FER possono tranquillamente continuare a svilupparsi e spero che lo facciano anche nel minor tempo possibile!
                                            Solamente che bisognerà affiancargli un sistema di accumulo alternativo.... Quale? Un sistema di accumulo virtuale, costituito da tante piccole centrali di generazione a gas (che oggi può essere metano, ad esempio, e domani può diventare idrogeno). La possibilità di affiancargli anche un sistema di accumulo fisico (elettrochimico/idrico/pneumatico/meccanico) che sia, non è affatto precluso, ma ben sperato!

                                            Vantaggi:
                                            - Fronteggia le problematiche dell'oggi, riducendo i consumi di gas e le emissione sfruttando l'intera energia prodotta dalle FER
                                            - Produzione distribuita con possibilità di produrre energia solo dove e quando serve, senza intasare la RTN (rete di trasmissione nazionale)
                                            - I gruppi rotanti sincroni possono funzionare in sovra o sotto eccitazione partecipando attivamente alla regolazione della tensione di rete (anche a motore primario spento)
                                            - Le elevate masse rotanti creano stabilità alla rete, soprattutto in caso di guasti
                                            - Possibilità di avere a disposizione una riserva primaria di potenza
                                            - Modularità che porta ad innegabili vantaggi legati all'economia di scala
                                            - Alimentazione multi carburante che permette di fronteggiare eventuali carenze di un combustibile a favore di una altro
                                            - Possibilità di alimentazione con gas idrogeno sia assoluto sia miscelato a metano.

                                            Svantaggi:
                                            - Minor rendimento rispetto a centrali di grossa taglia
                                            - Maggiori costi per unità di potenza installata

                                            Non è un piano valido sul quale puntare sin da subito?
                                            Oppure essendo presente un tubo di scarico non è green e quindi buttiamo via il bambino con l'acqua sporca?







                                            "Il tempo è ciò che accade quando non accade nient'altro" [ R. Feynman ]

                                            Commenta


                                            • Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                              Quello che mi premeva era informare che ci sono visioni e possibilità diverse e forse meno velleitarie di produrre lavoro e ricchezza della valutazione professionale del colore delle scarpe!
                                              Ma mica l'ho capita la tua visione e le possibilità diveree e come produrresti lavoro.
                                              riesci a spiegarmelo in maniera semplice?

                                              Commenta


                                              • Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                                Ma se riusciremo ad avere petrolio e gas ancora per 50 anni a costi irrisori… possiamo certo creare facoltà di “colorologia scarpale”! Innegabile!
                                                A noi pare campata in aria la cosa,ma vedrai che la "colorologia scarpale" sara' una realta'. Il master sara' il colore delle calze in linea con quello dei capelli.
                                                [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                                Commenta


                                                • Interessante...................................... ......anche se fosse vera la meta..............

                                                  https://www.fanpage.it/esteri/ci-sti...esi-di-guerra/
                                                  Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                  Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                  Utente EA dal 2009

                                                  Commenta


                                                  • Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio
                                                    Interessante...................................... ......anche se fosse vera la meta..............

                                                    https://www.fanpage.it/esteri/ci-sti...esi-di-guerra/
                                                    Speriamo che abbia ragione e che gli americani si sbrighino a vincere e magari a ribaltare il governo di putin facendo vincere qualche suo amico per ridiventare buoni.
                                                    Oggi siamo arrivati a 302 euro a megawattora ...
                                                    https://www.ilfattoquotidiano.it/202...ri-ue/6773258/

                                                    Commenta


                                                    • vergognati
                                                      poi vi dichiarate "pacifisti"
                                                      ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                                                      " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                                                      Commenta


                                                      • Originariamente inviato da B_N_ Visualizza il messaggio
                                                        vergognati
                                                        poi vi dichiarate "pacifisti"
                                                        Con chi ce l'hai?

                                                        Commenta


                                                        • Originariamente inviato da matador0975 Visualizza il messaggio


                                                          Oggi siamo arrivati a 302 euro a megawattora ...
                                                          Se è per quello dovrai aspettare almeno 10 anni.............................. il prezzo non scendera .. tranquillo è tutto programmato

                                                          Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                          Utente EA dal 2009

                                                          Commenta


                                                          • Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio

                                                            Se è per quello dovrai aspettare almeno 10 anni.............................. il prezzo non scendera .. tranquillo è tutto programmato
                                                            Beh se riescono a ribaltare putin, a quel punto i russi diventerebbero buoni nuovamente.
                                                            dici che non basta, vero?
                                                            Effettivamente, pensandoci, mi sa che non è conveniente per nessuno ...

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR