annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

riscaldamento taverna .... quale strada percorrere?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • riscaldamento taverna .... quale strada percorrere?

    Salve forum!
    Finalmente dopo tanto leggere, ho deciso di scrivere.

    Perchè nella sezione OT ??? Perchè non saprei dove meglio collocare questa mia richiesta di consiglio, chiedo gentilmente i moderatori di spostarla nella sezione piu indicata qualora fosse possibile.

    Vengo al sodo: abitazione posta su 3 livelli (taverna, piano giorno e piano notte). Nei 2 piani superiori il sistema di riscaldamento è a pavimento, con caldaia a singola uscita (non si può usare l'uscita alta temperatura per eventuali radiatori o ahime scaldasalviette), pannello solare sul tetto a circolazione forzata per la sanitaria con deposito coibentato da 2 quintali .
    La taverna purtroppo è sprovvista di riscaldamento , grossa pecca a mio avviso . Avrei preferito trovarci almeno 2 tubi del riscaldamento a pavimento , magari ci potevo mettere una valvola di zona e creare una parete radiante o qualcosa del genere (mi sembra anche di aver visto che ci sono dei termoconvettori di ultima generazione che possono lavorare con acqua a bassa temperatura, è possibile??) in ogni caso i tubi non ci sono .
    E' presente una canna fumaria da 90 , stando a quanto dicono per installare una stufa a legna o pellet. La stufa a legna mi piacerebbe dal punto di vista caratteristico, cene con gli amici e fiamma magari visibile , ma so gia che per pigrizia la userei 1 volta all'anno. Mi ero orientato sul pellet , mai avuta una stufa a pellet, le credevo esenti da manutenzione o quasi e invece leggendo e parlando con gli amici scopro che non è così ..... ovvero la manutenzione necessaria è praticamente quotidiana, è vero anche questo? Quindi ...... scarterei anche il pellet.
    A questo punto mi ero rassegnato all'idea di utilizzare un riscaldamento di tipo elettrico. Anche qua, dopo tanto cercare, credo di aver capito che la migliore soluzione sia una pompa di calore con un fan coil, oppure direttamente un condizionatore con funzione pompa di calore (ormai credo che ce l'abbiano tutti) .......... ma qui scatta il mio dubbio piu atroce: io non ho bisogno di fare il fresco d'estate, la taverna è gia molto fresca..... ho bisogno di riscaldarla d'inverno . Sarà possibile farlo quando fuori sarà veramente freddo ??
    Quasi rassegnato a prendere un pannello radiante e bruciare kw su kw.... poi l'illuminazione. Essendo prevista per una cucina, ho chiesto per il metano, e mi hanno detto che c'è la possibilità di metterlo. Ho cercato un po "stufe a metano" ma sono completamente asciutto sull'argomento....... è una buona soluzione ??

    Un po di dati:
    La casa è situata in zona climatica D , la taverna misura 45 mq con altezza di 2.40m . E' presente una finestra ed una porta pedonale. E' presente canna fumaria e tubazione per eventuale cappa . Tramite una porta interna si può accedere al resto dell'appartamento, la scala che collega la taverna con il piano superiore è "a vista" , il locale è abbastanza umido essendo per il 35% interrato.
    IMPORTANTISSIMO, anzi fondamentale: mi basterebbe portare la taverna dagli attuali 11 gradi a 16, 17 °C .... non cerco temperature caraibiche.

    Ogni consiglio è bene accetto .
    Grazie mille in anticipo, a presto
    F.
    Ultima modifica di fem695; 01-12-2016, 17:35.

  • #2
    45 metri quadri in zona D...pompa calore aria aria con 1 split grande o due piccoli... nemmeno da pensarci
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
      45 metri quadri in zona D...pompa calore aria aria con 1 split grande o due piccoli... nemmeno da pensarci
      ciao marco! grazie per l'aiuto che mi dai.

      perdonami ma temo di non aver colto la risposta: nemmeno da pensarci è riferito alla tua proposta come a dire che non è adatta al mio scopo, oppure sta come a dire che è ovviamente la soluzione migliore ? In questo caso, il metano non sarebbe piu efficente ?

      Commenta


      • #4
        È unica soluzione sensata.no metano non sarebbe più efficiente.
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          ricevuto!! ho provato giusto ieri per la prima volta il climatizzatore che ho al secondo piano in modalità "riscaldamento", è un daikin . Fuori c'erano 3 °C . In 10 minuti ha portato la stanza da 19.4 a 20.0 . Eccellente, considerando che io devo portare la taverna da 11 a 17 al massimo , e non ho fretta in quanto mi piacerebbe che questa temperatura ci fosse sempre, a qualsiasi ora per tutto il periodo invernale.

          2 considerazioni:
          - posso approfittare di qualche offerta delle grandi catene, per prendere un oggetto piu economico (1000 euro il daikin, 500 quelli in offerta) facendo leva sul fatto che non mi occorre per fare fresco ma soltanto per fare caldo??
          - il posizionamento del motore, posso metterlo in giardino insieme all'altro motore che ho adesso (ho gia l'impianto con i tubi fatti anche per questo nuovo splitter!!!) oppure sarebbe molto piu efficente mettere il motore sotto il portico?? (è piu riparato, e c'è qualche grado in piu.... sto pensando a quando chiederò alla pompa di calore di riscaldare al massimo, e fuori saremo sotto zero..... funzionerà bene lo stesso come ha fatto ieri ? )

          grazie mille, apprezzo molto
          f

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da fem695 Visualizza il messaggio
            considerando che io devo portare la taverna da 11 a 17 al massimo
            f
            va vorresti avere sempre 11 o 17..non è proprio la stessa cosa.
            La mia a 11 non ci va MAI e se ci andasse avrei acqau sui muri..m sya sempre attorno a 16, anche eprche ho radiante al piano sopra che un pochino la stempera.

            Se metti pdc la puoi tenere sempre a 16 cosi non hai problemi muffa e in pochi minuti quando serve la porti a 20.
            La imposti che sia accesa fra le 10 di mattina e le 16 del pomeriggio su 16 gradi..mentre se la usi scendi 30 minuti prima e la metti su 22..lei farà tutto sa sola.

            Sotto il portico è ok, basta che sia zona dove non ristagna aria fredda...devi drenare condensa, ocio!

            Ok anche un cinesone..BASTA che dica che ha INVERSIONE CICLO per sbrinare
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              non mi sono spiegato bene, chiedo scusa

              attualmente, senza nessun tipo di riscaldamento, in taverna ci sono 11 gradi quando fuori siamo a 0 . A me basterebbe averne 16 (sempre, non solo quando frequento la stanza) perchè voglio evitare formazione di umidità e muffa.

              Per l'istallazione, la piu semplice è posizionare il motore in giardino. L'impianto è gia nel muro, e sono circa 9-10 metri di tubazione. Il motore va posizionato in giardino (non è coperto!!)
              Se la differenza di resa giustifica , potrei avere l'alternativa di posizionare il motore sotto il portico (circa 20 mq , chiuso su 3 lati ) . In questo modo la lunghezza delle tubazioni si può ridurre del 50% , per contro le avrò a vista nella taverna (dovrò mettere una canaletta o qualcosa del genere insomma) e lasciare inutilizzate le predisposizioni. Soluzione meno estetica, ma posso valutarla seriamente se il gioco vale la candela, leggasi, se scalda di piu !!

              Ottima l'idea del setting. Potrei collegarlo , non so se è possibile , all'impianto di allarme che mi funge anche da termostato automatico settimanale, oltre che pilotabile da remoto (se so che devo andare a cena in taverna, e sono fuori, posso comandare l'aumento di temperatura) ...... ma non so se questi sistemi accettano un comando da termostato remoto (?)

              Ok per la scelta del modello.

              Di nuovo grazie, lapalissiano davvero. Avendo la canna fumaria libera (ne pellet, ne stufa a metano) potrò anche dotare la taverna di una stufa a legna. Farò felicissima la moglie che ne voleva una (io l'avevo scartata per la scomodità, a lei piaceva perchè fa molto "rustico") e tutta la famiglia in caso di emergenza luce/gas . Sono veramente contento di questa cosa.

              Commenta


              • #8
                portico chiuso 3 lati rischia di soffocare la pdc..meglio libera in giardino...da te non nevica, sollevala comunque 30 cm da terra, rende meglio
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  perfetto, ricevuto forte e chiaro! grazie mille!!!!

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR