adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Disagi con riscaldamento a PDC aria/aria.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Disagi con riscaldamento a PDC aria/aria.

    Non sapendo dove postare questa discussione, ho pensato che può andar bene pure qui.

    Domandona: come vi trovate con il riscaldamento PDC, intendo la qualità ambientale.
    Da ottobre 2016 ho iniziato la mia campagna invernale con una riduzione drastica del riscaldamento a metano... per tante ragioni non ho potuto spegnere la caldaia totalmente.
    Comunque io e mia moglie notiamo qualcosa di diverso... nelle camere dove c'è una PDC, calcolata per tale spazio, il caldo ovviamente non manca e alla bisogna anche troppo, però pur mantenendo una temperatura come la si aveva con i termosifoni in ghisa e caldaia a gas, denunciamo tutti e due mani e piedi freddi, insomma un calore disagevole.
    Lo notiamo ancor più, quando l'ambiante arriva alla temperatura prefissata, dove l'apparecchio sembra buttare aria più fredda nell'ambiente.
    Dato che non sono pippe, perché l'età non me le permette, cosa ne dite?


    Apparecchi: Mitsubishi inverter, serie FH adeguati.
    Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
    Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
    Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

  • #2
    Manca la componente radiante.
    La PdC scalda soltanto l'aria circolante, questo crea anzitutto un gradiente che fa ristagnare il caldo in alto e inoltre il calore passa al corpo solo tramite conduzione.
    Quindi anche in caso di temperatura aria alta (anche 23-25 gradi) se soggiorni a lungo sentirai la perdita di calore dovuta alle superfici fredde, Pavimento anzitutto.
    A prevenire battute, no, non sono anche espertone di climatologia, ma avendo in studio un sistema a PdC aria so cosa signifca. E' ottimo per il raffrescamento estivo, ma nelle zone fredde o in giornate fredde crea queste problematiche.
    Paradossalmente chi viene da fuori e sta mezz'ora si lamenta per il "troppo caldo", chi ci passa ore ha i piedi gelati.
    L'ideale è associarci un pavimento radiante a bassa temperatura, ma è sufficiente aggiungere una economica lampada a IR tenendola puntata verso il basso.
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

    Commenta


    • #3
      Gli split riescono anche a deumidificare lavorando in riscaldamento?

      Commenta


      • #4
        Questo non so dirlo con certezza. Credo che di condensa ne facciano anche in riscaldamento, ma quanto sia efficace come deumidificazione di ambienti umidi non saprei.
        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

        Commenta


        • #5
          Anche quello potrebbe essere un motivo di scarso comfort del riscaldamento ad aria.

          Commenta


          • #6
            Ringrazio.
            Si la situazione, come ripeto per me nuova, è perfettamente come è stata descritta.
            Aggiungo che ho notato anche un buon calo dell'umidità e secchiate di scarico acqua.
            Avete notato qualche miglioria lavorando sul getto aria (FAN) ?
            Le mie prove indicano come miglior impostazione due tacche di velocità su quattro, ho sperimentato anche la condizione "fai da te" ma ci mette un casino di tempo a mandare in temperatura la camera, perché nelle ore più fredde uso i termo e spengo la PDC... forse bisognerebbe provare a lasciarla accesa 24 ore.
            Il riscaldamento a pavimento me lo sogno, rivoltare il pavimento mi costerebbe il linciaggio.
            In un bagno ho un pannello IR, ma evidentemente è di scarsa qualità, la potenza preventivata era di 4/500 watt l'ho messo da 600, ma non scalda un belino se non ci sei a 30 cm.
            Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
            Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
            Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
            Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

            Commenta


            • #7
              ma...con una sezione specifica non mi sembra un argomento da bar!
              Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
              I miei articoli qui:
              https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

              Commenta


              • #8
                Bè al bar si parla di tutto... comunque non l'ho trovata, spostala grazie.
                Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.:cry:
                Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
                Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip 1990 - rendimento 94,4%.:shocked:
                Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

                Commenta

                Attendi un attimo...
                X
                TOP100-SOLAR