annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

fotovoltaico su Lac des Toules

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • fotovoltaico su Lac des Toules

    Svizzera, un lago di energia solare tra le montagne alpine

    Pannelli solari galleggianti in Svizzera. Siamo a "Lac des Toules" un lago artificiale alpino, vicino alle montagne di Bourg-Saint-Pierre. Qui è stata montata una stazione composta da 36 chiatte galleggianti su 2,240 metri quadrati di celle solari. L'obiettivo è quello di erogare 800.000 kilowattora all'anno, sufficienti a dare energia a 220 abitazioni...brutto ma buono?

  • #2
    Originariamente inviato da buonuomo;119927183[COLOR=#000000
    brutto ma buono?[/COLOR]
    Spesso è bello ciò che piace...
    Buono? Sicuramente a quelle altitudini il fotovoltaico rende di più e i moduli bifacciali adottati permettono di recuperare ulteriore energia dalla maggior luce riflessa dal fondo innevato. In condizioni ottimali si arriva ad efficienze del 25%.
    Il diavolo si annida nei dettagli.

    Commenta


    • #3
      Quasi sicuramente da subito si sono complicati la manutenzione, esposti alle peggiori intemperie, cresciuti i costi d' istallazione,
      probabilmente allungato le linee di collegamento con quelle elettriche esistenti.. ammalato gli operai che vanno a controllare l' impianto in quelle condizioni climatiche, esponendoli ad incidenti di percorso..

      Commenta


      • #4
        Bisognerebbe conoscere tutti i dettagli dell'operazione, come eventuali incentivi, fondi o ritorni di altra natura per quello specifico progetto...
        E' chiaro che i costi sono quadrupli rispetto a quelli di un classico impianto installato a terra.
        Il diavolo si annida nei dettagli.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Pedalologo Visualizza il messaggio
          Quasi sicuramente da subito si sono complicati la manutenzione, esposti alle peggiori intemperie, cresciuti i costi d' istallazione,
          probabilmente allungato le linee di collegamento con quelle elettriche esistenti.. ammalato gli operai che vanno a controllare l' impianto in quelle condizioni climatiche, esponendoli ad incidenti di percorso..
          ma cosa scrivi? Mica è a 5000m in Nepal, le strade c'erano già e da tempo esistono vestiti e attrezzature per lavorare caldi e sicuri pure in montagna.

          Vabbe' che siamo al bar, ma qui sembra di stare in un ospizio per lo spessore di certi commenti
          Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
          I miei articoli qui:
          https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da atomax Visualizza il messaggio
            Bisognerebbe conoscere tutti i dettagli dell'operazione, come eventuali incentivi, fondi o ritorni di altra natura per quello specifico progetto...
            E' chiaro che i costi sono quadrupli rispetto a quelli di un classico impianto installato a terra.
            ..che se aggiungi il carbonio che costa produrre un reddito per l' incentivo ...quello che serve per il ciclo dei pannelli solari tutto compreso dalla costruzione all' istallazione al mantenimento agli accessori allo smaltimento, alla luce privata al lago
            crescendo l' atrofizzazione ... bruciare un un bel mucchio di coke in sostituzione forse avrebbe emesso meno CO2 e consumato meno ossigeno!

            ..così faccio finir di arrabbiare l' altro...

            Commenta


            • #7
              Pessima idea ...
              Che io sappia un lago ha bisogno anche di respirare , cioè di scambiare ossigeno e luce con l'atmosfera , in quelle condizioni di oscurità l'acqua diventerebbe una fogna a cielo aperto .
              Come in una piscina se non ricicli l'acqua dopo un mese le alghe hanno il sopravvento .

              Inoltre essendo i pannelli posti in posizione perfettamente orizzontale non riceverebbero la quantità di raggi sufficienti per una resa ottimale dei pannelli , soprattutto in Svizzera dove il sole è già poco .
              Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Pedalologo Visualizza il messaggio
                bruciare un un bel mucchio di coke in sostituzione forse avrebbe emesso meno CO2 e consumato meno ossigeno!
                Senza calcoli la tua supposizione vale come il due di coppe.

                Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio
                Come in una piscina se non ricicli l'acqua dopo un mese le alghe hanno il sopravvento
                Infatti tutti i laghi di montagna hanno il ricircolo dell'acqua con tanto di pompe filtri e trattamenti vari. Altrimenti diventerebbero delle fogne piene di alghe!

                Originariamente inviato da experimentator Visualizza il messaggio

                Inoltre essendo i pannelli posti in posizione perfettamente orizzontale non riceverebbero la quantità di raggi sufficienti per una resa ottimale dei pannelli , soprattutto in Svizzera dove il sole è già poco .
                Se guardi bene, i pannelli sono inclinati!
                Il diavolo si annida nei dettagli.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da atomax Visualizza il messaggio
                  Senza calcoli la tua supposizione vale come il due di coppe.



                  Infatti tutti i laghi di montagna hanno il ricircolo dell'acqua con tanto di pompe filtri e trattamenti vari. Altrimenti diventerebbero delle fogne piene di alghe!



                  Se guardi bene, i pannelli sono inclinati!
                  ..mi sa proprio che stia a te mettere i costi d' istallazione manutenzione smaltimento
                  ..di eventuale manutenzione del
                  lago l' assicurazione per gli imprevisti climatici ..se la cosa abbia un senso perchè è
                  sufficientemente ripetibile, le ripercussioni sulle eventuali frange di dimostranti a cui la cosa
                  non soddisfi agli occhi.. il tutto rispetto alla resa finale
                  misurata nei luoghi di utilizzo e a qual fine... insomma metti il tutto in un calcolo moderno
                  e dopo fai sapere!

                  ..per esempio neanche a me dispiace l' idea
                  ..che sull' acqua potresti far ruotare anche un isolotto galleggiante coi pannelli inclinati cercando più resa rispetto al sole
                  ...che non occuperesti luoghi dove potrebbero invece crescere gli alberi altrimenti ..ma i costi e le brutture paesaggistiche...

                  Commenta


                  • #10
                    E' un progetto molto interessante. Il lago, ovviamente, non viene "coperto", ma la installazione è limitata a una piccola porzione. Esteticamente non impatta certo di più di qualsiasi possibile alternativa di produzione energetica a quelle altezze. La produttività è simile a quella di una pala eolica di grandi dimensioni, ma con un impatto ambientale certamente minore. Anche i costi di installazione sono paragonabili a un eolico in quota (2 milioni di euro. Forse anche inferiori). E la manutenzione non credo sia tanto superiore, anzi.
                    Infatti è un progetto che è partito anni fa, prima con un'installazione pilota piccola (60 mq) che ha permesso di testare i pannelli e le inclinazioni, ed ora con un'installazione seria, seppure sempre sperimentale. (https://www.romande-energie.ch/image...munique_fr.pdf).
                    Ha un senso in situazioni ambientali adeguate come un laghetto di montagna. Certo non per laghi che hanno moto ondoso sensibile. Ma la manutenzione è banale e non costringe nessuno a pericoli particolari.
                    Gli svizzeri ne sono felicissimi.
                    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                      E' un progetto molto interessante. Il lago, ovviamente, non viene "coperto", ma la installazione è limitata a una piccola porzione. Esteticamente non impatta certo di più di qualsiasi possibile alternativa di produzione energetica a quelle altezze. La produttività è simile a quella di una pala eolica di grandi dimensioni, ma con un impatto ambientale certamente minore. Anche i costi di installazione sono paragonabili a un eolico in quota (2 milioni di euro. Forse anche inferiori). E la manutenzione non credo sia tanto superiore, anzi.
                      Infatti è un progetto che è partito anni fa, prima con un'installazione pilota piccola (60 mq) che ha permesso di testare i pannelli e le inclinazioni, ed ora con un'installazione seria, seppure sempre sperimentale. (https://www.romande-energie.ch/image...munique_fr.pdf).
                      Ha un senso in situazioni ambientali adeguate come un laghetto di montagna. Certo non per laghi che hanno moto ondoso sensibile. Ma la manutenzione è banale e non costringe nessuno a pericoli particolari.
                      Gli svizzeri ne sono felicissimi.
                      ..gli Svizzeri si accontentano degli cioccolatini

                      Commenta


                      • #12
                        ..sull' idea prova a farci un grattacielo molto verde, o meglio al verde di energia autosufficiente o quasi ..con accumulo a bacini di acqua..
                        https://i.postimg.cc/43b4wsGn/gratt.png


                        ..forse qui potresti pensare anche ai bacini delle centrali elettriche magari reversibili.. o farne di più adatte..
                        io però non ci ho fatto nessun conto...

                        Commenta

                        Sto operando...
                        X
                        TOP100-SOLAR