adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il nuovo mondo?La 5uinta Generazione.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il nuovo mondo?La 5uinta Generazione.

    Un Mondo reale senza fili (Real wireless world),connesso dal Worldwide wireless web (WWWW).Pro e contro di questa tecnologia.Dite liberamente la vostra MA Libertà di espressione non è libertà di offesa.O secondo un antico motto dei forum NON offendere ma non lasciarsi offendere facilmente.
    diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

  • #2
    5G - Wikipedia
    diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

    Commenta


    • #3
      Io sarò vecchio dentro,e un pochino fuori,ma per me stiamo/stanno esagerando.Ma Veramente esagerando.
      diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

      Commenta


      • #4
        Lo diceva anche la mia bisnonna quando è arrivata la corrente elettrica.
        Intendo dire che il progresso spaventa sempre, anche perché le novità non sono mai graduali, arrivano a sprazzi. Fino ad una certa età affascinano, poi spaventano. A prescindere dal fatto che siano positive oppure dannose soprattutto perché non sono mai interamente buone o cattive, c'è sempre il bene ed il male in ogni novità.

        Commenta


        • #5
          Su questa tecnologia da parte di TUTTO il mondo scientifico (pro e contro) la parola d'ordine è INCERTEZZA.

          In questi casi si possono citare molti aforismi.
          Uno tra mille: "molti uomini, come i bambini, vogliono una cosa ma non le sue conseguenze" José Ortega y Gasset.
          Un altro è nella mia firma: “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo” Giordano Bruno.

          In alternativa ci si può affidare alla costituzione.
          Art 32. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività
          "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
          “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
          "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

          Commenta


          • #6
            Mi spiace assai scriverlo però lo Stato pare tuteli di più qualcos altro.Anche se recentemente mi aveva dato un altra impressione.
            diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

            Commenta


            • #7
              Ww, nessuna volontà di convincerti, ma davvero non vedo un solo motivo per cui emissioni alle stesse frequenze già ora in uso, ma a potenze inferiori, dovrebbero essere indagate all' infinito (che poi è l' unico modo per avere l'assoluta certezza che non causino 'qualcosa a qualcuno').
              Sono ansioso di circondarmi di antenne? Certo che no, il mio router wifi lo spengo quando non lo uso, figurati; ma è una goccia nel mare, in questo momento il mio smartphone rileva 12 reti a cui connettersi, ovviamente attive h24 e tutte a discreta intensità. Se un domani il wifi dei miei vicini venisse bloccato dalle solette interpiano... benvenga la nuova tecnologia! che consente di limitare l'inquinamento em a chi desidera fruirne.
              Ti prego di non postare per l'ennesima volta uno degli studi già postati: la tua posizione è chiara, volevo solo esprimere la mia.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Top Visualizza il messaggio
                Se un domani il wifi dei miei vicini venisse bloccato dalle solette interpiano... benvenga la nuova tecnologia! che consente di limitare l'inquinamento em a chi desidera fruirne.
                Fosse (solo) così andrebbe benissimo.
                Invece saranno ovunque. Aeroporti, stazioni, centri commerciali, lampioni, tetti, bidoni della spazzatura... Ho letto anche tombini...
                Come vedi l'inquinamento non si limita solo a chi vuole usufruirne (come qualsiasi inquinamento).
                "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                Commenta


                • #9
                  Ma certo che sarà ubiquitario ,perchè altrimenti devono mettere almeno 30.000 satelliti,che tra l altro non è che siano fatti di cartone e non vanno in cielo con un calcio.Nessuno potrà nè dovrà farne a meno,certo già ora è previsto l uso della forza per obbligare a mettere anche sul tetto di casa antenne o altro però poi visto che i ripetitori o i micro data center o i blocchi di computing edging più altro che ancora non sò dovranno essere posizionati in modo da vedersi fisicamente l uno con l altro è facile intuire che il rifiuto di mettere a casa propia un congegno sarà contro le norme o spegnere il WiFi o non mettere il phone sotto il cuscino sarà completamente inutile.PS il consigliere del innovazione del Italia, Colao ,è anche amministratore di Verizon ,non che voglia dire poi moltissimo sono gli investitori coloro che comandano,però.
                  Ultima modifica di diezedi; 17-06-2020, 12:07.
                  diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

                  Commenta


                  • #10
                    PREMESSA:
                    Lavoro nelle telecomunicazioni e progetto filtri a microonde, ho progettato anche qualche amplificatore e altri oggetti che poi vanno a riempire gli apparati di trasmissione.
                    Non credo di essere di parte: anni fa da giovane ero uno dei pochi a porsi qualche dubbio, avevo letto qualche studio e articolo e ne avevo ricavato che i rischi erano veramente talmente minimi da essere di fatto non misurabili.
                    Ho aperto e "curo" un 3d specifico sull'inquinamento elettromagnetico, nel quale essenzialmente tranquillizzo chi è disposto a ragionare, ma nello stesso tempo metto in guardia dal potenziale (sempre minimo eh) rischio di altri "oggetti" che emettono onde elettromagnetiche ma sono meno nel "mirino" degli ipocondriaci.
                    Quindi per chi ha dubbi e preoccupazioni su altri casi di inquinamento EM rimando a quel 3d, che trovate qui:
                    inquinamento elettromagnetico

                    Esprimo qualche opinione ma solo per un motivo: i problemi ed i rischi del 5G a mio avviso non sono tanto di tipo elettromagnetico ma di altro tipo.
                    Purtroppo però immagino che questo 3d, essendo al bar, verrà invaso da post lunghissimi e OT e quindi sarò costretto a smettere di seguirlo (come tanti altri). L'automoderazione a me non piace, non ho tempo da perdere in polemiche infinite.

                    Arriviamo al 5G.
                    Io non ne conosco nel dettaglio i protocolli, ma sono sicuro che valga una prima considerazione:
                    "La pericolosità delle onde elettromagnetiche è essenzialmente legata a frequenza e potenza irradiata e non alla specifica tecnologia e ai protocolli di trasmissione usati"

                    Ne deriva che il 5G, usando frequenze già usate dai cellulari o più alte, ma potenze inferiori, non provocherà rischi maggiori delle precedenti tecnologie mobili.
                    Questo perchè le frequenze sono più elevate ma comunque restano frequenze ben al di sotto delle frequenze che provocano effetti cancerogeni o comunque consistenti: infrarossi, ultravioletti per non parlare di raggi X et similia sono ben più pericolosi delle onde "radio".

                    Il rischio potrebbe derivare dal gran numero di stupidi oggetti che verranno connessi, forse anche i bottoni delle camicie (per avvisarci se cadono)? NO, perchè trasmetteranno potenze risibili!

                    Quindi, qual'è secondo me il "rischio" del 5G? Essenzialmente che, oltre ai tanti usi innovativi e utili, prevarranno (ma per colpa soprattutto NOSTRA) gli usi totalmente STUPIDI legati alla nostra ansia di presenzialismo social e di controllo su tutto.
                    Questo provocherà una corsa all' "ultima versione" e un probabile aumento di rifiuti elettronici, obsolescenza (programmata o meno) e insomma un aumento di impatto dell'uomo sull'ambiente.

                    Quindi.. per chi teme il 5G c'è una via molto semplice (che fallirà come per le altre tecnologie): RESISTERE il più possibile alla tentazione di adeguarsi. Restare coi vecchi smartphone e con la lavatrice non connessa.

                    Io l'ho fatto con gli smartphone, credo di aver resistito almeno 1-2 anni, ma poi... ho ceduto ed ho comprato il mio P8 lite nel 2016...

                    PS: se avete paura delle onde elettromagnetiche, vi rimando all'altro 3d ma essenzialmente vi consiglio di usare poco lo smartphone, tenere il modem lontano dai letti, e curare che grossi motori come quelli delle lavatrici non siano a pochi cm dai letti dei bimbi (i muri sono di fatto "trasparenti")
                    Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                    I miei articoli qui:
                    https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                    Commenta


                    • #11
                      mi piace l'approccio tecnico.
                      se è vero che sono state "liberate" frequenze televisive per questa tecnologia, vorrei ricordare che un trasmettitore televisivo usa potenze di qualche kW non milliwatt.
                      ricordo manifestazioni anti trasmettitori qui nei castelli romani, alcune persone manifestavano con in mano lampade neon che si accendevano per l'intenso campo em vicino ai trasmettitori.
                      in casa ho utilizzato le precauzioni che ha ben descritto riccardo.
                      aggiungo che "la 5uinta" scritta così nun se po guardà
                      Impianto FV 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt dal 2007.
                      Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011. Caldaia a metano Riello Family 26K.Twingo Electric Zen dal 2021

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da gigisolar Visualizza il messaggio
                        aggiungo che "la 5uinta" scritta così nun se po guardà
                        Evabbè... sta a guardà er capello... Io a prima vista mi ero chiesto cosa mai fosse questa "generazione Suina"!
                        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                        Commenta


                        • #13
                          Io invece ho ben chiaro cos'è questa generazione suina.
                          E non ci vuole troppa fantasia per intuirlo
                          "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                          “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                          "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                          Commenta


                          • #14
                            Non volete tutto nuovo ?Non stiamo a perder tempo con i tasti son nano secondi di troppo.Si possono usare per fare altro.O NO???
                            diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

                            Commenta


                            • #15
                              a volte quando non si esce da derive determinate da certe argomentazioni trovo estremamente utile l'uso di una certa strategia :
                              " provare ad impostare il discorso a rovescio "
                              prescindo per un momento dalla mia personale opinione e MI chiedo :
                              " immaginiamo che per oscure ragioni voglia AUMENTARE la potenza (potenza, non energia) irradiata nell'etere, il passaggio dalle tecnologie in uso 3G e 4G alla tecnologia 5g risponderebbe a questa ipotetica esigenza ? "
                              risposta :
                              " certo che no, per la semplice ragione che la potenza irradiata con l'uso del 5G diminuisce "
                              fatta questa momentanea deviazione dal quesito canonico torniamo invece a parlare del 5G, se vero è, ed è vero, che la potenza irradiata sull'unità di spazio è inferiore coe potrebbero gli ipotizzti effetti ed "effetti" ad essere superiori ?
                              prescindiamo dalle ragioni per cui la tecnologia di ultima generazione ci porta in questa direzione e consideriamo che se finora abbiamo auspicato che le potenza irradiata diminuisca ..... (diciamo "per eventuali & varie ragioni" allo scopo di non alimentare polemiche oziose) uno degli effetti assolutamente riconosciuti da TUTTI è questo
                              ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                              " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                              Commenta


                              • #16
                                In quanto a potenza irradiata sei abbastanza sicuro che la sommatoria di tutti i fasci direzionali sarà inferiore ad oggi?
                                diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

                                Commenta


                                • #17
                                  la risposta è in parte in questo ricordo:
                                  Originariamente inviato da gigisolar Visualizza il messaggio
                                  vorrei ricordare che un trasmettitore televisivo usa potenze di qualche kW non milliwatt.
                                  ricordo manifestazioni anti trasmettitori qui nei castelli romani
                                  sono i trasmettitori broadcast, o al limite i telefonini, a poter IPOTETICAMENTE creare un rischio.

                                  Le manifestazioni di allora avevano un minimo di senso, erano periodi nei quali alcune trasmittenti (mi sembra anche Radio Vaticana) sparavano potenze notevoli, e potevi ritrovarti in un punto con campi effettivamente elevati.

                                  Le leggi italiane comunque sono tra le più restrittive, almeno dai primi anni 90 ma forse da sempre.

                                  Il 5G inonderà di onde l'etere? Forse, anzi probabilmente si, ma saranno milioni di microtrasmittenti da centesimi o MILLESIMI di watt.

                                  Potrai venire in stretto contatto con uno di essi, ma per te il rischio principale resta il tuo stesso telefonino, che ne irradia diversi DECIMI.

                                  E ormai, dopo 20 anni di telefonia mobile, l'assenza di effetti consistenti è un dato di fatto, visto che miliardi di esseri umani hanno fatto da cavia.

                                  Comunque spegnetelo il cellulare, e vivete sereni.
                                  Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                  I miei articoli qui:
                                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Diezedi, forse è poco chiaro cosa sia il passaggio al 5G, provo a fare degli esempi.
                                    Nella trasmissione analogica di una immagine (ma vale anche per il suono), devi trasmettere un segnale molto complesso e devi modulare diversi parametri per ricostruire sullo schermo la stessa immagine. Molta potenza del segnale, larga banda impegnata nella trasmissione, poche possibilità di trasmettere più informazioni (= poche emittenti possibili).
                                    Siamo alla preistoria delle telecomunicazioni.
                                    Poi la trasmissione digitale raw, con l'attribuzione di un codice per ciascun pixel dell'immagine. Il segnale è più definito, perché non più soggetto alle variazioni dell'analogico, potenza relativamente inferiore e costante, ma informazione ancora abbastanza pesante da trasmettere, penalizzando la risoluzione. Erano gli albori del digitale.
                                    Poi l'avvento dei file compressi (es. JPEG) e il processamento delle immagini tramite codec software e/o hardware. Più il file è compresso, più veloce è la trasmissione e meno potenza serve a trasmettere il segnale.
                                    La tecnologia aiuta a trasferire all'hardware gran parte delle funzioni di codifica e decodifica prima svolte dai codec software, velocizzando il processo, migliorando la qualità e riducendo la quantità di informazioni da trasmettere. Tutto questo è l'evoluzione del 5G, che non è solo nelle antenne che trasmettono, ma anche nell'hardware che riceve il segnale. Viaggiano meno informazioni e a potenza ridotta, la parte del leone la fa proprio il microprocessore che codifica e decodifica il segnale.

                                    Il fatto che si prevedano più sorgenti connesse sicuramente avrà il suo peso, nessuno lo mette in dubbio, ma la quantità di emissioni complessive non aumenterà, anzi, tenderà sempre più a ridursi, anche perché sempre più soggette a parametri stringenti ai quali i vecchi apparecchi vengono esentati, perché costruiti prima della loro introduzione.

                                    ••••••••••••

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Mah... Pensare positivo è sempre cosa buona.
                                      Però la mole di studi indipendenti non promette bene; a differenza di quelli finanziati dai promotori del 5G che sono invece rassicuranti.

                                      Quello che non mi convince è che oramai è prassi consolidata fare di tutta la popolazione la cavia delle nuove tecnologie. Ma una volta le cavie non stavano nei laboratori?
                                      Ultima modifica di WuWei; 18-06-2020, 15:38.
                                      "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                                      “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                                      "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Certo, il mio termine "cavie" era leggermente ironico.

                                        Ma parliamoci chiaro, che il rischio fosse basso era chiaro dall'inizio.
                                        Ricordo studi su una possibile correlazione tra linee alta tensione e tumori negli asili vicini, e altri simili... per quanto ne so le conseguenze sulla salute sono sempre risultate indistinguibili dal "rumore di fondo".

                                        Non dico di smettere di fare indagini e studi, ma non possiamo neanche continuare a spaventarci per studi come quello dell'istituto Ramazzini (se ricordo bene) nel quale il medico fa anche confusione tra termini tecnici importanti come frequenza e potenza.

                                        Insomma, anche per l'amianto si è minimizzato ma con DOLO, perchè alcuni hanno nascosto evidenze mediche già note decenni fa.
                                        E dopo pochi anni la verità è tristemente emersa.

                                        Con le onde elettromagnetiche si è fatto il contrario: tanti studi, tante ansie, e nessun risultato realmente preoccupante per gli impieghi normali.

                                        Concentrerei le paure su qualcosa di più minaccioso
                                        Appassionato (esperto?) di risparmio energetico e veicoli elettrici.
                                        I miei articoli qui:
                                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Io il termine cavie l'ho utilizzato invece senza ironia

                                          Di studi ne ho inseriti tanti nella discussione chiusa. Sarebbe un po'ridondante ripeterli nuovamente.
                                          Comunque nessuno è stato in grado di smentirli o di dichiarare l'incompetenza dei relatori. Ad esempio in riferimento alle conclusioni dei medici dell'ISDE, i molteplici studi sulle api, quelli sugli effetti negativi sulla vegetazione, ecc. Tranne il forumista livoroso che parlava di università del Burundi, ovviamente, ma vabbè, quello è un caso borderline...
                                          "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                                          “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                                          "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                                          Commenta


                                          • #22
                                            si può smetire uno studio che AFFERMA, con un altro studio che AFFERMA una cosa diversa

                                            il sig. Rossi dice che se scaldi l'acqua a 32,4 gradi alle 15:00 di giovadì bolle
                                            il sig. Bianchi scrive una relazione dove dimostra con precisione cronometrica di avere eseguito 8 volte l'esperimento con esisto nagativo per cui ritiene quando detto invalido

                                            ma se al contrario il sig. Rossi scrivesse un trattato di 400 pagine dove sostiene che nessuno è mai riuscito a dimostrare in maniera incofutabile che sia assolutamente impossibile che in qualsiasi situazione di pressione, temperatura, umidità, interferenze temporali, maledizioni & benedizioni l'acqua non possa bollire a temperature inferiori a quelle che la fisica sotiene in relazione alla pressione assoluta dell'ambiente il sig. Bianchi non riuscirà mai a dimostrare che quanto affermato (affermato ...... scusate l'estrema volgarità di quest'ultimo termine) dal sig. Rossi sia una grandissima minchiata

                                            cosa c'entra con il 5G ?
                                            le persone intelligenti lo hanno capito, quelle "diversamente intelligenti" si divideranno in due categorie
                                            - quelli che non riescono davvero a capirlo
                                            - quelli che pur avendolo capito hanno, o pensano di avere, interesse a far finta di non capire

                                            NON esistono studi che hanno rilevato danni reali a fronte di emissioni elettromagnetiche di quel tipo
                                            ESISTONO studi che li hanno cercati e non li hanno trovati
                                            ESSITONO studi che affermano che potrebbero esistere quantunque loro stessi non possono affermare che esistano danni

                                            non esistono elementi pre dibattera con la prima categoria, ma non esistono strutturalmente
                                            è facile dibattere sulla seconda categoria
                                            è impossibile, PER PERSONE INTELLIGENTI, dibattere in maniera costruttiva e seria con la terza categoria, per le stesse identiche ragioni dell'esempio citato

                                            immagina WW che ti chiedessi d dimostrami con studi complessi, reali ed inoppugnabili che sia da escludere al 100,000000000.% che non possano esistere situazioni in cui il miele delle api possa determinare qualsivoglia problemi di qualsivoglia genere ai maschi, alle femmine, ai giovani, agli anziani, all'ambiente, all'economia del pianeta, allo studio della scienza quantistica, all fede in dio padre
                                            ti troveresti nella stessa identica situazione perchè potresti solo dire che "in relazione ad prove ed sesperienze ....." ma non saresti mai e poi mai in grado di fornirmi prova assoluta ed in questo modo mi autorzzeresti di fatto a farti una campagnia contro che si baserebbe NON SU STUDI MIEI (come sarebbe nella logica scientifica classica) ma sulla mancanza di tuoi studi a totale tacitazione delle miei ipotesi

                                            per cui stai attento a quello che dici
                                            ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato
                                            " Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato " ( Dalai Lama )

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Sforzo encomiabile per far capire la differenza fra il verbo "provare" nel metodo scientifico e lo stesso verbo nel "metodo ecosilvestre"! Ma purtroppo temo che sarà "diversamente capito"!
                                              NESSUNO degli studi citati da chiunque qua o altrove ha portato prove statistiche o sperimentali di danni alla salute prodotti dall'UTILIZZO, nelle condizioni di normale uso, delle emissioni eletromagnetiche. Tantomeno del 5G!
                                              La reazione di "principio di prudenza elevato al cubo" è quella di affermare "si, vabbè.... è vero che non ci sono prove conclusive della pericolosità! Ma sappiamo che quelle onde in CERTE CONDIZIONI possono determinare ("possono determinare" è diverso da "determinano"!) patologie in alcuni animali da laboratorio! Quindi, anche se molto utile e probabilmente necessario per la crescita tecnologica ed economica NON ci convincerete mai che questo 5G sia innocuo! Perchè NON avete studi, dati, statistiche che PROVINO questa innocuità!
                                              Spostando il problema nell'ambito medico la cosa si potrebbe paragonare allo studio di un nuovo farmaco. Magari una cura contro una qualche infezione virale (così... tanto per sparare una cosa a caso!).
                                              Chi lo ha progettato e sviluppato lo propone. La comunità medica cerca di analizzarne i pericoli e propone di studiarlo.
                                              A questo punto avremo tre possibilità:
                                              A) Il farmaco è assolutamente e totalmente innocuo. Anche più del monossido di diidrogeno che di solito viene preso a paragone (ma che, ricordo, è responsabile comunque della morte di migliaia di persone ogni anno!). Peccato che nessuno potrà mai davvero "provarlo" in quanto NON è scientificamente possibile escludere una possibilità che non vada contro qualche legge basilare naturale (ed a volte non è possibile nemmeno per qualcosa che va apparentemente contro le leggi naturali).
                                              b) Il farmaco fa parte della classe "normalissimi farmaci" e quindi prevede ambiti precisi, dosi, indicazioni stringenti per essere utilizzato in RELATIVA, REALISTICA sicurezza! Ma anche così permane una minima potenzialità di danno (per reazione allergica, ipersensibilità, ecc.) che però NON è minimamente paragonabile al vantaggio apportato alla salute generale dal farmaco e quindi il farmaco è approvato.
                                              c) Il farmaco rivela gravi effetti collaterali, PROVATi e STATISTICAMENTE SIGNIFICATIVI che superano di gran lunga i benefici apportati ed il farmaco viene quindi cancellato e non più usato.
                                              In medicina NON esiste, ovviamente, il "principio di prudenza". O NESSUN farmaco verrebbe mai utilizzato "metti che te pii una anemia aplastica da antinfiammatorio!! No! No! Tieniti il mal di denti!". Questo lo dice ovviamente quello che il mal di denti non ce l'ha!).

                                              La discussione sugli "studi favorevoli alle multinazzzionali del 5G" e l'eroica pattuglia di laureati del Burundi assunti al Ramazzini che offrono la loro opera ideologizzata a beneficio dell'umanità in realtà NON ha alcun senso. In quanto NESSUNO di questi eroici burundesi è MAI riuscito a proporre un solo studio che si ponga nella categoria C) sopra indicata!!
                                              Qui NON esiste una dicotomia fra "Studi favorevoli" e "studi non favorevoli"!!
                                              C'è solo un interessato utilizzo ideologico di studi che IPOTIZZANO POSSIBILI danni SENZA riuscirne a provare NEMMENO UNO (a parte lo schwannoma cardiaco nel Ratto bombardato per mesi da dosi massicce di radiazioni, ovviamente! Maschio però eh! Mi raccomando! Già la ratta se ne sbatte alllegramente!).
                                              E c'è un disinvolto e furbesco utilizzo di studi che RIGUARDANO ALTRO (i danni di un cellulare tenuto premuto sull'orecchio per ore NON c'entrano UNA FAVA con i potenziali danni da onde del 5G!!! Cerchiamo di CAPIRE di cosa parliamo prima di renderci ridicoli con l'ennesima citazione delle misure prudenziali DEFINITE DA ANNI dalla medicina e che riguardano zone sensibili del corpo umano tenute a stretto contatto con sorgenti di emissione elettromagnetica!
                                              Come dice giustamente Nll, questa nuova tecnologia non aumenterà, anzi semmai RIDURRA' l'esposizione ad una radiazione a cui moltissime persone sono esposte DA DECENNI! E che non hanno MAI mostrato alcuna significativa ricaduta epidemica!
                                              La frottola della "esplosione di tumori infantili" è del tutto inventata! Una menzogna creata di sana pianta che è smentibile in cinque minuti da uno studente di medicina!
                                              Ultima modifica di BrightingEyes; 18-06-2020, 19:21.
                                              “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                              O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Originariamente inviato da B_N_ Visualizza il messaggio
                                                NON esistono studi che hanno rilevato danni reali a fronte di emissioni elettromagnetiche di quel tipo
                                                Falso
                                                "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                                                “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                                                "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Sinceramente io ero più propenso ad essere contrario non alla pura tecnologia della trasmissione dati con questa tecnologia che in fondo è solo dovuta alla tecnologia del saper "leggere" frequenze /onde più ravvicinate ma più che altro per le abnormi e prevedibili conseguenze sociali che questo abuso della tecnologia porteranno.Ma il fatto che il campo elettromagnetico naturale sarà artificialmente aumentato dalle parecchie centinaia di volte attuali a migliaia mi stà facendo diventare sempre più scettico sul reale bisogno di attuare questa e/o altre tecnologie.Perchè penso/spero siate consci del fatto che è un bisogno indotto e non una reale necessità....Secondo me....Metto un due link sperando che vengano aperti...La verita: 5G inquina tre volte piu di 2G, 3G e 4G messi insieme. E fino a 64 antenne irradieranno un solo Smartphone! – Oasi Sana ...Nuovi limiti di sicurezza per le radiazioni di cellulari e 5G ...Cellulari e Wi-Fi: per gli scienziati di Bionitiative servono nuovi limiti di sicurezza ... ... Conclusions from the BioInitiative Report 2012 .... PS Penso siamo tutti d accordo che siamo costituiti da chimica+elettricità/elettromagnetismo.O no?
                                                  Ultima modifica di diezedi; 18-06-2020, 19:36.
                                                  diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da BrightingEyes Visualizza il messaggio
                                                    NESSUNO degli studi citati da chiunque qua o altrove ha portato prove statistiche o sperimentali di danni alla salute prodotti dall'UTILIZZO, nelle condizioni di normale uso, delle emissioni eletromagnetiche.
                                                    Falso. Tra gli studi riportati ce ne sono che dimostrano invece.


                                                    La discussione sugli "studi favorevoli alle multinazzzionali del 5G" e l'eroica pattuglia di laureati del Burundi assunti al Ramazzini che offrono la loro opera ideologizzata a beneficio dell'umanità in realtà NON ha alcun senso.
                                                    Falso. È invece provato il legame tra enti di ricerca, politica (es. Conflitto di interessi Colao) e industria TLC.

                                                    Medici del Burundi: ISDE.
                                                    Membri del comitato scientifico italiano:
                                                    Di Ciaula Agostino (Internista al P.O. Bisceglie) – Segretario Scientifico e Presidente del Comitato Scientifico
                                                    Alleva Renata (Specialista in Scienza dell’Alimentazione; Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie, Università di Bologna)
                                                    Bai Edoardo (Medico del lavoro. Già Direttore Dipartimento Asl Melegnano)
                                                    Belpoggi Fiorella (Direttrice dell’Area Ricerca del Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni dell’Istituto Ramazzini)
                                                    Bianchi Fabrizio (Responsabile della Sezione Epidemiologia dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche/CNR di Pisa)
                                                    Biggeri Annibale (Ordinario di biostatistica e statistica medica al Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni ‘G. Parenti’ dell’Università di Firenze)
                                                    Buiatti Marcello (Ordinario di Genetica dell’Università di Firenze, Fondazione Toscana Sostenibile)
                                                    Crosignani Paolo (già Direttore U.O. Registro Tumori dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano
                                                    Donzelli Alberto (Specialista in Igiene e Medicina Preventiva e in Scienza dell’Alimentazione. Già Direttore del Servizio di Educazione all’Appropriatezza ed EBM dell’ex ASL di Milano)
                                                    Gennaro Valerio (Epidemiologo dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova)
                                                    Gentilini Patrizia (Onco-ematologa ISDE Forlì)
                                                    Migliore Lucia (Professore Ordinario al Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia dell’Università di Pisa)
                                                    Missoni Eduardo (Docente di Salute Globale presso l’Università Bocconi e l’Università Bicocca di Milano)
                                                    Modonesi Carlo (Professore di Ecologia Umana, Università di Parma)
                                                    Ridolfi Ruggero (Onco-endocrinologo ISDE Forlì)
                                                    Tamino Gianni (Docente di Biologia al Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova)
                                                    Zambon Paola (Epidemiologa; già titolare del Registro Tumori del Veneto)


                                                    Associazioni mediche ISDE international:

                                                    Algeria

                                                    Association for the Protection of the Environment and Sustainable Development (APEDD); Association des jeunes volontaire pour la protection et la sauvegarde de l'environnement (AJVPSE)
                                                    Argentina

                                                    Asociación Argentina de Médicos por el Medio Ambiente (AAMMA)
                                                    Australia

                                                    Doctors for the Environment (Australia) Inc. (DEA)
                                                    Austria

                                                    Ärztinnen und Ärzte für eine Gesunde Umwelt (ÄGU) - ISDE Austria
                                                    Bangladesh

                                                    Environment and Social Development Organization (ESDO)
                                                    Belgium

                                                    Belgische Artsen voor het Milieu - Médecins Belges pour l'Environnement
                                                    Canada

                                                    Canadian Association of Physicians for the Environment (CAPE)
                                                    Ecuador

                                                    Corporación para el Desarrollo de la Producción y el Medio Ambiente Laboral
                                                    France

                                                    Médecins du Monde
                                                    France

                                                    L'Association pour la Recherche Thérapeutique Anti-Cancéreuse, ARTAC
                                                    Germany

                                                    Ökologischer Ärztebund (ÖÄB)
                                                    India

                                                    Orissa State Volunteers and Social Workers Association (OSVSWA)
                                                    Italy

                                                    Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia
                                                    Kenya

                                                    Association of Physicians and Medical Workers for Social Responsibility, PSR Kenya
                                                    Macedonia

                                                    Zdruzenie na Doktori za zivotna sredina MADE
                                                    Pakistan

                                                    Sustainable Development Policy Institute (SDPI)
                                                    Netherlands

                                                    Nederlandse Vereniging voor Medische Milieukunde (NVMM)
                                                    Sweden

                                                    Läkare för Miljön (LfM)
                                                    Switzerland

                                                    Ärztinnen und Ärzte für Umweltschutz, Mèdecins en Faveur de l'Environnement, Medici per l'Ambiente (AefU)
                                                    Turkey

                                                    Cevre Icin Hekimler Dernegi
                                                    Ukraine

                                                    Green Doctors - Ukrainian Association of Doctors for the Environment
                                                    UK

                                                    British Society for Ecological Medicine (BSEM)
                                                    USA

                                                    Physicians for Social Responsibility (PSR)
                                                    Uzbekistan

                                                    Center Perzent - The Karakalpak Center for Reproductive Health and Environment




                                                    Oh, ma quanti ne sforna il Burundi eh!?
                                                    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                                                    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                                                    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Io intanto mi sono ordinato questo: Xperia 1 II - Built For Speed - YouTube
                                                      Ovviamente supporto al 5G.
                                                      Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Originariamente inviato da diezedi Visualizza il messaggio
                                                        Metto un due link sperando che vengano aperti...
                                                        Ma scherzi??? Da aprire subito!
                                                        Fra l'altro impariamo dall'esilarante elenco delle "terapie naturali" (Terapie Naturali – Oasi Sana), ricche di consigli su come liberare il colon tramite idroterapia da feci tossiche (mia nonna lo chiamava "clistere"... povera donna ignorante!) o come avventurarsi sulla via dell'Ayahuasca a cercare il Kambo o il Reiki, ma con una borraccia di Acqua di quinton dietro... che esiste già la soluzione ai pericoli del 5G! Basta dotarsi di apposite piramidi, sfere o cubi di Shungite!!! (Ovviamente acquistando il libro proposto dal sito!) che, come credo sia ormai conoscenza comune non più solo riservata alle alte sfere della medicina, è ricca di fullereni (molecole ATOSSICHE di carbonio!!). Una bella collana di "molecole" di Buckminsterfullerene (Buckminsterfullerene - Wikipedia) e passa la paura del 5G!! Cristalloterapia: la Shungite attenuta i pericoli dell’Elettrosmog – Oasi Sana

                                                        Originariamente inviato da diezedi Visualizza il messaggio
                                                        PS Penso siamo tutti d accordo che siamo costituiti da chimica+elettricità/elettromagnetismo.O no?
                                                        Si. Ma temo che sia come mescoli le cose a fare la differenza. Specie nelle cellule del SNC.

                                                        P.S. Non basta starnazzare "falso!" quando si vogliono smentire affermazioni altrui. Occorre portare dati a conferma!
                                                        NON esiste alcuno studio che porti PROVE statistiche o sperimentali di DANNI ALLA SALUTE prodotti dall'esposizione alle onde elettromagnetiche delle antenne per i cellulari NELLE NORMALI CONDIZIONI D'USO!!!
                                                        Non ce n'è! Zero! Nisba! Null!
                                                        L'elenco di associazioni ideologizzate eco-estremistiche lo possiamo fare in qualsiasi campo. Restano pochi esaltati, in molti casi sostenitori della famosa "decrescita felice", che per sostenere le proprie tesi possono contare su studi e firme esattamente comparabili a quelle disponibili per certficare l'efficacia della Shungite!
                                                        Per l'idroterapia del colon invece ammetto che esiste un'ampia casistica sia statistica che sperimentale!
                                                        Ultima modifica di BrightingEyes; 18-06-2020, 20:03.
                                                        “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
                                                        O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
                                                          Io intanto mi sono ordinato questo: Xperia 1 II - Built For Speed - YouTube
                                                          Ovviamente supporto al 5G.
                                                          Saranno 800-1000 euro???

                                                          Io invece sto pensando di far fuori lo smartphone e di ritornare a questo
                                                          l'ho appena messo in carica e riacceso. Funziona alla perfezione!
                                                          "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
                                                          “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
                                                          "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Costicchia ma a me piace. Ma sai venendo alla tua idea: Ho provato ad inserire la scheda nel T28S. Sai che non si aggancia alla cella? E ho provato in due esemplari per vedere se fosse il telefono. Neanche in quello. Boh...
                                                            Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR