annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Discussione su circuiti RL e RC

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Discussione su circuiti RL e RC

    Cao a tutti on Lilian87 e mi chiedevo se qualcuno di voi pu darmi una mano con le equazioni differenziali che riguardano i circuiti RL e RC:<br><br>Per i circuiti RL (nei miei appunti ) si ricava che E = Vr + Vl ---&#62; E = ( R * i ) + [ L * ( di/dt ) ] e fino a qui, niente di anomalo....... poi scrivendo l&#39;equazione di Kirkhoff ricavo :<br><br>E - [ L * ( di/dt ) ] = ( R * i ) ---&#62; poi i passaggi del prof diventano un po&#39; strani <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7436354a6221a9046b2d49c2b19eeeb1.gif" alt=":sick:"> ....... (per me)<br><br>invece per i circuiti RC ricavo che E = Vr + Vc ---&#62; e poi mi blocco...... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/db63978c31b61cefa4bf327564b89fbb.gif" alt=""><br><br>Se esiste una persona, dotata di molta pazienza, che mi aiuti a capire queste equazioni differenziali per trovare la extracorrente di chiusura e la extracorrente di apertura, beh ...... si faccia avanti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/108782332e7c03ecdffd437e968c17a8.gif" alt=":wub:"> ..... please

  • #2
    Ciao,<br>trovi un valido ripasso ai tuoi appunti qui: <a href="http://www2.polito.it/ricerca/cadema/repetto/capitolo7.swf" target="_blank">http://www2.polito.it/ricerca/cadema/repetto/capitolo7.swf</a>

    Commenta


    • #3
      Grazie ma su questo sito ci sono gi&agrave; stata e nn quello che cerco......

      Commenta


      • #4
        <b>Comunque sono riuscita ad andare un po&#39; avanti...........</b><br><br><br> E = L <i>di / dt </i> + R i -----&#62; dividendo tutto per L ottengo<br><br> E / L = <i>di / dt </i> + R / L -----&#62; sapendo che L/R = (tau) allora R/L sar&agrave; = 1/(tau) ; quindi<br><br> E / L = <i>di / dt </i> + i / (tau) ------&#62; e ora mi sono bloccata nuovamente<br><br><br><b>E per i circuiti RC arrivo allo stesso punto:</b><br><br><br> E = Vr + Vc ----&#62; sapendo che i = C * [ dVc / dt ]<br><br> E = R i + Vc ----&#62; sostituisco l&#39;espressione di i<br><br> E = R C [ <i>dVc / dt</i> ] + Vc ----&#62; divido tutto per RC e trovo<br><br> E / RC = [ <i>dVc / dt </i> ] + Vc / RC ----&#62; sapendo RC = (tau)<br><br> E / (tau) = [ <i>dVc / dt </i> ] + Vc / (tau) ----&#62; e ora ? ........... help&#33;&#33;&#33;

        Commenta


        • #5
          comincia dall&#39;equazione differenziale<br>dx(t)/dt=Ax(t)+B<br>che ha soluzione<br>x(t)=K*e^At - B/A<br>K la ricavi dalle condizioni iniziali<br>Ciao<br>

          Commenta


          • #6
            HO TROVATO TUTTI I PASSAGGI MA NON LI CAPISCO CHI ME LI PUO&#39; SPIEGARE PLEASE........<br><br><br>questi sono i passaggi :<br><div align="center"><div class="code_top" align="left"><b>CODICE</b></div><div id="code" align="left">&#46; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;<br> &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;di<br> &nbsp;E &nbsp;&#61; &nbsp;R &nbsp; i &nbsp;+ &nbsp; L &nbsp; ----- &nbsp; &nbsp;<br> &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;dt<br><br><br> &nbsp; &nbsp; di &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; 1 &nbsp;<br> --------- &nbsp;&#61; &nbsp; ------ &nbsp;dt &nbsp; &nbsp; &nbsp;<br> &nbsp;E - R i &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;L<br><br><br> &nbsp;d ( E - R i ) &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;R<br>-------------- &#61; &nbsp; - &nbsp; ----- dt &nbsp;<br> &nbsp; &nbsp; E - R i &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; L<br><br><br> &nbsp; &#124; i &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;&#124; t<br> &nbsp; &#124; &nbsp; &nbsp; &nbsp;d &nbsp;( E - R i ) &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; R &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &#124;<br> &nbsp; &#124; &nbsp; &nbsp;------------------ &nbsp; &nbsp; &#61; &nbsp; - -------- &nbsp; &nbsp; &nbsp; &#124; &nbsp; dt<br> &nbsp; &#124; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp;E &nbsp;- R i &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; L &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &#124;<br> &nbsp; &#124; 0 &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &nbsp; &#124; 0</div></div><br><br>N.B. Le righette verticali rappresento il simbolo di integrale

            Commenta


            • #7
              Ma non capisci i passaggi matematici o il significato elettrotecnico?

              Commenta


              • #8
                Non capisco i passaggi matematici.......<br>potresti spiegarmeli......<br><br>non capisco precisamente questo : di / E - R i = dt / L ---------&#62; d( E - R i ) / E - R i = ( - R / L ) dt<br><br>come fa &quot; i &quot; ad essere sostituita da &quot; E - R i &quot; ....... scusa ma la derivata di &quot; i &quot; nn uguale a &quot; dQ / dt &quot;?????<br><br>te ne sarei grata eternamente........ <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ab314d3f39222fbf2ed4cf8153f14749.gif" alt=""> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ab314d3f39222fbf2ed4cf8153f14749.gif" alt=""><br><br><span class="edit">Edited by Lilian87 - 10/7/2007, 17:45</span>

                Commenta


                • #9
                  Francamente questo passaggio inutile, e capisco possa creare confusione. Io lo avrei evitato... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c222d5eb244c9c50dca2a45655493adf.gif" alt="-_-"><br>Comunque per avere <i>d(E-Ri)/(E-Ri)</i> che facilmente integrabile ( =<i>ln(E-Ri) + cost.</i>), hanno considerato <i>d(E-Ri)=-Rdi</i> .<br>Quindi hanno sostituito <i>di</i> con <i>d(E-Ri)/(-R)</i>. Infatti ti ritrovi <i>-R/L</i> nell&#39;altro membro dell&#39;equazione. Prima avevi <i>1/L</i>.<br><br>Aaaah .... ora mi godo la tua riconoscenza eterna&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5da169692476d61546572500fbaead9f.gif" alt=""><br>Ciao

                  Commenta


                  • #10
                    nn mi molto chiaro questo passaggio, cio hanno considerato la derivata di ( E - R i ) uguale a - R per la derivata di i ....... mah, cmq ora riprovo a sostituire questa d i ......<br>se nn ti di troppo disturbo mi daresti una mano anche con questa:<br><br>E = R i + Q/C ----&#62; E = R ( dQ / dt ) + Q/C -----&#62; E - ( Q/C ) = R (dQ / dt ) ----&#62; dQ / C ( E - Q )= dt /RC

                    Commenta


                    • #11
                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Lilian87 @ 10/7/2007, 20:00)</div><div id="quote" align="left">hanno considerato la derivata di ( E - R i ) uguale a - R per la derivata di i ....... mah</div></div><br>Guarda che pi semplice di quello che sembra (con E e R costanti per&#33. In generale <i>d(Ax+B)=d(Ax)+d(B)=Adx+0=Adx</i> con A e B costanti<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Lilian87 @ 10/7/2007, 20:00)</div><div id="quote" align="left">E = R i + Q/C ----&#62; E = R ( dQ / dt ) + Q/C -----&#62; E - ( Q/C ) = R (dQ / dt ) ----&#62; dQ / C ( E - Q )= dt /RC</div></div><br>E&#39; sempre la stessa cosa:<br><br>pensa al caso generale: <i>dx/(Ax+B)</i> integrato d&agrave; <i>ln(Ax+B)/A + cost.</i><br><br>ciao

                      Commenta


                      • #12
                        ah vero, nn avevo pensato ke E ed R erano costanti........<br>OK GRAZIE MILLE&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br>SMACK SMACK SMACK

                        Commenta


                        • #13
                          <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d9306dadcf7ba550b8138c62f673cec4.gif" alt=":wub:">

                          Commenta


                          • #14
                            Ecco perch sono andato a studiare all&#39;estero... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/573c0ac33c504a061b033cb479e5cd17.gif" alt=""><br><br>Cambia prof dai retta...<br>Ma ti pare il modo di insegnare quello...<br>Senti il Genco, dai retta, che meglio... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3fc233d91290edf2e9936d9297f99cc1.gif" alt=":lol:"><br>Un consiglio da chi ci passato prima. Trovati qualche libro di testo serio in lingua, cerca prima di capire immaginativamente o anche meglio dalla realt&agrave; delle misure cosa stai modellando e poi risolvi con il calcolo differenziale.<br>Non so quanto sia corretto il passaggio di cui sopra in quanto di/dt indica la variazione della corrente in funzione del tempo e sinceramente trattarli come semplici termini di un&#39;equazione di primo grado mi lascia perplesso.<br>Inoltre importante capire che si sta trattando con costanti, come diceva giustamente Stevening, R costante e L pure, ma tensione E=Ri un termine realte mentre la Ldi/dt un termine immaginario. Quindi termini non esattamente omogenei. Che in alcuni casi questo possa portare ad un risultato corretto non significa che l&#39;impostazione del modello sia corretta in toto.<br>Forse questo link ti pu aiutare un p, io non riesco ad essere pi chiaro di cos.<br><br><a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Circuito_RL" target="_blank">Circuiti RL</a><br><br>E poi vorrei sapere (ma gi&agrave; lo so) per quale motivo l&#39;approccio anglosassone diverso e forse questo ti pu aiutare di pi.<br><br><a href="http://en.wikipedia.org/wiki/RL_circuit" target="_blank">Ancora RL</a><br>

                            Commenta


                            • #15
                              Scusa Lawrence, ma scrivendo cos confondi Lilian ancora di pi. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1a36d2c79dd0efc89b7bfd2fbc130076.gif" alt=":wacko:"><br>L&#39;equazione differenziale un ottimo modello che pu darti soluzioni (numeriche <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0865f911ad6219f66340661145c30ef7.gif" alt=""> ) con qualunque segnale e parametri variabili.<br>L&#39;ipotesi di L, R costante una semplificazione per poter risolvere l&#39;equazione in forma simbolica e capire il significato di R/L e l&#39;andamento esponenziale.<br>Ldi/dt NON immaginario&#33;&#33; Lo sar&agrave; l&#39;<u>impedenza</u> di un induttore (nell&#39;ipotesi di utilizzare i fasori, cio di lavorare in frequenza), ma un discorso diverso.<br>Ciao

                              Commenta


                              • #16
                                i(t) funzione reale di variabile reale, quindi analogamente lo sar&agrave; anche la di(t)/dt. Se Ldi/dt fosse puramente Im, allora si dovrebbe separare l&#39;eq. rispettivamente nella sua parte Re e parte Im e risolvere il sistema cos ottenuto. Ma non questo il caso.

                                Commenta


                                • #17
                                  Intanto grazie Lawrence, il link di wikipedia lo avevo gi&agrave; visto, per credo che dar un&#39;okkiata anche al secondo(quello in inglese) mi sembrato che tratti l&#39;argomento in maniera un po&#39; diversa..........<br><br>Invece StevenING ( lo so che sono una gran rompi p<span style="font-size:8pt;line-height:100%">xxx</span>e &#33;&#33;&#33;&#33;&#33; ) l&#39;equazioni allora diventa cos:<br><br><br><br>di / E - R i = dt / L -----&#62; sostituisco di con [ - R ] ------&#62; ln &#124; E - R i &#124; / - R = ( 1 / L ) ( dt ) ----&#62; moltiplicando da entrambe le parti per -R<br><br>avremo ----&#62; ln &#124; E - R i &#124; = ( - R / L ) dt

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Non proprio ....<br>Devi integrare da <u>entrambe</u> le parti:<br><i>ln ( E - R i ) +cost. = (-R / L ) <b>t</b> + cost.</i><br>vai avanti tu ora ... ci sei quasi&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6f83bc97fed461e82f169755435104cc.gif" alt=""><br>Ciao

                                    Commenta


                                    • #19
                                      pero&#39; ora, guardando il libro, c&#39; scritto:<br><br>integrando tra gli estremi t = 0 , i = 0 e t , i avremo come risultato<br><br>E - R i / E = e ^ -(R/L) t ????<br><br>nn mi molto chiaro &#33;&#33;&#33;

                                      Commenta


                                      • #20
                                        puoi fare in due modi:<br><b>con l&#39;integrale definito</b> (con gli estremi che indichi tu come condizioni iniziali):<br><br>ln(E-Ri)-ln(E-R*0)=-(R/L)t+(R/L)*0<br><br>ln[(E-Ri)/E]=-(R/L)t<br><br>(E-Ri)/E=e^-(R/L)t<br><br>E-Ri=E*e^-(R/L)t<br><br>oppure <b>integrale indefinito</b>:<br><br>ln ( E - R i ) +cost. = (-R / L ) t + cost<br><br>E-Ri=e^-(R/L)t+cost.<br><br>E-Ri=K*e^-(R/L)t con K costante da calcolare alle condizioni iniziali<br><br>per t=0 i=0 allora E-R*0=K*1 e quindi K=E (come sopra con il primo metodo)<br><br>Il secondo metodo molto pi pratico a mio avviso, anche perch potresti avere altre condizioni iniziali<br>Ciao<br><br>

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Ciao lilian, ho fatto una simulazione numerica per alcuni valori di L ipotizzando una tensione in ingresso con un picco parabolico. Potresti provare a farlo a mano come esercizio....<br>Ecco il risultato:<br><br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c3078da4ad1e8240985e7f2516f437fe.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ma per il circuito RC il procedimento lo stesso???<br><br>xch sono arrivata a questo punto E - Q / C = R dQ / dt e nn capisco come hanno fatto a fare questo<br><br>dQ / C E - Q = 1 / RC dt ........... nn capisco, la C come fa a trovarsi vicino la E e vicino la R ????

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Non mia intenzione confondere le idee a nessuno, ma ho qualche dubbio se mi consentite.<br>Se parliamo di regime statico l&#39;induttanza della bobina zero. Un semplice corto circuito in parallelo ad una resistenza attraverso la quale non passa alcuna corrente e ai cui capi non vi nessuna tensione. E su questo non credo ci sia modo di discutere a meno che non ci siano novit&agrave; che non conosco.<br><br>Se abbiamo una variazione dello stato delle cose, cio se abbiamo che di/dt sia diverso da zero, allora l&#39;impedenza comincia ad avere un senso nel discorso. Ma a regime di corrente e/o tensione variabile l&#39;induttanza in un circuito puramente teorico come quello ipotizzato ha un senso. Stiamo parlando di frequenze eccome, dal momento che abbiamo introdotto un disturbo o una variazione di dv/dt questa ha la conseguenza di variare la di/dt. La fase delle due grandezze varia e per questo che sto parlando di incongruenza tra la parte resistiva e quella induttiva. Ecco perch si usa ovunque scrivere delle equazioni vettoriali del tipo:<br><br>V(t)=Ri+i Ldi/dt<br><br>Ma, bisognerebbe partire da un circuito reale dove R e L sono in serie ed il generatore della tensione variabile che introduce il disturbo li alimenta. Quello che contestavo al sistema educativo, che vengono sempre impiegati esempi sconcertanti di circuiti RL o RC o di altri tipi dove si suppone questo e quello senza che la supposizione abbia un senso. Forse qu che stanno le divergenze parallele <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d5552238cf52e725246c551d54835648.gif" alt=":wacko:"><br><br><br>Forse ancora quest&#39;esempio pu aiutare?<br><br><a href="http://en.wikipedia.org/wiki/Inductance" target="_blank">Induttanza</a>

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Stiamo parlando di transitori. La L <u>sempre reale </u> e vale l&#39;equazione differenziale indicata prima.<br>Non parliamo di impedenza (Z=jwL) e di fasori.<br> V(t)=Ri+<b>i</b> Ldi/dt<br>La <b>i</b> cosa rappresenta? la parte immaginaria o una corrente? In entrambi i casi l&#39;espressione comunque sbagliata.<br>Il discorso della variazione di fase evidente nei miei grafici, anche se solo per un picco parabolico. Si pu vedere infatti un accenno di sfasamento (tensione/corrente).<br>Ciao

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Lilian87 @ 11/7/2007, 15:22)</div><div id="quote" align="left">Ma per il circuito RC il procedimento lo stesso???<br><br>xch sono arrivata a questo punto E - Q / C = R dQ / dt e nn capisco come hanno fatto a fare questo<br><br>dQ / C E - Q = 1 / RC dt ........... nn capisco, la C come fa a trovarsi vicino la E e vicino la R ????</div></div><br>

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Non ho voglia di rifarti tutti i passaggi <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/186a9c2fd59662d7b6e8e1ab0eca15e0.gif" alt=":P"><br>L&#39;equazione differenziale sempre la stessa. Usa la formula generica<br>dx(t)/dt=Ax(t)+B<br>che ha soluzione<br>x(t)=K*e^At - B/A<br>K la ricavi dalle condizioni iniziali<br>Ciao<br>

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Non vorrei interrompere l&#39;idillio, ma &quot;i&quot; sta per parte immaginaria o come la chiamate qu &quot;j&quot; non per corrente.<br>E comunque, in ogni caso e sempre vale che in un induttore i e v sono sfasati, i che ci circola e v ai suoi capi di 90 gradi. Oppure Faraday ha sbagliato qualcosa e occorre riscrivere tutti i libri.<br>Continuate pure... e scusate di nuovo.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Se sei interessato veramente a capire, ti posso spiegare dove sbagli.<br>Ciao<br><br>PS: Faraday non ha sbagliato, ovviamente.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Sarei curioso... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/45b446f31b39b6b1b702211151f55fbe.gif" alt=":unsure:"><br>Tanto per non cadere in equivoci, tu sostieni che variando la tensione ai capi di un induttore la corrente che lo attraversa non sfasata ma in fase, se si parla di transienti, tipo un impulso quadro con un tempo di salita trascurabile rispetto al valore dell&#39;induttanza presa in considerazione tipo 10nSec e un&#39;induttanza di 1H?<br>Almeno questo quello che ho capito fin dall&#39;inizio. Se poi ho capito male...ditelo.<br><br>Faraday non ha sbagliato? Ma dai... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/79d55984feecd1dc7726582aedf7606a.gif" alt=":lol:">

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            <b>StevenING aiutoooooooo&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#3 3;&#33;&#33;</b><br><br>mi sono bloccata su questo singolo passaggio<br><br>da questo dQ / E - ( Q / C ) = R ( 1 / dt ) come pu venire dQ / C * E - Q = ( 1 / RC ) dt ??<br><br>Se io derivo rispetto Q mi resta - 1 / C ??

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR