Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilità di proteggerlo dalla stupidità umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicità. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione è gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cavi elettrici unipolari e multipolari

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Cavi elettrici unipolari e multipolari

    Ciao. Sono nuovo del forum e mi piacerebbe avere dei chiarimenti in merito all'utilizzo dei cavi elettrici multipolari o unipolari. La distinzione circa la loro composizione materiale mi è chiara. Quel che non mi è completamente chiaro è la differenza funzionale che si può avere nella realizzazione dei circuiti elettrici con gli uni piuttosto che con gli altri. Se poi sapeste indicarmi siti, o anche testi, dove trovare esaurienti delucidazioni ne sarei grato.
    Grazie per la disponibilità e la pazienza.....

  • #2
    penso che ci si riferisca a cavi di alimentazione (tipo 3x1,5... 2x1,5) piuttosto che il singolo filo (es 1,5).

    In tal caso:
    le prime differenze sono applicative. Ad esempio per collegare un utensile elettrico (frigo, tv) è preferibile un cavo multipolare.. praticamente con un unico "filo" si trasporta fase, neutro e terra.

    Viceversa nelle canaline nelle crene dell'appartamento si preferiscono gli unifilari: c'è già la canalina che li tiene assieme..inoltre la guaina di richiusura generale comporterebbe solo un aumento degli ingombri.

    Ci sono poi altre considerazioni/caratteristiche che variano.. dalla capacità di trasporto (corrente) a una certa temperatura.. alla flessibilità, ecc.

    Altra cosa è la definizione di fili unipolari/multipolari. Per esempio si ritrovano quelli smaltati (motori, trasformatori, ecc.).
    Qui l'uso di uno o dell'altro può essere dettato da questioni di rigidità meccanica, questioni di "riempimento", questioni di frequenze (effetto pelle), ecc. ecc....
    Ultima modifica di gattmes; 26-04-2010, 15:56.

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

    Commenta


    • #3
      Grazie

      Grazie...è proprio il genere di info che cercavo. Sai mica se esistono testi o (meglio) siti che danno maggiori informazioni di questo genere? Grazie ancora

      Commenta


      • #4
        Ciao Giuseppe, ho capito cosa intendi.
        In base al tipo di posa utilizzato, si sceglie il tipo di cavo. Quello chiamato multipolare non è altro che più cavi all' interno di una guaina che hanno lo scopo principale di proteggere il cavo dagli urti, l'isolamento invece isola la parte dioelettrica tra di loro e previene il contatto diretto. Se vuoi prova questo link, spiega in modo semplice Cavi elettrici : come riconoscerli ed usarli | Elettricasa

        Commenta

        Sto operando...
        X
        TOP100-SOLAR