consigli caldaia pellet riscaldamento + acqua calda sanitaria - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

consigli caldaia pellet riscaldamento + acqua calda sanitaria

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • consigli caldaia pellet riscaldamento + acqua calda sanitaria

    Vi presento la mia situazione, abito nel centro Italia e devo acquistare per intero il sistema di riscaldamento e per acqua calda sanitaria per un abitazione di circa 270 m2.
    L'abitazione è stata ristrutturata, è una vecchia abitazione con muri in pietra molto spessi e altezza circa 3 m su un piano. Al momento ho deciso soltanto i radiatori in alluminio 5 in totale e gli infissi,, nuovi, no doppio vetro.
    Ora che ho iniziato ad informarmi sul sistema di riscaldamento da adottare e penso di scegliere sistema a biomassa magari abbinato in futuro a dei panneli solari.
    Sono orientato su caldaia a pellet clam vittoria, principalmente perchè non ho conoscenza degli altri prodotti e sono rimasto impressionato da una termofavilla sempre clam di un amico, ma altri consigli sono ben accetti.
    La spesa massima che vorrei sostenere è intorno ai 5000 €.
    Gli elementi su cui vorrei avere chiarimenti da parte vostra sono:
    - 26 o 34 Kw?
    - il puffer può essere installato successivamente?di che dimensioni?
    Passiamo ora alla le fantasie che mi sono venute, ma non sono poi così irrealizzabili...
    Posso disporre di potature di olivi, che andrebbero sminuzzate quindi avrei due possibilità per poterle utilizzare:
    - cippatrice + caldaia policombustibile ( e qui non so proprio a quale scegliere)
    - cippatrice + pellettatrice + vedi sopra.
    Aspetto vostri consigli...
    Grazie

  • #2
    e con 5000 euro vuoi montare caldaia cippato + installazione + cippatrice????
    riscaldamento a biomassa e PDC
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

    Commenta


    • #3
      quella era nella sezione fantasie ...per il momento caldaia e puffer e installazione penso sia sufficienti...una valutazione sulla realizzabilità delle mie fantasie da parte di persone esperte o che hanno esperienza diretta non mi dispicerebbe.

      Commenta


      • #4
        si, ma se voli di fantasia, devi pensare di prendere la caldaia di conseguenza.
        e 5.000 per una discreta caldaia a cippato compresa installazione....dubito.... fortemente !!!
        riscaldamento a biomassa e PDC
        Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

        Commenta


        • #5
          No intendevo caldaia clam vittoria a pellet...di che potenza avrei bisogno, é necessario puffer soprattutto perché andrà a riscaldare ambiente e acqua sanitaria?

          Commenta


          • #6
            ma è una caldaia o un termostufa?

            visto ora, caldaia.
            di che potenza? e come si fà a dirti se non si ha un quadro completo della situazione?
            riscaldamento a biomassa e PDC
            Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

            Commenta


            • #7
              CLAM

              Cosa vuoi sapere oltre alle informazioni che ho scritto nel primo post?
              Ultima modifica di Zanna91; 25-02-2013, 17:56. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente.

              Commenta


              • #8
                vicfree,tu hai detto casa 270 mt..5 termosifoni, a titolo di curiosità come sono composte le batterie dei termo?
                Con una caldaia tutta elettronica a cosa ti serve il puffer con il pellet ?
                Nelle tue "fantasie" ,oltre alla cippatrice e pellettatrice.... ricordati l'insaccattatrice

                Commenta


                • #9
                  Sono molto grandi...predisporre l'impianto su mura in pietra molto spesse mi ha posto dei grossi vincoli, ma ha anche i suoi vantaggi, l'estate non si patisce affatto il caldo...per l'inverno devo ancora provare .Mi sono fatto un idea dei prezzi e direi che devo proprio alzare il budget e mettere da parte le fantasie.Facendo un calcolo molto approssimativo dovrei aver bisogno di più di 30 KW e la caldaia a quel punto dovrebbe stare sopra i 5000 più supporto per ACS e installazione 6000 come minmo.Leggendo il forum ho appreso che é consigliabile sovradimensionare leggermente la caldaia per evitare on-off continui e tenerla costante al minimo.Visto il costo mi viene da chiedere rapporto qualità/prezzo é secondo voi buono?In generale preferisco spendere qualcosa in più per non dover aver problemi nel breve periodo.Quindi per ACS non avrei bisogno nemmeno di un bollitore?

                  Commenta


                  • #10
                    tu pensi che la 34 kw sia sovradimensionata? cosa sono questi on/of ? è un nuovo sport ? cosa fa questa caldaia,si accende e si spegne in continuazione ? lo leggo in varie discussioni "per evitare continui on/of ",sarei curioso di conoscere questo funzionamento...on/of

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da vicfree Visualizza il messaggio
                      Posso disporre di potature di olivi, che andrebbero sminuzzate
                      Quarda che, se un domani vorresti utilizzare combustibili diversi dal pellet, la caldaia che hai postato non è idonea.
                      Brucia esclusivamente pellet di legno.
                      Saluti
                      Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                      Commenta


                      • #12
                        Leggendo il forum ho appreso che é consigliabile sovradimensionare leggermente la caldaia per evitare on-off continui e tenerla costante al minimo
                        qiando le .... cadono cadono del tutto

                        se dopo anni ed anni di forum il risultato è questo credo proprio o che sia tempo sprecato parteciparvi o che ben pochi leggano ma arrivino diretti col loro dilemma credendo che sia l'unico e di cui MAI si sia prima parlato....

                        prendila da 1 Mega e vedrai che non avrai problemi
                        OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

                        Commenta


                        • #13
                          Se sono qui a chiedere informazioni vorrà dire che ho bisogno di conferme da parte vostra, rispondere con domande ironiche o battute non aiuta me, ne chi leggerà. Se ho scritto una grossa cavolata correggetemi, capisco che può essere snervante ripetere sempre le stesse cose o dover puntualizzare cose per voi scontate, ma le vostre risposte non mi sono per niente utili.
                          Non ho sicuramente letto tutto il forum, forse mi sono letto solo quei thread in cui venivano fornite risposte sbagliate.
                          Ripartiamo da zero.
                          Sarò più preciso,dato che anche io sono partito con il piede sbagliato, niente fantasie, voglio acquistare una caldaia a pellet per riscaldamento e acs, da ampliare successivamente con pannelli solari.
                          Calcolo per il fabbisogno energetico considerando un coefficiente termico medio anche se nel mio caso dovrebbe essere un pò più basso:

                          (270 mq x 3 mt) x 35 kcal/h = 28350 kcal/h e quindi (28350 x 4186,6) / 3600 = 32969,48 W che equivale a 33 KW circa

                          Quindi questo on-off non esiste, molto bene mettiamolo in chiaro. Quando la caldaia raggiunge la temperatura desiderata cosa succede?Diminuisce in automatico il pellet fornito alla caldaia?si spegne?
                          Come va regolata la caldaia a livello teorico e generale per un funzionamento ottimale?

                          Soprattutto per chi la possiede, quanti sacchetti servono al giorno o meglio riempiendo il serbatoio di 85 kg può bastarmi per un giorno?altrimenti penso di acquistare il serbatoio supplemementare.

                          E disponibile inoltre kit anticondensa?in quali situazioni risulta utile?
                          Mi confermate che posso fare a meno di un bollitore o puffer o comunque qualcosa per l'accumulo di acqua calda sanitaria?
                          Grazie per la disponibilità e pazienza e chiedo scusa per le precedenti inesattezze.

                          Commenta


                          • #14
                            l'ON/OFF in una caldaia esiste sempre.
                            meno ne fà, meglio è....
                            per questo consiglio l'utilizzo del puffer, ove possibile, anche con il pellet.
                            si lavora con termostati differenziali e si fanno meno ON/OFF e quelli che si fanno sono più lunghi, aumentando quindi la resa.
                            molti dicono il contrario, ma come sempre, libertà di opinioni.... (e a ben vedere, la mia non è solo un'opinione, visto che gli impianti sono il mio pane quotidiano, con e senza puffer)
                            riscaldamento a biomassa e PDC
                            Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da vicfree Visualizza il messaggio
                              Quindi questo on-off non esiste... Quando la caldaia raggiunge la temperatura desiderata cosa succede?Diminuisce in automatico il pellet fornito alla caldaia?si spegne?
                              ON-OFF non è una parola astratta ma, deriva dall'inglese (Acceso Spento).
                              Va da sè che, una caldaia accesa prima o poi si spenga e viceversa.
                              La gestione elettronica, nei generatori termici a biomassa di nuova generazione, ha introdotto un'ulteriore modalità chiamata "modulazione", oltre a tutta una serie di programmazioni particolari nella gestione bruciatore, utili a sopperire ad alcune carenze di cui sono afflitti.
                              E' risaputo che le caldaie a biomassa hanno un rendimento migliore ad elevate T° di lavoro, come è altresì noto che, non bisogna far subire shock termici alla caldaia che possono esse deleteri per la stessa.
                              Ed ecco che grazie anche a nuove tecnologie e a sistemi sempre migliori di gestione degli impianti idraulici, si riesce a gestire tutto il sistema termico, con più semplicità ed efficenza.
                              La premessa era d'obbligo per rispondere al quesito dell'amico vicfree sui dubbi evidenziati.
                              Che fa la caldaia quando arriva in temperatura?
                              Modula la fiamma, cioè, diminuisce la mandata del combustibile a biomassa e riduce la mandata d'aria comburente, fino a ridurla quasi del tutto ma senza spegnerla. Non appena il termostato caldaia chiama, si riporta nuovamente alla potenza di regime cui era impostata.
                              Come va regolata la caldaia a livello teorico e generale per un funzionamento ottimale?
                              I sistemi a biomassa necessitano di una T° di combustione cosidetta di regime, cioè una Temperatura in cui il sistema ha il miglior rapporto Resa/consumi, che va valutata secondo, la tipologia di generatore utilizzato, l'insieme di componenti dell'impianto e lo stile di vita di chi utilizzerà tutto il sistema.
                              Le migliori valutazioni le potrai fare con la consulenza di un Termotecnico che vedendo in loco la tua abitazione, eventuali impianti pre-esistenti e sopratutto le tue esigenze termiche, ti fornira risposte sicuramente più certe.
                              Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                              Commenta


                              • #16
                                (270 mq x 3 mt) x 35 kcal/h = 28350 kcal/h e quindi (28350 x 4186,6) / 3600 = 32969,48 W che equivale a 33 KW circa
                                e questo dato da cosa o da chi ti deriva?

                                la potenza si sceglie in base alle dispersioni e T° esterna di progetto della propria zona climatica, quindi o accetti il rischio di un pentolame sovradimensionato o segui il consiglio di renatomeloni o ti conviene cominciare a leggerti qualche capitolo di base di questo vecchio manuale per Termotecnici
                                OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

                                Commenta


                                • #17
                                  renato,saresti così gentile di spiegarmi in parole povere il perchè una caldaia a pellet senza puffer è soggetta a continui on/of,tradotto acceso /spento.Ti faccio un esempio:caldaia a pellet, partenza riscaldamento ore 14 arresto riscaldamento ore 22,non ho puffer ,quando la caldaia passa in off..e perchè dovrebbero avvenire questi continui on/of

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Ciao Termica,
                                    Infatti non avvengono on/off continui. Quando il termostato caldaia arriva alla T° max impostata (Es. 70°), la caldaia va in modulazione fino a quando la T° non scende al di sotto del delta di T° impostato (Es. 60°), riavviando il bruciatore fino a portare la T° nuovamente alla T° max, e cosi via. Si spegnerà quando o l'operatore o il termostato ambiente non gli diranno di farlo, oppure perchè è finito il combustibile. E' la gestione elettronica, che fa il lavoro di controllare il sistema, avvisando anche per tempo, se il combustibile si stà esaurendo.
                                    Saluti
                                    Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Quando il termostato caldaia arriva alla T° max impostata (Es. 70°), la caldaia va in modulazione fino a quando la T° non scende al di sotto del delta di T° impostato (Es. 60°), riavviando il bruciatore fino a portare la T° nuovamente alla T° max, e cosi via. Si spegnerà quando o l'operatore o il termostato ambiente non gli diranno di farlo, oppure perchè è finito il combustibile. E' la gestione elettronica, che fa il lavoro di controllare il sistema, avvisando anche per tempo, se il combustibile si stà esaurendo.

                                      quanto sopra incorniciamolo e ripostiamolo a lettere cubitali di volta in volta alla bisogna

                                      è così che funziona una pentola automatica, l'accumulo serve 'na cippa come SEMPRE detto, salvo casi particolari

                                      N.B. se la pentola automatica a pellet o triti vari non si può far funzionare come analoga a gas o gasolio c'è qualcosa che non quadra
                                      Ultima modifica di biomassoso; 26-02-2013, 17:30.
                                      OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

                                      Commenta


                                      • #20
                                        ok,grazie ho capito come funziona,ovvero ho capito quante palle vengono dette.Io ho sempre letto che bisogna abbinare un puffer per evitare i continui 0n/of....on/of DELITERI per la caldaia.Detto questo se il funzionamento è come dice renato, allora il discorso puffer è una ....bufala,considerato che questo continuo spegni/accendi ....non avviene. Ok,grazie,ora è tutto chiaro,basta chiedere...quante cose nuove si imparano

                                        Commenta


                                        • #21
                                          una domanda banale.
                                          nelle stagioni o negli orari in cui la potenza max non serve e pure la potenza min di mod. è troppa, cosa succede? (e questo è per al 40% circa della stagione invernale)
                                          esempio: casa che in gennaio ha bisogno di 25 kw, e che ne sò, a ottobre e marzo di 6 kw. Cosa succede?
                                          io ho una caldaia a pellet diretta, senza puffer.
                                          la stessa caldaia la monto con puffer e senza puffer. Le differenze le noto.
                                          una cosa è dire che senza puffer funziona, ok, verissimo. Ma con il puffer come funzionerebbe la stessa caldaia? Ecco il vantaggio che ho avendo un bacino enorme dove vedere tutte le differenze.
                                          poi, come sempre.... libertà di opinioni.
                                          Ultima modifica di Dott Nord Est; 26-02-2013, 18:32.
                                          riscaldamento a biomassa e PDC
                                          Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Buonasera Dott.NE
                                            Nel mio caso, avendo un TC policombustibili con accensione automatica + caldaia a gasolio(attualmente spenta), accendendo il TC dalle 6:30 fino alle 22:30, attualmente non ho problemi nè di ACS nè di riscaldamento.Se volessi però usare l'ACS dopo diverse ore di spegnimento del TC avrei dei problemi di ACS.
                                            Per ovviare a questa lacuna, è mia intenzione, denaro permettendo, di installare un boiler da 300Lt. con solare termico, da utilizzare sia per le ore in cui il TC è spento ma sopratutto nelle mezze stagioni, mandando in pensione DEFINITIVAMENTE il vecchio bruciatore a gasolio, che interverebbe, solo in rari casi.
                                            Penso che, nel mio caso, questa sia una soluzione ottimale.
                                            Che ne pensi?
                                            Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                                            Commenta


                                            • #23
                                              renato,nelle mezze stagioni come controlli l'on/of con il tc a legna...a secchiate d'acqua?

                                              Commenta


                                              • #24
                                                No uso solo nocciolino, niente legna. La legna solo con clima freddo


                                                Originariamente inviato da biomassoso Visualizza il messaggio
                                                quanto sopra incorniciamolo e ripostiamolo a lettere cubitali di volta in volta alla bisogna
                                                OT
                                                Bio, mai sentito parlare di (C)copyright, voglio i diritti d'autore... he he
                                                Ultima modifica di renatomeloni; 26-02-2013, 21:28.
                                                Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  renato, se usi granulato allora puoi fare boiller senza puffer
                                                  se usi legna, il puffer è indispensabile per al'autonomia che vuoi tu
                                                  riscaldamento a biomassa e PDC
                                                  Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                                  Commenta

                                                  Attendi un attimo...
                                                  X