Stufa a pellet idro + aria - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Stufa a pellet idro + aria

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Stufa a pellet idro + aria

    Buongiorno a tutti.
    Vorrei alimentare il riscaldamento a termosifoni di casa mia con una stufa a pellet.
    Siccome la zona giorno comprende soggiorno + pranzo + cucina ed è un ambiente
    unico di 50 mq, avrei pensato di installare in soggiorno una stufa idro che abbia anche la ventola per la
    generazione dell'aria calda in modo da poter riscaldare in modo più agevole
    la zona giorno che è abbastanza grande. Vorrei anche la possibilità di produrre acs.

    Vista la mia ignoranza in materia, volevo chiedervi cosa ne pensate di questo tipo di stufe
    e se la mia soluzione è corretta.

    Volendo, avrei anche la possibilità di installare una caldaia in una centrale termica esterna.

  • #2
    Ciao a tutti

    Ciao Carlito,
    devi considerare che se installi una stufa idro, la stessa contribuirà anche a scaldare l'ambiante in cui è posizionata, quindi non credo proprio ti serva una stufa combinata idro+aria. A dire il vero non so neanche se esistano modelli del genere, ma in ogni caso abbandonerei l'idea.

    Per prima cosa devi vedere il fabbisogno dell'ambiante che vuoi scaldare. Poi consideri i kw sviluppati dai termosifoni che hai già installato e a quel punti valuti che modello di stufa air installare. Ogni stufa ha un certo valore di kw resi all'acqua e all'aria (dipende da molti fattori, per esempio la grandezza del vetro dove è visibile la fiamma).
    Se hai bisogno di un'apporto all'aria elevato, che non puoi raggiungere con una stufa, potresti anche valutare un termocamino legna/pellet..o magari un'inserto a pallet.


    Se installi una caldaia è tutt'altro impianto, probabilmente anche più performante. Al posto della stufa a quel punto potresti forse aggiungere un termosifone, ma ripeto, tutto dipende dal reale fabbisogno del locale/casa.

    Per la scelta, dipende da come vuoi gestire l'impianto, se vuoi vedere la fiamma in soggiorno, ecc

    Fai un po le tue valutazione, tutto si può fare.

    Commenta


    • #3
      Grazie Spagho per i consigli.
      L'impianto è ancora tutto da realizzare da zero quindi ho la possibilità di dimensionare i termosifoni
      nel modo più corretto.

      Sono ancora indeciso se installare caldaia o stufa proprio per il fatto di recuperare per scaldare la stanza il calore
      disperso dalla stufa stessa. Le stufe con ventola ci sono ma non so se è il classico caso in cui non fanno bene ne l'una
      ne l'altra funzione.
      Per quanto riguarda la caldaia in centrale, ho paura di dover fare continuamente dentro e fuori in caso ci siano dei problemi.

      Commenta


      • #4
        carlito, l'acs estiva e nelle mezze stagioni con cosa la farai ?
        riscaldamento a biomassa e PDC
        Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

        Commenta


        • #5
          Penso che mi dovrò affidare ad una caldaia/scaldacqua a gpl poi magari in futuro se il numero in famiglia aumenterà (per ora saremo in 2) potrei installare un solare termico.
          Che ne dici?

          Commenta


          • #6
            se usi gpl, te lo sconsiglio vivamente....
            con i soldi della caldaia/scaldabagno + gpl anche di 1/2 anni, ti ripaghi il solare.....
            riscaldamento a biomassa e PDC
            Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

            Commenta


            • #7
              Grazie per il consiglio Dott!
              Vale anche se siamo solo in due in casa ed il consumo sarà basso?
              Pensi comunque che la soluzione caldaia a pellet + solare termico, in assenza di metano sia quella ideale?

              Commenta


              • #8
                certo che si...
                una caldaia a pellet accesa in estate solo per acs non è il max.....
                riscaldamento a biomassa e PDC
                Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                Commenta


                • #9
                  L'unico dubbio che mi rimane è per le mezze stagioni, ce la fa l'impianto solare a riscaldare l'acs
                  senza accendere la caldaia? La mattina inoltre mi ritrovo con acqua fredda?

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao Carlito,
                    prima di tutto devi capire se installare un boiler (in cui accumuli semplicemente ACS) oppure un puffer (che userai anche come volano termico per riscaldamento, oltre che per produrre acs). Se hai spazio puoi montarli anche entrambi: dipende da cosa vuoi ottenere.

                    In genere si dimensiona pannelli e accumulo in modo da garantire una certa autonomia di ACS. In questo modo anche se capitano 2/3/4 giorni di assenza di sole, hai acs a sufficienza immagazzinata. Se poi di finisce l'acs vorrà dire che si accenderà la caldaia, ma se capita poche volte l'anno non è un gran problema.

                    Devi fare anche un po di ragionamenti sull'esposizione che riesci a dare ai pannelli e valutare se sei in zone molto/poco soleggiate.

                    Studiati un po la cosa, sul forum c'è molto materiale.

                    Saluti


                    PS: questo sempre se vuoi mettere un accumulo in casa. Se metti un pannello a circolazione naturale il boiler ce l'hai sul tetto ed è tutto altro discorso. Dipende sempre da cosa vuoi ottenere.

                    Commenta


                    • #11
                      Grazie Spago,
                      mi sembra che la soluzione ottimale sia un impianto a circolazione forzata con puffer.
                      Non pensavo che l'accumulo di acs potesse durare così tanto.
                      Per l'esposizione non ho problemi, ho un grosso terrazzo di una rimessa agricola
                      e quindi posso montare i pannelli con l'esposizione più appropriata.

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao a tutti

                        carlito, se l'esposizione per te non è un problema direi che non hai di che preoccuparti. Molto a spanne, devi considerare un pannello solare ogni 2 persone, e 100 litri ogni persona.
                        Se nel tuo caso installi 2 pannelli e 500 litri di puffer, investimento permettendo, fai una gran cosa. Ti ritrovi anche un bel volano termico per il tuo riscaldamento e non faticherai assolutamente a gestirlo con la caldaia/stufa a pellet.

                        Per quanto riguarda il puffer io preferisco i pipe in tank, sia per prestazioni che costi. Inoltre zero problemi legionella. Eventualmente valuta di produrre ACS con piastra di scambio esterna, però ti costerà un po di più.

                        Commenta

                        Attendi un attimo...
                        X