Problemi e Condensa con Cordivari CAL 25 Pellet - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Problemi e Condensa con Cordivari CAL 25 Pellet

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Problemi e Condensa con Cordivari CAL 25 Pellet

    Buonasera,
    torno a scrivere per meglio affrontare il dramma della mia caldaia cordivari CAL PE 25.

    La caldaia collaudata a inizio 2015 ha vissuto due inverni in accensione manuale, il primo anno per far dilatare la caldana antecedente la posa dei pavimenti ed il secondo anno per "scaldare" la casa prima del trasferimento avvenuto in primavera.

    L'inverno 2015/16 è stato l'anno della prova ufficiale con la modalità AUTO e con tutti i problematiche che sono nate.
    Premetto che scaldo un piano di circa 140 mq con risc. a pavimento ma già dalle prime accensioni la caldaia non sembrava rendere in termini di funzionamento e consumo.

    La caldaia funzionava in questo modo: portava la temperatura nel puffer a 80° per poi andare in standby e ripartire a 35°, (continue mancate accensioni e 5 sacchi di pellet ogni 3 giorni). Dato che il sistema serve per alimentare il risc. a pavimento e fornire acqua calda sanitaria, agli estremi delle temperature mi trovavo in una situazione sfavorevole.
    Al massimo acqua inutilmente calda per il mio tipo di riscaldamento e al minimo temperatura tiepida per una doccia.

    Cerco allora di contattare l'assistenza per farmi dare indicazioni sul settaggio dei parametri e come un segno del destino la caldaia comincia a non funzionare più.
    Il messaggio che manda in blocco è "ALLARME PORTA APERTA A07", ovviamente la porta e ben chiusa e il blocco avviene alle volte dopo un'ora dall'accensione oppure dopo un paio d'ore.

    Dopo 10 GIORNI DI CALDAIA IN BLOCCO il tecnico risponde, passa e prova a risolvere il problema (prova è la parola giusta).

    Dal produttore subito dicono che si tratta di un problema di "depressione" (non sono un esperto e queste parola nel funzionamento della caldaia resta ancora non perfettamente chiara). Il tecnico setta nuovi parametri, disattiva il sensore che da problemi ed accende di nuovo.
    La caldaia non va più in blocco e comincia a scaldare il puffer. Nel frattempo, il tecnico, lo stesso che qualche mese fa aveva collaudato il tutto dando il suo ok, nota che l'impianto elettrico non è ben fatto, manca la comunicazione tra caldaia e puffer ed il collettore del riscaldamento a pavimento è collegato diretto al puffer. (ora spiegato perché la caldaia non limitava la temperatura del puffer facendolo arrivare a 80°)

    Repentino è l'elettricista che sistema le cose, solo Dio sa se adesso il tutto funziona perché la caldaia non ancora.

    Dopo il settaggio del tecnico la caldaia non si blocca ma non riesce a far salire di temperatura l'acqua nel puffer.
    Dopo 4 ore (3 sacchi di pellet bruciati) il puffer resta all'incirca sui 40 gradi e dalla canna fumaria MOLTA CONDENSA!!!! Alla fine raccolgo più di un litro di condensa!

    Decido di spegnere tutto e con l'aiuto di mio cognato (di certo più esperto) smonto tutto! la caldaia all'apertura evidenzia incrostazioni "catramose" sopra il braciere e nella camera di combustione, arriviamo fino alla ventola dei fumi e alla camera che la precede, anch'esse totalmente incrostate.
    Puliamo tutto! Rimontiamo pensando che la caldaia adesso prenderà una boccata di ossigeno. Riaccendo speranzoso ma nulla, dopo qualche ora da 20° porta il puffer a 40° per poi fare nuovamente condensa e non funzionare. Oltre a questo, un fastidioso odore di fumo sembra ritornare in casa.
    Durante le fasi di funzionamento post pulizia la temperatura dei fumi è passata da 100/105° a 80°. Escluderei la canna fumaria occlusa, sembra tirare bene.

    QUALCHE IDEA? Fa freddo, fa molto freddo .

    Grazie a tutti.

  • #2
    una semplice e banale domanda: sistema anticondensa installato ?

    altra cosa, che canna fumaria hai? mt? curve? coibentazione?
    riscaldamento a biomassa e PDC
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

    Commenta


    • #3
      Il sistema anticondensa è installato, almeno credo, è quel sistema che fa tornare in caldaia acqua a temperatura tale da non fare condensa durante lo scambio con il puffer?.
      La canna fumaria è in acciao penso diamentro 10cm (forniti da Cordivari): partendo dalla caldaia c'è un tratto di 40 cm orizzontale che arriva alla T con cassettino per raccolta fuliggine e condensa, poi in verticale un tratto di 1m inclinato a 60° e poi un tubo di circa 9 m dritto fino a tetto.
      Ho chiesto all'impresa e la credo proprio che la canna fumaria non sia coibentata.Leggendo qua e là, il fatto che non sia coibentata non è positivo, giusto?

      Commenta


      • #4
        che non sia coibentata, se esterna, ti crea grossi problemi.
        è la prima cosa da fare, altrimenti risolverai gran poco.

        le incrostazioni catramose dipendono da:
        - o canna fumaria che non tira (e se non coibentata, finchè non si scalda, non tira)
        - o T° di combustione bassa (assenza o errata taratura anticondensa)
        - o carenza aria comburente (o troppo pellet in rapporto all'aria comburente, che è la stessa cosa)
        riscaldamento a biomassa e PDC
        Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

        Commenta


        • #5
          La canna fumaria è contenuta nel pacchetto murario, composto da (esterno-interno): poroton, coibentazione, intercapedine ventilata, muratura in forati.
          Credo sia stata messa subito dopo la coibentazione verso l'interno.
          Quindi potrebbe essere solo una questione di impostazioni e parametri da inserire nella caldaia? tutti parametri da menu tecnico, giusto?

          Commenta


          • #6
            potrebbe essere anche un problema di impostazioni, si.
            riscaldamento a biomassa e PDC
            Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

            Commenta


            • #7
              Quindi il fatto che la caldaia non riesca a far salire la temperatura nel puffer è dovuto al fatto che brucia male il pellet.
              Grazie mille per le info domani sento il tecnico e cerco di farlo passare il prima possibile.

              Commenta


              • #8
                già la T° dei fumi a 80 è sintomo che la combustione è pessima......
                riscaldamento a biomassa e PDC
                Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                Commenta


                • #9
                  Ciao a Tutti...

                  Scusa Vez, potresti dirci che pellet stai bruciando???
                  Durante le operazioni di pulizia hai verificato che il sistema delle ventole fosse efficiente??
                  Hai pulito anche TUTTA la canna fumaria??
                  Da quanto dici hai un problema di carburazione: pellet scadente, arriva poca aria comburente al braciere(ventole che non funzionano correttamente o settaggio non idoneo) e/o hai la canna fumaria sporca!!!

                  Saluti
                  Ultima modifica di renatomeloni; 10-01-2016, 21:01. Motivo: Correzione Ortografica
                  Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao,
                    pellet Bois d'or, quando ho pulito la ventola era parecchio "incrostata", ho comunque pulito nel limite del possibile il tutto. I pezzi non sono tornati lucenti ma certamente lo stato è migliorato.
                    La canna fumaria non l'ho ancora pulita, il tetto è impraticabile, condensa ghiacciata la mattina e cmq non mi avventuro. Contatterei qualcuno per la pulizia, anche se ti ripeto che mi sembra tirare bene, anche il tecnico durante la prima uscita ha confermato dopo essere salito fino al comignolo.
                    Mentre monitoravo la caldaia in funzionamento e scaricavo "scodelle" di condensa mi sono segnato la T° dei fumi (circa 80/90°) ed i giri dell'espulsore dei fumi misurati in circa 2250 rpm.
                    Spero sia solo un problema di impostazioni!

                    Commenta


                    • #11
                      Dopo 4 ore (3 sacchi di pellet bruciati) i
                      Scusa Vez, ma è impossibile che la caldaia abbia bruciato 45 kg in quattro ore.
                      Vorrebbe dire 11,25 kg / ora ed al massimo la tua caldaia da 25kw ne brucia 5 leggendo la scheda tercnica.

                      La temperatura dei fumi è bassa ma mi ricordo che anche la mia da nuova aveva una temperatura fumi bassa, al massimo arrivava a 100 - 110° , però scaldava.
                      Adesso dopo aver bruciato 70 sacchi, arriva 120- 136° .
                      Ultima modifica di Lucamax; 11-01-2016, 07:40.
                      Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

                      Commenta


                      • #12
                        Ripensandoci, forse troppo. Nel senso che la caldaia la mattina è andata ad intermittenza causa prove del tecnico. Alla fine è stata accesa dalle 12:00, tornando dal lavoro alle 19:00 la cladaia era quasi a secco.. Ha bruciato comunque 3 sacchi in 7/8 ore... Mi sembra un po' eccessivo. Quando nel mese precedente faceva 5/6 sacchi ogni 3 giorni. Resta il fatto che non funziona bene, consuma molto ed a casa non ho acqua calda nè riscaldamento. Ora chiamo cordivari che ha pensato bene di fornire un numero per urgenze al quale per 10 giorni non ha risp nessuno. Servizio eccellente!!!

                        Commenta


                        • #13
                          purtroppo Cordivari fa altro.... non caldaie.....le rimarchia
                          riscaldamento a biomassa e PDC
                          Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                          Commenta


                          • #14
                            Già, infatti quella caldaia, che ho anch'io, è in realtà una DZ idrobox.
                            Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                            Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                            Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                            Commenta


                            • #15
                              Tu grechk problemi di questo tipo non ne hai mai avuti? Ritorni di condensa ed incrostazioni?

                              Commenta


                              • #16
                                Nessun problema, brucio circa 1 sacco al giorno e la pulisco una volta a settimana. Fa 2 accensioni al giorno da circa 2 ore l'una, quindi in 4 ore un sacco di pellet.La condensa dove la trovi?
                                Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                Commenta


                                • #17
                                  È impostata su auto o su auto eco? Ho raccolto molta condensa nel bicchiere alla base della T della canna fumaria e durante il funzionamento non corretto degli ultimi giorni ho riscontrato "colate di catrame" (credo dovute a condensa) all'interno della camera di combustione ai lati dx e sx, sulle pareti sopra il crogiolo. Con 2 accensioni al giorno quindi diciamo una dozzina a settimana non ti va mai in mancata accensione?

                                  Commenta


                                  • #18
                                    In 2 anni una sola mancata accensione perché non avevo pulito da un mese i due condotti laterali e si era intasato tutto. Comunque a giudicare dalla perdita di acqua che dici non potrebbe essere una perdita di acqua dalla caldaia?
                                    Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                    Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                    Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Capisco, i condotti che portano i fumi a dx e sx in basso nella camera di combustione. Tanta invidia per il tuo sistema funzionante. Non so, non dovrebbe perdere anche a caldaia spenta? In off nessuna traccia d'acqua interna.. Solo queste incrostazioni che sembrano delle colature di fuliggine secca... Mi sembra ci sia un rubinetto che implementa acqua nella caldaia, credo sia aperto ed il sistema in pressione. Non sono molto tecnico ma credo che almeno questo funzioni. Però mai dire mai :-)

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Quando hai tempo se vuoi ci sentiamo telefonicamente e controlliamo i parametri che siano corretti.Mi sembra strano comunque tutta quella condensa e i fumi così freddi e tutto quel catrame.Ho smontato la canna fumaria dopo un anno di funzionamento ed era solo leggermente sporca.
                                        Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                        Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                        Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Sempre gentile, più efficiente dell'assistenza cordivari!

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Io invece ho il problema contrario, l'anno scorso la temperatura dei fumi era circa 150, quest'anno è 170 e non capisco il motivo visto che la pulisco regolarmente... L'unica cosa che mi viene in mente è che sia diminuito lo scambio termico, ma come può essere?Bisogna fare qualche tipo di manutenzione allo scambiatore che non so nemmeno dove si trova?
                                            Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                            Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                            Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                            Commenta


                                            • #23
                                              mai puliti i fasci tubieri o lo scambiatore ????
                                              riscaldamento a biomassa e PDC
                                              Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                              Commenta


                                              • #24
                                                La caldaia ha 1400 ore di funzionamento, è già ora? Ho la caldaia in un posto piuttosto scomodo e non so dove si trova il fascio tubiero... leggendo sempre su questo forum si parla della DZ e mi sembra di capire che lo scambiatore è tutto intorno alla camera di combustione, devo smontare tutta la caldaia o si pulisce chimicamente?
                                                Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                                Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                                Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  non conosco la caldaia in questione, ma a rigor di logica, uno scambiatore pulito scambia meglio di uno sporco....
                                                  riscaldamento a biomassa e PDC
                                                  Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Quello lo so anch'io, però da quello che ho letto questa non è una vera caldaia ma più una stufa adattata a caldaia e lo scambiatore di calore non entra in contatto con i fumi. Quindi l'unica parte da pulire è il lato acqua e non penso che in un anno possa essere ridotto molto male.Spero di aver capito bene, perché di questa caldaia non si trova molto materiale informativo.
                                                    Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                                    Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                                    Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Ho sentito l'assistenza Cordivari ed il tecnico di zona. Corviari ha inviato pezzi sostitutivi e al più presto il tecnico verrà a fare un visita a casa, dice che il fatto che la caldaia non riesca a far salire la temperatura del puffer può essere solo dovuto alla scheda. E' quella che regola la potenza e non può essere un problema di pezzi meccanici.Cosa dite? Sarà vero? Chi vivrà vedrà, dicono, speriamo che il freddo non ci faccia ibernare in salotto :-).Vista questa indicazione anche per te Grechk potrebbe essere un problema si scheda che non istruisce la caldaia nel modo corretto.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Difficile fare una diagnosi a distanza senza vedere la caldaia, certo è che quando ci siamo sentiti al telefono l'elettronica sembrava prendere i parametri correttamente. Tieni aggiornato il post con le novità visto che ho la stessa caldaia potrebbe sempre servire.
                                                        Solare fotovoltaico: Sunpower 5,72 kw - 18 moduli 318W
                                                        Solare termico: 5 pannelli piani Cordivari
                                                        Caldaia a pellet: Cordivari Cal Pe 25

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Tutto è bene quel che finisce bene.Dopo 28 giorni di freddo e senza acqua calda sanitaria, 4 interventi tecnici, molte telefonate e sostituzione di pezzi, l’assistenza di un appassionato e la mia Cordivari Cal 25 PE ha ripreso a respirare e produrre calore.Per non annoiare e rendere questo post utile, riassumo in step l’evoluzione:Sintomi:Messaggio d’errore porta aperta, cattiva combustione, fumo interno, fumo denso al comignolo, condensa (molta condensa), condensa anche all’interno della camera fumi, T° fumi bassa, portata d’aria per combustione bassa, calore prodotto poco.Ipotesi:Canna fumaria occlusa, canna fumaria non coibentata.Soluzione:Sostituzione valvola anticondensa (che provocava la condensa interna), pulizia accurata della camera fumi anteriore e posteriore (che rallentava l’uscita dei fumi), sostituzione ventola espulsore fumi (incrostata e catramata e non più utilizzabile).Ora la caldaia va meglio di prima, ma quanto tempo per risolvere il problema.Che sia una tecnologia ancora troppo innovativa? Che i tecnici di zona non siano ancora pronti a lavorare su questi prodotti?PS Doveroso il ringraziamento a coloro che hanno creato e gestiscono questo forum che ha permesso di mettermi in contatto con Grechk, vero appassionato, che ha trasmesso consigli utilissimi per la risoluzione del problema.Ciao a tutti.Vez

                                                          Commenta

                                                          Attendi un attimo...
                                                          X