TERMOCUCINE: come scegliere la potenza? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

TERMOCUCINE: come scegliere la potenza?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • TERMOCUCINE: come scegliere la potenza?

    Buongiorno a tutti,
    stavo valutando l'acquisto di una termocucina da abbinare alla caldaia già esistente per integrare sia l'ACS che il riscaldamento (radiatori).

    Premetto che non è il mio campo (sono un architetto), desidero però capire prima di muovermi per rivenditori quali siano i parametri per scegliere bene una termocucina. Ho già letto tutti i forum presenti sul tema, che però sono già ad uno stadio avanzato rispetto al mio.
    Voglio capire bene quale potenza mi è necessaria in base alla caldaia che ho già ed altri elementi che non so valutare.

    Inoltre mi piacerebbe conoscere l'esperienza di chi ne ha già acquistata una.

    Grazie a tutti

  • #2
    Se possiedi attestato di prestazione energetica dell'edificio non vedo dove sia il problema per il dimensionamento della termocucina.
    Nella scheda tecnica ci sarà la potenza massima resa all'acqua.
    Attenzione che se la somma delle potenze supera i 35 kW di portata termica, si rende obbligatorio presentare denuncia all’INAIL (Ex ISPESL) e prevedere l’inserimento di opportuni dispositivi di sicurezza, protezione e controllo come previsti dalla Raccolta R del 2009.
    La regolamentazione, destinata agli impianti di riscaldamento ad acqua calda sotto pressione, non si rende necessaria quando, nel caso di due generatori, i due apparecchi vengano separati idraulicamente o con dispositivi che non ne permettono il contemporaneo funzionamento.
    Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

    Commenta


    • #3
      .... le termocucine secondo me erano una delle soluzioni del passato. Erano e sono una mezza soluzione tutto in uno (ne ho avuto una in casa per 30 anni!!) che fa dei mezzi lavori.

      1- non puoi abbandonare la stanza dato che ha un magazzino legna ridicolo!
      2- la resa all' acqua non è delle migliori, anche se la complessiva non è male
      3- se vuoi cucinare .... mmm avere acqua che circola nelle vicinanze del forno, della piastra superiore, non ti permette mai di raggiungere T adatte a cucinare pane, pizza, o cibi impegnativi dal punto di vista della T !

      Meglio lasciare alla caldaia il lavoro di riscaldare l' acqua e ad una cucina quello di cucinare.

      Nella taverna di casa ho ricostruito nel 90 uno spolert friulano (è uguale ad una cucina come principio, ma in muratura e le parti metalliche come piastra e forno sono in ghisa ... il forno è una fusione unica e pesa 100 kg), e dopo 25 anni è ancora perfetto, come nuovo. Non ti dico il sapore delle pietanze cotte in quel forno.... per il cenone 2015/16 ha cotto 6 kg di arrosto è non sono rimasti neppure gli spaghi che mia moglie aveva utilizzato per arrotolarlo!!!!, a seguire il pane al latte ed altri dolci. In pratica un moderno forno a vapore a T costante, chiaramente con un po' di mano da parte del fuochista e la giusta legna (acacia di 2 anni).......

      vabbè mi sono lasciato andare ma i vecchi sistemi di cottura sono eterni e danno parecchie soddisfazioni!

      Non ti sognare neppure imprese del genere con una termocucina!

      Commenta

      Attendi un attimo...
      X