Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 23 a 27 su 27

Discussione: prezzi medi affitto terreni per impianti fv

  1. #23
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito



    Se non sbaglio è vietato installare fv su terreni agricoli ......

  2. #24
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno !

    Secondo la nostra esperienza, in Sardegna effettivamente secondo le attuali disposizioni non è consentito su Terreni agricoli installare dei parchi fotovoltaici : è possibile solo su terreni industriali . Corrono voci che la Regione stia pensando di modificare questa impostazione, tuttavia essendoci per la maggior parte delle aree dei vincoli paesaggistici, vista la bellezza della Sardegna sia per quello che attiene alle coste, ma anche nell' entroterra, probabilmente poco si potrà fare su Terreno agricolo, salvo casi limitati.

    In Emilia Romagna, prevale l' auto produzione dunque la produzione con centrali fotovoltaiche non è molto percorribile, ci sono regole abbastanza restrittive .

    Nelle Marche, in Abruzzo, ci sono anche in queste regioni restrizioni, dunque non è vietato ma abbastanza difficile e in ogni caso si lavora su piccole dimensioni lottando un po' con le pendenze in alcuni casi e con la distanza dalla cabina di alta o media tensione .

    In Umbria vige il 10%, ossia si può installare un parco fotovoltaico sul 10% della superficie del terreno agricolo, asseverando da un notaio la restante parte del 90% dell'estensione : inoltre ci sono anche abbastanza vincoli, dunque non molto attrattiva come Regione per la Grid Parity su Terreno Agricolo .

    Anche in Calabria, vige il 10%, però in Calabria essendoci aree enormi, anche di 400, 500, 1000 Ettari, anche installare sul 10 % del terreno asseverando la parte restante può avere un senso .

    Il Piemonte, prevede di poter installare pannelli fotovoltaici solo su terreno agricolo dalla classe 3 a salire, dunque ci sono restrizioni su terreni con forte vocazione agricola , come giusto che sia .

    Il Veneto ha delle zone in cui è consentito, produrre energia mediante Fotovoltaico a terra, su agricolo, e in altre zone dove non lo è, ossia c'è una sorta di mappa che si può scaricare nel sito della Regione a macchia di leopardo, dove però le zone idonee non sono così tante, dunque non è facilissima come Regione, ossia le zone con elevata produzione agricola sono giustamente escluse .

    Il Friuli è interessante, anche perché è molto pianeggiante, dunque è il paradiso degli inseguitori ( Tracker di solito mono assiali ) però se si trovano zone ad un prezzo accettabile, perché lì il problema è il costo dei terreni, visto che ci sono produzioni e coltivazioni di pregio in molte zone .

    La Campania sopra una certa dimensione consente di installare pannelli su una parte del sito, ora non ricordo, credo per medie dimensioni circa sul 50 % della superficie .

    L' anno scorso, agli albori della Grid Parity, c'erano alcuni investitori che mostravano un certo scetticismo su Campania e Calabria, tuttavia negli ultimi mesi registriamo una graduale e sempre crescente apertura verso queste 2 Regioni .

    Le Regioni montuose, va da sé che hanno scarsa attrattività per il Fotovoltaico, dunque non sono di particolare interesse .

    La Lombardia è molto interessante come Regione .

    La Toscana è molto interessante tuttavia bisogna selezionare con estrema attenzione le aree non vincolate .

    La Sicilia, per via dell' alto irraggiamento è senza dubbio una Regione presa d' assalto per lo sviluppo del Fotovoltaico in Grid Parity su terreno ( agricolo e industriale ) . Secondo nostre fonti affidabili ci sono al momento circa 30 nuove richieste di allaccio alla rete elettrica di alta tensione / al giorno. Le richieste di allaccio alla media tensione di più.

    Un altra regione presa d' assalto è la Puglia : ci sono ampie zone, che hanno raggiunto ormai il massimo di richieste di allaccio, e vi è una saturazione della rete in alcuni punti per l' alta tensione , lo stesso vale per la media tensione dove la situazione è anche peggiore . Tanto che alcuni investitori preferiscono evitare la Puglia e si stanno spostando su altre Regioni .

    Ma anche in Sicilia, in alcune zone, ci sono criticità di connessione per allacciarsi alla rete, e si deve condividere degli stalli con altri produttori, tanto che ci sono già interventi di adeguamento della rete pianificati ed alcuni in corso.

    Molise, interessante come Regione, anche se ha un irraggiamento un poco inferiore a Regioni pari latitudine. Ma senza dubbio interessante.

    Lazio, molto interessante come Regione, nelle zone non vincolate.

    Basilicata, salvo modifiche alle disposizioni in essere, si possono installare fino a 20 MW, dunque estensioni di 20 - 35 - 40 Ettari a seconda della tecnologia utilizzata . Adesso con il fisso si riesce ad installare anche 1 MW su 1 Ettaro .

    Questa è un po' la situazione dal nostro osservatorio, essendo al momento impegnati nello sviluppo .

    Ovviamente i terreni industriali possono contare su un iter semplificato, e dunque anche se hanno un costo maggiore, sono interessanti . Ovvio che per il fotovoltaico ci si deve fermare a certi importi, altrimenti il business plan non gira, ma in funzione della distanza dalla cabina di alta tensione, le cifre vanno dai 6 e i 9 Euro a mq, anche se non è facile trovarne a queste cifre, soprattutto verso il limite inferiore . Ossia le zone papabili sono aree industriali che non hanno effettivamente avuto un vero sviluppo e sono state abbandonate .

    Oppure le ex cave, o le aree bonificate, ossia aree che difficilmente potrebbero trovare altre destinazioni . Queste sono molto interessanti, perché hanno un iter semplificato .

    Negli altri casi si deve andare in AU ( autorizzazione unica ) con una procedura abbastanza lunga, tuttavia assolutamente percorribile .

    Poi certo che anche i tetti sono interessanti, soprattutto quelli in aderenza con l' amianto, a partire da 2500 mq ( metri quadri ) a salire . In questo caso, per l' installazione di pannelli sui tetti, è chiaro che la struttura del tetto sottostante è fondamentale . Ossia abbiamo scartato tetti con travi in legno ad esempio perché non sono bancabili . Dunque un sopralluogo per verificare con attenzione questi aspetti fa parte dell' analisi di fattibilità .

    Per cui se qualcuno ha piacere di confrontarsi, con estremo piacere .

    Se c'è interesse per vedere il processo di tutti gli step operativi su terreno lascio un link TERRENI PER FOTOVOLTAICO PASSI OPERATIVI

    Per i tetti un altro linK TETTI

    E non mi resta che augurare una Buona Giornata a tutti ! E Grazie mille per l' attenzione . Davide

  3. #25
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Complimenti per la ricerca , molto approfondita e dettagliata , tuttavia la mia opinione relativa all'insediamento di nuovi parchi ftv è in parte favorevole e in parte contraria , sebbene abbia terreno a disposizione , sarei anche disponibile ad investire per fare 50/80 kw di ftv ma mi trovo nella regione veneto e se non sbaglio impianti a terra su terreni agricoli sono vietati , poi non so come funziona bene la normativa in quanto una parte del terreno che non uso per coltivazioni di frutteti è classificato come uso non agricolo , e questo sarebbe il primo scoglio da superare , poi il costo della connessione elevato a causa della distanza ( 8/10000 euro) , infine sperare di accedere ai nuovi incentivi portando a casa 10 cent , con il rischio di produrre in rid per 4 cent.......senza contare servizio di misura , assicurazione , fisco , gse , ecc....se invece parliamo di parchi ftv da 500 kw o mega impianti allora le cose cambiano forse.....ma non di molto .

  4. #26
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buondì ! Si il Veneto è un po' complicato. E per il momento in questa Regione stiamo lavorando su Terreni industriali . Comunque, se ci saranno variazioni e nuove opportunità la aggiorniamo ! Saluti . Davide

    Quote Originariamente inviata da GIBRUN Visualizza il messaggio
    Complimenti per la ricerca , molto approfondita e dettagliata , tuttavia la mia opinione relativa all'insediamento di nuovi parchi ftv è in parte favorevole e in parte contraria , sebbene abbia terreno a disposizione , sarei anche disponibile ad investire per fare 50/80 kw di ftv ma mi trovo nella regione veneto e se non sbaglio impianti a terra su terreni agricoli sono vietati , poi non so come funziona bene la normativa in quanto una parte del terreno che non uso per coltivazioni di frutteti è classificato come uso non agricolo , e questo sarebbe il primo scoglio da superare , poi il costo della connessione elevato a causa della distanza ( 8/10000 euro) , infine sperare di accedere ai nuovi incentivi portando a casa 10 cent , con il rischio di produrre in rid per 4 cent.......senza contare servizio di misura , assicurazione , fisco , gse , ecc....se invece parliamo di parchi ftv da 500 kw o mega impianti allora le cose cambiano forse.....ma non di molto .

  5. #27
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve a tutti,

    Sono stato contattato da varie Società SRL per il Diritto di Superficie e realizzare impianti FV sui 40 Ha

    pagano dai 1800 ai 3000€/Ha

    ma il punto è:
    c'è da fidarsi visto che costituiscono tutte SRL e attualmente il costo di ripristino dei luoghi oscilla tra i 30/50.000 € Ettaro
    se questi all'avvicinarsi dei 30 anni o prima lasciano fallire la SRL!?!?!

    Il tutto rimane sul groppone del proprietario e non gli bastano i soldi che gli hanno dato :-O

    La Fideiussione che sbandierano tanto lascia il tempo che trova perchè devono essere rinnovate in genere ogni 2-3 anni
    per cui potrebbero non rinnovarla!

    Voi come la vedete?
    Esperienze in merito?

    Grazie mille e saluti

Pagina 2 di 2 primaprima 12

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •