Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 29

Discussione: Ampliamento FV esistente con ecobonus 2020

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Ampliamento FV esistente con ecobonus 2020



    Ciao a tutti,
    sto studiando l'ultimo decreto Rilancio e valuto di implementare il mio attuale impianto FV da 4 kw installato nel 2010 con conto energia 2.

    l' Art.128 comma 7 dice: La detrazione di cui ai commi 5 e 6 non è cumulabile con altri incentivi pubblici e altre forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa europea, nazionale e regionale, compresi i fondi di garanzia e di rotazione di cui all’articolo 11, comma 4, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28.

    poi...
    comma 8 La detrazione di cui ai commi 5 e 6 è subordinata alla cessione in favore del GSE dell’energia non auto-consumata in sito e non è cumulabile con altri incentivi pubblici o altre forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa europea, nazionale e regionale, compresi i fondi di garanzia e di rotazione di cui all’articolo 11, comma 4, del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, e gli incentivi per lo scambio sul posto di cui all’articolo 25-bis del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116.

    in sostanza secondo voi posso ampliare il mio attuale impianto e usufruire delle detrazioni del decreto?
    grazie mille
    Impianto fotovoltaico da 3,83 kwp - 17 moduli Schott Solar Poly 225 W - Inverter Power One-Aurora PVI-4.2-OUTD-S-IT- Azimut 33° Sud-Ovest- Tilt 18° prov.Sassari
    Tutta la produzione su: http://www.rendimento-solare.eu/it/i...787/14021.html nome utente: Ittiri Cannedu

  2. #2

    Predefinito Aggiunta di impianto con nuovi moduli e nuovo inverter.

    Nel caso in cui si voglia installare un altro impianto, completamente separato da quello in conto energia, che pratiche bisogna fare?

  3. #3
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Puoi fare un nuovo impianto da collegare in parallelo al vecchio sullo stesso contatore di scambio: se la fornitura è monofase puoi aggiungere max 2 Kw di nuovo impianto. Ovviamente devi seguire tutta la procedura di connessione attuale, con pratiche al comune, a E-distribuzione, Terna , ed inoltre devi fare aggiornamento su GSE tramite Siad.

  4. #4
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    E che senso avrebbe ampliare un impianto usufruendo di un contributo che prevede, per accedere allo stesso, che la sovraproduzione venga ceduta al gse?
    Come conteggiano poi quale dei due immette gratuitamente e quale per conto energia?

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    E che senso avrebbe ampliare un impianto usufruendo di un contributo che prevede, per accedere allo stesso, che la sovraproduzione venga ceduta al gse?
    Come conteggiano poi quale dei due immette gratuitamente e quale per conto energia?

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
    Mediante un contatore separato ovviamente, quello che viene prodotto dall'impianto incentivato resta pagato come tale, il nuovo ed a se stante, con il suo contatore immette energia non remunerata. Ovviamente ha senso ed è possibile solo se tale operazione è integrata in una riqualificazione energetica che comporta il miglioramento della classe energetica dell'immobile ed ovviamente ha senso se l'energia prodotta dai due impianti venga autoconsumata al massimo delle possibilità, altrimenti è tutto immesso in rete e la parte remunerata, tale e quale a prima

    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

  6. #6
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Ammesso e non concesso che diano un secondo contatore in unica abitazione (che io sappia, non lo fanno) essendo unico intestatario sarebbe contatore non residente, quindi tassazione maggiorata e costo al kw assorbito idem.
    Per cosa? Avere un impianto in più giusto perché non si paga?
    Ma non avrebbe maggior senso, non so se sia possibile chiaro, ampliare direttamente quello esistente beneficiando delle normali detrazioni e potendo avere maggiori rientri economici dati dal conto energia?

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Effettivamente non ci avevo pensato: collegando il nuovo impianto sullo stesso pod si va a lavorare con altro contatore di produzione ma con lo stesso contatore di scambio. Penso che si dovrà rinunciare al vecchio SSP anche per l'impianto esistente.

  8. #8
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Ipotiziamo l'ampliamento di un impianto già incentivato e con SSP (come tutti o quasi quelli attualmente in giro) con un secondo impianto.
    Ammettiamo che, usufruendo del nuovo Decreto Rilancio, si perda lo SSP anche sull'impianto preesistente, ma non l'incentivo.
    Questo da quanto si è compreso ad oggi.
    Quindi per continuare ad avere lo SSP in caso di ampliamento impianto, si deve ricorrere al vecchio incentivo del 50%
    Volendo usufruire del Decreto Rilancio ed avendo un impianto esistente, apparentemente non conviene...
    ... a meno di aggiungere anche un sistema di accumulo, il quale fungerebbe da SSP in locale, anche in questo caso con delle perdite ed a costo zero come l'attuale SSP.
    Ma un sistema di accumulo può equivalere ad uno SSP... la risposta è no, o almeno non in estate quando l'eccedenza di produzione verrà ceduta e non in inverno in cui sarà quasi impossibile caricare l'accumulo per garantirsi una autonomia dei consumi.
    Considerato quanto sopra, a chi conviene incrementare l'attuale FV, cioè, qual'è il punto di pareggio in termini di convenienza ?

  9. #9
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Bella domanda. Anche se ci sono molti fattori di cui tenere conto. Pero', e dico pero', penso che dimensionando bene l'impianto, anche durante il periodo invernale potrebbe dare una mano all'accumulo. Ed in ultima analisi, il costo delle bollette nel periodo invernale, potrebbe fare patta con SSp, nel senso che alla fine, a dirla molto semplice: se paghi 1000 di bollette e ssp ti torna 500, alla fine spenderai 500. Se con accumulo andrai piu' o meno a pagare quella cifra, (i famosi 500) piu' o meno ci sarai. Senza contare che SSP non sappiamo quanto durera' ancora. Ripeto, domanda difficile...
    Ultima modifica di fedonis; 18-05-2020 a 19:40
    Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

  10. #10
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Se ne è già scritto in altra discussione , ma non ricordo quale , Ligabue ha detto che si può fare come adesso , si aggiunge impianto , rimane un unico contatore (non esiste che si possa mettere due contatori di scambio sullo stesso POD neanche a volerlo ) poi in base alla produzione dei due impianti si fà un taccio sull'immessa , ma mi sembra troppo complicato, potrebbero anche dire perdi SSP anche sul vecchio .....

  11. #11

    Predefinito

    Per completare la discussione, do degli altri dati. Ho una piccola villetta che sono in procinto di ristrutturare, sia internamente che, ora più che conveniente con un "cappotto" visto l'ecobonus, esternamente. Nel 2009 a seguito di un recupero di locale sottotetto ho messo un impianto fotovoltaico da 2,88 kWp con il quale accedo al secondo conto energia (0,42 €/kWh), la potenza contrattuale Enel è di 6kW monofase. Quindi ho due contatori, un contatore solo generazione e un contatore bidirezionale SSP e consumo. Per bilanciare bene i consumi avrei bisogno di installare almeno altri altri 3 kWp se non qualcosa i più, comunque non voglio superare i 6 kWp totali di generazione.
    Mi chiedo perchè dovrebbero installare un secondo generatore di scambio, il mio problema potrebbe essere solo che potrebbe essermi chiesto di inserire una interfaccia di rete per impedire il funzionamento ad isola, ma poi potrei arrivare direttamente nel contatore di scambio già esistente.
    Non è così?
    Nel 2009 impianto progettato da me e pratiche seguite in toto da me. Ora con il 110% potrei anche affidarmi ad una ditta che faccia tutto, tanto poi alla fine viene ripagato il tutto. Cioè non capisco la necessità di un altro contatore di scambio.

  12. #12
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da copanto Visualizza il messaggio
    Per completare la discussione, do degli altri dati. Ho una piccola villetta che sono in procinto di ristrutturare, sia internamente che, ora più che conveniente con un "cappotto" visto l'ecobonus, esternamente. Nel 2009 a seguito di un recupero di locale sottotetto ho messo un impianto fotovoltaico da 2,88 kWp con il quale accedo al secondo conto energia (0,42 €/kWh), la potenza contrattuale Enel è di 6kW monofase. Quindi ho due contatori, un contatore solo generazione e un contatore bidirezionale SSP e consumo. Per bilanciare bene i consumi avrei bisogno di installare almeno altri altri 3 kWp se non qualcosa i più, comunque non voglio superare i 6 kWp totali di generazione.
    Mi chiedo perchè dovrebbero installare un secondo generatore di scambio, il mio problema potrebbe essere solo che potrebbe essermi chiesto di inserire una interfaccia di rete per impedire il funzionamento ad isola, ma poi potrei arrivare direttamente nel contatore di scambio già esistente.
    Non è così?
    Nel 2009 impianto progettato da me e pratiche seguite in toto da me. Ora con il 110% potrei anche affidarmi ad una ditta che faccia tutto, tanto poi alla fine viene ripagato il tutto. Cioè non capisco la necessità di un altro contatore di scambio.
    Perché devono sapere quanto va pagato 0,42 con l'impianto in conto energia e quanto ceduto in rete al gse senza remunerazione

    Sapendo quanto produce il vecchio impianto, quello viene pagato, il nuovo immette in rete quanto non utilizzato dall'abitazione e stop

    Che poi, non lo vogliano fare, è un'altro paio di maniche, con il contatore di lettura su vecchio impianto ed il bidirezionale, sanno esattamente cosa pagare se ci sono limiti, sono unicamente burocratici

    Resta comunque il discorso del miglioramento della classe energetica, l'incentivo è finalizzato a quello, quindi penso che senza un progetto, non regalino soldi tanto facilmente, non mi stupirei affatto che in certi casi, visti i 5 anni di detrazione, l'importo della stessa supera l'ammontare di tasse pagate, quindi la detrazione non coprirà totalmente l'investimento...

    Secondo me, da quanto leggo sui forum, l'entusiasmo e la parola "gratis" stanno creando tanti castelli tipo Disneyland, che poi, numeri reali alla mano, finiranno in nulla.

    Anche io voglio ampliare il mio impianto ma tale operazione, con abbinata una Pdc per acs ( a casa mia è impossibile la pdc per riscaldamento, altrimenti l'avrei già da anni), quindi, sarà ben difficile, visto che ho già riqualificato in precedenza, aumentare di due classi, a meno di poter considerare quanto già fatto in precedenza, ho cambiato 12 serramenti, coibentato il tetto, installato 4 kwp di fv (10 pannelli sunpower maxeon3 da 400W), ora avendo già una macchina elettrica e volendo aggiungerne una seconda, ho bisogno di incrementare di altri 3kwp (che non sono sufficienti, ma non poi tanto lontano da quanto servirebbe), senza un progetto in cui vado a dimostrare due classi in meno di miglioramento del fabbisogno energetico, la vedo molto dura!

    Non facciamoci troppe illusioni, questo decreto sarà utile solo a chi parte da determinate condizioni e riqualifica l'involucro, con il fotovoltaico in aggiunta a pdc, diversamente non approveranno le detrazioni

    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

  13. #13
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da desmo77 Visualizza il messaggio
    Perché devono sapere quanto va pagato 0,42 con l'impianto in conto energia e quanto ceduto in rete al gse senza remunerazione
    questo lo faranno/farebbero con i contatori di produzione , quello di produzione sul CE rimane e verra remunerata tutta la prodotta da quello al prezzo concordato , viene aggiunto uno di produzione sul nuovo impianto , poi in base alle produzioni dei due impianti e se il secondo non deve accedere a SSP faranno il conto sulle immissioni togliendo la percentuale appropriata dallo SSP leggendo sull'attuale contatore di scambio che rimane

  14. #14
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Quindi, facciamo un'esempio:
    1° impianto CE + SPP 3kWp Produzione 4.000 kWh; Autoconsumo 2.000 ; Scambio 2.000 ( EX )
    Ha il suo contatore di Produzione , quindi teoricamente nessun problema per calcolare e remunerare il CE per i 4.000 kWh di produzione

    2° Impianto D.R. 3kWp Produzione 4.000 kWh; Autoconsumo 1.000 ; Scambio non esiste (ho considerato un autoconsumo aggiuntivo di 1.000 kWh principalmente per l'apporto invernale e per il taglio dei picchi)
    Ha un secondo contatore di Produzione.

    POD unico
    Il POD può sapere solo il consumato e l'immesso, ma l'immesso non può saperlo separatamente per i due contatori di produzione.

    Facciamo un esempio partendo da zero ad 1 anno in unica fascia con consumi totali di 8.000 kWh
    1° Prodotti 4.000 (Autoconsumati 2.000)
    2° Prodotti 4.000 (Autoconsumati 1.000)
    POD Prelevati 5.000; Immessi 5.000

    Ammettiamo un costo di 0,20 al kWh ed al 75% lo SSP quindi 0,15 a kWh

    Situazione precedente :
    Costo bollette 6.000 X 0,20 = 1.200,00 ( non c'è il secondo impianto, quindi i 1.000 ulteriori in autoconsumo)
    Avrei ottenuto lo SSP per i 2.000 kWh scambiati = 300,00 €
    Costo totale 900,00 €

    Post impianto e perdita SSP:
    Costo bollette 5.000 X 0,20 = 1.000,00 (adesso ci sono i 1.000 kWh in più di autoconsumo)
    Ma perdo lo SSP su tutti e due, quindi alla fine pago di più producendo il doppio
    Ultima modifica di Elisabetta Meli; 19-05-2020 a 09:31

  15. #15
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Adesso ipotizziamo che all'impianto aggiungiamo una batteria da 10kWh tutti utilizzabili e che essa riesca a ciclare mediamente per l' 80% anno (molto)
    Quindi 10 X 365 X 0,80 = 3.100 kWh di apporto annuo
    Risparmio ottenibile = 3.100 X 0,20 = 620,00 € rispetto allo specchietto precedente il risparmio apparente c'è ed ammonta, rispetto a SSP a 520,00 € anno
    Ma... se dovessi acquistarla dovrei augurarmi che regga per 20 anni considerando i 1.000€/kWh e ritengo che nessuna batteria attuale possa reggere 7.000 cicli o quasi.
    Mi devo augurare inoltre che il prezzo dell'energia non scenda, che il costo delle batterie scenda e che tutto funzioni perfettamente senza problemi e manutenzioni.
    Avrei il vantaggio del Backup energetico

  16. #16
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Infine calcoliamo il secondo impianto senza D.R. ma con detrazioni 50%
    Costo impianto 1.600 € X 3 kWp = 4.800 € ( a trovarlo ) o 2.400 € X 3 kWp = 7.200 €
    Diciamo una via di mezzo per 6.000 € con costo effettivo di 3.000 € post detrazioni in 10 anni ( ma sono sempre 10 ? o 5 ? )
    Questa volta c'è lo SSP per un totale di 5.000 kWh ( 2.000 precedenti + 3.000 del nuovo )
    Ed esiste pergiunta la capienza ( visto che ... magari... ho montato la PDC ed ho preso pure l'auto elettrica
    Bollette 5.000 X 0,20 = 1.000,00 €
    SSP = 5.000 X 0,15 = 750,00 €
    Spesa totale annua 250,00 €
    Non ho il backup energetico.
    Ma spenderei meno che con l'accumulo del caso precedente 380,00 €
    Ultima modifica di Elisabetta Meli; 19-05-2020 a 09:46

  17. #17
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    Avrei il vantaggio del Backup energetico
    Personalmente è un plus che pagherei volentieri. A mio parere questo è quello che fa la differenza. Senza sapere comunque quanto è se durerà ancora ssp. Non lo sto mettendo in discussione, ma nulla toglie che potrebbero rivedere tutto anche per via di questo nuovo bonus.
    Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

  18. #18
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Ultima soluzione.
    Prendere SOLO l'accumulo con D.R.
    In questo caso otterrei il vantaggio dello SSP più il vantaggio dell'accumulo a costo zero ( a patto di eseguire interventi di riqualificazione )
    Se avessi esigenza di incrementare il FV utilizzerei le detrazioni 50%
    In ogni caso se dovessero togliere lo SSP già ho un accumulo adeguato alla mia taglia.
    Ed ho pure il Backup energetico.
    A mio modesto avviso la strada migliore da intraprendere.

  19. #19
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    Adesso ipotizziamo che all'impianto aggiungiamo una batteria da 10kWh tutti utilizzabili e che essa riesca a ciclare mediamente per l' 80% anno (molto)
    Quindi 10 X 365 X 0,80 = 3.100 kWh di apporto annuo
    Risparmio ottenibile = 3.100 X 0,20 = 620,00 € rispetto allo specchietto precedente il risparmio apparente c'è ed ammonta, rispetto a SSP a 520,00 € anno
    Ma... se dovessi acquistarla dovrei augurarmi che regga per 20 anni considerando i 1.000€/kWh e ritengo che nessuna batteria attuale possa reggere 7.000 cicli o quasi.
    Mi devo augurare inoltre che il prezzo dell'energia non scenda, che il costo delle batterie scenda e che tutto funzioni perfettamente senza problemi e manutenzioni.
    Avrei il vantaggio del Backup energetico
    Basta acquistare 2 Powerwall e hai pure il backup, ogni Tesla Powerwall stocca 13.5kWh per un totale di 27kWh. Con l'incentivo l'accumulo di fatto sarebbe a costo zero.
    Sarebbe interessante capire tecnicamente e amministrativamente quante Powerwall potresti teoricamente affiancare senza sborsare un euro...

  20. #20
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ma siete sicuri di poter acquistare 2 PW gratis ?!?! ammesso che facciate 6kw a 2400€ il kw vi ci entrano ?

    Poi ricordo che ancora non c'è nessun decreto pubblicato , tutti a prevedere lavori faraonici senza sapere niente e nemmeno come ....

    se fanno come con la cassa integrazione , ho 2 nipoti a casa dal 1° marzo non hanno preso 1€ ancora , meno male ci sono ancora le pensioni (per quanto tempo ? ) dei genitori

  21. #21
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    Ultima soluzione.
    Prendere SOLO l'accumulo con D.R.
    In questo caso otterrei il vantaggio dello SSP più il vantaggio dell'accumulo a costo zero ( a patto di eseguire interventi di riqualificazione )
    Se avessi esigenza di incrementare il FV utilizzerei le detrazioni 50%
    In ogni caso se dovessero togliere lo SSP già ho un accumulo adeguato alla mia taglia.
    Ed ho pure il Backup energetico.
    A mio modesto avviso la strada migliore da intraprendere.
    A meno che monti un accumulo ladro DC tipo LG chem RESU10H, sull’impianto nuovo, quindi il vecchio con CE continua a fare il suo con ssp, nel secondo senza ssp hai l’accumulo che ti permette di “salvare” parte della produzione giornaliera.
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 8,2Kwp, SE6000, accumulo LG Resu10H, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Skantherm mod. Elements
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

  22. #22
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da spider61 Visualizza il messaggio
    Ma siete sicuri di poter acquistare 2 PW gratis ?!?! ammesso che facciate 6kw a 2400€ il kw vi ci entrano ?

    Poi ricordo che ancora non c'è nessun decreto pubblicato , tutti a prevedere lavori faraonici senza sapere niente e nemmeno come ....

    se fanno come con la cassa integrazione , ho 2 nipoti a casa dal 1° marzo non hanno preso 1€ ancora , meno male ci sono ancora le pensioni (per quanto tempo ? ) dei genitori
    L’accumulo è a parte, non rientra nei 2400€/kW. Ha il suo limite di 1000€/kWh. E con il PW2 e le LG ci stai dentro. Con sonnen dicono di no.
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 8,2Kwp, SE6000, accumulo LG Resu10H, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Skantherm mod. Elements
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Ecobonus 100%
    Da axoduss nel forum Isolamento e Sistemi Passivi
    Risposte: 222
    Ultimo messaggio: 26-06-2020, 10:38
  2. Sconto in fattura per l’ecobonus 2020
    Da landre81 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 85
    Ultimo messaggio: 03-06-2020, 11:21
  3. Ecobonus 65%
    Da LUISELLA nel forum LEGGI e FINANZIAMENTI FER
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-04-2019, 16:52
  4. Ampliamento impianto fotovoltaico esistente
    Da criscec nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 21-10-2010, 20:34
  5. Ampliamento impianto esistente
    Da DURACELL20 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-10-2010, 11:25

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •