templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  2
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 40

Discussione: Nuovo impianto con pdc

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Nuovo impianto con pdc



    Ciao a tutti sono in via di decisione sull'impiantistica di casa mia... a fine lavori dovrei avere un appartamento con 2 camere e un salone di 75m2 tutto isolato internamente con 7cm di lana di roccia (perimetro e soffitti), pir nelle zone sotto finestra e spalline, pavimento con 8cm di xps e camere d'aria (15cm) con insufflaggio di esp

    Inizialmente pensavo di partire con una caldaia che mi fornisca acs e acqua calda per i ventilconvettori (uta) e in un futuro collegare un chiller (pdc) per il raffreddamento..

    Ultimamente mi è balenata l'idea (l'ing. che mi segue me l'ha consigliata) l'installazione di una pdc, ma tuttavia ero e sono ancora timoroso riguardo ai soliti dubbi che hanno tutti..

    comunque..

    ZONA E
    2680
    120m2
    contratto trifase da 6kw ma posso aumentare

    Ho visto i soliti modelli e mi sono soffermato sull'aquarea monoblocco, per il dimensionamento credo mi serva o la 9 o la 12...

    quello che vi chiedo è:

    - E' necessario il glicole? per la monoblocco? meglio andare di split?
    - ho visto che la trifase costa 600€ in più, perchè? Non dovrebbe costare meno?

    con il sistema aquarea ho visto che ci sono i ventilconvettori, non ho trovato specifiche tecniche approfondite e credo siano rimarchiati, sono buoni o è meglio affidarsi alle altre solite marche, vedi sabiana...

    Grazie a tutti

  2. #2
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    In zona E non hai problemi con le PDC, le usano anche in zona F. Visto che hai ingegnere, credo non ci sia nessuno che possa conoscere le prestazioni di casa tua meglio di lui, immagino sappia attagliare la macchina.(a occhio la 12 e' troppo, la 9 si comincia stare sul normale ma penso che una 7 sia piu coerente). Comunque, sono cose che si vedra' ingegnere, e' il suo lavoro e lo paghi per quello. Monoblocco o split non c'e' un meglio o un peggio, c'e' quello che serve a te. Puoi tranquillamente mettere una o altra, ma tieni presente che con una monoblocco non avrai obbligo del registro Fgas e non avrai il controllo obbligatorio annuale, in quanto si tratta di macchine con il circuito sigillato.Con una split, a seconda della variante, e' possibile tu abbia questo obbligo. Per il prezzo della trifase non ti so dire, i prezzi li fa Panasonic. Ma in genere le trifase costano un po' di piu'. Non ho ventilconvettori, ma se qualcuno li fa per Panasonic e ci mettono il marchio, sono sicuramente affidabili, non si sbilanciano mai se non con roba valida. Io li ho solo visti montati, per le schede tecniche chiedi a loro. Se hai dubbi, monta altro, anche se io sabiana non ho mai sentito...boh. Il glicole perche? 6 kw di contratto ti bastano. Se ci fosse la possibilita' di FV (ho letto che e' appartamento, ma alcuni li hanno comunque installati) sarebbe la ciliegina sulla torta.

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    i ventilconvettori della Panasonic vanno molto bene (esperienza raccontata da una persona che li ha montati), lavorano tranquillamente a 29-30 gradi e sono rimarchiati (mi sembra Innova). Per le pdc mi pare Sabiana non abbia modelli performanti. Meglio i Panasonic/Innova (anche se costano un botto ...) o gli Olimpia Splendid. Io in taverna, dove il design non mi interessa ho montato un Daikin FWXV e sono molto contento
    Provincia di Udine a 20 km dal mare zona E 2257 gradi - 160 mq (+ taverna 90 mq) no gas - TCAP 9 kw + Hybridcube 500 - impianto a termosifoni in alluminio - ftv 7,35 kwp + Solaredge SE6000 Wave

  4. #4
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fedonis Visualizza il messaggio
    In zona E non hai problemi con le PDC, le usano anche in zona F. Visto che hai ingegnere, credo non ci sia nessuno che possa conoscere le prestazioni di casa tua meglio di lui, immagino sappia attagliare la macchina.(a occhio la 12 e' troppo, la 9 si comincia stare sul normale ma penso che una 7 sia piu coerente)...
    Grazie per la risposta... l'ing. credo che non abbia molta esperienza con pdc... riguardo al modello trifase è meglio o nel residenziale è preferibile avere tutto su una sola, tanto fino a 16kw non ci sono penali per sfasamenti...

    Riguardo al glicole, non è rischioso lasciarla spenta di notte in inverno?
    Per i ventilconvettori mi riferivo a versioni canalizzabili... in genere quelli da poco o partono i cuscinetti o si stortano le lamiere e cominciano a fare casino...

    Sono in condominio e per il fotovoltaico non saprei, sono pure in centro storico...

    comunque sono tutte cose che vedrò

    Quote Originariamente inviata da Devid Visualizza il messaggio
    i ventilconvettori della Panasonic vanno molto bene...
    Grazie per l'info...

  5. #5
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Sabiana non sono male ma se i Panasonic sono innova sono altrettanto validi altrimenti vai sugli Olimpia Splendid quelli slim sono davvero il top!
    Per il glicole non starei a preoccuparmi la pdc se correttamente dimensionata va h24 nella tua zona, al limite monti un kit come quello "exogel" delle Ariston Nimbus e sei a posto.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  6. #6
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ..........
    Cerco ventilconvettori canalizzabili... l'impianto lo farò con i pannelli pal (L'ho fatto come lavoro per 10anni), sabiana mi sa di professionale (vedi schede tecniche e che trovi poca roba su internet) mentre gli olimpia (non ne ho visti di canalizzabili) sarà che gli trovi al self ma mi sanno di Cina rimarchiata, poi non sarà sicuramente cosi...

    I sabiana ho visto che da catalogo hanno su per giu gli stessi prezzi dei panasonic, quindi comprandoli dove lavoravo prima dovrei spuntare il prezzo panasonic che si trova in rete... comunque poi si vedrà...

    Riguardo al glicole calcola che se hai un blackout di notte e non ci sei rischi che ti esplodano i tubi... te lo dico perchè basta poco, può capitare che anche svuotando impianti solo freddo poi alcuni componenti tipo pompa ti partano lo stesso... certo ha una spesa e con tutti i problemi che comporta averlo nei tubi...

    comunque non sono riuscito a trovare il perchè debba prendere una pdc trifase (costo medio 600€ in più) al posto di una mono che non siano motivi di sfasamento...
    Ultima modifica di scresan; 20-01-2020 a 17:11 Motivo: Eliminato quote msg prec. Reg.3D del forum.

  7. #7
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Se hai paura del fredo, metti una split. Risolto il problema acqua esterna visto che acqua fuori non ne avrai. Per la trifase: se non hai la necessita di averla per forza trifase, tieni presente che le prestazioni sono ormai quasi uguali, a differenza di qualche anno fa. Certo, qualche cosa in piu riescono ad erogare ed hanno cop leggermente migliori.

  8. #8
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Nelle schede tecniche il diverto tipo di alimentazione è L unico dato che cambia. Perlomeno alle temperature che considerano

  9. #9
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Nella 9 ad esempio, la monofase ha un cop a 7° 4.13, la trifase 4.84. Poi dipende dalla taglia. In ogni caso le differenze, rispetto alcuni anni fa, sono meno marcate o addirittura non ci sono.

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ......

    adesso stavo guardando ma sono un po’ scomodo da cell... in quelli che ho visto io tutto è speculare....
    Ultima modifica di scresan; 20-01-2020 a 17:12 Motivo: Eliminato quote msg prec. Reg.3D del forum.

  11. #11
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Alla fine cambia poco anche nei modelli in cui c'è differenza. Era più marcata tempo addietro.

  12. #12
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    io sono per l'idea che è meglio una split purtroppo l'idiota regolamento europeo Fgas a cui l'italia si è adeguata pure prevedendo multe fuori di testa che non si prende neppure se disperdi polonio la dice lunga sulla stupidità del legislatore che continua a vessare il settore quando per sua stessa ammissione gli Fgas sono responsabili solo del 2% dell'effetto serra
    Quindi il settore delle pompe di calore vede la cosa ridicola che nelle nuove costruzioni ristrutturazioni vengono spesso montate modelli ciofeca monoblocco dei soliti produttori di caldaia che rimarchiano prodotti da poco mentre chi le pompe di calore le sa costruire non ne vende poi ecco che nasce la leggenda metropolitana che le pompe di calore non vanno etc
    basta parlare con un costruttore e questo subito ti dirà che la pompa di calore c'è per obbligo legislativo ma poi se ti devi scaldare usi la caldaia e quì abbiamo detto tutto

    quanto alla differenza fra monofase e trifase questa c'è sulle famose termpompe "pseudorpfoessionali" ossia ON OFF ora in queste col motore asincrono quello trifase è meglio di quello monofase..tipicamente in tutte le monofasi c'è un avviatore che paeriodicamente si rompe lasciandoti al freddo assieme al condensatore di spunto e marcia
    Ecco le trifasi non soffrono questo problema..ma ripeto questo vale solo per le macchine ON OFF mentre per quelle inverter non cambia sostanzialmente nulla se non lo stadio di ingresso dell'eelttronica di potenza l'affidabilità ed efficienza sono le stesse

  13. #13
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fedonis Visualizza il messaggio
    Alla fine cambia poco anche nei modelli in cui c'è differenza. Era più marcata tempo addietro.
    il prezzo

    Quote Originariamente inviata da triuso Visualizza il messaggio
    io sono per l'idea che è meglio una split purtroppo l'idiota regolamento europeo Fgas ........
    ho guardato solo panasonic e sei sotto ai 3kg perciò non c è L obbligo, bisogna vedere quanto ne metteranno di r32 nella nuova serie... più che altro anche con L r32 bisogna vedere cosa dicono i vdf riguardo ad un passaggio o posizionamento in garage... siete sicuri che non c è L obbligo di controllo per le
    mono? L
    evaporatore potrebbe bucarsi...

    riguardo alla trifase certo nelle onoff mono manca L inverter...

    ho contattato panasonic vediamo come giustificano la differenza di prezzo...

    ps: mi correggo, riguardo all'r32 ce ne andrà sicuramente meno di 1kg, quando ho lasciato il mestiere non erano ancora usciti i daikin r32
    Ultima modifica di scresan; 20-01-2020 a 17:12 Motivo: Unione 2 msg consecutivi.Eliminato quote msg prec. Reg.3D del forum.

  14. #14
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Concordo con triuso, che quoto in tutto.

    Andrea sul trifase il massimo del disallineamento sulle 3 fasi è di 6 kw, oltre potrebbe essere che il contatore stacchi.... anche perchè ti servono 18 kw sul pod trifase per avere 6 kw disponibili per fase (poi diventano di piu' per un 10% oltresoglia e oltre ma per tempi ridotti...).

    Per il piano ad induzione puoi utilizzare il trifase, ma bisogna predisporre l' impianto elettrico di casa.....

    Il discorso va ragionato prima, bene e sul complessivo delle operazioni che intendi fare e che riguardano l' impianto elettrico.

    L'unica variabile che rimane con dei limiti, i 6 kw di pod con il monofase, che possono arrivare a 10 in alcuni rari casi.

    C'è da dire che se hai linee "deboli" (grosse distanze dal trafo di enel) meglio il trifase che risente meno delle variazioni sul voltaggio, anche per un discorso futuro di fotovoltaico (se non già in essere ).

    Per quanto riguarda le pdc ormai sono tutte trifase, dato che l' alimentazione passa da un ponte diodi e solo in un secondo momento c'è un inverter trifase che alimenta la pdc. Chiaramente i voltaggi che i componenti elettronici devono "sopportare", sul trifase, sono quasi doppi del monofase, come una maggiore distanza fra le piste dei circuiti, o l' isolamento degli avvolgimenti del motore/compressore.

    Pensa bene a tutti gli aspetti "elettrici" di casa prima di decidere!

  15. #15
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da andr€a Visualizza il messaggio
    il prezzo



    ho guardato solo panasonic e sei sotto ai 3kg perciò non c è L obbligo, bisogna vedere quanto ne metteranno di r32 nella nuova serie... più che altro anche con L r32 bisogna vedere cosa dicono i vdf riguardo ad un passaggio o posizionamento in garage... siete sicuri che non c è L obbligo di controllo per le
    mono? L
    evaporatore potrebbe bucarsi...

    riguardo alla trifase certo nelle onoff mono manca L inverter...

    ho contattato panasonic vediamo come giustificano la differenza di prezzo...

    ps: mi correggo, riguardo all'r32 ce ne andrà sicuramente meno di 1kg, quando ho lasciato il mestiere non erano ancora usciti i daikin r32
    Con Panasonic, solo fino alle 9 kw split in R410(monofase) sei esente dal registro Fgas, in quanto hanno 1.450 g di gas, (anche se in ogni caso, la linea r410 ormai andra' in pensione e saranno disponibili le serie J per tutta la linea e non solo la all in one). Tutte le altre, superano il limite di 5ton co2 eq (non e' il quantitativo di gas che contengono, ma le 5 ton Co2 eq, che per il 410 lo raggiungi con circa 2.5 kg di gas). Ma e' il brand che ha meno gas in assoluto (di quelli che conosco), quasi tutte le altre, a parita' di potenza, ne montano piu' il doppio. Con R32 problemi non ce ne sono. Con un indice di 0.6 kg di co2 eq dovrebbe montarne oltre 8kg per essere sottoposto a obbligo Fgas.Chiaramente le monoblocco sono esenti a prescindere per via del circuito sigillato. Certo, lo so che costano di piu' le trifase(comunque poca roba), io parlavo delle prestazioni, non del prezzo. In ogni caso tra la monofase alta connettivita' 9kw e la sua collega trifase, c'e' una certa differenza prestazionale.
    P.S: le trifase, costano qualche cosa in piu' praticamente con tutti i brand

  16. #16
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    C' differenza di prestazioni fra 9kw trifase e monofase ? Io sui vari marchi non l'ho vista..

    Le trifase costano di più perchè è più costoso l'inverter e soprattutto, sono meno prodotte.
    All'estero si usa il monfase anche per carichi da 10kw ed è normale avere contatori da 10Kw monofase. In italia la rete di distribuzione è "deboluccia" perchè è dimensionata sui 3Kw per unità immobiliare quindi oltre i 6Kw si andava solo in trifase.

    Non è un caso che alcuni marchi a cui mancava la pdc monofase poi l'hanno prodotta per i mercati esteri, vedi Ariston.

    P.s. faccio notare che in caso di guasto poi il ricambio costa di più e sulle pdc è nella top list dei componenti che si guastano. Bisogna anche potersi permettere la riparazione visto che nessuna assicurazione copre le pdc, per ora.
    La chiesa del mio paese non ha il cappotto, eppure in estate, dentro si sta belli al fresco

  17. #17
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    .....

    Nella Panasonic, tra 9kw monofase e 9kw trifase c'e' differenza. Basta andare a vedere sul sito. Anche altri marchi avevano differenze prestazioni, poi mitigate ed annullate con lo sviluppo dei prodotti. Tornando a Pana , la 9 kw e' l'unica che ormai ha ancora differenze prestazionali, le altre sono tutte azzerate. Si ci sono le assicurazioni che coprono le pdc, basta pagare. Io ho assicurato tutto in casa, compresa la casa stessa per ogni evento, terremoto compreso. Chiaro che paghi. Nessuno ti regala nulla.
    Ultima modifica di scresan; 20-01-2020 a 17:13 Motivo: Eliminato quote msg prec. Reg.3D del forum.

  18. #18
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fedonis Visualizza il messaggio
    Con Panasonic, solo fino alle 9 kw split in R410(monofase) sei esente dal registro Fgas, in quanto hanno 1.450 g di gas, (anche se in ogni caso, la linea r410 ormai....
    Ciao, l'impianto di casa è già trifase perchè era un ufficio e visto che i costi di gestione sono gli stessi l'ho lasciato... riguardo all'impianto pensavo di dividerlo in fasi.. per esempio carichi fase 1, luci fase 2.. e mandare le tre fasi alle macchine e in cucina e in garage....

  19. #19
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fedonis Visualizza il messaggio
    Con Panasonic, solo fino alle 9 kw split in R410(monofase) sei esente dal registro Fgas, in quanto hanno 1.450 g di gas, (anche se in ogni caso, la linea r410 ormai andra' in pensione e saranno disponibili le serie J per tutta la linea e non solo la all in one). Tutte le altre, superano il limite di 5ton co2 eq...
    P.S: le trifase, costano qualche cosa in piu' praticamente con tutti i brand
    Ciao, hai ragione, facevo solo considerazione del peso... la trifase costa almeno 800€ in più, non proprio spicci... quello he mi chiedo io, imambito residenziale (con impianto trifase già presente) dove non ci sono problemi di penali per sfasamenti, può avere senso comprare una t-cap trifase considerando che costa 1000€ in più e ha le stesse identiche prestazioni della mono?

    PS: come gli vedete i guru delle pdc professionali su youtube? Perchè ce l'hanno a morte con quelle brandizzate, e le considerano condizionatori modificati? C'è del vero in quello he dicono?

  20. #20
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da andr€a Visualizza il messaggio
    PS: come gli vedete i guru delle pdc professionali su youtube? Perchè ce l'hanno a morte con quelle brandizzate, e le considerano condizionatori modificati? C'è del vero in quello he dicono?
    Mi raccomando stai alla larga da quelli di YouTube... Potresti pentirtene e molto... Soprattutto il tuo portafoglio...
    Qui purtroppo le esperienze degli utenti che ci sono capitati sotto sono state cancellate.... E questo la dice lunga sui personaggi...
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. nuovo impianto = nuovo numero cliente??
    Da destroke nel forum Aspetti economici e bancari
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 23-07-2012, 13:55
  2. Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 02-12-2011, 11:40
  3. Nuovo decreto in fase di attuazione, rischiano quelli che sottoscriveranno un nuovo impianto su tetto privato?
    Da fotovoltaici2000 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 01-03-2011, 10:48
  4. Nuovo utente (e nuovo impianto)
    Da buziendo nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 24-02-2011, 14:16
  5. nuovo impianto e nuovo utente
    Da sucsa nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 24-11-2010, 23:41

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •