templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  25
NON mi piace! NON mi piace!:  2
Grazie! Grazie!:  17
Pagina 46 di 48 primaprima ... 263233343536373839404142434445464748 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 991 a 1,012 su 1049

Discussione: Pompa di calore - potenza e configurazione impianto

  1. #991
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito



    Se gli metti un lamierino o ti limiti a dirgli solo di isolare come minimo ti ghiaccia il primo inverno e spacchi tutto.

    Ti do un consiglio spassionato in maniera esagerata, metti l’unità interna della pompa di calore in versione priva di serbatoio, sacrifica un angolo della casa per mettere un accumulo da 200 litri, magari anche 150, però poi devi tenerlo a 53 gradi di temperatura dell’acqua, il serbatoio da 200 occupa come una lavatrice più asciugatrice in altezza. Mettere L’Unità interna all’estero è un rischio enorme, bisogna assolutamente calcolare a quale temperatura potrebbe arrivare in inverno, l’impianto non deve lavorare sotto i 10-15 gradi come MINIMO. Non è che metti una lamiera e non ci pensi più. Non è una caldaia, è un elettrodomestico.

  2. #992
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    concordo con il rischio gelo, ecc

    esteticamente un all-in-one è come un frigorifero, davvero non riesci a tenerla dentro? ma il progettista come risolverebbe per il rischio gelo?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  3. #993
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Dentro non ce spazio

  4. #994
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    E allora mettila in un apposito locale esterno coibentato in maniera tale che la T non scenda mai sotto i 12/13°
    Io l'unità interna ce l'ho in un locale tecnico non riscaldato che comunque non scende mai sotto i 14/15°. In ogni caso c'è la funzione antigelo per salvaguardare i circuiti, però evitere di tenerla a T troppo rigide (è pur sempre elettronica e si sa, le T estreme non fanno molto bene a tali componenti...).

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  5. #995
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Chiederemo all'architetto di cercare di coibentare il meglio possibile

  6. #996
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    bene...

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  7. #997
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ligabue82 Visualizza il messaggio
    E allora mettila in un apposito locale esterno coibentato in maniera tale che la T non scenda mai sotto i 12/13°
    Io l'unità interna ce l'ho in un locale tecnico non riscaldato che comunque non scende mai sotto i 14/15°. In ogni caso c'è la funzione antigelo per salvaguardare i circuiti, però evitere di tenerla a T troppo rigide (è pur sempre elettronica e si sa, le T estreme non fanno molto bene a tali componenti...).
    saluti
    Io ho lo stesso problema, ma pensavo di riscaldare il locale tecnico dove metterò la ALLINONE con un ventilconvettore, detto locale sarà ben coibentato su tre lati, ma con una parete lunga 4 metri fatta di solo cartongesso, le temperature esterne in Sardegna non vanno mai sotto lo zero ma vedo il rischio di avere comunque la PDC che lavora tutta la notte per scaldare il locale tecnico.....

  8. #998
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve a tutti,
    avrei bisogno di alcuni consigli, dato che ho un impianto fv da 6 kw e facendo due conti ho capito che potrei riscaldarmi praticamente a costo 0 , ho deciso di istallare una pdc aria/acqua senza fare troppe modifiche al mio attuale impianto. (Fatto con caldaia a condensazione, impianto a pavimento, testine per ogni stanza, serbatoio di acqua tecnica 500lt, pannelli solari termici e scambiatore rapido marca sailer).
    Vorrei a capire se mi conviene togliere completamente la caldaia oppure no ed eventualmente lasciarla come backup,e in base a questa scelta avrei pensato ad una monoblocco taglia 4 Kw con caldaia oppure 7 Kw senza caldaia.
    Mi piacerebbe una PDC smart che abbia una buona gestione anche da app e che mi permetta di controllare i consumi (ho visto il video della nimbus sul sito ariston)
    Le due marche alle quali vorrei affidarmi sono ariston oppure LG, pro e contro delle due marche?
    Per quanto riguarda la parte tecnica ho capito che la pdc dovrei farla configurare con mandata diretta sui pavimenti e con valvola deviatrice che va a caricare il serbatoio di acqua tecnica


    riepilogo un po' i mie dati

    Appartamento di circa 127mq con riscaldamento a pavimento e 2 scalda salviette bagno una per ogni bagno, ristrutturazione effettuata nel 2012 con cappotto esterno ed infissi nuovi doppio vetro
    c'è impianto fotovoltaico e solare termico,abbiamo anche un accumulatore sailer di 550Lt.
    Nel 2015 ho installato 2 PDC aria/aria Mitsubishi multisplit per raffrescare con 4 split interni (3 camere e 1 in sala)

    Funzionamento impianto con climatica
    Dati libretto impianto climatizzazione
    caldaia a condensazione
    produzione acs potenza utile 29 kW
    climatizzazione invernale potenza utile 25,5 kW
    fluido vettore acqua
    generatore a combustione
    Integrazione con
    pannelli solari termici superfice totale lorda 8,7 m2
    per climatizzazione invernale e produzione acs

    dati Attestato di certificazione energetica
    edificio classe A+
    prestazione energetica globale 17 kWh/mq anno
    prestazione riscaldamento 12kWh/mq anno
    prestazione acqua calda 5kWh/mq anno
    qualità involucro IV
    metodologia di calcolo adottato uni ts 11300
    riscaldamento
    indice energia primaria Epi 12.3
    Indice involucro 23,37
    rendimento medio stagionale impianto 1.9
    fonti rinnovabili si
    indice energia primaria Epacs 5
    riscaldamento potenza nominale 24kW metano
    fonti rinnovabili impianto fotovoltaico da 6Kw e solare termico potenza nominale 12kW
    Appartamento 127 mq con 343 Volume lordo riscaldato V(mc)
    superficie disperdente S mq264 rapporto S/V 0,77 zona climatica C/1319
    Impianto autonomo con caldaia tipo "c" a condensazione e riscaldamento a pavimento

    questo è lo schema dell'impianto
    Allegato 71891


    questi sono i consumi

    Periodo Dal 01/12/2018 Al 25/03/2019
    Q.tà fatturata 835kWh,


    1011.94 smc


    queste sono le letture reali effettuate da me

    14/09/18 58623
    05/12/18 58905
    15/01/19 59366
    13/02/19 59685
    14/02/19 59694
    28/02/19 59801
    25/03/19 59927
    19/04/19 60039


    in questi consumi ci sono anche quelli per ACS che ho stimato in circa 15 m3 mese e fornelli, ad esempio si può vedere il consumo totale di un giorno a febbraio tra il 13 e 14, dove ho consumato 9m3 per tutto (riscaldamento,acs e fornelli)

    I pannelli fotovoltaici producono circa 7000 kWh annui.

    Grazie per l'attenzione

  9. #999
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Donghler
    ricordo il tuo problema.... un consiglio spassionato? Non spendere soldi.
    Tu hai consumato più del dovuto in realtà il tuo appartamento doveva consumare 100smc e non 1000.
    Hai 4 split..... usa quelli per quest'anno e vedrai che non te ne pentirai lasciandoli accesi h24

    Ora per farti capire la tua casa da certificazione necessita di 12kwh/mq/anno che su 130mq sono 1560kwh/anno
    se dividiamo per 150 giorni invernali in zona C sono 10,4kWh giorno di media
    Se tu volessi riscaldarti con una RESISTENZA da 70 euro spenderesti 2 euro al giorno.... 300€a stagione.....
    Se proprio vuoi metti una resistenza nel puffer e basta

    Perchè devi spendere 2500€ di pdc + installazione per fare cosa?
    Io proverei questo inverno con gli split e quello che arriva dal solare in integrazione a pavimento e lascerei la caldaia solo per acs.

    Fatto un inverno "serio" con impianto funzionante poi deciderei il da farsi
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  10. #1000
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max.c Visualizza il messaggio
    Ciao Donghler
    ricordo il tuo problema.... un consiglio spassionato? Non spendere soldi.
    Tu hai consumato più del dovuto in realtà il tuo appartamento doveva consumare 100smc e non 1000.
    Hai 4 split..... usa quelli per quest'anno e vedrai che non te ne pentirai lasciandoli accesi h24

    Ora per farti capire la tua casa da certificazione necessita di 12kwh/mq/anno che su 130mq sono 1560kwh/anno
    se dividiamo per 150 giorni invernali in zona C sono 10,4kWh giorno di media
    Se tu volessi riscaldarti con una RESISTENZA da 70 euro spenderesti 2 euro al giorno.... 300€a stagione.....
    Se proprio vuoi metti una resistenza nel puffer e basta

    Perchè devi spendere 2500€ di pdc + installazione per fare cosa?
    Io proverei questo inverno con gli split e quello che arriva dal solare in integrazione a pavimento e lascerei la caldaia solo per acs.

    Fatto un inverno "serio" con impianto funzionante poi deciderei il da farsi
    Da quello che ho capito tutti sconsigliano la resistenza elettrica, però il tuo discorso non fa una piega...
    Alla fine con scambio sul posto le ipotetiche 300 euro le recupero al 60/70 % e non spendo soldi per pdc

  11. #1001
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ma certo la sconsiglio anche io ma era per farti capire di lasciar perdere
    Nel tuo caso o ti hanno tirato una bufala di certificazione oppure questo inverno ti riscalderai con una candela.
    Ai posteri l'ardua sentenza ma avendo 4 split al freddo non ci rimani (e praticamente gratis dato che poi ti rimborsano)
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  12. #1002
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max.c Visualizza il messaggio
    Ma certo la sconsiglio anche io ma era per farti capire di lasciar perdere
    Nel tuo caso o ti hanno tirato una bufala di certificazione oppure questo inverno ti riscalderai con una candela.
    Ai posteri l'ardua sentenza ma avendo 4 split al freddo non ci rimani (e praticamente gratis dato che poi ti rimborsano)
    Però in pratica il riscaldamento a pavimento lo devo lasciare spento?
    Perchè se anche lo lasciassi a temperatura più bassa, avrei comunque sempre un consumo di metano che pagherei al 100% e non mi viene rimborsato niente.
    L'idea di avere un impianto a pavimento spento mi sembra aver sprecato soldi inutilmente, anche perchè le pdc aria/aria sono state installate soprattutto per fare il fresco d'estate
    (lo so che può sembrare una pippa mentale )
    Però come dici tu, magari posso provare quest'inverno per vedere come va e poi eventualmente rimandare il discorso pdc acqua aria per la prossima stagione.

  13. #1003
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Tu però hai il solare da 8mq che qualcosa fanno e ora non ricordo se hai risolto tutti i problemi ma lo sfrutterei dedicato al pavimento in inverno.
    Lavorando a temperatura da 20° in su (parlo lato acqua tecnica solare) avresti un'ottima integrazione.

    Probabile che gli split li accenderai poco o nulla a te servono 1500kwh che sono davvero il "nulla cosmico"

    Io farei un anno di test e poi decidi.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  14. #1004
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ma certo la sconsiglio anche io ma era per farti capire di lasciar perdere
    Nel tuo caso o ti hanno tirato una bufala di certificazione oppure questo inverno ti riscalderai con una candela.
    Le certificazioni energetiche spesso lasciano il tempo che trovano e sono solo dei dati su carta che nella maggior parte dei casi non si ritrovano con i consumi reali.

    Per quello che può contare il mio contributo, personalmente apprezzo l'idea di Donghler, anche se reputo che il costo della pompa di calore si aggirerà almeno sui 4000€ comprensivo di iva e montaggio (nonchè smobtaggio caldaia).
    Il confort del radiante a pavimento è decisamente migliore rispetto a quello degli split.
    Personalmente mi orienterei per la sostituzione della caldaia (in maniera tale da sfruttare anche l'incentivo in conto termico) con la pompa di calore (7 kWt?).
    Per quello che è il consumo dell'abitazione e la zona climatica, una marca dovrebbe valere l'altra, anche se personalmente sono più propenso verso Mitsubishi e Panasonic.

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  15. #1005
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    buongiorno ragazzi,
    vorrei ottimizzare se possibile la pdc condominiale (con consenso di inquilini,amministratore e manutentore)
    abito in palazzina da 6 appartamenti in classe A e zona E ( EP 28 Kwh/m2) con pdc che produce acqua riscaldamento pavimento e integra la produzione acs (solo in inverno perche' c'e' il solare termico ) e impianto fotovoltaico (pagato a parte da gse con primi conti energia indipendentemente dall autoconsumo) che copre quasi completamente i consumi annuali.
    La pdc aria/acqua weishaupt on-off da 6,6 Kw elettrici con Cop ( Aria 7- Acqua 35 ) a 3,6 e' sempre accesa ( parte indicativamente una vllta all ora e si ferma quando raggiunge l t pavimento) sia in estate che in inverno e funziona anche di notte : sarebbe opportuno programmare uno spegnimento dell'impianto ( anche le pompe di circolazione che da sole consumano 6 Kwh al giorno,mentre quella di ricircolo acs va sempre) nelle ore invernali notturne ( tipo dalle 24 alle 8 quando fa piu freddo ) e giornaliere estive ( tipo dalle 11 alle 19 quando fa piu caldo )cosi da sfruttare rendimenti maggiori e la lenta inerzia termica dell'involucro ?

  16. #1006
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    La pdc aria/acqua weishaupt on-off
    Non modula? E' solo on/off?

    sarebbe opportuno programmare uno spegnimento dell'impianto
    Sarebbe meglio avere una PdC modulante così da risolvere il problema. Secondo me quella pompa funziona bene con la configurazione impostata... eviterei variazioni.

    mentre quella di ricircolo acs va sempre
    potete pensare di temporizzarla in base alla richiesta presunta di ACS.

    Per curiosità, quanto consumate in kWh? Secondo me non c'è granchè da migliorare e nel caso, ne risentirebbe un pò il confort e qualche condomino potrebbe lamentarsi...

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  17. #1007
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ligabue82 Visualizza il messaggio
    Non modula? E' solo on/off?

    solo on/off


    Sarebbe meglio avere una PdC modulante così da risolvere il problema. Secondo me quella pompa funziona bene con la configurazione impostata... eviterei variazioni.


    potete pensare di temporizzarla in base alla richiesta presunta di ACS.

    abbiamo provato anche col manutentore che poi ha lasciato perdere perche' escludendo il bypass e selezionando il circuito con temporizzatore non va mai funzione cambiando i parametri...comunque e' il male minore perche' la pompa ricircolo acs consuma 1 kwh/giorno,mentre le due di circolazione pavimento consumano 10 kwh/giorno e nelle mezze stagioni,come oggi non serve averla in funzione (sia io che il mio vicino all'ultimo piano abbiamo spento l'impianto in appartamento perche faceva eccessivamente freddo (22,5 gradi) mentre ora si sta bene (sui 24 gradi)e anche quelli ai piani inferiori dormono con trapunta gia' da un mese,che mi sembra esagerato

    Per curiosità, quanto consumate in kWh? Secondo me non c'è granchè da migliorare e nel caso, ne risentirebbe un pò il confort e qualche condomino potrebbe lamentarsi...

    anno scorso intorno i 15000 kwh/a con anche luci led scale e esterno,addolcitore,cancello e ascensore usato saltuariamente e solo da noi due del l'ultimo piano ma presumo che i consumi maggiori fossero dati per la produzione acs a 45 gradi piuttosto che quella del pavimento a 27 (l'impianto solare termico non funzionava per liquido deteriorato e circuito intasato chissa' da quanto e non scaldava per niente l'acqua che e' in un boiler a parte (ora con t mai sotto i 50 gradi) che su richiesta delle utenze compensa a cascata l'acqua nel boiler acs alzando sempre la temperatura di quest'ultimo....ora va benissimo e infatti la pdc da maggio non e' MAI partita per fare acs,prima partiva 3 volte al giorno...

    saluti

  18. #1008
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti,
    ieri ho fatto due chiacchiere con un tecnico elettricista perché vorrei poter remotare in casa la centralina dell'unità interna della pompa di calore che si trova nel locale tecnico a sé stante rispetto alla mia abitazione. In questi giorni in cui fa meno freddo, di notte spegniamo la pdc. In casa, due zone, radiante a pavimento, ho dei semplici termostati, uno per zona, dai quali si può spegnere il radiante. Così facendo blocco la circolazione del radiante, e di conseguenza la circolazione della pompa di rilancio che è nel locale tecnico, ma ovviamente non agisco sull'unità interna della pdc, che rimane con il radiante attivo. Nella sostanza si ferma anche la macchina ovviamente, in quanto rileva che non c'è circolazione nel radiante e quindi si ferma finché non riattivo la circolazione del radiante al mattino seguente, agendo di nuovo sui due termostati in casa. In sostanza io credevo che così facendo si danneggiasse la pompa di calore o l'unità interna, o magari ancora una volta il flussostato, o qualche altra componente come la pompa di rilancio, il famigerato disgiuntore o altro...credevo insomma che fosse necessario agire sulle impostazioni dell'unità interna Ecodan per disattivare il radiante e quindi fosse indispensabile spostare materialmente il display dell'unità interna Ecodan in casa. L'elettricista non solo mi ha detto che ciò è impossibile, ma ha pure aggiunto, evidentemente contro il suo interesse, che anche se sostituissi i due termostati analogici in casa con due termostati elettronici dai quali è possibile gestire anche altre funzioni, il meccanismo di spegnimento notturno non cambierebbe: anch'essi agirebbero sull'unità interna Ecodan esattamente come quelli analogici che ho già: non andrebbero a fermare la pdc, ma la fermerebbero indirettamente, agendo anch'essi sulla circolazione del radiante.
    Sono piuttosto scettica, e devo ammettere, confusa: credevo fosse possibile remotare in casa il display dell'unità interna, senza spostare l'unità interna dal locale tecnico!
    Sono qui a chiedervi se ciò che sostiente l'elettricista è vero oppure se...è meglio cambiare elettricista...
    Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500


  19. #1009
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    ma credo non abbia capito bene... io ho il comando in salotto

    sul manuale è specificato che si può fare, si indica anche il tipo di cavo da usare, noi abbiamo usato un cavo semplice
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  20. #1010
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Senza leggere il manuale , se è remotabile , basta passare un cavetto telefonico , 1 o 2 cp a seconda se vuole 2,3,4 fili , e connetterlo in casa, mi sembra ovvio che un comado remoto debba stare in csaa , dove misura anche ambiente e può intervenire , eventulmente , nella regolazione

  21. #1011
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Another Visualizza il messaggio
    ma credo non abbia capito bene... io ho il comando in salotto

    sul manuale è specificato che si può fare, si indica anche il tipo di cavo da usare, noi abbiamo usato un cavo semplice
    Fammi capire...se spegni, dal comando in salotto, cosa succede? Agisci solo sul radiante (o altro tipo di riscaldamento) bloccando la circolazione dell'acqua nell'impianto - lui dice che questo è sufficiente - oppure il tuo comando ferma anche la macchina, impostando su OFF la funzione riscaldamento dell'unità interna?
    Non sono sicura di essermi spiegata bene e probabilmente ha ragione l'elettricista, e mi sto facendo problemi che non esistono...boh..
    Casa singola monopiano interamente elettrica in pannelli sandwich in CA con coibentazione interna + cappotto esterno - mq netti 155 - zona climatica E 2211 gradi giorno - Riscaldamento con pannelli radianti a pavimento - MITSUBISHI Ecodan PUHZ SW75 - Hydrobox HERSD VM2C - Pannello solare SONNENKRAFT SK500


  22. #1012
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    forse non ci stiamo capendo Giottina, io mi ricordo una discussione di qualche mese fa dove tu dicevi che avresti remotato il pannello di controllo dell'Ecodan... ricordo male allora?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  23. RAD
Pagina 46 di 48 primaprima ... 263233343536373839404142434445464748 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Consumi su impianto con pompa di calore
    Da tribo nel forum Pompe di Calore e Condizionatori
    Risposte: 2511
    Ultimo messaggio: 18-03-2020, 13:11
  2. dimensionamento fancoil e potenza pompa di calore
    Da gratteri nel forum Pompe di Calore AEROTERMICHE
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 19-02-2020, 18:20
  3. Pompa di calore Aria Acqua alta temperatura 2KW potenza impegnata per tariffa D1
    Da maskawild nel forum Pompe di Calore AEROTERMICHE
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 03-06-2016, 21:10
  4. Ace - pompa di calore di potenza insufficiente
    Da SIMONE NICOLINI nel forum Solare TERMICO
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 15-12-2013, 12:51
  5. Parere su impianto con Pompa di Calore
    Da tosdan78 nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 17-10-2013, 07:55

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •